ACCIAIERIE BRAMBILLA

Adattamento ambrosiano di

ANTONIO MENICHETTI

da

METALLURGICHE TISCORNIA

di UMBERTO MORUCCHIO


Personaggi :

Arturo Brambilla
Anna Sala
Nando Turrini
Gianni Negri
Comm. Biella
Delina Cereda
La signorina Nanette
Franco Morselli
Carlo Villa
Duardin

SCENA: un ufficio decoroso; due scrivanie, una a destra per il principale, l'altra (pi modesta) a sinistra; su tutte e due un telefono e pratiche in ordine. Porta sul fondo che comunica con lo stabilimento e con l'esterno, le due laterali immettono agli uffici: uno di Anna, laltro di Franco.


EPOCA: primi anni sessanta, e, tra un atto e l'altro, passano circa sei mesi.
ATTO PRIMO

SCENA I^
Anna, poi Doardin e Biella.

E' mattino.
Anna ( seduta alla sua scrivania e sta terminando una telefonata) Va bene, prendo nota. (e abbassa il ricevitore)
Doardin (entrando dal fondo) Gh' ch el commendador Biella.
Anna Fall vegn innanz.
Doardin (introducendolo) Ch'el se cmoda.
Biella Sciora contssa, buongiorno.
Anna Bond, commendador.
Biella El cavalier?
Anna L andaa a la Confindustria chel se cmoda.
Biella (sedendosi) Gh on quaicss de noeuv?
Anna Tutt de vcc: gh odor de scipero.
Biella Ancam?
Anna Le saveva n?
Biella Bh, mi rivi adss de San Remo!
Anna (confermando) Altro sciopero e stavlta i rbb riscen de divent seri: stantt par che abbien legnaa el segretari della Camera del Lavoro, disi minga alter.
Biella (preoccupatissimo) Ahi ahi, e se sa chi staa a pettenll?
Anna No nancam, ma intanta i operari hinn allari come di balloni!
Biella (sbuffando) Che ball, fioeu!! (si alza, nervoso)
Anna El cavalier l andaa appunto a la Confindustria per sav on quaicss. Credi n chel faga tardi Sel voeur spettll per sav i novit, chel se cmoda pur.
Biella (va a sedersi vicino alla scrivania di Brambilla)Grazie, sciora contssa.
Anna El preghi de ciammm p contssa; ona vlta, quand che ghera viv el m mar ma adss, ch, son voeuna come tutt i alter, voeuna che la lavora per la pagntta!
Biella Ah, mi pensavi che la disss perch, vista laria che tira, l mj mimetizzss.
Anna Se l per qull, mi ghe pensi nanca!
Biella Mi, inveci, ghe pensi anca de ntt. La vedi nera: tempo da lupi!!!
Anna Passernn, n passaa tanti
Biella Ma qui hinn passaa! In qusti smm denter numm e smm numm che dovarmm ball!
Anna (filosoficamente) Cercarmm de tegn el temp!
Biella (riavvicinandosi a Anna, sommessamente) Mi disi inveci che dovariom reag. Mi personalment n, perch mi son contrari a tutt i formi de violenza, ma, se ghe fuss on quaivun disponibil on quai sacrifizzi mi saria anca dispst a fll. (accenna a pagare) Come trentann f, la me capss? On poo doli e ona blla scarica de legnad e i leoni, ricomincia-rien a bel: o te sbasset el groppon o te scppi i ss!
Anna (con una punta dironia) E l el saress in grado de sceppai?
Biella (preoccupato dellidea) Personalment n, perch, come ghhoo dii, mi son contrari a la violenza, ma, se se trovss on quaivun
Anna (ironica) Hoo capii: l el ghe scepparia i ss a tutti, ma tramite terzi firmando la delega a di alter.
Biella Natural: numm mttom el capital e lor la manovalanza!

SCENA II^
Brambilla e detti

Brambilla (entrando) Oh Biella, buongiorno.
Biella Buond Brambilla, novit?
Brambilla Mah, frsi stavlta se la schivom.
Biella Nient sciopero?
Brambilla Par de n.
Biella Possibil? Legnen s el segretari de la Camera del Lavoro e niente sciopero?? Ma allora gh p religion!!
Brambilla E saltaa foeura che la politica la ghe centrava on tubo.
Biella E le oscure forze della reazione in agguato?
Brambilla Le oscure forze ghhinn staa, perch i legnad ghi hann daa de ntt, e la reazion anca: dom che l stada la reazion don mar chel ghaveva pussee crna che ona cavagna de lumagh.
Biella N!!
BrambillaEl compagno pussee che alla Camera del Lavoro, el se dedicava al Lavoro della Camera! Quindi nient politica, caso mai politica interna.
Anna Mj insc.
Brambilla Ma ghe n vorsuu h, prima che la verit la saltss foeura perch ghera on quai tripee chel voreva fnn ona question de class. Se fussen staa tutt e duu ross, sciao, la rbba la saria stada pacifica, ma, siccome qul pver segretari della Camera del Lavoro, i ha ciappaa s prpri da on democristian
Biella Ahi!!
Brambilla l, ross, laveva faa el compromsso storico privaa, infrangendo quindi anche le direttive del partito.
Biella E insc? Tutto finito a porte chiuse?
Brambilla Verament l cominciada a porte chiuse, ma poeu l finida a porte aperte! Ma spermm in ben, perch gh staa on quaivun che laveva giam avanzaa lipotesi che qul pver mar el se fuss faa f i corna per dagh ona fila de legnad a on avversari politich: sacrifica lonore della famiglia per amore del partito! E poeu disen che gh p de eroi!!
Anna Ghe sar minga staa on quaivun che lha creduu a ona stupidada del gener?
Brambilla Bh, quand se pensa che des d f, a Sst, hann minacciaa de f sciopero, dom perch on quaivun el ghaveva pitturaa on fascio littorio su la scnna del can don caporion di sindacati
Anna Chiss perch se lhann ciappada con ona pvera bstia
Brambilla N, l minga per el can, ma per ricordagh al padron del can, i bi temp quand l lera vun de i tanti segretari del fascio!
Biella Per, che schrz de pirla!
Brambilla Tranquill, Biella, tant ti el can te ghe lhee n!
Biella (evidentemente per cambiare discorso) Bh, insma, limportant l che, per adss, me lassen tir el fiaa!!
Brambilla Par!! Ma fss minga di illusion, Biella. La scioperomania l oramai a lordine del giorno: al di dincoeu tutt i scus hinn bnn! E se prpri se f minga sciopero de tutta la giornada, gh i surrogati: la non collaborazione, il singhiozzo, che forsi a hinn psg!
Biella Rbb de lalter mond!! Ch se capss p nagtta!
Brambilla Qui in bnna fed se p anca capi, qul che se capss n l el menefreghismo. Ona vlta el lavor lera sentii come ona contentzza, come la dignit dona persna! Al d dincoeu, inveci, l ciappaa come ona condanna! E insc, dent per dent, prima gh el borbott come in di temporai, poeu lacqua, lacquazzon e poeu la bufera!! E on bll brutt d arriver el diluvi!!
Biella E la colpa de chi l?
Brambilla El soo n: mi soo dom che incoeu tutti voeuren semper de p, e subit!!
Biella Verit sacrosanta Vangelo!!!
Brambilla Uei, intendmes, mi son n vun de qui che voeur ferm el progrss: chi lavora el ghha anca el diritto de viv, e forsi mj de come el viv adss! Nissun saria pussee content de mi se i m operari podessen vegn a lavor in macchina come i s collega american, ma lItalia l n lAmerica, e se p minga pretend che i nster fabbrich faghen qull che pden minga f, perch se de n, alter che macchin, ma nanca p i scarp per rivagh a pee! Ma faghela cap a crti zucch!!!
Biella Giustissim.
Brambilla E anca ti, che te ghhee di operari, ten seet on quaicss, n?
Biella Fmm n derv el liber!
Brambilla Ma, intendmes, mi qust el disi sia per ona part che per laltra, perch el desider pussee de qull che te ghhee, l ona umana aspirazion; qull che mi podi n sopport l ldi al lavor, el menefreghismo col quale si incrociano le braccia, lostilit vers i strument stss del lavor. Ai me temp, te ghe vorevet ben a on torno o a ona fresa come se fussen persnn viv; adss, se creden chel sia util, ghe se da di gran martellat per fermi! (TELEFONO) L ona verggna! (a Anna ) Che la senta on poo lee, per pias!
Anna (rispondendo al telefono) Si Acciaierie Brambilla io? Sono la segretaria . Si, infatti per ne abbiamo anche comunicato il motivo va bene, riferir. (posando la cornetta) L per la faccenda del Villa, disen che se p n licenzill.
Brambilla (scattando) Come se p n? (a Biella) In ona settimana el s presentaa sul lavor ciocch tradii chel stava nanca in pee per quatter d (di nuovo a Anna) e se p n licenzill?
Anna Disen che l staa partigin
Brambilla E qust sel voeur d? (a Biella) Ma te see che qusta l ona gran blla musica? El ghha de vss el destin che ghmm numm italian! Prima vun se podeva minga toccll perch lera on squadrista, adss perch l staa partigiano!! Se vmm innanz insc diventernn tucc intoccabili!! Ma nanca a parlnn!(a Anna) Se qui sciori riciamen, la ghe disa che el Villa lhoo licenziaa mi e che, sel me se ripresenta davanti ai oeugg, me ciapparoo la soddisfazion de licenziall onaltra vlta.
Anna E se insisten?
Brambilla La ghe dis de ciappll lor a lavor. (tra se e poi a Biella) Ma vun l padron o n de ciapp e licenzi chi ghe par e pias, si o n? La paga, per, ghhoo de daghela mi e qulla che disen lor!!!
Biella Purtrpp l insc!
Brambilla Tra sindacati, Commission interna e Camera del Lavoro, va a fin che in c nstra comanden tutti via de chi ghe d de mangi a centcinquanta famigli: per mi hinn centcinquanta padroni!! La prssima vlta che me riva qul di tass, voeuri mandll in di sindacati.
Biella Bh, la p vss onidea.
Brambilla Quand vedi crti rbb, me ven de ch idi che, se on d o lalter, la me gira per el vrs giust E n, perch in sta manera se p p avanti: qust ch l p lavor, ma viv cont el magon!!
Biella Vangelo! Mah, ch ghe voraria anm on quaivun come in del 22.
Brambilla Per lamor di Dio, che qullesperienza l lmm giam fada!
Biella (con nostalgia) Eppur, allora, qui l, mhann salvaa el bulgitt!
Brambilla Parlom p de salvatori, che mi, dom a sent qulla parla l, me ven i fonsg!
Biella (insistendo, sia pur blandamente) Eppur ..
Brambilla Eppur on cavol! Su, da bravo fioeu, famm minga d di parolasc! Salvatori!!! Salvatori che, con la scusa dav, disen lor, salvaa el Paes, creden davgh el diritto de mangiassel foeura, de avgh el diritto de giog a f limperador!! Lmm giam vist, n? La storia l storia e la storia la sbaglia n: con tutt sti salvatori la v a fin che negom del tutt!!!
Biella E allora?
Brambilla E allora, car el m Biella, se voeurom de bon rest a galla, devom salvss de per numm, ma cont el bon sens e la giustizia: numm devom mttes in del coo che i temp hinn cambiaa, in ben o in mal, ma hinn cambiaa; capii Biella?
Biella Mah!! E allora, chel Signor me la manda bona!
Brambilla Lassmm chel Signor el faga la soa part, ma intanta .. aiutati che il ciel taiuta.
Biella (poco convinto) Sar Bh, ciao Arturo, mi foo on salt in officina Ah, adss che me ven in ment, vorevi ditt se te pdet mandmm el t capp officcina per qui caltt
Brambilla N, n, l mi che vgna mi, perch qull l, l minga dom el cappofficina, ma l anca el capp de la commission interna e, a parlagh de caltt, l come fass d del sovversiv, del nostalgich e via andare; vgni mi, vgni mi, insc ciappi anca on poo daria. (a Anna) Se qualcuno mi cerca, torni subit.
Anna Cavalier, chel se ricrda chel dev pass denter in de lavocatt.
Brambilla Ghe passaroo onaltra vlta, tant par che incoeu me lassen requi. Voeuri approfittan per sbrig di rbb chichinsc; torni indree subit. (invitando Biella a uscire) Ndmm, gerarca!
Biella Si, si, scherzmm (a Anna) Contssa .. ah gi, signora (a Brambilla) La voeur che la ciami insc
Brambilla Fin che la dura! Se la va avanti insc, landar a fin che la ciamarm compagna!
Biella Eeeh, se tucc la pensassen come mi ...
Brambilla Se tornaria tucc al Voi e se saludariom insc (saluto romano)
Biella -- (con nostalgia) Bi temp
Brambilla --- .. che mhann portaa a sti temp ch! Biella, passo romano! (via tutti e due)

SCENA III^
Anna, poi Nando, Gianni, Delina e Franco

Anna (li guarda uscire e sorride; si accinge a riprendere il lavoro quando il telefono squilla) Pronto, Acciaierie Brambilla Ah si, infatti, ma non colpa nostra lei sa come si lavora oggi si, va bene, solleciter, stia tranquillo, buon giorno!
Nando (affacciandosi dalla porta dellofficina) L permss?
Anna Avanti!
Gianni (aprendo la porta dellufficio di Franco) El Franco
Nando (entra seguito da Delina, mentre da dx esce Franco) El principal?
Anna L andaa foeura, ma
Delina Ancam?? Ma l semper in gir, qull l!
Anna El podaria anca vss foeura per affari. Per mi credi minga chel dev rend cunt a la Commision Interna anca de qull.
Delina N, per adss n!
Nando Delina, va che smm minga ch per f politica.
Delina N, smm ch per combattere sul campo delle rivendicazioni sindacali.
Franco La cred chel far tardi?
Anna Lha dii chel tornava indree subit. Ma, se l per minga fv prd del temp, appna chel riva, ve foo ciam mi.
Nando Numm preferissariom spettll ch.
Anna Come voeurov mi disevi che insc el lavor
Nando Se l? Onosservazion?
Anna Dininguarda per, el sacrament di client per el ritard di consgn, dpo el sentomm numm.
Franco Si, la ghha reson, ma per el tipo de consgn che se fa ch denter, l mai tardi assee!
Anna E perch?
Nando Qui si lavora per la guerra!!
Gianni E in gurra, chi ghe gionta la pll, hinn semper i figli del popolo
Nando -- del popolo lavoratore.
Delina Eggi, perch i sciori troeuven semper la manera per minga falla.
Anna (freddamente) Sarann contrari a la gurra.
Gianni No, no, e se la fann, la fann semper in di uffizi, imboscaa!!
Anna Infatti, nel 1940, m mar, che lera on scior, appna scioppa la gurra, l partii volontari, e l andaa a imboscass in Russia. Peccaa che per, anca se laveva ciappaa qulla precauzion l, el ghha lassaa i pnn anca l e sav el perch? Per salv on s soldaa , on operari de la Breda che lera staa ferii in onimboscada.
Gianni Ah!!
Anna Mrt per i stss colp de fusil, brasciaa su vun a lalter come duu fradi, (fissandolo negli occhi) davanti a la mrt, ghe n minga de distinzion de class..
Nando Davanti a la mrt ma davanti a la vita? L qust ch el punto, labisso che ci divide.
Anna Per impiendill, l assee on ciccinin de bnna volont!
Franco S, ma da part de ch?
Anna Ma de tutti, naturalment, ma specialment de part de qui che vann in gir a somen odi, menter in del mond gh tanto bisgn damor!
Nando (con sufficienza) Parll.
Anna Si, parll, ma gh staa on quaivun che l staa bon de scrivi cont el s sangh.
Nando Eccezioni, eccezioni che confermen la regola.
Gianni E la regola l che i sciori, i gurr i e fann n! Ecco perch il capitalismo sar sempre guerrafondaio.
Nando Ghe voraria che i ditti, invece de vss in man ai capitalisti, fussen in man ai operari. (a Anna) La vedaress allora che trasformazion: invece de spoltt e rbb del gener, se podaria fabbric macchin e attrzz per la campagna .. si, rbba agricola.
Franco Ranzi, rampinettoni, erpes
Delina E magari, con qull che vanza, anca articoli casalinghi.
Gianni Ma, disgraziatamente, smm minga numm che comanda.
Franco (alzando la voce come se stesse tenendo un comizio) Ma vegner qull d che i padroni sarmm numm
Delina (alzando anche lei la voce) e allora, chi non lavora, non manger!
Anna (con calma) E chi gh minga daccrd
Nando E basta coi su e gi, mi vari pussee e ti de men. Tutti istss, perch il lavoro (sulla porta di fondo, alle loro spalle, appare Brambilla che si ferma sullentrata) sempre lavoro, e tutti abbiamo gli stessi diritti.
Gianni (alzando ulteriormente il tono) Giusto, ben detto: el lavor l lavor, e abbasso le gerarchie!!

