Cchiù scuru di mezzanotti ‘un po’ fari!

Commedia brillante in tre atti di:

GIOVANNI ALLOTTA



Prefazione
La storia in questione tratta, il grave problema della disoccupazione che opprime la quotidianità delle famiglie Siciliane. Spesso, ci si ritrova da un momento all’altro senza lavoro, e senza speranza di poterne trovare un altro nell’arco di poco tempo. Purtroppo la Sicilia, per mancanza di aiuto dello stato, si trova a non dare sostegno ai giovani, e quindi, vengono abbandonati a se stessi. Molti giovani, divengono vittime del proprio inconscio, e sono costretti ad imbattersi in strade che non porteranno mai alcun sbocco positivo, spesso è tragico! In chiave ironica e con tanta comicità, ho affrontato un tema che ha segnato la vita di molte persone, e spero che tra una risata ed un’altra, si considerino i problemi dei giovani! In modo tale, che una nuova realtà, bagnerà il nostro futuro, di speranza!

Nel corso della lettura della commedia, troverete dei vocaboli, espressamente scritti in puro dialetto. Accanto, ci sarà il significato in italiano, evidenziato da: / ........./



Personaggi

GIANNUZZU Capo famiglia
MADDALENA Moglie
MICHELE Fratello Maddalena
DON TANINO Padrone di casa
ROSOLINO Creditore
GRAZIA Casting provini
MAMA’ Mamma di Maddalena
DOTTORE
LUISA Fidanzata Michele




La scena inizia con Giannuzzu, è nervoso.

GIANNUZZU
(Parla come se ci fosse qualcuno. Monologo)
-Prego, si accomodi.- -Chi è, si scanta a trasiri?-(Con rabbia) -Mi ha detto mia moglie, che lei l’ha minacciata, vero è?- -Certo, fa u scartu, cu ‘na fimmina! U facissi cu mia u scartu!- -Chi è, di mia si scanta!- -Lei è il padrone di casa havi tutti i diritti, ma ‘un c’è bisogno di veniri ogni ghiornu a tuppuliari nna me porta, picchì avanza ‘na para di misi di casa!- Comu, su chiossà?- (Sorride) -Nun mi facissi ridiri! Lei, fa tutti sti abilii picchì avanza due anni di casa! Chi su dui anni di casa, nell’amicizia.- -Malu pagaturi, a mia? Vidissi ca ci fazzu agghiuttiri tutti i denti. Ci fazzu quattro mossi alla Karaté ku-fu. (Fa delle mosse) -Nun si scanta, ca nun l’ammazzu veru, si mi jetta ‘n mezzu a strata, (Fa il verso di tagliare la gola) caput!

MADDALENA
( Fa delle mosse di arti marziali, la moglie lo osserva da dietro e poi si scaglia su di lui, dandogli uno schiaffo dietro il collo) U sapia ca si cretinu, ma ca si puru pazzu, no!

GIANNUZZU
Pazzu ju? A pazza tu si, ca arrivi e mi dai ‘na timpulata ca mi facisti ballari tuttu u ciriveddu! Almenu, mi putivi avvisari!

MADDALENA
Avvisari? Si ti dicia, ca darreri u cozzu havii ‘na musca, ti muvii e …

GIANNUZZU
(La precede) A musca vulava!

MADDALENA
No! E io,’un ti putiva dari a timpulata!

GIANNUZZU
(Toccandosi il collo, si lamenta) Porca miseria! U sai ca si mi davi stu timpuluni cchiù forti, mi putivi rumpiri a camera d’aria du ciriveddu?
MADDALENA
(Ironica) Mischinu, chi l’avemu piatusu! Puru ca si rumpiva a cammara d’aria du ciriveddu comu dici tu, poi a purtavamu nno gommista e ta facivi riparari!

GIANNUZZU
Se,tu scherzi! (Si tocca il collo) A mia,mi fa veramenti mali! Ora, pi curpa tua, dumani a travagghiari ‘un ci pozzu iri!

MADDALENA
(Ride con ironia) Pi curpa mia,’un po’ iri a travagghiari! (Ride) Allura, a cammara d’aria du ciriveddu, veru si bucò! (Ironica) Ma in quali travagghiu a ghiri? Chiddu ad arricogghiri mozziconi di sigaretti? (Adirata) Havi un annu chi ‘un travagghi, chi è tu scordasti?

GIANNUZZU
Oh,a curpa chi è a mia, si nascivu disoccupatu? Bho! E poi, in Sicilia è di moda essiri disoccupatu!

MADDALENA
Ah, è di moda essiri disoccupatu? È chiddi chi travagghiannu sunnu i fissa! Appostu semu! E Mussolini vuliva vinciri a guerra! Ma spiegami ‘na cosa, va puru di moda in Sicilia essiri pazzi?

GIANNUZZU
(Nervoso) Ma chiffari dda rintra ‘un hai! Inveci di veniri cca a rumpirimi a testa chi to discursa! Vatinni dda rintra e lassami in paci!

MADDALENA
(Adirata) Sparti t’arrabbi! Havi dantura ca ti sentu parrari, mi parìva ca c’era corcunu, vegniu, ‘un viu a nuddu, che pinsari?!

GIANNUZZU
Nenti, ‘un a pinzari nenti! Mi allenavo a fari i prove, pi quannu veni don Taninu, accussì sacciu ‘n zoccu c’è diri!

MADDALENA
(Ironica) Accussì sai ‘n zoccu c’ha diri? Di dove ti è venuto tutto stu coraggio? Chi è, la tua cretinaggine, divintò stupidaggine? (Con rabbia) Ma viri, si ta ghiri a curcari tu! Ogni vota ca veni don Taninu, t’ammuci, sutta u lettu, e ci dicu ca ‘un ci si! E tocca a mia fari u masculi di casa!

GIANNUZZU
(Ironico) Ma ora, non mi ammuccio cchiù! (Con enfasi) Metterò in evidenza le mie doti marziali?

MADDALENA
Doti marziali? Ma chi è navutra malatia nno ciriveddu ti vinni?

GIANNUZZU
Ma quali malatia!(Dandosi arie) Prima che mi sposassi con te, facevo tanto sport, tra cui le arti marziali (Allunga la gamba) Vedi che sono atletico? Con me, non avrai più problemi! Qualcuno ti disturba? Alzo sta gamba(Fa una mossa)lo metto ko!

MADDALENA
Chi maritu forti chi haiu!(Giannuzzu si da arie) E ju pinsava ca eri sulu cretinu. Ma ora vju, ca si troppu convintu, quindi si cchiù cretinu di chiddu chi ju pinsava! (Giannuzzu s’irrita un po’)

GIANNUZZU
Senti cu parrò, pippi calze lunghe! (Impettito) ‘Un ti scantari! Dicci chi veni don Taninu. Iddu trasi da porta e ju u fazzu nesciri da finestra! Da oggi, dintra sta casa, cumannu ju e i problemi l’affronto io! Cu veni veni,l’assicutu a calci in culu! Sugnu tantu arrabiatu, ca don Taninu, sulu sulu cu me sciavuru, hava girari strata!

MADDALENA
Se picchistu, ogni vota chi ti levi i scarpi profumati, i genti ‘un passanu mai da nostra strata! (Bussano e va alla finestra)E don Taninu! (Giannuzzu, si preoccupa. Bussa di continuo)

DON TANINU
(Da fuori scena)C’è nessuno in casa?

GIANNUZZU
(A Maddalena, spaventato) Dicci ca ‘un ci semu dintra!

MADDALENA
Mi dispiace don Taninu, non c’è nessuno in casa!

DON TANINU
(Da fuori) Maddalena chi dici? Non c’è nessuno in casa e staju parrannu cu ttia?

MADDALENA
(Imbarazzata) Si,sono in casa, ma è come si ‘un ci fussi! Mi siddiò a stari dintra e sono andata a farmi una passeggiata a pigliarmi ‘na manciata di aria! Mancu me maritu c’è! Ciù giuru! Ora ciù fazzu diri di iddu (Incita Giannuzzu a parlare)

GIANNUZZU
Don Taninu, baciamo le mani, me mugghieri havi ragioni, mancu ju ci sugnu dintra! Idda nisciu a farsi ‘na passeggiata e io niscivu pi farmi ‘na caminata. Quindi, dintra ‘un ci semu. Vinissi dumani! (Sorride in silenzio, assieme alla moglie. Entra don Taninu un uomo possente e li osserva, ma loro non lo vedono. Lo vede prima Maddalena e si spaventa. Giannuzzu continua a ridere quando lo vede gli viene un colpo e si zittisce a lampo)

DON TANINU
(Tono alto) Ma chi è, stai male? Ti è tirata la voce?

GIANNUZZU
(Impaurito) Ma che tirare voci! Stavo ridendo in silenzio,pi ‘un mi fari sentiri di lei! Lei sa, che mi piace scherzare e quindi ... (Viene bloccato da l’urlo di don Taninu)

DON TANINU
Silenzio! Menu mali ca mi portu sempri cu mia i chiavi ... (Alludendo) da me casa!

GIANNUZZU
A so casa? Don Taninu, chi è vi sintiti mali? (Alza il tono di voce) Un mi facissi arrabbiari, picchì divento peggio di Bruce Lee, alla riscossa! Chista è casa mia! E basta!

DON TANINU
(Si avvicina a Giannuzzu con malintenzioni ) Di cu è a casa?

GIANNUZZU
(Spaventato si stringe a Maddalena) A vostra e a casa, non vi arrabbiate! State calmo,io stavo scherzando! Quà ‘un c’è nuddu che lo mette in discussione! Fati u bravu, ca vi fazzu u caffè!

DON TANINU
Invece c’è chi lo mette in discussione!

GIANNUZZU
(D’improvviso diventa un duro) Cu è chistu, ca dici sti cosi? Certo,che dice così,picchì non ha ancora assaggiato,queste cinque dita di violenza! Picchì ‘un mu dici davanti, ca mu manciu! (Cerca in giro per la casa) Nesci, fitusu! Maddalena, ma tu a chistu la vistu? (Maddalena dice di no. A don Taninu) Don Taninu, ‘un si fici vidiri stu fitusu, si lu viu ci stiru aricchi! Intanto, fazzu a guardia a casa!

DON TANINU
Finisti di fari a commedia? Stai calmo, u sacciu cu è stu fitusu (Gli tira l’orecchio) U vidi cu è? Si ‘un mi paghi, almeno metà daffittu, vi jettu ‘n mezzu a strata! (Maddalena va in soccorso del marito)

MADDALENA
Lassatilu iri, don Taninu! (Tira il marito per il braccio, don Taninu non lascia l’orecchio di Giannuzzu. Si crea un tira e molla. Don Taninu lo lascia cadere. Viene coccolato) Gioia mia, chi ti facisti! (A don Taninu) Nun havi cori!

DON TANINU
Nun haju cori? Pi aviri cori che fari, ve lassari stari nna me casa, senza pagari? Ju a testa ci scippu!

GIANNUZZU
(Si alza) Don Taninu si carma, parramu, si assittassi, facissi finta ca è a so casa.

DON TANINU
Insisti? Si vegniu docu tutti dui ti scippu aricchi! Mettitillu n’ testa a casa e a me!