SCENA QUARTA
Brambilla e detti

Brambilla (avanzando dal fondo) Se gh? Siamo in pieno comizio?
Franco (sorridendo per cercare di minimizzare la cosa) Se parlava on moment tant che spettavom ..
Nando Spettavom chel rivss l.
Brambilla Perch, se gh? On quaicss de noeuv?
Nando Prpri, smm vegnuu ch per visll che doman che sar mezza giornada de sciopero.
Brambilla E perch?
Nando Perch hann caregaa de legnat el segretari de la Camera del Lavoro.
Brambilla─ Ah si, el soo, ma vardii che qulla l ona rbba giam superada. saltaa foeura che la politica la ghe entra on tubo: l stada ona question privatissima: par che se tratta de crna!!
Gianni ─ L qul che dis i avversari.
Brambilla─ N, n, el disen prpri tucc, tanto l che, ona mezzora fa, a la Confindustria, mhann assicuraa che de sciopero ghe ne saria staa nanca onora.
Nando ─ Mezzora fa a la Confindustria ma, a numm, lordin el m arrivaa adss da la Camera del Lavoro.
Gianni ─ Mzza giornada de sciopero a titol de protsta.
Brambilla─ E perch on pr Crist lha creduu de difend el s onor, vialter scioperii? Voeur d, second a vialter, che on mm el ghha minga el diritto de difend la soa dignit? (a Gianni) L, l sposaa?
Gianni ─ Si, e allora?
Brambilla─ E se stasera, quand el river a c, el trovss la soa miee in dolce colloquio cont on amis, sel fa?
Gianni ─ Ghe scppi la crapa!
Brambilla─ A chi?
Gianni ─ A la mia miee!! Second a l, ghhoo trt?
Brambilla─ Dal s punto de vista, da come la ved l, el podaria anca avgh reson.
Gianni ─ Perch l, sel faria?
Brambilla─ Ah, el soo n, mi sont minga sposaa!
Nando ─ A ogni manera, numm mm vorsuu avvisll subit, per, naturalment, numm se tegnarmm ai disposizion che me darnn.
Gianni ─ Come, del rst, mm semper faa! Per, se on quaivun doman mattina el vorss lavor
Nando ─ el sar padronissim de fll!
Delina ─ Padronissim per, al primm che mi vedi vegn denter, ghe casci duu dd in di oeugg!
Brambilla─ Semper per la libert!
Delina ─ Libert a l de and denter, libert a mi de cascicch duu dd in di oeugg: smm o n in democrazia?
Brambilla─ E anca qusta la p vss oninterpretazion!! E, vist che smm adree a parl de libert, ve dispias lassmm liber anca mi?
Delina ─ Oeui, se hoo capii ben, el mha dii de and foeura di pee!
Brambilla─ Stavlta avii capii a la perfezion! Tant, qull che dovevov dmm, me par che me lavii giam dii.
Nando ─ Ma, a d la verit, numm serom minga ch dom per qull.
Brambilla─ Ah! E se gh ancam? Speri che la sia minga ona rbba longa.
Franco ─ (titubante) Dipender de l.
Delina ─ Longa o curta, vist che gh ch di cadregh
Brambilla─ (contariato) Prego, settves pur.
Delina ─ (sedendosi con gli altri) Chel me scusa, cavalier, ma smm faa de carna anca numm.
Anna ─ (alzandosi dalla sua scrivania) Ghhoo de and de l?
Brambilla─ Per mi la p sta ch, per lor el soo n.
Delina ─ Chel se figura: a numm la me fa ne cald ne frcc!
Brambilla─ Vist che la soa presenza non turba la quiete pubblica ne la temperatura dellambiente, che la staga settada gi anca lee! (agli altri) E allora?
Nando ─ Ecco, per primma rbba, numm vorevom parl del Villtta.
Brambilla─ Giust! Pcch fa mha telefonaa el sindacato, gent che giudica senza sav ne ved; inveci vialter, che savii e vedii
Gianni ─ (interrompendolo) Si, el ghha reson, ma l el vorar minga che prpri numm se mettom contra on compagno?
Brambilla─ Nissun el pretend qust, se tratta dom de tespimoni la verit. L vera o l minga vera che el Villtta l vegnuu on poo trpp de spss a lavor ciocch tradii?
Nando ─ Ciocch tradii!!! Lera on ciccin allegher!
Brambilla─ Allegher vun che, per cammin, el picca denter de ch e de l e, dulcis in fundo, lha faa on gran tomon prpri in mzz a lofficina?
Nando ─ Si, va ben, lavar bevuu on quai biccer
Delina ─ E, se lha bevuu, l perch el ghha di dispias, pr fioeu!
Brambilla─ Tosa, dispias in de la vita ghe nmm tutti, ma se tutti se comprtassom come el Villtta, finissariom per tutta la giornada a dss di gran crapd vun con lalter!
Gianni ─ Si, va ben, ma ghe voeur anca on ciccn de comprension!
Delina ─ E gi!! Bisognaria sav, come el soo mi, i btt chel ciappa su in c btt de legnamee!!
Gianni ─ E da chi?
Delina ─ Da la soa miee!!
Gianni ─ Gelosa?
Delina ─ Macch!! La voeur n chel vaga a ciapp la cicca deperl!
Nando ─ Insma on pr disgrazziaa, e, quand vun l on disgrazziaa, se se ghha on ciccinin de coeur, bisogna vss indulgent!
Brambilla─ E allora mi, senza nanca conoss la soa disgrazia, seri indulgent: fin a ier lhoo semper perdonaa!!
Nando ─ L minga assee!!
Brambilla─ Come l minga assee? Vialter pretendarii minga che mi, in chi condizion l, el tgni tra i pee per tutta la vita? Ghhoo de dervgh on bar in officina??
Nando ─ Desmenteghmm n che l staa partigian!
Delina ─ E de qui che, a s temp, hann salvaa i macchin!
Brambilla─ Tanto de cappll a chi sciori l, ma l minga on motiv valid perch adss, i machin che allora hann salvaa, je desfen. Laltrier, ciocch tradii, el mha miss foeura uso ona fresatris, el sann tutti! Mi lhoo licenziaa, e mantgni el licenziament!!
Nando ─ Comel voeur l; per chel guarda che tra i operari, gh del maland! Se dis che l el ghabbia intenzion de licenzi anca (agli altri) come se ciamen?
Delina ─ El Bianchi e el Dellera.
Brambilla─ E allora? Se anchel fuss? Mi pdi licenzi chi me par e pias!! Fin a proeuva contraria, qusta l onazienda privada.
Nando ─ Me dispias contraddll, ma, al d dincoeu, ditti come je intend l, ghe n p!!
Anna ─ (si alza e esce)
Brambilla─ Esisten, esisten, tant l vera che paghen i tass!!
Nando ─ Paghernn i tass, ma sono enti di pubblica utilit e, come tali, soggetti a controllo.
Delina ─ Giustissim! Thee mai parlaa insc ben!
Gianni ─ Hinn finii i temp che vun el faseva qul chel voreva e stop!
Brambilla─ Eggi, adss smm ai temp che vun che fin a ier lha faa el prestinee, incoeu el dirig on cantier, n?
Nando ─ Insma, se l el licenzia
Delina ─ El Bianchi e el Dellera
Nando ─ numm rispondom p di operari.
Franco ─ Operari che hinn giam incazzaa con l perch sann che l l semper staa vun di pussee agguerrii contra el blcch di licenziament!
Delina ─ Disarien che l, vist che l staa costrtt a mand gi el scitt, el cerca de tirll foeura tocchll per tocchll.
Brambilla─ Oeui, che disen on poo qull che voeuren! Mi son staa e son vun di pussee contrari al blcch di licenziament perch l ona rbba ingiusta, si ingiusta, perch l quasi de criminal pretend che on industrial in crisi el mantegna cent operari quand gh el lavor dom per cinquanta! Onazienda la p st in pee quand la riss almen a f quadr el bilancio: tant dentrada, tant de uscita e l el falliment! E, inveci de trovss a spss in cinquanta, finissen in miseria tutt e cent!! Disgh qust ai operari e sentirmm qull che risponden!
Nando ─ Ghel disi mi, qull che risponden: che adss gh la crisi, ma prima gh staa el periodo delle vacche grasse, che i industrial dovarien ricordss che qui cinquanta che adss ghe servissen p, hinn qui che a chi temp l, i hann vuttaa a divent sciori!!
Franco ─ e che borler minga gi el mond se adss ghe rimtten ona part de qull che hann guadagnaa!!
Brambilla─ Giustissim, ma l che l tutt el santo d in mzz ai numer, el podaria anca taccgh vun el p giuntgh per on mes, per duu, per ses, per on ann, ma non per leternit e qust anca nellinterss di alter cinquanta operari. Mi son staa e son contrari al blcch, si, ma, vist che mhann obbligaa a accettll, mi lhoo semper rispettaa e el risptti ancam, ma quand se ghha di reson incontestabil, el blcch el ghe entra p!
Nando ─ I reson incontestabil per, come Commission interna, devom savi e approvai anca numm. Chel se ricrda che vun, el Bianchi,
Brambilla─ l anca l on benemerito della causa nazionale, el soo, ma el tornidor l minga bon de fll e mi, ai sindacati, ghavevi cercaa on tornidor, minga on lavapiatt!!
Franco ─ Se ghe lhann mandaa, voeur d che l bon de f el s mestee.
Brambilla─ Tocchmm n sto tasto, per pias! Ch in Italia, in fatto de sindacati, smm frsi restaa al famos ventennio appena passaa, quand se mandava in Parlament di deputaa che, come titol, ghaveven dom qull dav miss al mond dodes fioeu! Benemerenze demografiche! Come se i legg se fasessen col si, con la stssa manera che se f i fioeu!! La verit l che ch benemerenza e competenza, anca se fnn rima vann minga daccrd. E qust per el Bianchi, per el Dellera, poeu
Delina ─ Qull l el se tocca n!!
Brambilla─ Capocellula, el soo, ma mi el mandi foeura di ball istss, perch nissun p obbligmm a tegn in c e soramarss a pagll vun che, puttst che lavor, el passa el temp a istigmm el personal e a vor dagh foeugh a c mia!!
Nando ─ Cavalier, mi vorarissi n che el foeugh a c soa ghe le taccss l cont el licenzi el Dellera!
Brambilla─ E qusta se l? Ona minaccia?
Nando ─ On avvertiment! Mi, al s pst, tiraria minga trpp la crda. L el sa benissim che i temp hinn adree a cambi e che in aria
Franco ─ gh de chi nuvoleri
Nando ─ nivoleri che, se monten on poo anm, arrivarmm a on bll 48!!
Brambilla─ Bh, vist che smm giam nel 59, el 48 l giam passaa, anca el 58! Quindi
Nando ─ Cavalier, chicchinsc se tratta n de gioeugh de parll: hoo dii 48 per d onaltra rbba!
Brambilla─ E io ho cibato il gelso.
Gianni ─ Se lha faa l?
Brambilla─ Hoo mangiaa la foeuia: l intendeva la rivoluzion, vera? Che vegnen pur, i rivoluzion, me fann n paura!!
Gianni ─ Frsi perch el sa minga trpp ben se hinn!!
Brambilla─ Al contrari: prpri perch el soo: hinn fenomeni che nassen a stomich voeui, dpo moeuren, si, per la maggior part di vlt, moeuren dindigestion!! E se adss ghavii nient alter de dimm
Nando ─ Dom on para de robtt ancam.
Brambilla─ E allora: Avanti Savoia! Oh, scusmm! Vorevi d: parlee pur!
Nando ─ La primma l qusta: le maestranze chiedono di essere ammesse alla partecipazione agli utili. Al d dincoeu, i operari hann ciappaa coscienza de vss i unich collaborador di padroni e donca voeuren sentss assocciaa ai fortun de lazienda
Brambilla─ partecipando alla divisione degli utili.
Nando ─ Precisament!!
Brambilla─ Giust, mi el troeuvi giust!! E ghhoo de dv che mi, ona quai vlta, ghhoo anca pensaa: divisione degli utili! Giustissim! Scusmm, ma se, per caso, inveci degli utili, ghe fuss di prdit??
Gianni ─ Ma cssa ghe entra qust??
Brambilla─ Come: cssa ghe entra? Mi, per esempi, lann passaa, tra scioperi e penal de pag, ghhoo giuntaa duu milioni e mzz; (indicando Franco) l l, che l in amministrativa, el p dv on quaicss; e allora a mi me piasaria sav se, anca in ona occasion compagna, vialter aspirii a sentvv associaa ai fortun de lazienda!!
Delina ─ Ma che cacchio de discors l adree a f su? El padron l l e el restaria semper l!!
Brambilla─ Ah, ecco, adss hoo capii: per i prdit el padron saroo semper mi. inveci, per i guadagn, i padroni sarmm tutt insma!! Hoo capii, hoo capii! Va ben, ghe pensaroo. E qusta l la primma richista: sentmm la seconda.
Nando ─ Noi chiediamo che alla Commissione interna sia riconosciuto il diritto del controllo di gestione!
Brambilla─ El diritto, cio, de casci denter del tutt el bcch in di m affari!!
Nando ─ Che, se l lacctta la primma richista, diventerien affari de tutti. La vita donindustria l de ch ghe lavora denter!!
Gianni ─ Numm, incoeu, la pensom insc!
Brambilla─ Ah, incoeu vialter la pensov insc? Inveci mi ve disaroo che lhoo semper pensada insc, ma come on m desideri, come ona volont de la mia coscienza, e n come onimposizion di m dipendent!
Nando ─ Allora l el rifuda?
Brambilla─ Categoricamente! A mi me pias i posizion ciar e precis. Perci, fin quand el padron son mi, con tutt i pes e responsabilit annss e connss, mi son n dispst a lassgh a nissun ne oneri ne onori!!
Delina ─ (rabbiosa, fra i denti) Al ghha de vegn!
Brambilla─ (ironico) La sptta on quaivun?
Delina ─ Cavalier, l lha capii, l el sa benissim de chi sont adree a parl!
Brambilla─ Eggi, lavevi prpri capii, ma, siccome qull chel doveva vegn, a furia de dll, el s portaa rogna deperl con pace allanima soa, e inveci de vegn, se n andaa; insc, mi subit avevi n capii, ma adss, se pensi che gh giam staa gli eredi al trono, hoo capii che gh on alter chel ghha da vegn!! Ma sel vegnss n?!?
Delina ─ El vegnar, chel se preoccupa n chel vegnar!!
Gianni ─ E el penser l a mtt a pst i rbb!!
Brambilla─ E allora aspettmm chel vgna l a mtt a pst i rbb!!
Anna ─ (entra con alcune pratiche in mano e torna alla sua scrivania)
Brambilla─ (proseguendo nel suo discorso) Se n se n (colpito da unidea) Ma sicur!! (infervorandosi sempre pi nellesporre la sua idea) Se prpri ghavii tanta prssa de divent i padroni (ormai deciso) perch la ditta la ciappov n vialter? Mi son dispostissim a dvela! (lo guardano esterefatti)
Nando ─ Chel senta, cavalier
Brambilla─ Chel me ciama n Cavaliere a meno che el sia minga on ordin del sindacato! Chel me disa scior Brambilla o, sel voeur, dom Brambilla!
Nando ─ Chel senta, scior Brambilla, numm smm minga vegnuu ch per vss ciappaa per el cuu!
Brambilla─ Macch ciappa per el cuu dEgitt: mi hoo mai parlaa insc seriament. La vorii??
Gianni ─ E si: La vorii
Franco ─ El creder minga che numm ghmm di milioni in banca! A meno che l el se accontenta de vss pag a rat settimanal.
Brambilla─ N n, nient milioni, nient rat: gratis, mi ve la doo gratis!!
Nando ─ Scior Brambilla,basta con sti schrz del putt!
Gianni ─ E basta toeu in gir la miseria!
Delina ─ Numm sarmm anca ignorant ma
Brambilla─ Ne miseria, ne ignoranza: mi ve la regali! Si, mi ve pararoo matt perch pcch fa hoo rifudaa la vstra richiesta e adss ma ve lhoo dii: a mi me pias i posizion ciar e precis. Puttst che seguit a f el padron che comanda n, preferissi f el filantropo!
Delina ─ (mentre tutti restano come basiti, sottovoce a Nando) Sel voeur f? El mtt su ona filanda?
Nando ─ Ma n, el fa el benefattor!
Anna ─ (meravigliata quanto gli altri) Ma Cavaliere
Brambilla─ Che la me scusa, ma ghhoo minga cercaa la soa opinion! (agli altri) E pensii n che se tratta dona mattada, n; l ona rbba che me girava in di scinevej da on poo de temp e pensii n che me comprti insc per arruffianmm se la dovaria girss e vegn qull l che dev vegn, n, mi foo qull che foo perch, in fin de la fera, la mia l ona rinuncia per mdo de d! Mi son padron de sar su?
Nando ─ E n, cavalier.
Brambilla─ Son padron de ciapp chi voeuri mi?
Gianni ─ Cont i sindacati? Ma nanca
Brambilla─ Son padron de licenzi chi me rovina i macchinari e el voeur mettom i bombi in c?
Delina ─ La saria trpp cmoda!
Brambilla─ E allora che razza de padron a son mi? Mi son padron de f qull che voeur el Governo, qull che voeur la Camera del Lavoro, qull che voeuren i sindacati, qull che vorii vialter!! L giam assee che son almen padron de respir, e allora, che padron del llla son?? In definitiva el sar on affari per vialter, ma l on affari anca per mi! L ciara?? E se vialter accettii, per mi laffari l blle faa!! E adss parlii vialter!! (sono tutti sbalorditi)
Nando ─ On moment, on moment, perch mi hoo nancam capii ben.
Brambilla─ Eppur me par dav parlaa come on liber stampaa!!
Franco ─ Mi pdi anca pens dav capii, ma hinn rbb che a di se fa a svlta, ma dpo
Brambilla─ E mi vel mtti per iscritt!
Nando ─ E poeu, se anca el fuss, qusta cession che l el dis, la saria dom per numm? Per la Commission Interna, o
Brambilla─ E n! Ona ditta, lha dii prpri l, l de tutti qui che ghe lavora denter; mi, tuttal p, pdi propon che i dirigent sii vialter!
Delina ─ (quasi spaventata) Numm?!?!
Brambilla─ Sii minga vialter qui che ghha la fiducia de la classe operaia?
Delina ─ (sempre pi stravolta) hh???
Franco ─ Chel scusa, Cavalier, l, come la vedaria la direzion?
Brambilla─ E n, h? Se ghhoo de dirig mi i dirigenti, smm anm nel camp di cent prtich!
Franco ─ El sa, l el me conoss ben
Brambilla─ Bh, qull l vera!
Delina ─ E poeu, prima devom sent se ne pensen i alter.
Brambilla─ I alter podarnn f nient alter che approv. Da dipendent diventen padroni, quindi l natural che i dirigent sarii vialter. Senza cunt che nanca a vor se podaria catt foeura mj. El Nando ch, o pardnn, el scior Nando, che l on esprto capotecnico, el podaria benissim ciapp el m pst anzi, me par che l labbia anca studiaa, n?
Nando ─ Bh, hoo faa lavviamento industrial e, sel fuss minga mancaa el m pr pap e fussom minga restaa in bolltta, adss podaria anca vss ingegnee!
Brambilla─ E allora? Mi, vedii, hoo nanca faa lavviament industrial, son vegnuu su, come se dis, da la gavtta. E se mi, senza av studiaa, son riessii a tr in pee sta baracca ch, immagins sel p f lingegnee ch, si, el scior Nando. El scior Gianni, che l espertissim de macchinari, el p pass capp─officina, (rivolto a lui) Se la sent?
Gianni ─ Perch n?
Brambilla─ El scior Franco, che l on ragiontt, e che, se lavss poduu studi, el saria chiss in doe, el p ciapp la direzion amministrativa, e la sciora Delina, donna energica, la p f el capp del personal.
Delina ─ (atteggiandosi a donna forzuta) Bh mi
Brambilla─ Se ve disevi? Ona dnna che se incoeu o domn vun el ghavss el coragg de presentss ciocch in sul lavor
Delina ─ Mi? Me prepari in cima a la scala e, al primm che se presenta in cimbali, cont on cattafigh el foo arriv in fond a la scala senza f i basi.
Brambilla─ Capp─personal faa e finii! Per cunt m, el Ministero l faa e, se sii daccrd, se fa vegn ch on nodar, on poo de negher su bianch, e se ghe pensa p!
Nando ─ (ancora diffidente) Ma, chel guarda che se l on schrz
Brambilla─ Hoo mai scherzaa mi, su crti rbb?
Nando ─ (dopo aver interrogato i compagni con lo sguardo) Ma se la rbba l vera in sul seri, numm vorariom sav, se accttom, ghavarmm i man liber?
Brambilla─ Se sii vialter i padroni
Nando ─ Intendmes, liber de f de la ditta qull che voeurom?
Franco ─ Alloccorenza, anca de trasformala?
Brambilla─ Cio?
Nando ─ (decidendosi a chiarire il loro programma) Insma, numm vorariom n ciapp ona ditta destinada a f mazz la gent!
Gianni ─ Prpri insc: basta cont i spoltt, i detonador e tutt qull che servss per la gura.
Franco ─ Aratri, vanghi, trattor
Delina ─ Rbb util per el ppol, per la famiglia, magari rbb de c: padll, forchtt, corti
Brambilla─ Bh, el cortll el sariss giam onarma.
Delina ─ Mi intendevi udesi per la c, per la cusina, minga armi: ma puttst stegnaa .. (visto che Franco non capisce) pignatte, pentolame, catini.
Brambilla─ Padronissim de f qull che vorii: scolapasta, cafettr, pedrioeu
Delina ─ (a Franco che continua a non capire) Pedriolli.
Brambilla─ (per chiarire) Imbuti. Mi voraria dom, se permttov, mtt ona quai condizion!
Delina ─ Che sarien?
Brambilla─ La primma l che vialter simpegnov a minga vend la ditta, a nissun. Mi ve la doo a vialter e a vialter la dev rest, e pensi che su qust sii tutti daccrd, h?
Nando ─ E la seconda?
Brambilla─ La seconda l che vialter simpegnov a ciappmm come vster dipendent.
Delina ─ (sbalordita) L cavalier nster dipendent?
Brambilla─ Si, e l intes che mi acctti qualsiasi incarich, n on pst direttiv, ma on qualunque alter incarich, basta che mi rsti denter ch. Chela ditta ch l ona mia creatura, trentann de lavor, e mi me la senti n de distacss del tutt, senza pens che anca a vialter dovaria n dispias de avgh on impiegaa cont ona crta esperienza della ditta e, soratutt, on impiegaa affezzionaa a la stssa. (visto che nessuno risponde) Bh? Se gh? Parla p nissun? Delina, nanca lee??
Delina ─ Ma, on moment! Prima de tutt
Brambilla─ L prpri vera che i dnn veden semper pussee lontan! E se el regal che mi ve foo, el fuss ona perdita solla?
Delina ─ (gonfiandosi) hh? Ouei, on poo scma si ma
Brambilla─ E se le Acciaierie Brambilla fussen in su lrlo del falliment?
Delina ─ Lhoo dii mi!! (agli altri) Pivi!! El scior cavalier el me regala ona barca che fa acqua de tutt i canton! L el me fa imbarc, el me fa and al largh, e l el rsta a riva a vedmm and a fond!!! Pivi!
Brambilla─ Eggi, mi stoo in su la spiaggia a ciapp el soo!
Delina ─ Pivi, mandigh i dnn al Govrno!!
Brambilla─ Ghe vann giam, n? Mi per, a m parer personal, da quand ghmm i dnn deputadi, riessi p a ciapp in sul seri nemmen i deputaa omen!! Ma qust el ghe entra n. Vegnmm al nster affari: allora?
Gianni ─ On moment, on moment: se i rbb stann debon come la dis la Delina
Nando ─ Lera qusta tutta la soa filantropia?
Brambilla─ Pivi! Si, adss vel disi anca mi: perch fii prima a credigh al cervll dona dnna, senza offesa, che a la seriet don mm che lha creaa onindustria e chel va daa, per tutt sti ann, pan e lavor e che adss, stuff de podnn p, el ve dis: mi de fioeu ghe nhoo minga, perci regali a chi fina incoeu lha contribuii, ben o mal, a tirlla su la ditta che l ntta avii capii? Pulita!! I liber hinn de l, el ragiontt el p anca studiassi a memria! Sel vorii, ve regali anca el nmm de la ditta. E, per tutt qust se domandi? De ciappmm come impiegaa, anca per minga aument el numer di disoccupaa! Domandi trpp? Prima seri lunich padron, adss saroo lunich impiegaa. Per qull che riguarda i condizion, mi me iscrivi ai sindacati e me basi, naturalment, sul contratto nazionale dei lavoratori. Donca?
Nando ─ (interrogando con lo sguardo gli altri) Ma per mi
Brambilla─ (dpo aver osservato i presenti) E, me par, che, p o men, anca i alter...
Franco ─ Ma, el sa, numm vorevom n che l, sel ghe ripensava
Brambilla─ Mi credi prpri de n; e poeu, dipend de vialter dmmen minga el temp: desfescmes a mtt gi el contratt!
Nando ─ (dopo unaltra occhiata ai compagni) Chel decida l quand!!
Brambilla─ Subit, n subit n, fmm doman. (ricordando) Ah n, doman se p n: doman gh sciopero: se lavora n!
Nando ─ (pronto) E chi se ne ( correggendosi) Vorevi d che scriv on contratt, l minga lavor!
Brambilla─ Ah! Va ben, allora a doman!
Franco ─ Intanta, se l el me da el permss, insc el saria giam quasi ona officialit, numm vorariom dagh subit la notizia ai alter!
Delina ─ Giust!
Brambilla─ Giustissim! Insc la par quasi ona rbba fada. Anzi, mi, da sto moment in avanti, ve consideri giam come i padroni. (squilla il telefono; a Anna) Che la senta lee, per pias.
Anna ─ El gh o el gh n?
Brambilla─ Che la senta se me voeuren mi.
Anna ─ (al telefono) Pronto, Acciaierie Brambilla (fa cenno a Brambilla)
Brambilla─ Si, ghe son. (agli altri) Scusemm, ma (rispondendo al telefono) Pronto? Si, el cavalier Brambilla in persna Ah, ancam la storia del Villtta? Ma n, el vedar che nissun el far di question cont el sindacato. si, hoo dii nissun perch, el ved, mi, prpri adss, hoo trattaa la cession de la ditta si, si si si, me ritiri. Eggi, per gdom i m milioni e poeu, el sa, i milioni hinn nient se paragonaa a alter rbb. (in un crescendo) Me ritiri per pod avgh on poo de pas per avgh p a che f con sindacati, Camere del Lavoro, Commissioni interne Per minga fmm marc el cerll da i ultimatum, da i scioperi, e da i sabotgg. Me ritiri per salvmm el fidigh in del mond de ch, e lanima in del mond de l! Lha capii?? (posa con forza il microfono troncando la comunicazione) Ah, scusmm se hoo alzaa on ciccin la vos. (assumendo latteggiamento dellumile impiegato) E adesso, signori, prego, comandatemi pure!!