GIANNUZZU
U capivu capivu! E’un modo di dire.(Si siedono a parlare) Lei havi ragiuni, ma chi ci pozzu fari si ‘un c’è travagghiu. Di dunni mi giru giru, tutti i porti chiusi! Ultimamente, travagghiavu ‘nta ‘na ditta cca i piccioli si vidivanu ogni morti di papa, ora fallì e persi dui mila euro! Mi dicissi lei, chi fa m’ammazzu?

DON TANINU
No, pi carità! Prima dammi i piccioli e poi t’ammazzi! Anzi, si nun mi dai cocchi cosa ora, t’ammazzu iu!

MADDALENA
(A Giannuzzu sottovoce. E’ spaventata) Semu nne guai! E male intenzionatu! Si ci dicemu ca piccioli ‘un ci nni putemu dari, t’ammazza!

GIANNUZZU
Bedda mugghieri, nne guai ci semu tutti dui, però, p’ammazzari, ammazza sulu a mia!

MADDALENA
(Don Taninu,si è nascosto dietro loro e ascolta) Dici ca si forti, dacci un corpu di jamma, accussì stu crastu nun veni pi ‘na para di misi!

DON TANINU
Chi m’hava a dari?(Entrambi, fanno un balzo) Un corpu di ... jamma?

GIANNUZZU
(Si giustifica) No, me mugghieri mi dicia, diccillu ca pigghiasti un corpu ‘na jamma. (Zoppica) ‘un pozzu caminari, u viditi?

DON TANINU
Ma comu, di quantu havi ca sugnu cca ha statu bonu, ora zuppicchii?

GIANNUZZU
Ca...mi l’havia scurdatu! U sapiti u fattu qual è? Ora ca nni parramu mi doli(Zoppica)

MADDALENA
(Sottovoce) Facci quattro mossi alla Ku-fu! (Giannuzzu fa cenno alla moglie di star in silenzio)

DON TANINU
Chi dici ora, i mossi alla Ku-fu?? Chi è,un nuovo ballo latino americano?

GIANNUZZU
(Spaventato cerca di camuffare) Ma quando mai,...(Non sa che dire,ma poi gli si illumina la mente) Si proprio così,è un nuovo ballo latino paesano. Vinissi ca c’insegno i mossi. (Giannuzzu e Don Taninu, si mettono al centro della scena e ballano,facendo dei passi di ballo. Il ritmo cantato da Giannuzzu è lo stesso di “Mamma insegname a bailar”) Uno,due e tre! Mamma insegna u Ku- fu, taratatatarata...così chistu ‘un torna cchiù. Gli darò un bel calcio, a stu bel crasto,così per un po’ lui non tornerà...a tuppulià!

DON TANINU
Basta! Cu stu ballu cretinu! (Nelle orecchie di Giannuzzu) Vogghiu i me picciuli,vogghiu i me picciuli!!!

GIANNUZZU
Senza jettari vuci, vi sintiti o stadio? Si poi diventu surdu,quannu viniti a tuppuliari pi picciuli ,ju ‘un vi sentu e ‘un vi fazzu trasiri!

DON TANINU
Se pi chissà,u stissu trasu. Haiu i chiavi!(Li mostra)

GIANNUZZU
E io,canciu a serratura!

DON TANINU
E io t’ammazzu! Qual è u problema! Ora basta,va pigghia i me picciuli e mi porti,ora,cca!

GIANNUZZU
Se ora! Prima le ghiri a pigghiari dda!

DON TANINU
Unni l’ha ghiri a pigghiari?

GIANNUZZU
(Pensa) Veru,unni le ghiri a pigghiari?! (Dopo un po’) Veru! Staju pinsannu ca mia moglie mi havia dittu, va ddà! Ne chiddu chi t’hava dari i piccioli di l’arrimunnatina, in dialetto, potatura, chi facisti. (bacia Maddalena) Si ‘un ci fussi tu, ju fussi..

MADDALENA
‘Na cosa i nutuli!(Giannuzzu, s’arrabbia ma si contiene)

DON TANINU
Allora, avanzi piccioli?

GIANNUZZU
(A Maddalena) Facciamo i conti dopo

DON TANINU
Fateli ora i conti, accussì cuntati puru i me piccioli e mi dati!

GIANNUZZU
Ma chi capiu! I conti, significa (Maddalena s’impettisce) ca si nun mi staju zittu, scippu lignati! Andiamo a noi, avanzu mille euro di un travagghiu chi fici, non appena iddu veni, mi duna i piccioli, ju vegnu a so casa, ci portu almeno 500 euro, va bene?

DON TANINU
Quannu parri accussì, ti vogghiu beni! Allura, t’aspettu! Mi nni vaju tranquillo!

GIANNUZZU
(Tra se) Aspetta e spera!

DON TANINU
Chi dicisti?

GIANNUZZU
Nenti! Dicia (Recitando), aspetta che una soluzione ci sarà(Don Taninu va via e guarda alla porta, poi continua) e spera, ca u signori bona ce la manderà!

MADDALENA
Ora, comu facemu? Accumincià bona a jurnata! Di cca a stasira, sapiddu quantu nni vennu a tuppuliari! No, ‘un po’ essiri sta vita, accussì nun po’continuare! Si sapia tuttu chistu, mi stava schetta,‘n mezzu i cosci di me matri e...basta!

GIANNUZZU
E di to patri!

MADDALENA
Chiddi di me patri no, è pilusu! Poi mi veni u prurito!

GIANNUZZU
Comu parri tu, pari ca a curpa fussi a mia! A matina mi alzo e vaju sbattennu a destra, sinistra pi un travagghiu, e chi mi sentu diri;” Travagghiu nenti” o “ U travagghiu c’è i piccioli mancanu” U statu si scurda di nuatri! Ci pari ca mancu esistemu!

MADDALENA
U sa picchì u statu si scurdà di nuatri? In Sicilia si vive o futti cumpagniu, nun si pensa ca hannu a manciari tutti, no! C’è cu mancia e cu talìa! E si ‘un canciamu sta mentalità, a Sicilia affunnà, peggio di com’è affunnata!

GIANNUZZU
Hai ragione! A propositu di manciari, oggi chi si mancia?

MADDALENA
Nenti! Arristà a sarda d’assira! Ci mittemu u limone, e na manciamu.

GIANNUZZU
(Stufo) Vo diri, na liccamu! Havi ‘na simana chi nni liccamu sempri a stissa sarda, tantu ca a purtamu a lamera! Almenu, ‘na vota a simana canciala! Talè, fammi anticchia di pasta.

MADDALENA
(Gemente) Nun lu sai ca ‘un ci su piccioli mancu p’affucarinni, ‘nzoccu te cucinari? L’aria!

GIANNUZZU
(Confuso) Nun putemu satari di manciari. Manciamu u stissu! (Maddalena è stupita) Ti faccio un esempio: Natale, veni u vinticinqu dicembri, puru si nun nivica, chi fa ‘un si festeggia u stissu natali?(Maddalena annuisce) Certu! Si deve rispettare a tradizioni! Nun ti scoraggiare! Puru, ca manciari, nun avemu, facemu finta di manciari! Pi rispetto da tradizioni! Quindi susiti e pripara!(Maddalena finge, in tavola porta una pentola vuota) Che bel profumo!
MADDALENA
(Felice) Amore, oggi ti ho preparato pasta con le lenticchie! (Giannuzzu è pronto per mangiare) Invece di aspittari a pappa in bocca, apparecchia!(Giannuzzu si alza forzatamente. Mette piatti, bicchieri e un fiasco di vino. Maddalena riempie i piatti e si siede. Giannuzzu sta per iniziare, e viene sgridato) Prima a preghierina! Signore, grazie del cibo che ci doni (Giannuzzu, gesticola alla moglie, come volesse dirle ”sei pazza? il cibo dov’è?”) Provvedi per chi non ne ha! Amen!

GIANNUZZU
(Ride) U sai chi penso? Haiu troppu pittittu, ca non ci vedo più dalla fame!(Gira il piatto sottosopra)

MADDALENA
Pigghiamunilla a ridiri, ca è megghiu!

GIANNUZZU
(Mangia) Bona, ma ci voli un pò di Sali (Maddalena gli passa una boccettina di sopra il tavolo, che in realtà è vuota, glielo mette, assaggia e sputa) Ma chi mi dasti, u zuccaru?

MADDALENA
Scusa, su tutti cosi uguali. (Prende un’altra boccettina e gliela da) Te, forsi chistu è u Sali

GIANNUZZU
(Mette, assaggia e sputa) Peperoncino è! (Si tiene la gola) Brucia! Acqua, acqua! (Maddalena gli da un bicchiere di vino) Ma chi mi dai, u vinu? Mi brucia, aiuto!(Fa avanti e indietro urlando. Maddalena cerca acqua, ma non ne trova. Si ferma, fa capire che deve far pipì, prende il bicchiere, esce alzandosi la gonna, ritorna col bicchiere pieno e lo da a Giannuzzu che si riprende) Finalmente! (Gustando) Bona è st’aranciata, ma c’è ne più?

MADDALENA
Quannu vaiu o cabinettu, ni sarbu un poco! (Giannuzzu sta per parlare, ma lo precede) Amunì, finemu di manciari!

GIANNUZZU
Basta, mi chiudì u pitittu! Pi oggi, nun mancio cchiù, anche su u pitittu, mi sta facennu acitu!

MADDALENA
Talè, u sai chi fazzu? Vaiu ne me màtri, a scusa d’illa a truvari, accussì portu cocchi cosa di manciari!(Esce)

GIANNUZZU
Sangu miu, puru ca sta murennu di fami, nun mi lu fa pisari mai! Nun ti scantari, havi di canciari sta vita(Bussano,va ad aprire) Ciao Michele, che piacere! Entriamo! (Si siedono) A vidisti a to soru, si nni ora ora ne to matri.

MICHELE
(Un giovane ragazzo) Si, ci siamo scontrati per strada, mentre venivo da voi.

GIANNUZZU
Ma quannu arrivasti di Roma?

MICHELE
Da due giorni che sono a Belmonte.

GIANNUZZU
Beddu cugnatu chi haiu, havi du jorna ca si o paisi e mancu veni a salutari! Fra qualche giorno riparti, e si to soru ‘un ti vidia na mamà, mancu vinivi a salutari!

MICHELE
Ma che dici, non parto più!

GIANNUZZU
Come non parti più? Ti licenziaru?

MICHELE
Ma che licenziare! Non parto più perché, (Esita un po’)sono fidanzato!

GIANNUZZU
Lassi u travagghiu, picchì si zitu? Ora nna pignata chi fa, ci metti a zita?

MICHELE
Hai ragione, ma a Luisa non la vedevo da sei mesi (Dolce)non posso vivere lontano da lei!

GIANNUZZU
(Ironico)Chi è, t’arrifridda u scianco? A Roma, nuddu ti lu putìva riscaldare?

MICHELE
Ma che dici! Siamo fidanzati da due anni con Luisa e non l’ho mai tradita!(Dolce)Ci amiamo veramente e vorremmo sposarci! (Triste) Ma ora, il problema e suo padre!

GIANNUZZU
Picchì, ‘un voli ca vi sposati?

MICHELE
Non è questo! Suo padre è all’antica, vuole che la figlia trovi un ragazzo che abbia un lavoro, no ...(Giannuzzu lo precede)

GIANNUZZU
Un cani di mannara!

MICHELE
Diciamo di si! Il problema è, che lui sa che sono diplomato e lavoro in ufficio.

GIANNUZZU
Picchì, nun è a verità ca si diplomato?

MICHELE
Certo! Ma il diploma è conservato nel cassetto! Sai il motivo per il quale sono stato al nord! Al paese ero senza lavoro! La Sicilia non da nessuna prospettiva futura ai giovani! Da ieri, cerco lavoro come un matto,e non l’ho ancora trovato! Molti mi assicurano il lavoro, ma non la paga. Incredibile!

GIANNUZZU
Nna dui anni chi sugnu sposatu, si ‘un avissi statu pi to matri ca nna livatu i debiti, e nna datu puru a manciari, avissimu murutu di fami. Ci dicu a to soru, amunì al nord! E idda, nun voli.(Michele piange) pPerché piangi?

MICHELE
Avevo promesso a Lucia che ci saremmo fidanzati in casa, non appena sarei sceso da Roma, e ora... dove li trovo i soldi!

GIANNUZZU
E tutti i piccioli ca travagghiatu, chi nni facisti?

MICHELE
Da Roma, ogni mese, ho sempre mandato a mia madre un assegno del mio stipendio. Pur sapendo a cosa le servivano i soldi. Scendendo, speravo almeno, di trovare qualcosa anche per me, invece ...

GIANNUZZU
Tutti i debiti che tua madre ci ha pagato, erano soldi ... tuoi? (Michele annuisce. Giannuzzu con strazio) Un mese fa, mi ha prestato 5000 euro, per pagare una cambiala con la mora, se non l’avessi pagata entro pochi giorni, sarebbero diventati il doppio. Ti prometto che farò di tutto per aiutarti!

MICHELE
(Umile)Non ti preoccupare, non ce l’ho con voi, rinvierò il fidanzamento, finché non troverò i soldi!

GIANNUZZU
Ma chi rinvii i patati? Nun ti scantari, ora ci penso iu a rimediare (Bussano) speriamo ca è Rosolino, mi deve dare soldi di un lavoro. (Bussa con violenza, Michele va ad aprire, entra Rosolino(30 anni) Ciao Rosolino come mai da queste parti? Devi darmi qualcosa? Ma ‘un c’era bisogno di disturbarti! Chi è, sei muto? Parla, ti ascolto!

ROSOLINO
(Furioso) Sì un grandissimo curnutazzu!

GIANNUZZU
(Adirato) Curnutazzu a mia? Come ti permetti!(Si alza, i due si avvicinano lentamente, girandosi intorno come se si volessero sfidare come nel west. Dirimpetto uno all’altro, Rosolino sputa nell’occhio a Giannuzzu che vuole reagire, ma Michele lo blocca, che poi gli domanda con aria da duro) Che ore sono!

MICHELE
(Guarda orologio al polso) Sono le due e cinque.

GIANNUZZU
(A Rosolino con aria da duro) Sei fortunato, non uccido mai dopo le due!

ROSOLINO
(Ironico) Chi sugnu scantatu! (Adirato) Io vinni cca, p’ammazzari a tia! (Insegue Giannuzzu che fugge, Michele cerca di fermare Rosolino)

GIANNUZZU
(Fa bloccare tutti) Alt! paremu tri strummuli /trottole/ chi giramu e ancora nun haiu caputu picchì m’ammazzari! Pensu ca sia giustu chiediri u picchì! Dopo, si veni me mugghieri, mi viri mortu voli sapiri u picchì, chi ci dicu, nun lu sacciu? Dimmi u picchì e moriri e nun fazzu malafigura cu chiddi ca mi dumannanu!

ROSOLINO
(Adirato) Tu spiegu ju picchì te ammazzari! Iu ti rissi di putarimi tutti l’alberi d’alivi, tu chi facisti?

GIANNUZZU
I putavu! C’havia a fari?

ROSOLINO
(Dolce) E dimmi ‘na cosa, cu è ca t’insignò ad putari accussi pulitu?

GIANNUZZU
Me patri m’insignò! Mi Dissi,”Figghiu miu, quannu fai ‘na cosa , falla bona o nenti!” Nno to tirrenu fici un travagghiu bonu!

ROSOLINO
(Rabbia contenuta) U facisti tantu bonu, ca u tirrenu, pari un piatto,beddu pulitu! (Batte il piede) Beddu pulitu, veru è? (Si lancia su Giannuzzu,lo strangola) T’ammazzu fitusu!(Michele allontana Rosolino)

MICHELE
La smetta! Mi faccia capire perchè ce l’ha tanto con mio cognato?

ROSOLINO
(Adirato) A sta cosa nutuli ci dissi di potarmi gli ulivi e ‘nveci, mi tagghiu tutti l’alberi di sutta!(Si lancia su Giannuzzu, Michele lo tiene) Io l’ammazzo, lassami ca le ammazzari!

MICHELE
Finitela !(A Giannuzzu) Ma dico, invece di potare i rami hai tagliato gli alberi?

GIANNUZZU
Me patri, m’insignò ca pi purtari un albero beddu potato, bisogna accurzzari intinni. /cime dei rami / I so peri di alivi erano avuti quattro metri!

ROSOLINO
(Adirato) Chiamavu a tia pi darici ‘na sistemata!
GIANNUZZU
‘Na sistimata? Pi tagghiari intinni chi fa havia vulari?

ROSOLINO
Ca cosa nutuli chi si, ti purtavi a scala!

GIANNUZZU
Giustu giustu mi l’havia scurdatu dintra! Turnari a casa mi siddiava e pinsavu di fari un esperimentu: Tagghiavu un alberu di sutta, appena era ‘n terra, vitti ca mi vinni bonu a tagghiari intinni, accussì i tagghiavu tutti!(Rosolino si rode)

ROSOLINO
Fitusu, mi consumasti, ora dunni u va pigghiu l’ogghiu. (Triste) Comu a campu a famigghia, ‘nzoccu ci portu e clienti, acqua?

GIANNUZZU
Haiu anticchia di ogghiu di muturi, u misceli nna l’acqua e pari ogghiu bonu e tu vinni! Ci dici e clienti ca chistu fa beni pi cu soffri di scarricu!(Fa il segno di scoreggiare)

ROSOLINO
Ma io t’ammazzu cosa nutuli! (Lo rincorre e Michele cerca di fermarlo)

MICHELE
(A Rosolino) Venga con me, cercheremo di risolvere la situazione a casa mia! (Uscendo Rosolino tenta di scappare per acchiappare Giannuzzu, Michele lo tiene ed escono)

GIANNUZZU
(Amareggiato) Nna vita, unu, cchiù bonu è, peggio è! Si ci lassava l’alberi alti, si lamintava picchì eranu alti,ci l’accurzavu finu nno zuccu e si lamenta! M’avissi a ringrazziari, ora alivi a po cogghiri di ‘n terra e sparti si lamenta!(Cerca da mangiare) Haiu pitittu, ma ‘un c’è nenti, mancu filini ci su, almenu mi facìa ‘na ‘nsalata!(Bussano) Finalmente, me mugghieri purtà di manciari! (Guarda alla finestra) Chidda cu è? Che bedda! Avà essiri ‘na testimone di Geova! No, ‘un mi interessa! (Guarda alla finestra, esita, sente bussare e parte ad aprire. Entra una bella ragazza) Prego, si accomodi in cosa posso esserle utile?

GRAZIA
Buongiorno, mi chiamo Grazia. Mi occupo di casting per spettacolo. Oggi, mi trovo a Belmonte Mezzagno perché cerco ragazzi tra i 12 e 15 anni per far fare loro un provino cinematografico che poi sarà visionato dal regista. Lei ha figli?

GIANNUZZU
Mi dispiace, figghi ‘un haiu, l’ultima ci ammanca pi finirimi di cunsumari. Quindi, mi dispiaci signorina, u provinu pu cinema, cu l’hava a fari, a seggia vacanti? Eh!

GRAZIA
Allora vado, mi scusi per il disturbo, ho tanto lavoro da fare! Bye bye (Va via)

GIANNUZZU
(Pensa)Ho sempre sognato di fari un provino cinematografico, peccato pi l’età (Gli si illumina la mente)Provino, CINEMATOGRAFICO! (Esce e urla) Signorina aspittassi! Vinissi cca!(Rientra Grazia, Giannuzzu col fiatone) Pi essiri ‘na fimmina i jammi longhi l’havi! Si havi puru a lingua longa pi comu ci havi i jammi, poviru maritu, tutti i siri avutru chi cinema, cu lei havi u teatro gratis!

GRAZIA
Ma, che vuole dire con queste idiozie!

GIANNUZZU
Nenti nenti, nun parrava cu lei!

GRAZIA
Perché mi ha fatto tornare, (Ironica) ha forse dimenticato che ha figli?

GIANNUZZU
Ma quannu mai! Sa, è sempre stato il mio desiderio far cinema, quindi, mi propongo per il provino!

GRAZIA
Lei? Io ho detto; ragazzi tra i 12 e 15 anni, lei, mi sembra un po’ troppo cresciutello!

GIANNUZZU
Va bene, sarò un po’cresciuto per quello che cerca lei, ma dentro di me, grazie a Dio, scorre sangue artistico!

GRAZIA
Davvero? E forse lei, figlio d’arte?

GIANNUZZU
Magari! (Si sbraccia nel modo d’esprimersi) Sin da piccolo ho sempre sognato di entrare nel mondo del cinema, e diventare un attore regista, dei film che io stesso scriverei! D’allora, mi sono sempre dato da fare, sono stato a Roma a studiare cinema, a San Remo giovani con una mia canzone. Da tanti anni faccio teatro con il maestro, Rocco Chinnici! Scrivo commedie, film, poesie, canzoni! (Si butta ai piedi di Grazia)La prego, mi facissi fari u provino!

GRAZIA
(Esita un po’) E va bene! Mi ha convinto!(Giannuzzu è felice. Grazia prende dalla borsa una videocamera) La riprenderò con questa videocamera. Si dia una sistemata,è importante l’immagine per il regista!

GIANNUZZU
(Va allo specchio, cerca e non trova gel. Guarda che Grazia non guardi verso di lui e si sputa tra le mani e si sistema i capelli) Pronto!

GRAZIA
(Lo guarda) Bel effetto lucente hanno i suoi capelli, ma che gel ha usato?

GIANNUZZU
Ho usato un gel naturale effetto bagnato. (Fa segnale dallo stomaco in su) Nato dall’entro terra russo. Gel sgraccoschi!

GRAZIA
Se le lascio i soldi, può farmene avere una confezione? Il regista ne usa tanto per gli attori.

GIANNUZZU
Non si preoccupi per i soldi, se il regista non mi farà passare il provino, verrò di persona a portargli il gel, ...gratis!