FINE PRIMO ATTO


SECONDO ATTO

SCENA I^
Brambilla,poi Anna (sei mesi dopo)

Brambilla─ ( seduto alla scrivania pi piccola, lavora e canticchia sottovoce. Squilla il telefono allaltra scrivania, da unocchiata allapparecchio e lo lascia suonare ancora, poi, senza premura, si alza e va a rispondere)
Anna ─ (entra in quel momento con un fascicolo in mano)
Brambilla─ Pronto, Acciaierie gi Brambilla. N, il direttore non c, parla il segretario. Ah, la Camera del Lavoro Scusino tanto se vi ho fatto attendere, credevi che lera la Confindustria fissato per la settimana prossima 24 ore di sciopero va bene dom 24 or? Va bene, riferir. (depone la cornetta e, sempre canticchiando, sta per avviarsi al suo posto e sincontra con Anna) La Camera del Lavoro che avverte per un piccolo sciopero Camera del Lavoro? Ma saria minga pussee giust ciamalla Camera dello sciopero? (alludendo al fascicolo che Anna tiene in mano) Se l?
Anna ─ La copia del famoso progetto di trasformazione.
Brambilla─ Ah, va ben, grazie. (vedendo che lo osserva) Gh on quaicss che va n?
Anna ─ Mi rissi n a cap come el fa l a d qul gi Brambilla con tanta indifferenza: ma ghe fa minga mal?
Brambilla─ El me fa ben!! Qul gi el me da minga del tutt la sensazion del riposo; mi, quas quas, el foo cambi in fu Brambilla chel me par pussee rilassant.
Anna ─ A mi, inveci, el me f malinconia.
Brambilla─ Perch lee l minga bona de valut i situazion. La ved, mi proeuvi la soddisfazion che provaria on mrt chel podss rest in circolazion: ved i alter gratt i rgn che l l riessii a desfesci!!
Anna ─ Si, per el ghha lassaa la pll!
Brambilla─ E n, el bll l prpri l, che mi la pll ghe lhoo minga smenada, prpri quand andavi a risc de giontghela. La pensa che mi adss siffoli, che la scolta (fischia) credevi de vss bon p! La mattina, quand levi su, pari on fringull, e poeu, alla sera, la ghe dis nient pod and in ltt e legg el giornal in tutta tranquillit? Mi son bon de indormentmm cont el sorris in su i laver e de dorm vtt o des or de fila, menter prima, qull ciccin che dormivi, son pront a scomtt che dormivi con la bocca strta! Ma la sa, lee, che mi, in ses mes, son cressuu de trii chili? E l tutt grass san!! La dev anca sav che, prima, ghavevi semper on quaicss al fidigh e inveci adss mi soo p nanca de vghel, el fidigh! Mi sont adree a f la cura de Chianciano senza moeuves de Miln, e, soramarss, ciappi anca el stipendi! E lee la voeur fmm passaa per pisquano?
Anna ─ (ridendo) Bh, se l insc
Brambilla─ A l insc!! Che la pensa che, fin a pcch temp fa, lera assee che sonss qull rompaball de telefono che lera on stremizzi, perch ogni sonada lera ona rgna de gratt e ogni rgna on colp al fidigh! Adss, inveci, ogni sonada la me par ona melodia celestial, ogni rgna la rappresenta globuli rossi e vitamin A, B, C e tutt lalfabeto inter!
Anna ─ Insma, l soddisfaa!!
Brambilla─ Completament!! El soo che lee la mha mai approvaa e che la me approva minga nanca adss: mi voeuri dom sav se in sta soa manera de f, gh on quaicss de personal!
Anna ─ N, n, per qust n, el p vss pusse che sicur, anzi, se son restada lhoo faa prpri per l.
Brambilla─ Qust el soo, e la ringrazi.

SCENA II^
Detti, Doardin e Biella

Doardin ─ (comparendo dalla porta di fondo) Gh ch el commendador Billa.
Brambilla─ Si, si, fll vegn avanti.
Anna ─ (avviandosi) Ghe occorr on quaicss?
Brambilla─ N, n, grazie e che la se preccupa n: mai mangiaa insc tant e mai respiraa insc ben! (mentre Anna esce da dx, Biella entra dal fondo) Avanti Biella, avanti al capitalismo reazionario e sfruttatore.
Biella ─ Tas, per lamor di Dio tas, che me lhann dii prpri stamattina!
Brambilla─ A mi mel disen p e soo n el perch, ma adss me pias dighel mi ai alter! E disi anca: ha da ven
Biella ─ Mi prpri te capssi n!
Brambilla─ Eppur mi me senti ciar e limpid
Biella ─ Come lacqua del Lamber
Brambilla─ N caro mio, come acqua di fonte! Oeui, commenda, se l ch per el lavor, sttes gi pur; se l per ona visita de amis, dmm la man e via andare, perch credi minga che me sia permss ricev amis in orari de offizzi!
Biella ─ Mi soo n come e perch te se comprtet insc! Ma che soddisfazion te se spttet da qusti ch?
Brambilla─ Spetti? Mi ghi hoo giam i m soddisfazion!! Ses mes fa, quand mi a la sera sortivi de ch, ghavevi ona faccia che parevi on funeral de terza class; adss, quand voo foeura de ch, sembri on ganivll, tranquill, beato, la ment serena, guardi i tosnn si, guardi i tosnn e poeu me giri a guardai ancam, a la sera voo al cinema tel see che mi seri restaa al cinema muto? Allora, Biella, come amis o per el lavor?
Biella ─ Se l per la paura di padroni, sta quitt, son ch per el lavor.
Brambilla─ (facendolo sedere) Sttes gi e cunta su.
Biella ─ Siccome lultima consgna l stada esaurida la settimana passada, mi son vegnuu ch per el mandaa de pagament perch, prima mi me fidavi, ma adss
Brambilla─ Tranqull, l rbba che interssa la gestion passada, quindi

SCENA III^
Detti e Gianni
Gianni ─ (entrando dal fondo, guarda la scrivania di Nando)
Brambilla─ El direttor? n, el gh n, lha n nancam de fss ved. (indicando Biella) El commendador Biella l vegnuu ch per
Gianni ─ (salutando) Buond, commendador.
Biella ─ Buond.
Brambilla─ L vegnuu ch per la soa ultima consegna. E l, el gh aveva bisgn prpri del direttor? Se pdi vessigh util mi
Gianni ─ N, mi vorevi parlaa col Nando per via del Villtta: insc se p p tir innanz!
Brambilla─ (con finta meraviglia) Allegher anca incoeu?
Gianni ─ Ciocch tradii!
Brambilla─ Se ved che el capp─personal lera minga in cima a la scala, se de n
Gianni ─ Ghe voeur ben alter, per qull l ma innanz insc se p minga and!
Brambilla─ E crt che (a Biella) pr crist, da ona part el fa anca pna; tel see, par chel beva perch in famiglia l on pr disgraziaa!
Gianni ─ Ma che disgraziaa l on prco!!! (irritatissimo, esce)
Brambilla─ Ecco, thee vist? Piscinina, ma anca qusta l ona soddisfazion! Ma, ses mes fa, lera on attcch de fidigh! Prima, quand el beveva, lera on disgraziaa, adss l on prco! Per, a part qust, pdi prpri minga parln mal. Anzi, me mostren on risptt, ona benevolenza Gh minga on quaicss dimportant che cerchen minga la mia opinion, anca quand s trattaa de studi la trasformazion de la ditta, h?
Biella ─ Ah, gi, a propsit: hoo sentii d on quaicss che
Brambilla─ Si, adss fabbrichermm macchin agricol e utensileria, basta con lindustria de la gurra!
Biella ─ Insma, l ona rbba giam decisa?
Brambilla─ BBBBh, la decision official la dovaria vss ciappada incoeu, ma oramai se p d che la rbba l fada. E devi ammtt che hann tegnuu fed a la parla: aveven dii che lavarien fada finida cont i armi e hann dimostraa de vss coerent! E si che, dai preventiv, per on quai anntt ghe sar minga trpp de sfoj verz: util ghe ne sar ben pcchi!
Biella ─ Frsi el capissen n!
Brambilla─ Subit n, ma dpo hoo pensaa che lera m dover avvisai e lhoo faa!
Biella ─ E, malgrado qust
Brambilla─ Hann minga molaa!!

SCENA IV^
Nando e detti

Nando ─ (entrando dal fondo, sorpreso dalla presenza di Biella) Buongiorno.
Biella ─ Scior Nando
Brambilla─ L ch per la liquidazion de lultima consegna.
Biella ─ Ma adss voo via.
Nando ─ Bh, se l ch per
Brambilla─ per el saldo el p mand senzalter domn. (a Nando) El p mand, n?
Nando ─ Si, si, chel faga l.
Brambilla─ (porge la mano a Biella che si sta alzando) Commendador
Biella ─ (accomiatandosi) Cavalier buon lavoro. (a Nando) Buond.
Nando ─ (a Biella) Buond. (come Biella uscito, guarda stupito Brambilla e le scrivanie).
Brambilla─ (si alza subito dalla scrivania del titolare e si avvia a qulla della segretaria) Oh, chel me scusa, ma el sa come l: la frza de labitudin!!
Nando ─ (con la massima cordialit) Ma chel se figura (altro tono) Novit?
Brambilla─ Nient dimportant. On moment fa, el scior Gianni el voreva parlgh del Villtta.
Nando ─ Si, el soo: lhoo vist adss e dalter?
Brambilla─ (riflettendo) Alter Ah si. La Camera del Lavoro lha telefonaa per qull sciopero
Nando ─ Che sciopero?
Brambilla─ Qull di tranvier fissaa per la settimana che ven. Vintiquattror appna ona giornada!
Nando ─ Ma che cacchio ghe centrom numm cont i tranvier?
Brambilla─ Mah, mi el soo n, ma domanden solidariet.
Nando ─ Moral?
Brambilla─ Si, con mzza giornada.
Nando ─ Al, onaltra mzza giornada
Brambilla─ Bh, ma per i tranvier l la primma vlta.
Nando ─ Si, daccrd, ma mzza giornada incoeu, mzza domn quand poeu capita minga come el mes passaa che s trattaa de duu d inter!!
Brambilla─ Ma allora lra rbba nstra: sciopero de categoria!
Nando ─ (cercando di mascherare la sua contrariet) E chi ghe dis goeubb? (con altro tono) Oeui, intendmess, l el sa come mi lhoo semper pensada!
Brambilla─ Si, si, me ricrdi il diritto di sciopero una cosa sacrosanta si, si, me ricrdi benne.
Nando ─ Per el nster l on caso del tutt special: ch, in fin de la fera, smm tucc padroni!
Brambilla─ Eggi, chicchinsc lunich che ghha el diritto de scioper son mi e, me dispias, ma mi voeuri minga pass per crumiro, perci, quand river lordin, el sa qull che l el sostegneva prima, la p vss ona tesi validissima.
Nando ─ Ch se tratta dona propriet in comune doven lavoren tutti, ecco perch mi troeuvi minga giust che voeuren fmm scioper.
Brambilla─ El ved, inveci, per mi, se gh on caso giust l prpri qust ch, perch, siccome vialter sii in del stss temp padroni e operari, come operari ghavii de f sciopero ma, come padroni ghe smenarii i spes. El par on gir de parll ma, per mi, l giust: per capissi anca el s punto de vista.
Nando ─ Che, per mi, l qull giust! (nota un fascicolo sulla sua scrivania) Se l chel rbb ch?
Brambilla─ A l la cpia del contratt de trasformazion, el maveva dii chel voreva riunii el Consili I avvisi?
Nando ─ I hoo avvisaa mi, quand son passaa da lofficina. (si sente un vociare giungere dallesterno) E, dal casin che fann, dovarien vss prpri lor!

SCENA V^
Delina, Gianni, poi Franco e detti

Delina ─ (entrando dal fondo seguita da Gianni) Rbb de lalter mond!!!
Gianni ─ Calma Delina, ghe voeur calma.
Nando ─ Se gh ancam?
Delina ─ Ghe che fra de numm gh on quaivun che, puttst che lavor, el passa el s temp a sparl de numm e a mettom contra i compagni!
Nando ─ Ma con chi te ghe lhee?
Gianni ─ Cont el Villtta! El va in gir a d che numm quatter mm approfittaa de la situazion per fss i nst interss.
Delina ─ I nst porci interss lha dii! Siccome, el dis, numm serom qui de la Commission Interna, el dis che se smm lavoraa el vcc (correggendosi, a Brambilla) Oh, chel me scusa e se smm tegnuu i posti di comando.
Franco ─ (entra spalancando la porta del suo ufficio)
Brambilla─ Ma bisogna lass prd
Delina ─ Lass prd, lass prd se fa prst a dll, perch l l minga al nster pst! El sa come el ghha avuu el coragg de ciam tutt insma qull vigliacch, con la scusa che quand l su de gir el ciappa denter in del parl? Inveci de ciammm Consiglio di Gestione, el ne ciama Consiglio di Digestione! Capii?? Avii capii??
Franco ─ (sentenzioso) Delina, non ti curar di lor, ma guarda e passa!
Delina ─ Si, passi, ma in del pass ghe spacchi la faccia! Profittatori el mha anca ciamaa, come se, in chi pst ch, se fussom miss depernumm! (a Brambilla) L staa o l minga staa l che lha vorsuu insc? E, se lha vorsuu, ghe sar staa i s bravi reson, n?
Franco ─ Eggi, me par anca a mi.
Brambilla─ Se ghavevov prima la fiducia, capissi n perch dovii minga avghela adss! Anzi, dovariov vghen pussee: perch prima, come Commission Interna, vedevov i problemi e podevov minga, per ovvi motivi, rislvi, menter adss, come Comitato di Gestione, podov f e disf!
Gianni ─ Si, ma fin a on certo punto. Oeui, intendmes, numm devom vss riconoscent vrs el cavalier, ma oh insma, fra de numm gh on quaivun che va n!
Brambilla─ El Villtta?
Gianni ─ El Villtta e on quaivun dalter. Adss, se numm ghavessom verament i man liber, la saria differenta, ma l, cavalier, lha miss in del contratt che se podeva lass foeura nissun da la donazion.
Brambilla─ Ma mi lhoo faa per adeguss ai vster principi me pareven giust ma chi podeva immaginss e a mi me sembrava dav faa i rbb con on crto criteri
Franco ─ Si, p dss, per el nha trascuraa voeuna dona crta importanza.
Brambilla─ E saria?
Franco ─ La divisione degli utili! De qull, in del contratt se parla n.
Nauri ─ Se ne parli n, l n perch me son desmentegaa, n n, lhoo faa appsta, perch, se i vster idi hinn semper qui
Gianni ─ Per qull el p mtt la man in sul foeugh: calaria alter!!!
Brambilla─ E allora
Nando ─ Per mi foo present che se smm minga riunii per sto motiv, perci qulla de la division di util l ona rbba de f present in onaltra riunion.
Delina ─ Ma che altra riunion del tubu: dal moment che smm tutti proprietari, e smm tutti proprietari, n?
Brambilla─ Si, si.
Delina ─ La rbba l blle fada!
Brambilla─ On moment: adss bisgna ved se hinn tutti daccrd! Se me sbagli n, gh staa vun de vialter, me ricrdi p chi, che lha dii: Adss basta cogli alti e bassi, mi son pussee e ti te see de men, tucc istss! Porca miseria, me ricrdi p chi lha dii!
Delina ─ (indica Nando) L staa l a dll.
Brambilla─ Comunque, me par che qusta l ona rbba che podarii ved pussee innanz, cont ona certa tranquillit. El scpo de sta riunion ch, l talment important che tutt el rst el dev pass in seconda linea. Scusii se parli mi, ma incoeu se tratta dom de ved se i vster idi hinn ancam ciar e ntt e se ghavii ancam voeuja de mtti in pratica. L qust limportant de sta riunion!
Nando ─ Giust, e, in quanto a la voeuja de mtti in pratica, mi credi che, con sta riunion, smm adree a daghen ona proeuva.
Brambilla─ Si, debonm ona grandissima proeuva. Adss, per, mi voraria lass a vialter la possibilit de discorr in pina autonomia, quindi, se permettov (accenna ad alzarsi)
Delina ─ E perch?
Brambilla─ Mi voraria n che con la mia presenza
Nando ─ Cavalier, mi credi de interpret el pensier de tucc: chel rsta pur ch, che la soa presenza la p vss utilissima.
Gianni ─ Son daccrd.
Delina ─ Chel rsta ch, cavalier.
Brambilla─ (sistemandosi sulla sedia) Obbedisco.
Delina ─ Voeur d che se, pusse innanz, vorariom rest in depernumm, ghel disarmm.
Brambilla─ Se la signora me le domanda insc gentilment, mi me moeuvi n.
Nando ─ (attende che tutti prendano posto, poi, come continuando un discorso) tanto p che la riunion dincoeu l nientalter che ona formalit, perch mi credi che nissun, denter ch, el ghabbia di dubbi su la necessit de trasform la ditta. (attende eventuali dissensi, poi) Benne. Quindi l minga el caso de rimtt el problema in discussion. Nella mia qualifica di direttore, di facente parte del Consiglio di Gestione e di Presidente del Consiglio dAmministrazione
Delina ─ Signor, quanto spull chel mtt gi!!
Nando ─ (che non ha capito) h?
Delina ─ (seccata) Hoo dii che va ben.
Nando ─ (continuando) ho voluto riunirvi per un motivo, diremo, morale. Ci tenevo che la nostra decisione definitiva venisse fuori da una seduta prenaria, solenne, della quale deve restare traccia negli annali della ditta. (a Brambilla) Giust?
Gianni ─ Giustissim!
Franco ─ Lapidario!
Delina ─ Vangelo!
Brambilla─ Allora io, quale segretario, e per rendere pi giustificativa e fattiva la mia presenza a qusta solnne adunata, crederei opportuno verbalizzare lavvenimento per darne conoscenza alla stampa e perch cos la notizia possa correre, quale esempio, per tutta la penisola. E si, perch mi credi che la sia la primma vlta che in Italia succed ona rbba compagna, cio che ona ditta, creada per la gurra, la se mtta a lavor per la pace! E tutt qust, e l ch la finzza, per volont de tucc quj che ghe lavora denter e che hann minga esit a ciapp di decision anca contra el s interss! (vedendo che qualcuno si rabbuia) E si, perch mi, per scrupol de coscienza, me senti obbligaa a fav sav che, quand cont el ragionier mm riguardaa i cunt con pussee precision, i guadagn almen per i primm ann, sarann inferior a quant avevom previst in on primm moment. Tutt i cifri hinn specificaa in sto fascicol a vstra disposizion.
Nando ─ Tutt qull che el cavalier lha vorsuu sottilineaa l giust, ma devom tegn present che, in del nster caso, pussee che de cifri l question de principi! (agli altri) Mi credi che sii tutti daccrdo con mi, soratutt perch devom tegn present che el nster slogan el sar: prima del guadagno, il principio
Franco ─ Esatto! Devom anca tegn present che, come mm giam dii in di riunion faa prima de qusta, cont el trattato di pace e la riduzione degli armamenti, ghera pcch de st alegher!
Brambilla─ (con sottile ironia) Ghhoo de verbalizz anca qust?
Nando ─ N, n: qusti hinn considerazioni, diremo, personali.
Delina ─ Personali de tutt e quatter, per, perch ier lmm dii tucc!!
Brambilla─ (c.s.) Allora, verbalizzi?
Nando ─ N, perch se lmm dii, lmm dii proforma. Per numm esist dom le ragioni morali e in nome di qulle, solo di qulle, (a Brambilla) verbalizzi pure, io chiedo al Consiglio: Smm daccrd de cominci subit la trasformazion?
Franco ─ Tutti!
Gianni ─ Tutti!
Delina ─ Si, si, tutti!!
Nando ─ Nhoo mai dubitaa, anzi, ve disaroo che on avveniment compagn, el dodeva minga pass inosservaa e stta silenzio. Ci voleva qualcosa che mettesse bene in evidenza lalto significato sociale, cos oggi, alle ore 17 nel salone macchine, lonorevole Rossi, deputato e segretario della Camera del Lavoro, terr un discorso a tutti i compagni: sintende a tutti qulli che vogliono intervenire. Dev manc nissun! L, cavalier, l minga obbligaa a intervegn.
Brambilla─ E perch?
Nando ─ Ma, mi disevi insc, per riguard.
Brambilla─ Ma nanca per rid, mi devi intervegn, l m dover!! Desmenteghss n che vialter, come proprietari, sii i padroni, menter luniche ch denter che rappresenta la classe operaia son mi! Mancaroo n! El principi de trasform i cannoni in pigntt, padll e pedrioeu lattirer lattenzion del mond inter, e mi voeuri vss on pionier! Se tutti, ma tutti, de ch e de l, on bll d la moccssom de fabbric armi, come se podaria f ancam i gurr? Se podaria minga and de sicur a lattcch con pigntt, padll e pedrioeu!!
Delina ─ Bravo, el ghha reson! Se l lavss semper parlaa insc
Brambilla─ Me navii mai daa loccasion.
Nando ─ Rivmm a voeuna: allora, smm tucc daccrd? (affermazione totale) Per me raccomandi: silenzio assoluto con tucc; voeuri che la rbba la riva come ona sorpresa!
Delina ─ Giust: resternn l de palta!
Franco ─ Ne parler debon tutt el mond!!
Gianni ─ Chiss i giornai
Nando ─ E con questo, il Consiglio finito! Adss tutti ai vster pst e, per la cerimonia de dopomezzd, me raccomandi, che sia tutt perftt!
Gianni ─ Sta tranquill, che ghe sar tutt pront. (agli altri) Andmm. (e esce dal fondo)
Franco ─ E andmm! (lo segue)
Delina ─ (uscendo anche lei) Fioeu, che soddisfazion!!!