GRAZIA
Va bene, possiamo iniziare! Quando le farò segnale, inizi a parlare(Fa cenno a Giannuzzu e inizia a parlare)

GIANNUZZU
Mi chiamo Giannuzzu carni picca ho 35 anni,ma ho il cervello molto più in alto della mia età!

GRAZIA
Mi faccia capire!

GIANNUZZU
Da piccolo, tutti mi prendevano in giro, mio padre mi diceva: ”furbo devi essere! Fallu caminari u ciriveddu!” Così mi allenavo a far volare la mia fantasia, tanto che un giorno ero così sopra le nuvole che mi scordai u ciriveddu, 3 metri sopra il cielo!

GRAZIA
Che spiritoso! Vada avanti!

GIANNUZZU
Un anno fa, sono stato arrestato per un giorno. Ora le spiego; Mia suocera ha raccontato alla polizia che l’ha minacciavo con un cacciavite, ma io ho spiegato che, siccome le suocere, sunnu camurruse! Stavo controllando se avesse, qualche rotella fuori posto!

GRAZIA
Lei è molto originale!

GIANNUZZU
(Dandosi arie) Signorina, sono sprecato in questo paese! Per concludere, non lavoro e cerco disoccupazione!

GRAZIA
(Ride) Bella questa! Non lavora e cerca disoccupazione? (Giannuzzu annuisce) Semmai, cerca occupazione!

GIANNUZZU
‘un si piglia collira a spiegarimi le parole, puru io sono allittrato! Ho detto disoccupazione, perché cerco un lavoro leggero, che non m’impieghi tanto tempo. Non ho detto occupazione, perché non mi piace il lavoro pesante, soffro l’accupazione, mi manca l’aria, va!

GRAZIA
(Ironica) Mi scusi per l’ignoranza! Per me, va bene fin qui!

GIANNUZZU
Mi scusi, Se mi permette, vorrei recitare una mia poesia! Posso? (Grazia annuisce) Il titolo è: L’illusione di una speranza: Seguo la voce dell’istinto, per trovare un sentiero nuovo nella monotona realtà. Colora il mio sorriso, il disegno di un grande sogno che vive dentro il cuore. I miei occhi, vivono la felicità di un futuro ancora da creare, ma racchiusa in una lacrima, l’emozione bagna il mio presente. Sarà una fissazione, ma l’illusione di una speranza, mi dona la voglia di non mollare mai!!!

GRAZIA
Complimenti! Veramente bella!(Posa videocamera) Ora vado, mi dia il suo recapito telefonico, le farò sapere.
GIANNUZZU
(Le da un foglio)E’ il mio numero di cellulare. Non parli con nessun’altra persona che me! Amici, parenti mi hanno sempre preso in giro, per il mio amore per il teatro e il cinema.

GRAZIA
Stia tranquillo! A presto! Buongiorno! (Esce, da fuori si sente che da il buongiorno. Entra Maddalena e Michele)

MADDALENA
Cu è chidda? Chi vulia? Chi vinni a fari? Picchì vinni cca!

GIANNUZZU
Oooh, quanti domandi! Voleva notizie su una famiglia di Belmonte e io ci detti! Chiuttostu, u purtasti u manciari?

MADDALENA
(Si siede afflitta) Ma quali manciari? U stava purtannu, ma u detti!

GIANNUZZU
(Adirato) U dasti? Ma comu, nuatri circannu cu nni duna a manciari e tu, dai a manciari a l’avutri?

MADDALENA
(Triste) U sa comu fu, niscivu da mamà e incuntravu o zù Pippinu ‘ntuppateddu, ni salutamu e mi dissi ”va trova a to zia crucifissa ca è addulurata” c’ivu e mi dissi ca murì a zà Fina a grossa,a mugghieri du zù Ninu facci di cupirtuni. A zà Bastiana abballa cu l’ummira mi dissi di fari u cunsolu e ci detti u manciari! (Piange)

GIANNUZZU
(Irato) Vidi chi trafficu pi veniri dintra. Di dumani in poi, quannu veni di nne to matri cu manciari, po iri a fari u giru da scala o mizzagnu, sinnò, megghiu ca ‘un t’arricampi! Viditi chi cosa, u cunsolu si fa a fammighia du mortu, mancu pensanu a dari a manciari e puvureddi comu nuatri. Avà moriri corcunu pi darini a manciari? (Gli si illumina la mente,urla,Maddalena e Michele si spaventano) Chi bella pinsata!

MADDALENA
Corpu di sangu chi ti pigghia nno ciriveddu, accussì ma fari scantari?

GIANNUZZU
Sentite a me pinsata. Ora iu moru!

MADDALENA
(Tra se) Macari u Signori mi facissi sta grazìa! Accussì mi levu stu malauguriu!

GIANNUZZU
Maddalena, ma chi dici!

MADDALENA
Nenti, stava facennu ‘na preghiera!

GIANNUZZU
Ora io moru, ovviamente, per finta, ma faremo credere al paese ch’è vero!

MICHELE
Come puoi fare una cosa del genere? La gente come farà a sapere che sei morto!

GIANNUZZU
Semplice! Vai nno zù Pinnuzzu u capurali, chiddu c’abbannìa i morti, e ci dici, muriu me cugnatu,(Si tocca) e iddu u fa sapiri cu megafono pi tuttu u paisi, e tutti vennu!

MICHELE
Non è giusto! Scusa, non collaboro!

MADDALENA
Fammi capire, picchì vo fari sta cosa?
GIANNUZZU
Pu cunsolu! Cu veni, nni porta u manciari, cu nni porta piccioli! Così caro cognato, raccoglieremo i soldi per lo zitamento! (Maddalena e Michele sono attoniti) Nun vi scantati, tantu...Cchiù scuru di mezzanotti ‘un po’ fari! Forza Miché, va nno zù Pinnuzzu ca io inizio a sistimarimi (Michele esce) Maddalè visto ca e moriri che fari?

MADDALENA
Mu veni a dici a mia ca fari? Mi dispiaci, ma ‘un haiu murutu mai!

GIANNUZZU
Chistu è veru! Allura, p’accuminciari va pigghiami i robbi ca mi lavu.

MADDALENA
Ma che ti lavi a fari! Acqua persa è! Tanto a moriri!

GIANNUZZU
Veru è, nun ci havia pinsatu! Priparami u lettu(Maddalena esce e rientra con un lettino,senza materasso) Senza matarazzu? E si poi mi vennu i dulura nne rini? /schiena/

MADDALENA
Va pinsannu e dulura? Tanto a moriri!(Esce)

GIANNUZZU
Secunnu mia, chista ogni vota chi nesci, adduma i lumini e santi, pi farimi moriri veru! (Fa le corna)

VOCE FUORI SCENA
(Urlante) Facemu attenzioni, c’è u fratellu mortu e su pigghiannu dumani matina e cu manca c’è a murta! Muriu Giannuzzu u carni picca!

GIANNUZZU
( Si tocca. Entra Maddalena) U sintisti? A navutra anticchia, su tutti darreri a porta. Mi raccomando, quannu ti vonnu dari piccioli a diri sempre “picca su!”(Si sente vociare)
MADDALENA
(Guarda dalla finestra)Cca su!(Bussano)

GIANNUZZU
Minchiuni, già cca sunnu? E chi mi tiravano i peri! Sti genti nutuli! ‘un vi scantati ca tantu ‘un pozzu moriri! L’erba tinta un mori mai! ( Da fuori si sente, tanto vociferare e Giannuzzu urla alla gente di fuori) Silenzio! Unu mancu po moriri in paci! (Si mette a letto. Maddalena apre, Entra don Tanino, Rosolino, Michele e a mamà di Maddalena, quest’ultima vestita di nero. Tutti hanno il sacchetto col cibo. Maddalena è sopra Giannuzzu che piange con strazio)

MAMA’
(Abbraccia la figlia e piange) Figghia mia, ma comu muriu? Comu successi?

MADDALENA
(Piangendo) Muriu, senza dirimi nenti! Mancu appi u tempu di scrivirimi ‘na cartolina!

MAMA’
Ma quali cartolina? Dici ca to maritu era, anaffalbetico?

MADDALENA
Ma dicu, puru ca lassava una x, dicu una x, almenu si vidiva u pinseri! (Piange con strazio) Gioia mia, sangu me , puru di mortu ci ristò a facci bedda pulita pulita, e tenera comu u culettu di un picciriddu!

DON TANINU
(A Rosolino,sottovoce) Viditi chi fortuna havi, puru di mortu ci ristò ‘na faci di culu! Mah!

MADDALENA
(Urla con strazio) I troppu abbilii, i troppu debiti ti ficiru moriri! Sangu me, s’astutà comu ‘na cannila.
DON TANINU
Po’ essiri, ca s’astutà picchì c’era ventu?

MADDALENA
(Con strazio) C’era ventu, ma jo a chiudivu a finestra, ma iddu si è astotato u stissu! (Si butta sopra al marito, piangendo)

MAMA’
(Piangente) Sapi c’aviti un saccu di debiti e truvà u curaggiu di moriri? (Maddalena annuisce, la madre si lancia su Giannuzzu, ma la bloccano) L’ammazzo! Nun havia a moriri! Ti lassà sula stu curnutu, cu tanti debiti! Nun ti scantari figghia mia, finu ca campu ju, a prostituta ‘un ta fazzu fari! Quannu moru, ’nzoccu vo fari fa!

DON TANINU
(Triste) Maddalena, arrivati a sti situazioni si scordanu tutti cosi e ti dicu, i dui anni di affittu ti regalu!(Giannuzzu gioisce, nessuno vede) Ti dicu puru, ca ti regalu un assegno di tri mila euro.

MADDALENA
(Gemendo) Picca su, don Taninu!

DON TANINU
Quattro mila euro, boni su?

MADDALENA
Picca su!

DON TANINU
Cinqu mila euro?

MADDALENA
Picca su!

DON TANINU
(Nervoso alza la voce) Sempri picca su! A morti di sta cosa nutuli, quantu m’hava veniri a custari? Tu fazzu di cinqu mila e basta! (Scrive assegno e lo da a Maddalena)

ROSOLINO
Scusatimi, nun mi ci purtava nuddu, ma purtavu un poco di spisa.(Piange)

DON TANINU
(A Rosolino) Vju ca vi pigghiati tanta collira, ma siti parenti di Giannuzzu?

ROSOLINO
Nun semu parenti. Prima di moriri, mi fici ‘n campagna, tantu dannu, mi tagghiò tutti l’alberi di alivi. Chianciu e pensu, avissi murutu prima stu curnutu, almenu, si sarbavanu alivi (Suona un cellulare, ognuno vede il proprio. Maddalena segue il suono e prende il cellulare suonante in tasca a Giannuzzu)

MADDALENA
(Risponde) Pronto? Chi è?

GRAZIA F. S.
Buongiorno signora! Sono Grazia, mi occupo di casting per spettacolo. Vorrei parlare con suo marito.

MADDALENA
(Non sa che dire) Mio marito ...dorme!

GRAZIA F. S.
Lo svegli è una cosa importante!

MADDALENA
Non posso svegliarlo, è stanco morto! Poi se lo sveglio, rovinerebbe la commedia (Allude a Giannuzzu)l’attore!