SCNA VI^
Doardin, Brambilla e Nando

Doardin ─ (entrando con la posta in mano, a Brambilla) Postaa!
Brambilla─ A mi? Gh l el direttor
Nando ─ N, n, chel guarda l se gh on quaicss dinteressant (riesamina il fascicolo) Mi intanta, ghe doo anm onoggiada a chel rbb ch.
Brambilla─ Va ben. (prende la posta da Doardin che esce)
Nando ─ Tant, per la psta che riva da on poo de temp
Brambilla─ (sfogliando la posta) Gh ona fattura del Billa, ma, per qusta smm giam daccrd la cartlla di tass
Nando ─ E shoo dii mi? Che ghe la passa de l al Franchino, el ghe penser l. (notando linteresse di Brambillaper una busta) Se gh?
Brambilla─ (leggendo lintestazione) Dipartimento della Difesa Americana, in collegamento con Roma.
Nando ─ E se la voeur de numm la Difesa Americana?
Brambilla─ (allungadogli la busta chiusa) Sel voeur ved
Nando ─ N, n, chel guarda pur l.
Brambilla─ (apre e legge) Oggetto: Fornitura darmi.
Nando ─ (ironicamente) L rivada giust in temp, appna appna.
Brambilla─ Eggi, lor sann nancam nient. (leggendo) E infatti ch gh scritt: Acciaierie Brambilla e minga gi Brambilla. Gentile
Nando ─ Sar anca gentilissima, disi minga de n, ma l ona rbba de pass subit in archivi.
Brambilla─ Sintend!! Archivi subit archivi!! (proseguendo la lettura, si alza) Oeulla Pppa!!
Nando ─ Se gh?
Brambilla─ (avvicinandoglisi) Mi pensi che, prima de mttela in archivi, el fasess ben a dagh onoggiada.
Nando ─ (riprende la consultazione del fascicolo) L minga necessari.
Brambilla─ E n, chel me scusa, ma qusta l ona responsabilit che pdi n ciapp depermi.
Nando ─ (seccato) Se ghel disi mi
Brambilla─ Mi disevi insc perch ch gh la propostra dona fornidura de centmila fusil!
Nando ─ (colpito, solleva la testa di scatto) Cent mila fusil?!?
Brambilla─ (porgendogli la lettera) Eh
Nando ─ (leggendo) Eggi centmila!!!
Brambilla─ Ciombia!! Chicchinsc, a oeugg e cros, gh onordinazion de on para de miliard!!
Nando ─ Esagermm n!
Brambilla─ (staccandosi dalla scrivania di Nando) Centmila fusil a, stmm scars, vintmila franch per fusil saria duu miliard precis, percui: due miliardi esatti!!
Nando ─ E va ben, duu miliard e con qust?
Brambilla─ Nient, nient, anzi, qust el fa pussee onor al s mtto: Prima dei guadagni
Nando ─ (lo precede) il principio!
Brambilla─ (insinuante) Anca se, onordinazion da duu miliard ciombia fioeu!!!
Nando ─ (fingendo indifferenza) Si, si, disi minga de n ma
Brambilla─ E allora mi archivi. (ripensandoci) Pussee de duu miliard e si, perch, l el dis: Come prima ordinazione Chel guarda .. (gli ripassa la lettera)
Nando ─ (rileggendo) come prima ordinazione!
Brambilla─ E qust el voeur d che, a qusta, ghe ne vegner adree di alter, frsi istss magari pussee sostanzios. E pens che pareva che ma, davanti a ordinazion de sto gener, devom d che, nonostante la faccenda del Patto Atlantico e dellAmerica che la paga, el mond el sembra intenzionaa al riarmo, h?
Nando ─ P dss, ma l, con chel parl ch, doe el voeur riv?
Brambilla─ Mi? Mi da nissuna part, ma me la sentivi n de ciappmm depermi la responsabilit de archivi sta lettera, ecco!
Nando ─ Insc, adss, me lha scaricada su i m spall.
Brambilla─ El sa, l el mha dii: veda lei se c qualcosa dinteressante a mi m sembraa de si e adss l a l, come direttor, che ghe sptta de ciapp ona decision. E poeu, gh nissun mj de l che conoss i idi di s compagni.
Nando ─ L talment tanto temp che ie conossi che pdi quasi decid mi depermi e son sicur de indovin i s sentiment!
Brambilla─ Giustissim!! E allora basta, mi archivi! Per, mi, al s pst, soo n se ghavarssi el coragg de archivi ona rbba del gener. El sa, in on doman, se sa mai. Sel fuss el solit ordin, va ben oeuj, ma ch se tratta de lavor per on quai miliard!! Mi, se non alter che per scaricmm la coscienza, mettaria al corrent anca i alter. E poeu, divid la responsabilit dona decision, l grand bll sgn de democrazia!!
Nando ─ Eggi, vista insc, el ghha minga tutt i trt!
Brambilla─ Semplice e chiaro: l ie mtt al corrent e, dpo, archivio! E, sel voeur el m consili, mi ghe disi de fll subit, senza spett doman, insc l, stantt, el dorma come on angioltt!
Nando ─ Si, forsi el ghha reson. (attimo dincertezza, poi, deciso, suona il campanello) Tanto p che sar dom ona pura formalit.
Brambilla─ Daccrd, ma l mj fll subit.

SCENA VII^
Doardin e detti

Nando ─ (a Doardin appena entrato dal fondo) El scior Franco, el Gianni e la Delina, ch in de mi, subit.
Doardin ─ Subit! (via dal fondo)
Nando ─ Me dispias, perch vorevi dgh onoggiada e chi cart l.
Brambilla─ Bh, el temp de vis i alter, sent el s parer e archivi!
Nando ─ E si, se dis semper insc, ma poeu, quand se comincia a discorr ...
Brambilla─ Quand ghe n el motiv, ma quand, come ch, gh giam lunanimit, come lha dii l, se tratta dom dona formalit e minga de f di discussion, n?
Nando ─ E si, anca qust l vera.
Brambilla─ Almen l, dpo

SCENA VIII
Gianni, Delina, Franco, Doardin e detti

Gianni ─ Bh?
Delina ─ Se gh?
Franco ─ Novit? (intanto Doardin, che li ha fatti entrare, esce)
Nando ─ (che non sa da che parte cominciare) Settss gi. (siedono) Donca l che prpri adss rivaa ona lttera da l America
Brambilla─ N, chel me scusa (agli altri) a l n rivada da lAmerica, ma da Roma, spedida dal Dipartimento della difesa Americana, ufficio di collegamento con Roma.
Franco ─ Ah, i scioroni del Patto Atlantico!?
Delina ─ E me scriven a numm? Ghhann prpri ona facci a de
Franco ─ (interrompendola) E se p sav se gh su su sta lttera?
Nando ─ L el motiv per cui vhoo ciamaa: proponen ona fornidura.
Gianni ─ A numm?
Delina ─ Ma che facc de palta!! Ma se me conossen nanca!!!
Gianni ─ Ma mandi a ciapp di ratt!
Delina ─ (alzandosi) Se l tutt ch, se te mhee ciamaa a f?
Gianni ─ (alzandosi anche lui) Eggi
Nando ─ Mi, infatti, in on primm moment, avevi pensaa de div nagtta, ma poeu ona specie de scrupol insma, mi vorevi n che, in on doman, quand sariov vegnuu a savll, on quaivun el ghavss avuu on quaicss de d.
Gianni ─ Per chela stupidada ch?
Franco ─ Ma figures!!
Delina ─ E de che fornidura se trattava?
Nando ─ (titubante, a Brambilla) Chel parla pur l.
Brambilla─ (si alza a fa cenno agli altri di sedersi) Se tratta de armi fusil!
Delina ─ Figurmes! E servissen per f el pan, vera?
Brambilla─ N, ma che, ona quai vlta, pden serv a difendel, dis i guerrafondai!
Delina ─ Ma siccome numm smm tuttalter che guerrafondai
Brambilla─ smm tutti daccrd che la propsta l ona gran vaccada!!
Delina ─ Bravo!
Brambilla─ (proseguendo) Fucili centomila fucili!! (la cifra impressiona tutti)
Franco ─ Se lha dii?
Gianni ─ (a Nando) Quanti???
Nando ─ Centmila, centmila fusil!!
Brambilla─ Che voeur d, a oeugg e cros, on ordin de circa duu milioni de lavor!
Delina ─ (pi colpita degli altri) D ..duu miliard?!?!
Brambilla─ Eggi: dmila milioni!
Franco ─ (a Brambilla) Ma, el sar minga on error? el sa, quand gh de mzz tanti zeri, se fa prst a sbagli! Prpri centmila??
Nando ─ (a Brambilla)Chel faga pur ved la lttera.
Brambilla─ (si alza dalla scivania e avvicinatosi, porge la lettera a Franco; tutti si precipitano a guardare) Cinch zeri e poeu l scritt anca in letter!
Franco ─ (agli altri) Centomila!!!
Brambilla─ (precisando) Pagamento in dollari! (si guardano imbarazzati).
Franco ─ (meccanicamente) Pagamento in dollari
Nando ─ Come vedii, ghavevi reson de mettov al corrent.
Delina ─ (agli altri) Si, si, lha faa prpri ben, n?
Gianni ─ Si, si , minga che ma
Franco ─ (sentenziando) Le cifre son sempre cifre!!
Nando ─ E mi capissi anca i voster preoccupazion. De la nstra contrariet a fabbric armi, numm nmm semper faa ona question de principi: quindi, ordinazion si, ordinazion n, grand o piscinitt che sien, el principi per numm el rsta semper qull, e el nster mtto (incontra lo sguardi di Brambillae si ferma)
Delina ─ Si, va ben, el principi le tocca nissun: l l! Ma, cont el principi, dev vessigh anca la continuazion, la cunta anca qulla, n?
Nando ─ Fina a on crto punto.
Delina ─ E fina a on crto punto, fina a on crto punto (guarda Brambilla)N? (guarda Franco) N?
Gianni ─ Se tratta de principi, e va ben. Ma qull che dis la Delina l, se hoo capii ben, che on principi che da n, o da pcch de magn, l on principi del llla! (a Delina) L insc?
Delina ─ Eggi: duu e duu fann quatter, el sar on cunt de fiolin, la la somma l qulla!
Nando ─ Ma che ragionament!! (a Brambilla) Ma ie sent?
Brambilla─ Senti si, ma el ved che lha faa ben a mtti al corrent?
Delina ─ E gh onaltra rbba de tegn present: se i fusil ie fmm minga numm, vialter credii che ie fa p nissun? Ie far ona quai altra ditta e magari meno car! (tutti si guardano)
Brambilla─ La par ona rbba buttada l, e inveci l ona reson profonda. Per, se la pensov insc, el vster principi
Nando ─ E si, h? El nster principi, in sta manera, el va a fss bened!
Delina ─ Mj l che numm, n?
Nando ─ Ma su, andmm, questo materialismo puro: l minga insc che se ragiona!! (agli altri) E vialter disov nient?
Gianni ─ E se te voeuret d? Se p minga d che la Delina lha minga parlaa ciar, crt che dpo la decision ciappada a lunanimit (a Franco) E ti?
Franco ─ (confermando) Mah per mi disi che, per ipotesi, ona scappatoia la ghe saria.
Gianni ─ Qulla?
Delina ─ Sentmm
Franco ─ Ouei, intendmes, qul ch staa decis el rsta decis, anca se se podaria f on rinvio, spost la data don quai mes; allora el principi el saria rispettaa e se salvaria, come se dis, capra e cavoli!
Delina ─ A mi me par ch ghabbia reson.
Franco ─ (sentendosi appoggiato) senza cunt che, siccome el guadagn el sar tanto, se podar mtt via on quaicss per quand arriverann le vacche magre. In fin de la fera, saria ona manera per garant el futuro della ditta e salvaguard el nster principi.
Delina ─ Qust l parl ciar.
Franco ─ Intendmes: cerc crti affari, n; ma, vist che l capitaa prima de cominci la trasformazion (a Gianni) Ti, se ten diset?
Gianni ─ Bh, se vedom i rbb da sto punto de vista
Franco ─ L appunto de l che se dev guardlla. (a Brambilla) L cavalier, se ne dis?
Brambilla─ Ma mi, si, disi minga che ma, ritorn su ona decision presa allunanimit
Franco ─ Ma chi l che lha dii de torn su la decision?
Gianni ─ Eggi, qul che sera decis el resta decis, cambia nagtt!
Nando ─ (cercando di chiarire la cosa a Brambilla) Ecco, se hoo minga capii sbagliaa, el ved, cavalier, se trattaria, se mai, dom dona proroga.
Brambilla─ Ah, ecco! Per, in de sta proroga, vialter dovariov fabbric anm di armi.
Franco ─ Bh, se i mm fabbricaa fin al d dincoeu
Brambilla─ Va ben, ma i avii fabbricaa per di impgn ciappaa da alter personn. Qusta ch, inveci, la saria la primma commission ciappada de vialter.
Delina ─ E con qust?
Brambilla─ I padroni sii vialter, quindi mi disevi dom per e poeu, a d la verit, me seri affezzionaa on ciccin anca mi a sto cambiament! La fabbrica di armi che la diventa el podeva vss on esempi per tutt el mond: el m nmm, perch la ditta la prta ancam el m nmm, Brambilla
Franco ─ Ma, frsi me son minga spiegaa ben
Brambilla─ N, n: el s spiegaa benissim; crt che l n dom cont on affari che se assicura el domn dona ditta, se la dovaria minga and ben.
Nando ─ Ma, a d la verit, la lettera la diseva che qusta la saria stada la primma commission.
Brambilla─ Ah bh, se fmm cunt anca su i alter Per ch, la proroga, el rinvio, el podaria vss on ciccinin pussee longh, n?
Delina ─ Longh o curt, mi capissi n perch l, cavalier, el dev mettom davanti di perch, prpri adss che gh de guadagn ona blla cifra! Finch ie guadagnava l
Brambilla─ Scusmm, scusmm, me se smm minga capii. Mi parli del vostro ideale, del vostro inderogabile principio, mi pensi a la responsabilit che se ciappov. Ma ghe pensii? Mtt, prpri vialter, in gir centmila fusil destinaa magari a spar contra la Russia!! Ouei, disi, fioeu
Franco ─ E n, qust n!
Brambilla─ E come n? Se scioppss ona gurra?
Franco ─ Ma che gurra dEgitt!! Al d dincoeu gh p nissun che voeur la gurra!
Brambilla─ E allora perch, se gh p nissun che voeur la gurra, se fabbrica insc tanti armi?
Franco ─ I armi se fabbrichen anca per prevegni, i gurr! E anca per la difesa! (a Brambilla) L, per esempi, a la sera el va foeura de c con la rivoltlla in saccccia.
Brambilla─ Mi n, h!
Franco ─ Se faseva oniptesi: l el ghha frsi lidea de rapin qui che passa per strada? N, la prta per difendes. E insc fann anca i nazion!
Brambilla─ Ah, ecco: dom per difendes.
Franco ─ E poeu, via, se p n pens semper al peggio!!
Brambilla─ Gistissim! Ma, el sa, mi el disevi anca perch, in su i giornai del s partt, tutt i d sonen i campn a martll!
Franco ─ Ma i giornai el fann per vend i cpi,n? E, in fond in fond, anca el Patto Atlantico, chi l chel p giur che l minga staa creaa a scopo puramente difensivo? (a Gianni) N?
Gianni ─ E si, qul si.
Delina ─ (che, molto probabilmente non ha capito) Si,si.
Brambilla─ Mah! Sar!!
Franco ─ Ma che interss la p avgh lAmerica a f la gurra? E se la comincia minga lee, chi voeur che comincia? La Russia?
Delina ─ Ah, La Russia men che men!
Franco ─ Qui hinn armi che doperernn n: tutta rbba che landar a fin in di magazzin!!
Brambilla─ Anca, o, magari, ben oliada, in di cantin don quai stabiliment e, in on domani, serv a numm dipendent contro lostinazione del capitalismo!
Franco ─ Ecco, ma gurr n!
Brambilla─ Sar. Mi per condividi n el s ottimismo, mi vedi negher: negher come el catram! Gh in gir de ch nivoloni che, se dom tacca a pioeuv Per mi, se l l in pas con la soa coscienza (a Nando) E l? L giam on poo chel parla n, se ne dis?
Nando ─ MI? Mi ghhoo paura che l el ghabbia reson!
Brambilla─ (a Franco) El ved? Anca el direttor el me da reson!
Nando ─ Per ghhoo de d che, se mai, l prpri per qust che mi saria n contrari a consider la propsta. Numm, e smm daccrd, smm tucc per la pace e, per ci, contro ogni forma darmamento, ma non possiamo chiudere gli occhi sulla situazione internazionale, perch innegabile che la situazione, in questo momento, alquanto delicata!
Brambilla─ (assentendo) Qust l vera.
Nando ─ E allora, rifiutarci di contribuire, sia pure per una volta tanto, a preparare una guerra difensiva, mi sembrerebbe quasi un delitto contro la sicurezza del Paese, delle nostre famiglie e delle nostre case!
Brambilla─ Ecco, qust l on ragiomnament che me convinc e quasi el me commoeuv: si, el me commoeuv perch mi pensavi n che l el ghavss di sentiment insc nobili.
Gianni ─ Cavalier, numm ghavarmm i nster idi, ma smm minga di senza Patria!
Delina ─ Se capss: numm, senza f tanti vrs, smm frsi pussee patrioti de tanti alter.
Franco ─ Se p vss patriota senza sbandier i t sentiment tutt i d
Brambilla─ ma quand loccasion la se fa importanta
Franco ─ e quand capita el moment
Brambilla─ (concludendo) i sentiment veri vegnen a galla! Hoo capii!
Nando ─ Mi son minga de sicur on militarista, ma, de gioin, hoo faa trenta mes in di granatier.
Franco ─ Mi son staa in sussistenza perch seri sedentari, ma, anca mi, nel m congedo ghhoo su daver servito la Patria con fedelt ed onore!
Gianni ─ (alzandosi) Cinch ann de Marina, duu de sommergibilista!
Delina ─ Mi sont ona dnna e quindi ma el m nnno lha combattuu con Garibaldi! Ghhoo tant de ingrandiment in su la credenza!
Brambilla─ Mi fasevi part de l UNPA e basta, ma devi dv: Bravi! L prpri vera che, a chel mond ch, i persnn se conossen mai assee! Allora: aratri o cannoni? Fusil o pedrioeu?
Nando ─ (visto che nessuna ha il coraggio di parlare, a Brambilla) Numm vorariom sav l se ne pensa.
Brambilla─ MI? Bh, mi ghe entri n. Mi, casomai, adss che conossi i vster veri sentiment, podaroo f nientalter che approv qualsiasi decision ciapparii.
Nando ─ E allora mi disaria per el moment
Gianni ─ Per el moment, sintend, dpo se cambia.
Brambilla─ Ah, bh, qust l sottintes! E allora, accettata lordinazione: verbalizzi?
Nando ─ Ma n, qusta l, dismm, ona parentesi.
Brambilla─ Va ben, e allora (fa cenno di tacere, perch sulla scrivania di Nando squilla il telefono; tutti si guardano interrogativamente; Nando fa per prendere la cornetta, poi ci ripensa e invita Brambillaa rispondere)
Nando ─ Per pias, se sa mai
Brambilla─ (al telefono) Pronti Acciaierie gi Brambilla (ascvolta e si fa sempre pi allarmato) un momento che la metto in comunicazione con (posa la mano sul microfono) l el segretari de lonorevole Rossi chel voeur sav se l prpri ai cinch or chel dev vegn per la cerimonia! (tutti si guardano atterriti, mentre Brambilla,col microfono in mano, si gode la scena)
Franco ─ (a Nando con disappunto) Ma se thee vegnuu in ment de
Nando ─ E chi l che podeva immaginss
Brambilla─ (sempre col microfono coperto) el sptta a lapparcc
Nando ─ (sui carboni ardenti) E adss, se ghe disom?
Delina ─ (debolmente) Eee ghe disom
Gianni ─ (sollecitando Nando) Te lhee invidaa ti
Brambilla─ (divertendosi) Confermi el discors?
Nando ─ N, n
Delina ─ Schrzom?
Gianni ─ Dpo saria psg.
Brambilla─ (a Nando) Allora, sel voeur rispond. (gli porge il microfono, ma vedendo che non vuole prenderlo, lo offre agli altri, con lo stesso risultato).
Nando ─ (decidendo) Chel risponda l. L el dovar minga d tanti spiegazion e insc
Brambilla─ Va ben, ma se devi digh?
Nando ─ Chel staga in sul vago che la rbba l sospesa (agli altri) n?
Franco ─ Benone.
Delina ─ Si, si, sospesa.
Brambilla─ (riprendendo a telefonare) Pronto? scusi se lho fatto aspettare n, n non sono il direttore n, il direttore non si sente troppo bene .. ma, sa, forse un po dimbarazzo qualcosa che, momentaneamente, non gli va ne su ne gi E si, da mezzora ha ricevuto (tutti si preoccupano, ma Brambillali rassicura, tappando il microfono) N, n, son minga scemo (riprende a parlare al telefono) Mah, forse ha ricevuto qualche brutta notizia in commercio sa com e allora ha pregato me di riferire allonorevole che lo ringrazia, ma non occorre pi che si disturbi si, per ora la cerimonia sospesa.
Nando ─ (sottovoce) Rinviata.
Brambilla─ (c.s.) Rinviata, ecco a quando? (Nando fa gesti evasivi) non saprei sa, dipende da io non sono al corrente magari ordinazioni ancora in corso (tutti assentiscono) o forse altre che potrebbero (tutti dissentono) si, insomma, ancora da smaltire (assenso generale) Ecco! Ah si, dopo di che, sintende n, la trasformazione avverr senzaltro, anzi, ancora pi grandiosa e con grandi novit che novit? ah si, faranno luscita dalla parte dellingresso e lingresso dalla parte delluscita vedr che trasformazioni! Ah, ecco perch, lonorevole aveva gi il titolo (agli altri) il titolo della conferenza (al telefono) Dal cannone allaratro bello, bello, bello, e poi nuovo, originale si, si, piacer a tutti, sar accettato con entusiasmo, potr diventare il nuovo slogan dellazienda del direttore (guardando Nando) ah n, quello che detto detto noi non siamo gente da rimangiarsi la parola perch non al guadagno che noi si guarda, ma allidea.
Nando ─ (correggendolo) Al principio.
Brambilla─ (correggendosi) .. al principio. Era il nostro slogan, slogan che adesso passato (tutti stanno per protestare) per essere sostituito da quello dellonorevole Rossi: Dal cannone allaratro (tutti assentono) ossequi allonorevole! (posa il microfono e ai presenti) Va ben?!?
Nando ─ (stringendogli la mano con effusione) Cavalier, grazie!
Tutti ─ Grazie!!
Brambilla─ Prego!!