GRAZIA F. S.
Per questo l’ho chiamato! Il regista ha visionato il provino di suo marito è rimasto colpito dal modo in cui ha recitato la poesia! L’ha scelto come protagonista nel suo prossimo film! (Giannuzzu alza la testa, tutti si spaventano)

MADDALENA
(Sorpresa) Mio marito, un attore vero?

GRAZIA F. S.
Il sogno di suo marito si è realizzato!

GIANNUZZU
(Festeggia. Balla sul letto, gira per la casa urlando) Farò l’attore, farò l’attore (Vede che tutti lo guardano furiosi e si riposiziona nel letto come fosse morto)

DON TANINU
(Adirato) Nni vulivi fari cridiri ca eri mortu, accussì ti futtivi piccioli e manciari? Maddalena, dammi subitu l’assegnu o fazzu scoppiari a terza guerra mondiale!

GIANNUZZU
(Si siede in mezzo al letto) Don Tanino, senza fari scherzi e basta! Comu dici u proverbiu “U datu e datu e non va più ritornato”(A Maddalena) Dammi l’assegno, cu mia è sicuru! (Maddalena glielo da)

DON TANINU
Dammi l’assegno o ti spremu comu racina! (Giannuzzu scuote la testa. Tutti alzano braccio in alto) Uno per tutti e tutti per uno!(Si buttano sopra Giannuzzu, Michele e Maddalena cercano di aiutarlo. Chiusura di scena)

fine primo atto

Secondo atto
(Maddalena fa le pulizie)

MADDALENA
(Guarda in alto,come se parlasse con il Signore. Parla e lavora) Ogni giorno è sempri a stissa musica lavare e puliziare,puliziare e lavare! E meno male ca semu dui cristiani. A curpa è di me maritu! Siccome,u travagghiu chi fa, è troppu pesante, ogni giorno si deve sempre cambiare i vestiti! (Guarda in cielo) Ma picchì quannu creasti u munnu,nun mittivi a moda di teniri i filini, ragnatele dintra! Ti assicuru,ca io vinciva u premio nobel! Accussì,a du panellaru di me maritu,u faciva iri sempri beddu lordo! Anzi, Signuruzzu, allumina u ciriveddu a me marito,tu sai ca chiddu è senza ciriveddu! Fa ca facissi un beddu provinu. Fai in modo che facendo l’attore bonu u regista nun scopre ca è veru cretinu! Sulu docu mi pozzu salvari,si diventa attore,mi pigghiu dieci badanti! (Bussano) Cca è,l’attorino! (Apre ed entra Michele ch’è triste) Ah,sei tu Michele! Che hai? Ti viu giù, molto giù! Vuoi un tiramisù?

MICHELE
(Ride Forzatamente) Ma no grazie, sei moto gentile!

MADDALENA
Allura,dimmi cos’hai?

MICHELE
(Si siede) Niente, tutto apposto!...Diciamo.

MADDALENA
(Preoccupata) Hai visto che mi nascondevi qualcosa? Parla, dimmi cosa ti è successo?

MICHELE
(Triste) Anche oggi sono stato a Palermo a cercare lavoro e non ho trovato nulla.
MADDALENA
Nun ci pensare! Sempri cu stu lavoro! Nni stai pigghiannu ‘na malatia! Vedrai, prima o poi il lavoro lo troverai!

MICHELE
(Stizzoso) Facile dire prima o poi! Come se decidessimo noi il percorso della nostra vita e potremmo farla andare come vorremmo!

MADDALENA
Hai ragione! Se a vita è chista chi fa, n’ammazzamu? Purtroppo,dobbiamo vivere così,alla giornata!

MICHELE
(Nervoso) Si,continuiamo a dir sempre così:” Dobbiamo vivere alla giornata!” se continuiamo a pensar sempre così,tu pensi che le cose possano risolversi? No,mai! Anzi,non faranno altro che peggiorare!

MADDALENA
Mah,chi munnu di guai! Che vuoi che ti dica,se tutto quello che dici è la pura verità! (Un attimo di pausa) Senti Michele, stavo pensando, ma tu sei diplomato in ragioneria! Perché non provi anche a chiedere negli uffici? Chu u sapi, ca quarcunu havi di bisogno un ragioniere!

MICHELE
(Stufo) Ho provato a cercare qualsiasi genere di lavoro, e ho provato anche negli uffici. Malgrado abbia esibito il diploma col massimo dei voti, la voglia d’impegno nel lavoro, nessuno mi ha voluto assumere per inesperienza! Fossi stato al nord, non m’avrebbero fatto aprir bocca che già sarei stato a lavorare!

MADDALENA
Chi ci putemu fari, la Sicilia è questa!

MICHELE
(Nervoso) La Sicilia è questa? Belle parole, confortanti! Sappi che la Sicilia siamo ognuno di noi! La nostra mentalità sta distruggendo questa terra! Tutti evadono alle tasse per arricchirsi e vivere, indegnamente col sangue dell’operaio! Lo stato ci tartassa di tasse e allontana sempre più a noi giovani da quella favola che noi tutti chiamiamo, futuro! In Sicilia non morirà mai la delinquenza! La colpa è dello stato! Se s’impegnasse a costruire per noi giovani un futuro migliore, la malavita non esisterebbe più!

MADDALENA
Sante parole hai detto! Ora, mi capisci picchì nun haju figghi? Non ho niente di sicuro per me, che ormai sono ben affermata in questo mondo,pensa ad una povera creatura. Che futuro potrò dare loro, se non esiste nemmeno il mio futuro! Quanto vorrei che cambiasse questa realtà!

MICHELE
Se noi Siciliani ci alzassimo in piedi e lasciassimo che il nostro grido di protesta arrivasse nel cuore dello stato, credo, si risolverebbe qualcosa, ma finché nulla di ciò avverrà, continueremo a soffrire! (Triste) Da quando sono tornato in paese, ho incontrato dei vecchi amici ho potuto notare quanto la loro vita sia migliore della mia, chi ha l’auto nuova, chi vestiti di marca, e io? Da tanti anni che lavoro onestamente, mai un lusso! Non riesco proprio a capire quanto è ingiusta la vita! Chi segue la retta via sta male e chi fa l’opposto sta bene! E io,non so proprio più cosa pensare!

MADDALENA
(Gli poggia mano sulle spalle) Ascoltami bene,Michele! Sappi che non sono quelle le scorciatoie da prendere. Sì, ti aiutano ad avere il mondo in mano, ma senza che ti rendi conto, lo stesso mondo che fino a poco prima eri tu a dominarlo, dopo sarà lui a schiacciarti! Rifletti, non commettere errori!

MICHELE
Cercherò di non far errori,ma ... sarà difficile!... è difficile!(Entra Giannuzzu che si lagna, a un occhio nero e i vestiti stracciati)

MADDALENA
Chi ti successi? Chi provinu ti ficiru fari? Chiddu di fariti pigghiari di pettu du trenu?
GIANNUZZU
Peggio! Vitti dui muntagni chi mi careru di supra!

MICHELE
(Sorpreso) Cosa? Le montagne ti sono cadute di sopra? Ma che dici? Se fosse stato vero saresti morto!

MADDALENA
(Giannuzzu con poca voce ripete continuamente”Veru è”) Nun ti meravigliare Michele, ca veru fu!

MICHELE
Ma dai Maddalena anche tu! A parte ch’è una cavolata, ma poniamo il caso che fosse capitato veramente. Come puoi dire di esserne certa,se tu sei stata con me qua a parlare?

MADDALENA
Ne sono convintissima ca fu veru! Mi gioco la sua vita! (Giannuzzu si spalanca gli occhi) U sai picchì ci credo? Picchì l’erba tinta,nun mori mai!

GIANNUZZU
(Si riprende) Oh! Ma chi sunnu tutti sti discursi persi? Io pi muntagli, intendevo du bodygards! I gorilla chi ci guardanu i spaddi o regista! Ci pari ca pigghia friddu! Comunque, quannu arrivavu pi fari u provinu, u regista mi dissi c’havia pigghiatu a navutru attore. Mi ci avvicinavu e ci sputavu nna facci. Ca puru si nun si la lava pi un anno,ci resta sempre bedda frisca! Ma vi pari ca ci sputavu così,a caso? No! Ci sputavu un mio gel particolare che fa miracoli...chi vi dicu a vuatri,un nni capiti nenti di gel! Allura, vinniru du bodygards, du muntagni, a versu ri iddi m’havia a scantari, ci fici quattru mossi alla Van Damme. Appena mi misiru i manu di supra, nun ci vitti cchiù di l’occhi!

MICHELE
(Ironico) Immagino che li hai massacrati!

GIANNUZZU
Certo ca li massacravu, ma ...di paroli! (Triste) Ma u sapiti puru vuatri ca li parola pirtusi, nun nni fannu! Intendevo, mi misiru i manu di supra e nun ci vitti cchiù di l’occhi pi vastunati chi mi dettinu! Io ci dicevo “pietà, pietà. Fermatevi cornuti ca nun siti avutri!” Nun capisciu picchì,i vastunati aumentavano invece di diminuire! Cosa nutuli,si nni apprufittaru picchì mi facivanu pietà ad ammazzarli!

MADDALENA
Ma tu a iddi, nun ci facisti pietà!?

GIANNUZZU
E chi nni sacciu, io ciù diceva pietà pietà, però mu scurdavu a dirici si ci fici pietà. Però,penso proprio di si, picchì mi davano sulu pugni nna faccia.

MADDALENA
Bedda pietà! Allura,pi nun aviri pietà,’nzoccu havianu a fari?

GIANNUZZU
Io pensu,ca mi avissiru datu puru calci, ‘nveci niente calci! (Felice) Chi gente brava esiste supra a terra,mancu mi dettiru un cavuciu. Sulu pugni! (Sempre con il sorriso) Però,si esiste veru u Signuri, ci avissi a scoppiari u cori!

MADDALENA
(A Michele) Sentilu com’è cuntentu ca ‘un ci dettinu mancu un cavuciu! (A Giannuzzu) Se hai tutta sta nostalgia,io n’haju priparati tanti ri ddi cavuci,ca ti fazzu divintari u culu,russu comu ‘na paparina! Mah, è cuntentu picchì ‘un ci dettinu calci. Invece, ci havii a scippari a testa a sti dui bodicaz!

GIANNUZZU
Si chiamanu, bodygards! E poi, dice il Signore:” Porgi l’altra guancia” io ce li ho porgiute tutte e due (Si lamenta)

MICHELE
Io vado, devo passare dall’edicola a comprare la rivista degli annunci di lavoro. A dopo (Esce)

MADDALENA
Stai attento!(Triste) Sugnu preoccupata pi me frati, u vju dispiratu e nni pigghiu ‘na malatia!

GIANNUZZU
U vidi Dispiratu? Ma si jo u vju bonu!

MADDALENA
Ma u taliasti nna facci?

GIANNUZZU
Veramente no! Picchì,chi fici? Si scurdà a lavarisilla?

MADDALENA
E finiscila cu stu scherzu cretinu chi hai! È cunfusu! È tantu cunfusu, ca ‘un sapi dunni iri a sbattiri a testa.

GIANNUZZU
Chistu è u problema? È tantu facili! Dici ca vulivi jttari ‘n terra stu muru pi allargari a stanza, chiama a to frati, u fazzu sfogari ju!

MADDALENA
Ancora u cretinu a fari! Mi scantu ca me frati dda fora a fattu a bona vita, e cca avissi a sciddicari nna mala vita!

GIANNUZZU
E ti scanti pi chistu? Sei cretina! Sei arretrata! Si continui a taliariti cento vetrine diventi cchiù cretina! Aggiornati! È normale vivere così! Nun sunnu chisti i cosi tinti!

MADDALENA
Ma si po’ sapiri chi schifiu capisti?

GIANNUZZU
Chiddu chi dicisti tu! Ti scanti ca to frati vinni cca, sciddiccò, e ti vergogni a diri ca e ricchionello!

MADDALENA
Chi ti vinissi nna lucchìa! Grapi u ciriveddu quannu una parra! Dissi sciddiccari, per stare a dire che temo che prenderà un piede sbagliato, intraprendendendo strade malavitose!

GIANNUZZU
Ah, certi voti mi scordu di carricari a scheda e u ciriveddu si nnì va in tilt! Comunque, picchì ci fussi stu scantu?

MADDALENA
Prima ca vinivi tu, mi cuntava ca è stuffu picchì gira e firrìa ma travagghiu nun nni trova!

GIANNUZZU
Ah,se pi chissu,ormai è ‘na moda, nun truvari travagghiu! Allura io, travagghiu du ghiorna e un misi fermu, chi fa, m’ammazzu?!

MADDALENA
Ma chi c’entra! (Triste) Io mi scantu ca me frati, putissi fari mala strada!

GIANNUZZU
E ti scanti pi chistu? Ma stai calma! Se pi chistu a to frati ci la insegno io a strata bona dunni havi a pigghiari. Chiddi dunni su chini di fossa e mal combinati,ci fazzu evitari!

MADDALENA
Chi ti vinissi nna critinaggini! Io intendevo, mala strada, no i strati mal combinati. Per mala strada intendo criminalità! (Si chiude il volto con le mani e inizia a piangere)

GIANNUZZU
(Anche lui s’intristisce) Chistu è veru! (Le da coraggio alla moglie) Però nun fari accussì! To frati,nun è u tipo,ca si lascia trascinare nne strade da malavita!

MADDALENA
(Inconsolabile) Mi fici u paragoni, ca vitti amici sui ca sa passannu bona e iddu travagghiannu onestamente nun ha mai fattu, chiossà di quantu putissi! Poi, si ci metti puru u soggiru ca si nun trova travagghiu a so figghia nun cià da!

GIANNUZZU
N’havia tortu jo, si to frati si facissi ricchionello, di sti problemi n’avissi? (Maddalena piange e la consola) Nun ti scantari ca to frati nun ci arriva a fari mala strata!

MADDALENA
Eramu picciriddi ju e Michele, quannu me matri restà vedova. Criscemu suli, senza un patri. Criscemu, sapennu ca me patri era morto in un incidente. Ma un ghiornu mi fici diri di me matri a verità e fu nna ferita nno cori. Ora, vidennu a me frati accussì, nun vulissi ca...anzi, menu mali ca nun sapi a verità!

GIANNUZZU
Secunnu mia fussi giustu diricci a verità!

MADDALENA
No! Mi scantu ca si pigghia mali sta notizia dopo tanti anni, putissi cadiri in depressioni e fussi peggio! (Piange)

GIANNUZZU
Nun chianciri! To frati mala strata nun a fa! (Disperato) Si avissi ‘na bacchetta magica, canciassi u munnu a piacere mio! Dassi posti di lavoro a mai finire e cancellassi a delinquenza dal libro da vita! Quantu u vulissi aiutari a Michele! Ma,...chi ci pozzu fari!(Pensa un po’) Vai, mi vinni ‘na bella pinsata!

MADDALENA
Quannu dici accussì, mi preoccupo!

GIANNUZZU
Staju pinsannu di simulare un incidente stradale, dove io ne rimango coinvolto!

MADDALENA
Chista ma chiami ‘na bella pensata? Tutta sta bellezza,’un a vju!

GIANNUZZU
È propria ‘na bella pinsata! Picchì io sono capacissimo a recitare! Studiamo un beddu incidente stradale, dunni a mia m’investono. Accussì pigghiamu picciuli,picciuli e...picciuli!

MADDALENA
Chista si, ca è ‘na bedda pinsata! Ti fa mettiri sutta nna machina ti fa ammazzari, accussì fa arricchiri a mia e me frati?

GIANNUZZU
(Si tocca le parti bassi) Si aceddu di malaguriu! L’avutra vota, quannu fici finta di moriri, pregavi ca muriva veru, ora puru! Nun facemu ca ti piaci u cascia murtaru? /becchino/ Invece di veniri iddu a pigghiari o mortu, sugnu ju ca ti ci portu ne iddu, stecchita!

MADDALENA
Pensi sti cosi di mia?(Dolce) Io ti amo!

GIANNUZZU
(Imita la dolcezza che ha usato la moglie) Si, quantu un duluri di stomaco!

MADDALENA
Comunque, spiegami meglio sta pinsata. Comu pensi che possa funzionare!

GIANNUZZU
Pinsavu di fari finta ca to frati mi pigghiò di pettu nne strisci pedonali du corsu, jo sbattennu a testa, minnivu in tilt e divintavu, dicemu menzu cretinu! Sugnu convinto che andrà bene perché haiu un amico o paisi, chi travagghia pi l’assicurazioni false e nni po aiutari!

MADDALENA
Secunnu mia, andrà bene sta commedia. A parti l’aiuto du to amicu, a facci di cretinu ci l’hai e pari tutto vero!

GIANNUZZU
(Ironico) Chi sugnu mortu di risati! Ah Ah Ah! (Ira contenuta) Resta fallu sapiri a to frati! Spiegarici tutti cosi e bisogna fari a denuncia all’assicurazione. Si sta cosa n’arrinesci, sunnu un saccu di piccioli, nni putemu sistimari nuatri e to frati puru!

MADDALENA
Mi piaci sta pinsata! Ora u sai chi fazzu, ci parru ju cu me frati e u convinciu e l’accompagno puru a fare denuncia! (Uscendo) Ci vado ora stesso.

GIANNUZZU
Vai Tranquilla! Tantu...Cchiù scuru di mezzanotti ‘un po’ fari! (Chiama col cellulare. Monologo) Ciao Vicè! Tutto bene? - Io bene, putissi iri megghiu! - (Ride) Ancora ci pensi? - Non le uso più le bambole gonfiabili - E si, ogni volta ne dovevo comprare una nuova! Che vuoi si bucavano subito - In confronto a mia, un cumprissuri è un giocattolo! - Si, mi sono sposato - Certo, l’ho fatto per evitare di comprare sempre bambole, almeno mia moglie non si sgonfia mai! - Senti, volevo dirti, vorrei fare un’assicurazione di quelle, aumma aumma, e mi serve il tuo aiuto - (Agitato) Nun ci travagghi cchiù? -Di cosa ti occupi? – (Adirato) Beddu amicu, mi auguri chistu? – Tu, mori no io! - (Ride) Scusa, avevo capito male, lavori al centro tumori di Palermo!. Mi devi scusare sembra uguale tumori e tu,mori. - Cosa? – mi po’ aiutari u stissu? E comu? - In giornata mandi un tuo amico dottore per visitarmi? – Comu? Ah,si, per sicurezza userò la parola chiave “Vicè?” - (Bussano) Perfetto! - Ok, grazie Vicè- ‘un ti scantari,ti fazzu sapiri. Ti saluto (Da dentro)Chi è?
VOCE FEMMINILE F. S.
Buongiorno, siamo della chiesa, vorremmo entrare a casa sua e portarle la parola di DIO.

GIANNUZZU
No mi scusi, a me casa e piccola e ‘un ci capinu tutti i cristiani da chiesa!

VOCE FEMMINILE F. S.
Ma che ha capito! Siamo due sorelle testimoni di geova e vorremmo annunziarle la parola, se ci fa entrare!

GIANNUZZU
Siti testimoni di Genova e m’aviti a diri paroli? Scusati, sbagliastivu casa, i testimoni di nozzi l’haiu o Mizzagnu. Quannu mi sposavu, invitavu a tutti e nun aviti motivu di dirimi paroli, e poi ... testimoni a Genova ‘un haiu!

VOCE FEMMINILE F. S.
Ho capito, non vuole farci entrare! Le lasceremo dietro la porta un opuscolo lo legga, almeno!

GIANNUZZU
(Scivola in scena un librettino e prendendolo lo legge) Non peccare, GESU’ ti ama!(Pensa) Pensandoci bene il Signore non sarà felice di quello che sto facendo. (Bussano apre ed entra la moglie e Michele) Comu finì?

MADDALENA
Apposto! Appena trasivu, u direttore di l’assicurazioni, tanto gentile, me frati ci spiegò tutto, arrivò ‘na telefonata urgente e u direttori, nun persi tempu a dirinni di veniri subitu dintra ca sta mannannu u controllu! Mancu si fussimu raccumannati!

GIANNUZZU
Ca certo ca semu raccumannati! Telefonavu all’amicu mio Vicè, mi dissi ca ci parra iddu cu direttori,e in giornata, manda come controllo un amico suo, io userò la parola chiave “Vicè”. Tutto appostu! È fatta! Sorridi cognato, stavota bona nni finisci, piccioli a palati!
MICHELE
(Triste) Per causa vostra ,mi trovo sempre coinvolto in circostanze che io mai, sognerei di fare! Credo, che finirà peggio di l’altra volta!

GIANNUZZU
(Irritato) Minchiuni! È vizio di famigghia! Si aceddi di malauguriu, peggio di to soru! Mancu spera tutto andrà bene, no! Ci jetta u malauguriu! Si fazzu chistu, u fazzu puru pi iddu e sparti si lamenta! Nna vita, unu cchiù bonu è, peggio è!

MICHELE
Questo me lo chiami essere buono? Tu che rubi i soldi dello stato!

GIANNUZZU
Ma che rubo i patati! Li sto solamente prendendo in prestito. Cu tutti sti tasse e l’euro, mancu hannu u tempu di trasiri dintra sti piccioli, ca già volanu arreri! E poi, sono come robin hood, rubo ai ricchi per dare ai poveri!

MADDALENA
(Bussano, vede dalla finestra) U dutturi! C’è! (A Giannuzzu) Smoviti, sentiti mali!

GIANNUZZU
(Sereno) Tranquilla! U dutturi cosa nostra è, va grapi a porta! (Maddalena apre, entra un uomo distinto con una borsa)

DOTTORE
Buongiorno!(Giannuzzu gli dà la sedia per farlo sedere)

GIANNUZZU
(Con tanta dinamicità) Buon giorno signor dottore! Prima che inizia a sprecare le sue parole,le posso offrire una bella tazza di latte?

DOTTORE
Latte? Come sarebbe latte!
GIANNUZZU
Come,come sarebbe latte? Meno male ca lei è dottore e ‘un sapi com’è fattu u latte! Ce lo spiego io, u latte è fatto di... latte!