FINE SECONDO ATTO



ATTO TERZO

SCENA I^
Doardin, Nanette e poi Brambilla

Doardin ─ (introducendo Nantte) N, el gh n se la voeur la p spettll ch, perch l el s uffizzi, la sara semper su.
Nanette ─ Grazie, el spettaroo ch. ( giovane, bella, elegante e disinvolta; si guarda attorno curiosando)
Brambilla─ (entra dal fondo, e vedendola, chiede a Doardin) Ebb?
Doardin ─ La signorina la cercava el scior Franco.
Brambilla─ (risponde al saluto) Lha nancam de riv? E perch te lhee minga fada accomod in del s offizzi?
Doardin ─ L le sa che, alla sera, quand el va a c, el sara su con la ciav.
Brambilla─ Ah, gi. El ghha i segreti! Mi hoo semper lassaa tusscss avrt. (a Nantte) Bh, si accomodi pure dove vuole.
(N.B. IL DIALOGO TRA NANETTE E BRAMBILLAPUO ESSERE FATTO SIA IN MILANESE CHE IN ITALIANO)
Nanette ─ Disturbi n?
Brambilla─ N, n la sa? Mi ghhoo de f e allora foo finta che lee la ghe sia n.
Nanette ─ Meno mal, perch, se de n, ghavaria on poo de rimrs.
Brambilla─ L per qull che ghe lhoo dii, insc el rimrs ghe lha n.
Nanette ─ Grazie, l gentil.
Brambilla─ (dopo attenta osservazione) El rimrs, se mai, ghe lavar l, el scior Franco, per av faa aspett ona insci blla visitatrice.
Nanette ─ Adss sel fa, el galante?
Brambilla─ Ricrdi de giovent!
Nanette ─ (ridendo) El cred chel tarder tant?
Brambilla─ Mah ona vlta lera semper ch ai noeuv or, ma adss che l padron se sa, i padroni ghhann minga de orari. N, parli n per mi che, per trentann de fila, me son semper settaa gi a chela scrivania ch mezzora prima di alter
Nanette ─ Ah, ma allora l el saria el famos cavalier Brambilla? Qull de la donazion?
Brambilla─ Famos el soo n, qull de la donazion, si.
Nanette ─ Per!! (lo osserva attentamente)
Brambilla─ (fingendo di spostarsi) Se la voeur guardmm anca de profil E lee, che la scusa
Nanette ─ Mi son Nantte
Brambilla─ Qulla de lopertta?
Nanette ─ Adss l p insc galante!
Brambilla─ E perch?
Nanette ─ Bh, qulla l la dovaria avgh i ann de lOlna.
Brambilla─ E, la sa, siccome l ona frances
Nanette ─ Ad ogni modo son minga mi qulla l: mi son la morosa del Franco.
Brambilla─ E chi la saveva che el scior Franco el ghaveva la morosa?
Nanette ─ Se smm conossuu a San Sir, a lippodromo.
Brambilla─ Che la scusa, lha dii che la se ciama?
Nanette ─ Nantte.
Brambilla─ Ah, gi!! Per el nmm l frances.
Nanette ─ A vss sincer, el m nmm l Giromina, el sa, hann vorsuu dmm el nmm de la mia nnna, ma, siccome a mi el me pias n, mi lhoo faa divent Nantte: al d dincoeu el nmm el ghha la soa importanza! L come el se ciama?
Brambilla─ Brambilla.
Nanette ─ La parentlla la savevi, l el nmm che
Brambilla─ El m l brutt, on nmm de tant al chilo: cont el m nmm gh nient de f!
Nanette ─ Se p semper f on quaicss.
Brambilla─ Ma cont el m Arturo.
Nanette ─ (pensa e poi) Trovaa: Art.
Brambilla─ Art? N, n, me pararia de vss on can. Mj Arturo.
Nanette ─ (ridendo) Che tipo!! L, l sposaa?
Brambilla─ N, n, l voeuna di pcchi esperienz che hoo minga vorsuu f.
Nanette ─ (maliziosa) Ghe lha cont i dnn?
Brambilla─ N, n: i dnn hinn necessari, indispensabil, basta minga sposass.
Nanette ─ E perch?
Brambilla─ Mah, se la voeur; el matrimni, salvo le dovute eccezioni, per mi l el calmiere dellamore e, come tutti i calmieri, l destinaa a f spar la merce, tutt a vantgg de la borsa nera!
Nanette ─ Blla qusta, me la voeuri ricord.
Brambilla─ Che se la scriva; lee, per, la dovaria d nagtta.
Nanette ─ E perch?
Brambilla─ Perch lee l giam in discesa: lha minga dii che gi fidanzata?
Nanette ─ Si, ma in pianura.
Brambilla─ Cio?
Nanette ─ Cont el Franco smm moros, si, ma senza nissuna intenzion de sposss.
Brambilla─ O blla! Allora niente calmiere: borsa nera fin dal principio!
Nanette ─ (ridendo) Viste che, in ona manera o in onaltra ghe voeur rivgh
Brambilla─ Allora l mj salt el fss, h? E, la me disa, l la primma vlta che la ven ch?
Nanette ─ N, son giam stada ch alter vlt, ma ghhoo semper trovaa el Franco; l n che vegni ch de spss, dom quand ghhoo urgenti bisgni. Stamattina, per esempi, dovevi pass da la sarta e ghavevi bisgn don parer.
Brambilla─ Ah, ecco, perch adss el scior Franco el capiss de mda, n?
Nanette ─ (maliziosa) On poo. (alzandosi) Bh, vist chel ritarda, l mj che ripassi pussee tardi.
Brambilla─ Come la voeur Per, quand la ritorner, el s parer ghe la faga scriv su on bll assgn.
Nanette ─ (sorridendo senza risentirsi) Le sa che l l oin gran bl tipo? L furb, intelligent
Brambilla─ Foo qull che pdi.
Nanette ─ Comunque mi preferissi ripass, ma chel ghe disa nient.
Brambilla─ L mj: azione di sorpresa. Buona tattica!
Nanette ─ (porgendogli la mano) Son contenta davll conossuu. Buon giorno.
Brambilla─ Anca mi! Buon giorno.
Nanette ─ (uscendo si scontra quasi con Nando che sta entrando, si volta e con un sorriso) Bye bye!
Brambilla─ (che non sa cosa rispondere) Okay!

SCENA II^
Nando e Brambilla

Nando ─ (osservandola mentre esce) Bye bye? (a Brambilla)E chi l qulla sventola l?
Brambilla─ La mia miee! (visto leffetto ottenuto su Nando con quella affermazione) n n, tranquill; la conoss minga? L onamisa del scior Franco.
Nando ─ Ah! El Franco el ghha lamica? e gener de lusso, se ved. Per loffizzi el dovaria n serv per ponti de straforo!
Brambilla─ La ghaveva n el pontll, infatti lha minga trovaa.
Nando ─ Lha nancam de riv? Bene benone!
Brambilla─ El sar andaa in ltt tardi.
Nando ─ L minga ona bna reson! Chel faga come mi, che ai des or, l giam on bll pzz che drmi.
Brambilla─ Mi n! Da quand son diventaa on dipendent, voo al cinematografo. Le sa che adss gh el sonoro e i colori? Lultima vlta che seri andaa mi al cinema, ghera anm el cinema muto e el bianco e nero e poeu se sa, el scior Franco l gioin, e quand s gioin lamica, gli amici, San Sir e se fa a svlt a f le ore piccole!
Nando ─ San Sir? Second a l, el giuga anca?
Brambilla─ Mah, p dss.
Nando ─ E magari el prd?!
Brambilla─ Bh, quand se giuga, se p n semper vinc. Per, hinn affari s!
Nando ─ N, quand se ghha in man lamministrazion dona ditta, n!
Brambilla─ Ma perch? El ghha on quai sosptt?
Nando ─ N, ma, in crti casi, ghe voeur salv i apparenz, specialment quand i bilanci hinn come hinn!
Brambilla─ Landadura di bilanci l minga dii che la sia colpa de chi ten lamministrazion.
Nando ─ El vorar minga d che l colpa mia? Mi lavori semper come on negher ch denter!
Brambilla─ Mai pensaa! Per mi pensi che, per on dirigent, var pussee la qualit che la quantit!
Nando ─ Son bon n de dirig la ditta?
Brambilla─ Ma chi l che lha dii qust ?
Nando ─ Ma mi soo che gh chi le pensa e le dis; ma l el voeur sav qual la verit? Che ch denter, nissun fa el s dover, ne ch ne in officina!
Brambilla─ Ma mi credi
Nando ─ E chi l che parla de l? L l lunich stipendiaa ch denter e, dent per dent, mi pensi che l el dovaria avgh i nster diritti.
Brambilla─ Per lamor di Dio!!! MI ghhoo on contratt, perci o insc o licenziatemi! Ah, pdov n perch gh el blcch, quindi l mj lass i rbb come hinn.
Nando ─ Mi, comunque, parlavi di alter
Brambilla─ Hinn semper staa insc bravi!!
Nando ─ Ona vlta, ma adss i affaracci s, hinn padroni e ignorant e quand te ghheet a che f cont i ignorant bh, l el dovaria savnn on quaicss!!
Brambilla─ Si.
Nando ─ E poeu, cssa se p pretend dai operari quand i dirigent ! Ma adss basta!! Adss

SCENA III^
Anna e detti

Anna ─ (entrando dagli uffici) Scusmm, lha telefonaa el scior Franco che l adree a riv.
Nando ─ Ah, e l el cred che l assee telefonaa n, insc se va minga avanti! (a Anna) Appena el riva che la me faga avvis, mi sont in sala─macchine. (esce accigliato dal fondo)