DOTTORE
(Ironico) Lei è molto gentile,non sapevo che il latte è fatto col latte! (Nervoso) Io intendevo dirle, che mi sono sorpreso a sentirmi dire di ricevere una tazza di latte. Quando lei riceve ospiti a casa sua,le offre il latte?

GIANNUZZU
Prima se c’è! Se latte nun n’haju,ci chiamo prima agli ospiti e ci dicu,ca u portanu iddi u latte!

DOTTORE
La smetta! Mi offra una tazza di caffè!

GIANNUZZU
Ma quale caffè! U caffè costa caro! E poi fa diventare incazzosi!

DOTTORE
Si dice,nervosi!

GIANNUZZU
E va bhe,nervosi,incazzosi. Sempre là siamo,che gonfiano...(Indica con le mani le parti basse)

DOTTORE
(Stufo) Ok! Ho capito. Comunque, la ringrazio ugualmente,ma non si disturbi tanto per me,perché sto già andando via!

GIANNUZZU
(Nervoso) Ma che andando via! Appena u dici di nuovo,ci rompo ‘na jamma! Prima deve scrivere u verbale! Accussì l’assicurazione mi manda i piccioli!

DOTTORE
Ma si calmi! Lo so quello che devo fare! Sono venuto qua per questo! ho detto “sto già andando via” Come per dire,che non ci metterò tanto tempo! (Il dottore prende dei fogli dalla borsa e li legge) Allora, mi trovo qui, per l’assicurazione fatta dal signor Michele Favazza ai danni ...

MICHELE
...Sono io Michele Favazza.

DOTTORE
Ah, è lei? È venuto a far visita al signor ...(Legge) carni picca? (Michele annuisce) Bravo! Ne esiste poca gente come lei. Come dicevo, ai danni del signor carni picca, in quanto è stato investito dal signor Favazza. Sono venuto a visitare e mettere a verbale qualsiasi genere di trauma che riscontrerò. (Guarda i presenti) Dov’è l’investito?

GIANNUZZU
(Con vitalità) Presente! Sono io, Giannuzzu carni picca, in carne e ossa! (Ride)

DOTTORE
Lei? Da quello che mi è stato detto dal direttore, lei dovrebbe essere più morto che vivo, come vedo, sta meglio di me!

GIANNUZZU
Come dice mia moglie: “ L’erba tinta,nun muore mai!” E poi,ho detto di esagerare perché in mezzo a tutto questo c’è (Alludendo)Vicè!

DOTTORE
Vicè? A me risulta che l’ammalato si chiami Giannuzzu! La prego, mi porti dall’altra parte a visitare l’ammalato!

GIANNUZZU
(Spiritoso) Sono io l’ammalato!(Finge di non reggersi in piedi e ride)Staiu murennu. Dutturi,mi aiutassi,mi vennu gli svenimenti! (Ride come un matto) Faccio così, grazie a(Allude) Vicè!
DOTTORE
(Adirato) Non mi faccia perdere tempo! Se continua ancora, andrò via e non scriverò niente a verbale e mi spiace per il signor Giannuzzu che sta male!

GIANNUZZU
Nun s’incazzassi! E menu male ca cafè,nun ci nni detti! Si ci dava u cafè,chi faciva,ci nisciva u focu d’aricchi? Stia calmo,ca va pigghiu u malatu (Esce e rientra con uno scialle in testa,fa una voce da vecchietto) Buongiorno dutturi, sugnu Giannuzzu carni picca, mi sentu mali! Si spicciassi a fari u verbali e si nni jssi subitu subitu! Tanto c’è... (Allude) Vicè!

DOTTORE
(Vede ch’è Giannuzzu, e si arrabbia) Ma è sempre lei! Come si permette a prendersi gioco di me!

GIANNUZZU
(Alza la voce) Uella, chi è! Si carmassi! Se è arrabiatu,si mette u culu abbagno maria! Havi un’ura ca ci dicu ca sugnu ju Giannuzzu carni picca. (Dolce) Fazzu chistu grazie a (Allude) Vicè! U capiu? Vicè!

DOTTORE
(Irritato) Da quando sono arrivato, ad ogni cosa mi dice “Vicè” ma si può sapere, che schifio intende dire cu stu “Vicè”?

GIANNUZZU
Che intende? Come che intende! La parola chiave!

DOTTORE
(Meravigliato) La parola chiave? Che vuol dire con, la parola chiave?

GIANNUZZU
(Si gratta la testa. Prende il cellulare e chiama) Pronto? - Vicè senti, ma chi schifia di dutturi mi mandasti! Ci dicu sempri a parola chiave e iddu ... chi cosa? (Si mette la mano in testa è disperato) L’amicu dutturi chi mi havii a mannari, l’hanno arrestato? (Si gira verso Maddalena e Michele) Allura, vuatri dunni schifia a facistivu a denuncia?

MADDALENA
(Timidamente) Assicurazioni du paisi era chiusa per fallimento e scinnemu a Misilmeri. (Giannuzzu si rode, fa dei gesti come se li volesse uccidere. Giannuzzu sviene e viene soccorso) Giannuzzu, sangu miu, nun moriri!

GIANNUZZU
(Lo aiutano a sedersi) Dottore mi controlli, mi sentu veru mali! Pigghiavu ‘na botta, cchiù forti di l’incidente cu signor,me cugnatu Favazza (Il dottore è fermo) Dottore che fa, nun mi controlla? Su scurdà c’hava fari u verbali pi l’assicurazione?

DOTTORE
(Esce dalla borsa il cappello dei carabinieri e lo mette. Tutti si meravigliano) Il mio nome è onso, Al-fonso!

GIANNUZZU
(Si rivolge alla moglie) Beddu stronzo!

DOTTORE
Sono il maresciallo dei carabinieri del comando di Misilmeri! Da tempo, si segnalano truffe alle compagnie di assicurazioni. Per combattere questa illegalità, ci camuffiamo da dottori per scovare e punire i truffatori come voi!

GIANNUZZU
(Impaurito) Che bella sorpresa! Senta,signor sbirro, noi siamo brava gente! Ficimu sta commedia picchì semu tutti attori e ju sugnu u regista! Che male c’è, alla fine ci po scappari ‘na risata. Eh! E poi, avissi a essiri contento di aver partecipato alla nostra commedia!

DOTTORE
A me non piace recitare, perché sono bastardo dentro!

GIANNUZZU
E curnutazzu fuori!

DOTTORE
(Molto arrabbiato) Cosa ha detto? Curnutazzo a me?

GIANNUZZU
Ma quando mai! Si stuppassi aricchi! Io dissi, curnutazzu fuori, a chiddu chi passò di fuori! Lei, è dentro e si poteva incazzare si ci diceva curnutazzo dentro!

DOTTORE
Capisco capisco!(Chiama col cellulare) Sono il maresciallo corna duri, ho scovato un’altra famiglia di brava gente. Posso procedere? Ok! Signori, siete pregati di seguirmi, in centrale!(Tutti spaventati)

GIANNUZZU
Ma quale centrale! Io sono mancino di destro! Appartengo al partito paesano internazionale della comunità europea delle quattro terre bruciate!

DOTTORE
Immagino che governo di brava gente è il vostro!

GIANNUZZU
Cu parrò! Comunque, Io sono il regista e la nostra commedia non può finir così!

DOTTORE
Le do un consiglio, cali il sipario su questo atto, il prossimo lo faccia finire diversamente. Per ora, andremo in centrale. Le do da subito una bella notizia. Le assicuro che andrà a dirigere le sue commedie con i detenuti in carcere! Andiamo!

MADDALENA
(Gemente) La prego, signorino sbirro, facissi finta di nenti pi sta vota! Chiudesse un occhio e anche noi lo chiuderemo! (Il maresciallo la ignora)
GIANNUZZU
(Adirato) Ma chi schifo dici Maddalena! ‘un lu sai ca nni ristaru sulu l’occhi pi chianciri! Si nni chiudemu unu, poi chi fa, chiancemu a tri quarti e un punto!

DOTTORE
(Ride) E poi suo marito ha ragione! E poi mi spieghi, perché mi ha detto “anche noi chiuderemo un occhio” Perché, cosa ho fatto?

MADDALENA
Cosa ha fatto? Abuso di potere! Lei, nun sulu ca è sbirro, ma fa puru, sutta sutta, u dutturi! Questo è puro abuso di potere! Ora capisciu picchì i cristiani morinu! Certu, picchì sutta sutta, sunnu sbirri chi sparanu cazzate! Veru è, i carabinieri, siete tutti cattivi! Non avete cuore! (Piange)

GIANNUZZU
Ma che dici Maddalena! I carabinieri, sono tutti bravi! L’unicu curnutu sbirru chi c’era nna tutta l’italia, nnu mannaru cca!

DOTTORE
Come si permette! Ora faccio una telefonata e vi farò trasferire nel carcere di Rebibbia!

GIANNUZZU
Amunì, stavo scherzando! È tutto incluso nella commedia! Mi permetta di baciarla.voglio avere l’onore di aver baciato un (Con sdegno) carrabineri com’è lei! (Il finto dottore lo respinge, lui si accanisce con rabbia. Maddalena e Michele cercano di fermarlo. Chiusura di scena)

Fine secondo atto

Terzo atto
(Entra Giannuzzu vestito da lavoro. Ha un sacchetto con la spesa e lo posa sul tavolo).

GIANNUZZU
Maddalena, Ju sugnu cca!(Entra Maddalena si baciano, si nota la sua gravidanza)Ciao amore, come ti senti?

MADDALENA
Diciamo un po’ meglio, mi sentu sempri stanca e sono costretta a stare a letto, ho tanto da fare.

GIANNUZZU
(Le tocca la pancia) Nun pensari sempre a fari i pulizii! Pensa che qui dentro c’è il frutto del nostro amore, devi riposarti così lui crescerà sano e forte!

MADDALENA
Hai ragioni, ma ‘un pozzu sempri stari coricata ho una famiglia da mandare avanti! E poi, tu torni stancu di travagghiari, mi sembra puru giustu ca trovi prontu di manciari...

GIANNUZZU
(Le tappa la bocca) Ora basta! Già hai parlato tanto! ‘ un ti preoccupari, ci pensu ju pu manciari! Da ora in poi t’aiutu, puru a fari i pulizii.(Maddalena lo abbraccia)

MADDALENA
Fuvu fortunata a sposarimi cu tia, sei una persona speciale!

GIANNUZZU
Il merito non è mio, ma Dio che mi ha cambiato! Da quando lui è entrato in casa nostra tutto è più bello!(Triste)Ora, mi pento di piccati chi fici, pigghiava pi fissa i cristiani, pi picciuli! Chiossà faciva piccati, chiossà i cosi andavanu mali! (Felice) Ora, sugnu cuntentu, che la fede abita nel mio cuore e ho trovato pace, amore con me stesso!. Grazie a tuttu chistu, si graperu i porti du travagghiu!

MADDALENA
Sulu ora capisciu, a vera fortuna è Dio, chi si confida in lui non perisce!

GIANNUZZU
Se lavissimu scoprutu prima,di sicuru,nun faciva tutti di imbrogli pi fari picciuli! Menu mali,che non è mai troppo tardi!