SCENA IV^
Doardin, Biella, Brambilla e Anna

Biella ─ (entrando accompagnato da Doardin) Buongiorno. (Doardin via)
Brambilla─ U, ciao Billa, bentornaa. Sttes gi.
Anna ─ Commendador, me la va? Quand l rivaa?
Biella ─ Ier dpo mezzd, ma la va minga n nancam come la dovaria and.
Anna ─ Allora el s minga rimss?
Biella ─ Macch! L on tipo de esauriment che ghe voeur ben alter!! Trii mes de dcc e fanghi, ma ghe nhoo cavaa ben pcch.
Brambilla─ Mi, inveci, mai staa ben come adss! Me sa che i dcc e i fanghi dovarnn fai i alter.
Biella ─ Hoo sentii qull l ch andaa foeura, el me pareva on poo incazzaa!
Anna ─ Temporal in arriv (a Brambilla) se me sbagli n.
Brambilla─ Mi el soo n, ma ier qull l e el ragiontt deven av faa quatter cunt, si, ona specie de bilancio
Biella ─ (curioso) E ?
Anna ─ (anche lei curiosa) El sa on quaicss?
Brambilla─De precis mi soo nagtta, perch i m incarich hinn different, ma, a giudic di facc, mi credi che ghe sia pcch de sta su allegher.
Biella ─ Hoo anca sentii d che laffari de la fornidura americana l andaa a ballnn!! Bh, per mi, lhann prpri meritada!
Brambilla─ Ma demegh ona quai attenuante: la tentazion lera grssa!
Biella ─ Ma, de precis, perch laffari l andaa a ballnn?
Brambilla─ Mah, de precis l n chel soo
Anna ─ Cavalier, se sa benissim!
Brambilla─ Benissim n, se sosptta
Biella ─ Acciaierie gi Brambilla, n?
Anna ─ Ma sicur!! El gi Lha faa f marcia indree ai client e, con al scusa di przzi pussee bass, hann passaa lordin a onaltra ditta.
Biella ─ Lera prevedibil!
Brambilla─ E senza cunt la figura, perch, come te pdet ben immaginss, foeura de ch lhann savuu subit!! Tavsset vist che facc che girava chel d l!
Anna ─ El sa che al direttor, el scior Nando, gh vegnuu litterizia?
Brambilla─ Ma itterizia de bon, per diavol! In chi d l, el pareva on cines!
Biella ─ E tutt i alter?
Brambilla─ Giappones!
Biella ─ Povercrist!!
Brambilla─ Te see, f di brutt figur e guadagngh on quaicss a sora, va ben, ma fai a gratis
Biella ─ E, soramarss, vss ciappaa per el cuu, perch mhann dii, chel d l, in sul porton del stabiliment, ghhann disegnaa su la colomba de Picasso. L vera?
Anna ─ (asserendo) La colomba dessora de on fusil american!
Brambilla─ Che la ghaveva in del bcch on assgn in dollari: e, el d dpo, in officina, on cartelln con su d dnn: la guerra e la pas, e stta la poesia: Basta che de milioni ne riva de spss, pedrioeu e fusil per numm hinn istss! E chel Signor el perdnna el poeta!
Biella ─ Chiss come ghhinn restaa!!
Brambilla─ De bh, lassm prd, ma, de allora, ghhann p avuu el coragg de parl de trasformazion!
Anna ─ E l el capss che, se se sa minga se lavorom per la pas o per la gurra, i ordinazion calen semper pussee.
Biella ─ Quindi, laria denter ch (giungono dallesterno le voci di Nando e di Villa che litigano)
Brambilla─ Te la sentet laria che tira?
Anna ─ Ma con chi ghe lha?
Brambilla─ Me par de sent la vos del Villtta.
Anna ─ (salutando Biella) Commendador, i m risptt. Voraria n che se la ciappen anca con mi. (via dalla porta del suo ufficio)
Biella ─ Ossequi, signora. (a Brambilla) L mj che mni i boccol anca mi. (si alza)
Brambilla─ Te ghavevet on quaicss de dmm?
Biella ─ Si, ma l minga el moment. Adss foo on salt in banca e poeu, se mai, ripassi de ch per le ultimissime: voeuri sav el final!
Brambilla─ Mi son semper ch.
Biella ─ Se vedom pussee tardi. (via dal fondo)
Brambilla─ (sorridendo) Ciao Billa.

SCENA V^
Nando, Villa e Brambilla

Nando ─ (entra precedendo Villa) Nossignore! I reclami vann faa in direzion!
Villa ─ (leggermente balbuziente) Capito! Allora l semper come prima: via gerarchica, n?
Nando ─ La via gerarchica la ghe entra nient: me piasen n i comizzi in de la corridora.
Villa ─ Come a mi me pias n ricev i osservazion davanti a tutt i alter.
Nando ─ E allora fa in modo de minga meritassi.
Villa ─ E figurmes! Vegner minga gi el Dmm se vun el se allontana per fum ona sigartta!
Nando ─ Ma ti, de sigartt, ten fumet trii pacchtt al d, e, quand hinn minga i sigartt l el giornal, o pggio anm, zabettgh adree ai spall di alter!
Villa ─ El mha sentii l?
Nando ─ N, ma gh staa chi vegnuu a dmmel!
Villa ─ Ah si? E allora l el ghe disa al scior Gianni chel faria mj a vardss l, inveci de f laguzzin cont i s compagni e chel faga n
Nando ─ Cssa?
Villa ─ Chel faga n manc ai macchinari qull p dli che l ordina a tonnelld e che se sa minga doe el vaga a fin!
Nando ─ Hinn insinuazion che mi ammtti n, e poeu hoo minga dii che l staa l che l vegnuu a rifermm.
Villa ─ Se l minga l, l la Delina e la Delina la faria mj a tas e a accontentss de guadagn qull che la guadagna con lamministrazion di tuti che la ghha in consgna!
Nando ─ (irritatissimo) Mi
Villa ─ Ammtti n insinuazion, si, lhoo capida, ma hinn insinuazion che, in officina, fann tutti, anca se l, naturalment, non ammtte.
Nando ─ Sel voeur d qul naturalmente?
Villa ─ O Signor! Che l giust che l el difenda i s compagni de Consiglio di diii digestione!
Nando ─ Mi te consigli, quand te parlet de crti rbb, de minga ciapp denter!
Villa ─ E se mi son nassuun insc, se pdi fgh? Dent per dent, soo n perch, ciappi denter!
Nando ─ Specialment quand te rivet a chela parla l, vera?
Villa ─ Eggi, l vera! El se accrt anca l? Qulla l la ven mai foeura blla ciara!
Nando ─ Se ved che te la dfigerisset minga ben!
Villa ─ Eggi, la dev vss la parla stssa: digestione, la me se ferma semper ch!!
Nando ─ (con intenzione) Ma te vedaret che te la farmm diger.
Villa ─ Chel guarda, se vialter riessov a tirmm via chel diftt ch, mi disaroo on bl grazie a tutt el Consiglio di
Nando ─ gestione.
Villa ─ Ecco, prpri insc!
Nando ─ Per el moment, mi te consigli de dilla ben chela parla l, e insc te evitaree di dispias.
Villa ─ E se sarien sti dispias?
Nando ─ Vun appna, ma con denter tutt i alter: qull de mandtt foeura di ball!
Villa ─ E comel fa? In primis, gh el blcch di licenziament, in secundis mi son padron come l l (a Brambilla) o almen, mi credi chel pda n.
Brambilla─ Eh, l on padron anca l.
Nando ─ Ma anca on padron el p vss casciaa via, (a Brambilla) n?
Brambilla─ Si, si, basta mtt la ditta in liquidazion!
Villa ─ E, chicchinsc, gh el contrtt: carta canta e villan dorme!
Nando ─ Fin quand on quivun le desseda n!
Villa ─ E chel d l, vel garantissi mi, se dessedernn tucc! (poi guardando lufficio di Franco) E, intanta, vedmm de dessed anca chi ghha labitudin de dorm ancam quand ch se lavora giam da ona quai ora!
Nando ─ (che ha capito) Quand on dirigent l minga in del s offizzi, voeur minga d che l in ltt a f di sgn!
Villa ─ El ghe sar a legg el giornal!
Nando ─ I dirigent pden vss impegnaa anca foeura de la ditta, e hinn minga tegnuu a renden cunt a tucc!
Villa ─ Cmoda per, insc ghhann minga de contrll.
Nando ─ Stmm a sent, el t comportament el ghha tutta laria de vfss ona protsta! (a Brambilla) Ghe par minga anca a l?
Brambilla─ Aria?!? A mi me par vent de tempsta! Villtta
Villa ─ Ma che Villtta e Villtta mi protsti, si protsti perch disi: se servss a cssa divent padroni, industriai se se p minga tir el fiaa on moment?
Nando ─ Giust! Mi voraria vedi lor al m pst!
Brambilla─ Mi lhoo faa!
Nando ─ E desmentega minga el risptt quand te parlet cont
Villa ─ i superior, vera? E allora el sa se voeuri d? Che de sta superiorit, ghe nmm pinn i santissim; ma se vialter credov de vss diventaa pussee scrcch perch avii ciappaa laria de padroni
Nando ─ Ma che padroni
Villa ─ (continua) fin quand se trattava del padron borghes, e va ben, qull lera nassuu padron, sel smm trovaa tra i
Brambilla ─ pee
Villa ─ I pee? (si corregge, a Brambilla) Ah gi, chel me scusa
Brambilla─ Tira innanz!
Villa ─ se podeva anca sopportll, ma che pretenden de f i padroni con numm qui che, ghll p ghll meno, eren come numm, n, qull n e poeu n! E qusta lhoo dida tutta senza ciapp denter!
Nando ─ (a Brambilla) Lha senrii?
Brambilla─ Se ved che per parl polito, el ghha bisgn de incazzss!
Nando ─ Perch, second a l, lha parla polito?
Brambilla─ N, mi intendevi d che lha parlaa ciar, de filada, senza impontss!
Villa ─ Per qull che riguarda el risptt, l mj lass prd. Ve devom frsi del risptt dpo che mavii faa ciappaa per el cuu da tutta Miln con la fornidura del Patto atlantico?
Nando ─ (esasperato) Basta!! Mocchela con chela stria ch e va de l a lavor!
Villa ─ (si mette sullattenti) Signors! Tant qull che dovevi dgh, ghe lhoo dii! (fa il saluto romano, il dietro─front e esce dicendo) Agli ordini!! (via)
Nando ─ (a Brambilla) Lha vist? Lha sentii? Che insolenza!!
Brambilla─ Ma, el ved, se tratta dom de fgh su el call; mi, ultimament, ghe lavevi quasi fada!
Nando ─ E qust l on regal che ghe devom ancam a l. Gi, per via de qulla maledetta clausola.
Brambilla─ E n! Caso mai devov ringrazi dom la Commission interna, si, perch sii staa vialter che mavii mai permss de mandll a spass, quindi ..
Nando ─ El vorar minga d che, per qust, numm devom tegnissel per omnia secula seculorum?
Brambilla─ Fate vobis! Mi, fin quand hoo poduu, hoo sopportaa l e tanti alter, e, quand nhoo poduu p, vhoo regalaa la ditta!
Nando ─ Ma numm smm minga l!
Brambilla─ Qust l vera.

SCENA VI^
Anna, detti, poi Franco

Anna ─ (entrando e fermandosi sulla porta dellufficio) El scior Franco l
Nando ─ Me le manda ch subit!
Anna ─ Gi detto.
Nando ─ E, per pias, la ghe disa a Doardin de mandmm ch el scior Gianni e la sciora Delina.
Anna ─ Va ben. (via)
Franco ─ (entrando,a Nando) Se te ghhee bisgn?
Nando ─ (guardando ostentatamente lorologio) Eh
Franco ─ El savevi n che per i dirigent gh lbbligh de osserv lorari. (a Brambilla) El gh?
Brambilla─ Per qui dona vlta, ma al d dincoeu?
Nando ─ Lorari el gh per tucc, soratutt per i dirigent che deven d el bon esempi, e anca perch gh giam chi ha faa not che ti te rivet quand che te par e pias!
Franco ─ Qui l el fann per parl!
Nando ─ N, perch, denter ch, de rbb se ne dis giam assee! Senza cunt poeu, che on quaivun el podaria avgh bisgn de domand oninformazion, de consult on register. E ti te ghheet el malarbtt vizzi de sar su a ciav el t uffizzi, che, tra lalter, la me par ona rbba minga trpp giusta.
Franco ─ Podaria vegn la tributaria e, qui l, la prta la sbatten gi.
Nando ─ Mi, ghe sont el direttor, la ciav ghe la lassi al Doardin.
Franco ─ E a mi me fa minga pias che altra gent la cascia el bcch in di m cart!
Nando ─ Ma nissun voeur cascigh denter el bcch, anca se chi document l, rappresenten linterss de tutti.
Franco ─ Si, ma se tratta de cunt e, di cunt, son responsabil dom mi.
Nando ─ Quand te ghe see, ma quand te ghe see n?
Franco ─ Ooohh insma, adss son ch: se gh?
Nando ─ Gh la question del bilancio: dovarmm ben parlnn, n? Dovarmm ben digh anca
Franco ─ (interrompendolo) e si, almen per la notizia che
Nando ─ Prpri per qull. Mi credi che sia necessari che tutti sappien che (a Brambilla) N?
Brambilla─ L vster dover!
Franco ─ Ai alter duu te ghhee ditt on quaicss?
Nando ─ (fa cenno di no col capo) Hoo preferii che fussom ch tutti, i hoo appena faa ciam.
Brambilla─ E siccome qusti hinn rbb on poo delicaa, l mj che mi (si alza)
Nando ─ Comel preferss! (entrano Delina e Gianni)

SCENA VII^
Gianni, Delina e detti.

Gianni ─ E allora, se gh?
Delina ─ Ona quai altra rogna?
Nando ─ Settives gi.
Brambilla─ Mi voo de la on moment a dett la lettera per qulla multa
Nando ─ Ah, gi, chel se cmoda pur.
Brambilla─ Insc, dpo, ona firmtta e via (esce dallufficio di Anna)
Nando ─ Prima de tutt on p de bilancio. Devom, soratutt, ammtt che sto primm ann desercizi el se sara minga su tanto ben.
Gianni ─ mm giam sentii ona quai campana.
Delina ─ E incoeu sentirmm el campanon. E la colpa de chi l?
Nando ─ La colpa, caso mai, va ricercata nelle circostanze.
Delina ─ Gh pcch de and a ricerc! Se, ona vlta decisa la trsformazion, numm avariom tiraa drizz, senza fagh loggin de pss lss a la Merica
Nando ─ Ma andmm!! Ma se te see stada prpri ti la primma a eccitss tutta!
Delina ─ Per forza! Pareva ghe dovevom f nientalter che derv la bocca
Gianni ─ E, inveci, l stada ona boccada de mosch!
Nando ─ Colpa nstra? El perch el savii tucc e, smm sbagliaa, mm sbagliaa tucc insmma!!
Gianni ─ Lassmm prd . Oh insmma, parlmes ciar, chicchinsc s semper faa qull che te vorevet ti!
Nando ─ Ma come? Ma se vhoo semper interpellaa prima de
Gianni ─ Ma ti te see staa on poo dittatoriale! (a Delina) Vera?
Delina ─ L vera! Con qulla soa vos, poeu, quand el parlava, el pareva chel parlss de Palazzo Venezia! El me stordiva, e numm disevom: va ben!
Nando ─ Sntela l: l prpri lee qulla che la se fa stord!!
Gianni ─ E va ben, ma, senza girgh tant in gir, vegnmm al sdo. Smm prpri insc consciaa?
Nando ─ (allargando le braccia) Eh, el bilancio (passa una copia del bilancio a tutti) el ve spiegher tusscss con ciarzza.
Delina ─ Capii, ho capito: smm al De Profundis! e adss chi l che paga?
Gianni ─ El sindigh de Miln n de sicur!
Nando ─ I primm pss, se sa, hinn semper i pussee difficil
Delina ─ Chiss i second!!
Nando ─ (ignorandola) eventualment se tassom de on tot a testa, e el trattegnom de la paga.
Gianni ─ E qusta eventual trattegnuda, come landaria fada?
Nando ─ Lhoo dii: on tt a tsta!
Delina ─ Istss per tucc?
Nando ─ (assentendo) Eh.
Delina ─ E n, h? Car el m bll direttor, per mi l minga giusta!!!
Nando ─ Dal moment che smm tucc propietari a la stssa manera
Delina ─ Ecco, quand per se parlava de spartss on quaicss, mi hoo sentii parl de proporzionale.
Nando ─ Ma se te se stada prpri ti che thee traa in pee on gibilee de la malora perch ghavssom avuu tucc istss?
Delina ─ De qull de spart Ma ch se tratta de tirai foeura!!!
Nando ─ Comoda!
Delina ─ L qull che disi mi: comoda!!
Nando ─ Ben, ma qusta l ona rbba che podarmm ved pussee innanz, menter chicchinsc gh di rbb che vann affrontaa subit, e, prima de tutt, la question di spes. Devom, soratutt, cominci a f economia! I spes de lofficina, per esempi
Gianni ─ Mah, in officina mi vedi n doe che se pda
Nando ─ (guardando il bilancio) tant per dnn voeuna: dom de lubrificant, qustann, mm spenduu el doppi de lann passaa, e i macchin hann lavoraa on tcch meno!
Gianni ─ (sentenzioso) Quand i macchin lavoren meno, vann lubrificaa pussee! Se de n fann la croppa e se rovinen.
Nando ─ Sent, prima de ti, el cappofficina seri mi, e mi te disi che cont el lubrificant che thee consumaa qustann, gh addirittura de allag tutta lofficina e poeu succed che i alter, naturalment, voeuren sav doe diavol vaghen a fin tutti sti lubrificant!!
Delina ─ Gianni, qust l vera: l on barbottament general!
Gianni ─ General o colonnll, i lubrificant vann a fin doe deven and a fin!! Ie portaroo minga a c mi per cond linsalata? E, per quanto riguarda leconomia, se prpri devom parlnn, perch cominciom n a fll dalla fornidura di tuti?
Delina ─ Eeeehh?!?! Ma sii adree a scherz? Sui tuti, pussee economia dinsc, l mai stada fada.
Gianni ─ (battendo una mano sul foglio del bilancio) Delina, la cifra de qustann la supera qulla de lann passaa del 40%!
Franco ─ I numer parlen ciar!
Gianni ─ E pens che i operari, di vlt, a paren di barboni!
Delina ─ E se se laven n, mi se pdi fagh? L per qull che consumen pussee tuti!
Nando ─ E allora se dev stagh pussee attent, tutti hinn bon de stras, ma dpo, quand veden certi cifri hinn bon de domandss:
Gianni ─ Ma doe vann a fin tutt sti tuti?
Delina ─ Uej, gent, comincmm n cont i insinuazion, se de n mi ciami on avvocatt!
Gianni ─ (indicando Franco) Caso mai per l: i numer ie scriv l. E, tant che parlom de numer (riguarda il bilancio) mi voraria che me ciarissov ona rbba: chicchinsc gh on monton de or de straordinari. El lavor l staa meno, eppur gh staa on quaivun che lha faa tanti de chi or straordinari l on rebus!!
Delina ─ Eggi, i numer parlen ciar, eh scior Franco?
Gianni ─ Quand l succss tutt sto bordeleri de dov f tutt sto straordinari?
Franco ─ (in imbarazzo) Mah l rbba vggia, ancam di primm mes, per via del trapass. Per ghhoo anm i pzz giustificativ!
Delina ─ E allora guardemei, sti pzz! Mi soo che i pzz ghe i aveva in sui ciapp qull l, e adss el vedi and denter in del profumee!!
Franco ─ Mi speri che vialter pensov n se de n saroo obbligaa anca mi a ciam on avocatt!
Delina ─ Benoni, insc ve pertarmm a tutt e duu i sigartt a S. Vittor!
Franco ─ Caso mai atutt e trii: vedi tute!
Delina ─ Ancam?
Nando ─ Oh insma, basta!! Smm minga ch per dagh a tr ai pettegolzz, e allora devom stgh attent anca ai apparenz. Per esempi, se on quaivun el compra, sen soo mi, ona radio noeuva e de lusso, l minga necessari dighel al Popol e al Comun!!
Gianni ─ Hoo capii, qusta la me ven a mi! E se mi ve disessi che qulla radio lhoo comprada cont i m risparmi?
Delina ─ Te me disariet ona blla balla!
Franco ─ Se dis che, quand l rivada a c toa, lera imballada in ona cassa della stssa ditta dei lubrificant!
Gianni ─ Come d che mi vendi i lubrificant per
Delina ─ Gianni, lhoo sentii d anca mi.
Nando ─ E tutt qust el da reson a qull che disevi mi prima, e parli per tucc!
Franco ─ Mah, mi credi che mi
Nando ─ E n, h?
Franco ─ Se te voeuret d?
Nando ─ Mi voeuri d che, quand vun el ghha di sgarzolitt, e de lusso, el dev n ricevi in offizzi, e el dev n riv a lavor tutt profumaa!
Delina ─ E mi shoo dii? Lhoo mai sentii spuzz insc tant!!
Franco ─ Per qull che riguarda la mia amisa, mi devi rend cunt a nissun, e, in quanto a qull che pden d i alter, mi me ne sbatti i santissim.
Nando ─ E n, perch dpo, crti spes doffizzi, fann pens e cipp. Ch, per esempi, gh scritt: Una poltrona letto e qusta la comincia giam a vss ona spesa personal.
Delina ─ Mah!! Spermm che, almen a qulla tosa, el ghabbia faa f debon del lavor straordinari! (squadrandolo) Ma, a vard ben el soggtt mmm!
Nando ─ (perentorio) Mi te ordini de tas!
Delina ─ (piano a Gianni) Al, manca dom el balcon, e smm a pst! E poeu el dis de minga vss on dittator!
Nando ─ Ma che balcon, che dittator, ragionmm puttst! Donca, per parl
Delina ─ Ehia ehia
Nando ─ Mi ve ripeti: evitate le apparenze e se eviter tutt i ciaccer!
Franco ─ Si, te ghhee voeuja: quand se voeur spu velen
Nando ─ L minga vera: su de mi, per esempi, nissun p d nagtta!
Delina ─ Sicur?
Nando ─ Sicurissim!
Delina ─ Mah! Prpri ier vun el mha dii che el scior Nando laveva ordinaa el Mercedes e che el tira lacqua
Nando ─ Respingo linsinuazione!
Delina ─ Chel se calma, che l minga el caso de scaldss la pissa!! Puttst, consolmes, perch, me par, che ch, chi p e chi men, on ciccinin de coa de paja ghe lmm tutti!!
Nando ─ (irritatissimo) Ma che paja e paja!
Delina ─ Chel se calma, direttor, l dom ona vos che corr.
Nando ─ Ma tas on poo, ti, e pensa ai tuti.
Gianni ─ e ai braccialtt!
Delina ─ (toccata sul vivo, irritatissima) E ti, faccia da cent franch tr ball, pensa ai lubrificant (vede che Franco conferma le parole di Gianni), e ti ai poltron ltt Mi ghavaria verggna e, se appna appna, me ven in ment de derv el liber, Dio ne scampa!!
Brambilla─ (entra dal fondo)
Nando ─ (teso al massimo) Cssa? Su, sentmm! (vede Brambilla) Ssstz!
Brambilla─ (dal fondo, con una lettera in mano) Ghhoo ch el ricors contra la Previdenza ona firma e smm a pst.
Nando ─ (sgarbatamente) Che la mtta l.
Brambilla─ Ghe voeur spedlla incoeu: l lultim d.
Nando ─ (c.s.) Ma che la mtta l! Vegner minga gi el mond se
Brambilla─ Mi el disevi in del s interss per p firm anca lamministrador (e si dirige verso Franco) Prego.
Franco ─ (sgarbatamente) E se ghe entri mi? Chel faga firm a che ghe sptta.
Brambilla─ Ma shoo faa? On quaicss che va n? Perch, se l minga insc, mi capissi n. A mi me par davgh diritto al voster risptt! In fond in fond, mi vhoo regalaa ona ditta!
Nando ─ El sa se ghhoo de digh? Che, in trentann che lavori, me seri mai magnaa el fidigh come qustann!
Gianni ─ L! Dom l, vera? Con chi brbr che ghhoo de f mi, in officina?
Franco ─ E mi? Son mai staa controllaa a vista come da on ann a sta part!!
Brambilla─ E mi che credevi davv faa on gran bl regal
Gianni ─ Cavalier, qusta ch l ona barca che se la seguta a navig insc
Delina ─ me salta foeura nanca el stipendi.
Brambilla─ Mi soo dom che, quand ve lhoo dada mi, la barca landava ben, minga come credevov vialter, ma
Delina ─ Se ved allora che i navigant de adss
Gianni ─ se ved.
Nando ─ Se se riferissov a mi, mi disi che se podeva n f pussee de qull che hoo faa e che foo ancam adss. D e ntt stoo l a scervellmm tant che riessi nanca p a dorm!! E, per ringraziament, mi tiri lacqua al m molin (a Brambilla) Lha capii? E, second mi, qust l nientalter che el principi, perch oramai chcchinsc, car el m cavalier, se viv pin de sosptt e diffidenza, e, on d o lalter, landar a fin che se scannom, e, prima de riv a sto moment, se sii daccrd con mi, mi proponi de sar su, vend e salv el salvabil.
Brambilla─ Nuovo slogan: Salvare il salvabile! Eggi, el saria bll e cmod ma se p n, non si pu: vietato menare le tolle!! (a Delina che lo guarda perch non ha capito) Vietata la vendita, articolo primo del contratto di cessione.
Nando ─ (scattando) El vorar minga che se coppomm?
Brambilla─ Son minga mi che pdi obbligav a divent cuu e camisa, ma vend n, se p n!! Articolo primo del contratto.
Nando ─ E allora el sa se ghe disi? (scruta gli altri) E se, come credi, anca i alter la pensen come mi, allora mi ghe disi: Cavalier, grazie del regal, ma che se la riciappa indree, la soa ditta! O el contratt el proibiss anca qull? (tutti aspettano la risposta di Brambilla)
Brambilla─ (dopo una breve pausa) N, qust l minga proibii, ma l el parla come sel fuss lunich padron ch denter, ma gh anca i alter. (li guarda)
Gianni ─ Per mi, pussee che dispst.
Delina ─ Almen la busta la saria sicura!
Franco ─ Vist doe smm rivaa
Nando ─ (rammaricato) Dpo tanti mes, l la primma vlta che smm tutti daccrd!!
Brambilla─ Vialter, ma desmenteghss n che ch, i padroni, hinn tucc. E se, per f on esempi, el Doardin el fuss n daccrd? Ghhoo de tegnll come scio?
Delina ─ Ghe pensi mi: quand el sentir che gh de smenggh in su la paga
Gianni ─ Cavalier, l assee legg el bilancio, e sarann tutti daccrd.
Nando ─ E poeu, el sa, el pias de disfesciss de numm
Brambilla─ Qust l pcch ma sicur.
Nando ─ L l, puttst, chel dev dmm se lacctta o n.
Brambilla─ (dopo una pausa) Capirii che insc, in sui duu pee
Nando ─ Se l per la situazion momentanea de lazienda se podaria
Brambilla─ Ma n, l n per qull, l che seri minga preparaa, ecco.
Nando ─ Anca numm, on ann fa, serom minga preparaa, ma l lha vorsuu la rispsta subit.
Brambilla─ Che discors!! Per vialter la rispsta lera pussee facil, vialter
Nando ─ Chel me scolta, Cavalier, intanta che l el ghe pensa, numm fmm qull che gh de f; (agli altri) andmm, tutti deven vss daccrd ma mi credi (raccoglie le copie del bilancio)
Franco ─ Per i numer ghe pensi mi.
Gianni ─ (seguendo Nando e Franco) Mi disi che ghe parir on sgn!
Delina ─ (seguendoli) Preoccups n, che, a convinci, ghe pensi mi!
Nando ─ (rientra) L, intanta, chel ghe pensa; per numm l rbba fada! (via)
Anna ─ (dal fondo) Cavalier, smm tutti convocaa in officina: se gh? Ona quai novit?
Brambilla Nient, nient, l la malattia che la fa el s cors. Me sbagliaroo, ma doman ghavaroo in man tusscss anm mi.
Anna Debon? Ghe smm?
Brambilla --- Che la vaga, e buon divertimento!
Biella (entrando) E allora? Se succed? El Doardin el mha dii: Chel vaga pur denter, numm ghmm ladunata generale in officina e l scappaa! Se gh?
Brambilla (indicando la sua vecchia scrivania) Frsi dovaroo settmm gi ancam ch. I m padroni mhann rifilaa ancam la ditta in sul groppon.
Biella (meravigliatissimo) Noo!?!?
Brambilla Restituzione al prezzo dacquisto. (ci ripensa) Pi qualche incerto, ma va ben istss.
Biella Ghavaria giuraa! E, come mai?
Brambilla Quand el barcon el comincia a f acqua, se rid el timon al vecchio marinaio.
Biella E, il vecchio marinaio?
Brambilla El pensa de accett!
Biella Ben, son content, l ona gran blla soddisfazion. Blla soddisfazion per ti e, soratutt, ona blla sconfitta per i estremisti!
Brambilla N, sconfitta n, caso mai debolezza umana. I idi politich ghe entren si e n: l minga dii che qusti ch sien de qui che
Biella L minga dii, ma se p pensll!
Brambilla Bh, per adss gh ancam la libert di pensiero.
Biella Si, daccrd, ma a qusti gh bastaa ved quatter ghi, per rimangiss tutt el s pacifismo!
Brambilla Debolzz Biella, debolzz! In fin de la fera hinn men come i alter.
Biella E n, h? I borghesi, come disen lor, almen ghhann on poo pussee de class.
Brambilla La class la simpara cont el temp. Te vedet, mi e ti, quand se settom gi a tavola, se comportom in ona crta manera perch qulla de and a tavola, er numm, l onabitudin. Ma ti proeuva a mtt di gran piatt de ristt davanti a di pr sacranoni abituaa a digiun, te vedaree che rebeltt che succed!!
Biella Ma ti te i difendet?
Brambilla N, mi cerchi de cap la situazion. I primm vlt che te ghheet in man di danee, hinn come el primm amor: te ven la balorda!
Biella Sar, ma mi, a vss al t pst, adss, quand riciappi in man i redin de la ditta, ona blla storgiuda ghe la daria pussee che volentera.
Brambilla Ecco doe mi te capissi n: qull l el saria on error ancam pussee grave! L sta mentalit che ghe voeur corrgg, mentalit che, missa insmma ai mass che se lassen piss stta el foeugh, la prta a la tension e ai disordin! Bisgna adeguss ai temp, car el m Billa, e andagh incontra a chi se la passa mal: Accorciare le distanze! Tra tutt i pirlad che hoo sentii in sti ultim ann ch, qusta l lunica frase seria. E, per cunt m, qust el dev vss el punto di partenza per viv tutti pussee tranquill! Ma ti te troeuvet giust che vun el ghabbia palazz, villi, casti con magari cinquanta o cent locai voeui, quand gh vcc, dnn fioeu che viven in di barcch o stta i pont?
Biella N, qust n
Brambilla E allora te vedet che gh minga de equilibrio? Andagh incontra incoeu, per evit de scentrss doman. Se podaroo, te see qulla che l la mia pussee granda aspirazion? Fa qull che, anca ch in Italia, on quai industrial che ghe ved on ciccinin pussee di alter lha giam faa e cio creare per i nostri dipendenti tali provvidenze che diano veramente il senso di solidariet nel lavoro, provvidenze che diano la serenit e la gioia di lavorare, faggh sent che, se lavoren per el padron, lavoren anca per se stss.Tlla ch la vera politica social!!
Biella Te credet?
Brambilla Convintissim! Mi vedi che l n dom ona question de coscienza, ma de convenienza! Storgiuda!! Te vedet, Biella, se mi dovssi riciapp in man la ditta, ona vlta rimissala in carreggiada, podaria anca pens de dagh ai operari una partecipazione agli utili!
Biella Ti te fariet qust? Debon?

SCENA ULTIMA
Delina, Gianni, Nando, Attilio e detti

Delina (entrando quasi trionfante) A l andada benone! Appna leggiuu el bilancio, hann taccaa a ziffol chel pareva on comizzi.
Nando e qull che ziffolava pussee de tutti, lera el Villtta!
Brambilla Allora tucc content?
Delina Tucc, tucc!! (Biella sgaiattola via)
Nando E corr anca vos che, se ghe dmm indree la ditta a l, gh la possibilit de pod avgh ona partecipazione agli utili.
Brambilla E al!! Ricominciom cont i pretes?
Franco El sa come l corr la vos
Brambilla E quand ona vos la corr, h? Ma come pdi av pensaa ona rbba compagna, se hoo nancam de accett la restituzion?
Nando Ma, se lacctta?
Brambilla Se mi laccettassi, voraria, prima de tutt, rived certi rbb, (guarda Delina) in che stato hinn i tuti
Delina Tutt in ordin, cavalier.
Brambilla Ie riguardarmm insma, (guarda Gianni) se i macchin hinn lubrificaa assee
Gianni Tutt a pst, cavalier.
Brambilla (a Franco) E, magari, rivedarmm insma anca i register!
Franco Precis al centesim!
Brambilla El mtti minga in dubbi, comunque, i rivedom insmma, e, su la prta de luffizzi, on bll cartll: Proibito lingresso ai non addetti ai lavori.
Delina -- straordinari!!!
Franco Daccrd!
Brambilla In quanto poi allinteressenza, se podar parlnn quand i liber sarnn in perftt pareggio: qust per minga f che ghe smenov on quaicss! Donca, vialter comincii col vuttmm a and in pareggio, e dpo, casomai, saroo mi a dav linteressenza, minga vialter a pretendela! Accettii?
Nando (riprendendo il tono e la posa da comizio) Io credo dinterpretare il pensiero di tutti
Delina Per lamor di Dio, basta balcon!! Accttom tucc con entusiasmo, vera?
Gianni Si, si, nanca a parlnn!
Franco Senza nissuna condizion?
Brambilla --- Si, voeuna: qulla de lavor e rig drizz!
Nando Se de n, el me licenzia?
Brambilla Peggio: ve doo indree ancam la ditta!!!

FINE