MADDALENA
U Signuruzzu,nun abbandona mai i suoi figli!

GIANNUZZU
Facemu ‘na cosa. Assettati, ca mi va lavu e poi pensu pi manciari (Maddalena annuisce. Bussano) Vado io!(Entra con Michele) Maddalena,talè cu cè!

MADDALENA
(Seduta) Che piacere, vedere mio fratello!

MICHELE
(Ben vestito) Il piacere è mio potervi riabbracciare dopo due mesi che non ci vediamo.(Va dalla sorella e si abbracciano)

GIANNUZZU
(Lo osserva con meraviglia) Talè, a me cugnatu vestito di marca, i scarpi ca parinu u specchiu. U cappotto di pelle! Complimenti! Sugnu veramente contentu ca finalmente hai trovato un lavoro in fabbrica Fiat, e ti sistemasti!

MICHELE
Anche per me,pare un sogno! Si è vero,si lavora si fatica,ma a fine mese quando guardi lo stipendio,dimentichi la fatica!

MADDALENA
Hai visto che alla fine è andata bene? Ti ricordi,quannu mi parlavi dei tuoi dubbi su che strada prendere? Meno mali,ca hai ‘na sorella camurrusa comu mia! Si nun avissi stato pi li me predichi chi ti faciva,sapiddu chi strata avissi fattu. Però,sono contenta che tu,sei contento a fare un lavoro onesto!

MICHELE
(Alla parola onesto,Michele si rattrista,tanto d’attirare l’attenzione dei presenti. Guardandoli in viso,per rompere il ghiaccio sorride) Avanti, che mi raccontate? Cosa fate, per tirare avanti? Non mi dite che fate sempre......

GIANNUZZU
No no! Ormai quella è acqua passata! Sono stati errori passati che ora non farei neanche se mi pagassero!

MICHELE
Complimenti! Mi fa piacere sentirti dire questo. Non me lo sarei mai aspettato da te! Tanto che non mi sembri più tu! A cosa è dovuto il tuo cambiamento?

GIANNUZZU
Al mio incontro con il Signore! Grazie a lui,ho capito i miei errori. Ora seguo la retta via per la sua volontà!(Alza mani al cielo)

MICHELE
(Tiene le mani a Maddalena) Sorellina, che mi dici di bello?

MADDALENA
(Felice) Aspetto un bambino!

MICHELE
(Sorpreso) Davvero?(Abbraccia la sorella) Sono strafelice! È bello rivedervi dopo due mesi e sentire che la vostra vita è cambiata!

GIANNUZZU
Grazie a DIO!
MADDALENA
Dimmi, come va tra te e Luisa?

MICHELE
Va a gonfie vele! Tanto che abbiamo deciso di comprarci un pezzo di terra a Belmonte, per crearci una villa come piace a lei!

GIANNUZZU
(Serio) Ca certu,ora il signor Michele si deve fare la villa! C’era abituato in tutto stu lusso! (Dopo ride) Sto scherzando! Tuttu bonu e binidittu! Si stavi speranza du paisi, avutru chi villa, ti putivi fari a capanna! Grazie a Dio, travagghiu,ma’ntisi ca a Fiat cerca operai e ci vulissi pruvari,chi lo sa,po’ essiri ca mi assumono. Dumani nni facemu ‘na caminata tutti e due. Accussì tu mi presenti a corcunu,vistu ca travagghi là!

MICHELE
Per ora non cercano operai!

GIANNUZZU
Chi è, si gilusu si o paisi ma fazzu puru iu una villa? Nun ti scantari,ca me la faccio piccola piccola,sulu sulu ca havi ad aviri due piscine e un campo di calcetto.

MICHELE
Meno male che la volevi piccola piccola!

GIANNUZZU
Picchì,ti pari ca è granni pi comu ti dissi io? (Michele annuisce) Ma quannu mai! Ha vogghiu cu dui piscine e un campo di calcetto,accussì nun dà nell’occhio! (Felice) Beddamatri! Al solo pensiero di aviri ‘na villa così, mi veni a voglia di...Michele,domani andiamo in fabbrica! (Michele è triste) Ti vedo sciupato, forse,sei geloso?

MICHELE
Che c’entra! Non è questo! il fatto è...(Guarda verso Maddalena e poi va verso di lei) Maddalena senti,ti spiace se ti invito ad andare dalla mamma? Devo parlare con tuo marito.

MADDALENA
Perché dovrebbe dispiacermi!

MICHELE
(L’accompagna fino alla porta) Grazie sorellina! Là troverai Luisa. Sarà felice di vederti!

MADDALENA
Anch’io lo sarò nel vederla! (Uscendo) A dopo

MICHELE
(Triste)Devo parlarti Giannuzzu!

GIANNUZZU
Sediamoci! Chi lo sa,mi dici cocchi cosa e mi vennu i svenimenti. Sugnu tantu siccu,ca poi pi alzarmi ci voli a gru! (Da seduti) Ti ascolto!

MICHELE
Si tratta del mio lavoro!

GIANNUZZU
Nun mi diri ca fusti licenziato da fabbrica? T’ammazzu!

MICHELE
La verità è che non ho mai lavorato in fabbrica per come tutti voi sapete.

GIANNUZZU
Non hai mai lavorato in fabbrica? E il tuo benessere, di unni veni? (Michele piange Giannuzzu intuisce) Vuoi dire che ......

MICHELE
(Gemendo) Si,proprio così! La disperazione è stata un traino fino al tunnel tenebroso della malavita! Ho cercato e ricercato per tenerla lontano da me,cercando un lavoro umile,ma onesto. Ma niente! Solo umiliazioni e disperazione! Il padre di Luisa,mi ha creato tanti problemi! Credeva che io fossi, un nullafacente,perché non mi vedeva mai lavorare! Ha ostacolato il nostro amore in mille modi! Arrivato a questo,pur di non perdere Luisa,l’ho fatto. Ora, mio suocero è felice, crede che ho un’ottima posizione, anche Luisa crede così, invece...(Piange) nessuno,nessuno può capirmi!

GIANNUZZU
Invece io ti capisco! Non l’hai fatto perché lo volevi,ma per costrizione! Tutti commettiamo errori, perché crediamo di essere soli al mondo e nessuno può aiutarci. Da quando ho scoperto l’amore di Dio, penso in bene e tutto mi è positivo! Il tuo cuore è lontano da Dio, è stato accecato dal male!

MICHELE
Vero, ho i soldi facili posso aver tutto,e poi? Non voglio continuare a far questa vita! Non posso continuare a mentire a Luisa!

GIANNUZZU
Se avessi chiesto aiuto a Dio, non saresti caduto nella malavita!

MICHELE
(Adirato) Se Dio, mi voleva aiutare non mi permetteva di peccare!

GIANNUZZU
Egli, ci lascia liberi di scegliere il bene e il male! Se noi facciamo il male, vuol dire che il nostro cuore si è indurito da non sentire i suoi richiami! Non diamo la colpa a lui dei nostri errori, perché se accadono e segno che il Signore ce lo siamo lasciati alle spalle già da tempo!

MICHELE
(Triste) Ormai, non posso più abbandonare!

GIANNUZZU
Michè, penso ca è arrivata l’ura di sapiri a virità sulla morte di to patri. Quannu era ancora picciuteddu, to patri, faciva parti da malavita, spacciava droga. Anche da sposato, continuava a fari sta vita senza dirici nenti a to matri. ‘Na sira, s’arricampò dintra cu tanti piccioli. Quannu to matri mi cuntà sta storia, dici ca da sira to patri era cunvintu di pigghiari pi fissa o boss e tinirisilli iddu di piccioli. L’indomani mattina u vinniru a chiamari e nun s’arricampò mai cchiù a casa.

MICHELE
Non sapevo che fosse successo questo? Ho sempre saputo che mio padre era morto in un incidente. Perché nessuno, mi ha mai detto la verità?

GIANNUZZU
Per paura! To matri si scanta ca si tu sapissi a verità, in un momentu di debolezza ci putissi iri a finiri!

MICHELE
(Triste) Quanto è buffa la vita! Senza saperlo ci sono caduto lo stesso! (Convinto Afferra le mani di Giannuzzu) Voglio rimediare! Ora che so la verità, non brucerò la mia vita come fece mio padre. Non distruggerò la mia famiglia! (Pensa) Dio, mi perdonerà dei miei errori?

GIANNUZZU
Parli così, perché non conosci la sua misericordia!

MICHELE
(Felice) Da oggi, chiedo scusa a Dio e voglio rinascere nel suo amore,voglio esser colmato della sua luce! Andrò dal boss, gli dirò che ne uscirò dal loro lavoro sporco! Sistemati, tra un po’ tornerò e faremo una grande festa (Abbraccia Giannuzzu) Ti voglio bene! (Esce)

GIANNUZZU
(Si genuflette) Signore padre santo, grazie che hai usato la mia bocca per illuminare il cuore di mio cognato e hai recuperato la sua vita da quel tunnel del peccato. Proprio come hai fatto con me! Grazie padre santo! (Bussano,va ad aprire Entra Maddalena e Luisa) Che piacere vederti!
LUISA
Il piacere è tutto mio!(Si salutano)Dov’è andato Michele con quella fretta?

GIANNUZZU
È andato a parlare con un amico. Fra cinqu minuti veni. Mi devi scusare Luisa, vado un attimo di là a darmi ‘na lavata veloci veloci!

LUISA
Vai pure! Tanto rimango un po’,aspetto Michele e andiamo(Giannuzzu esce)

MADDALENA
Sediamoci.(Da sedute) Allora, ti senti pronta o no?

LUISA
Mi sento tanto emozionata! Penso che glielo dirò qui! Così,anche tuo marito lo saprà. (Felice) Non vedo l’ora di vedere la sua faccia, quando saprà che aspetto un figlio!

MADDALENA
Conosco mio fratello, piangerà, è molto sensibile! Ho pianto io dalla gioia, pensa lui ch’è il padre!

LUISA
Che gioia! Un figlio nato dal nostro amore! Chi l’avrebbe mai detto,dopo i tanti problemi con mio padre,non pensavo proprio che finisse così bene!

MADDALENA
E’ Dio che segna la nostra vita! Si potranno affrontare tutte le battaglie e perdere sempre,ma se Dio ha segnato la vittoria,prima o poi arriverà!

LUISA
Si,è vero quello che hai detto! E poi lo dice anche il proverbio: Quando i due si amano il terzo non ci può!

MADDALENA
(Si tocca la pancia) Anche per me è una gioia immensa,sapere che qui dentro custodisco un regalo di Dio! Il tesoro di una famiglia sono i figli, senza di loro la famiglia è una poesia senza emozioni! (Bussano. Entra Michele con un vassoio di dolci)

MICHELE
Dov’è tuo marito, Maddalena?

MADDALENA
Si sta lavando!

MICHELE
Digli di sbrigarsi, dobbiamo festeggiare!

LUISA
( A Michele) A cosa dobbiamo festeggiare?

MICHELE
A tutto ciò ch’è bello! Alla nostra famiglia, al nostro amore, al mio incontro col Signore

LUISA
Anch’io ho qualcosa da aggiungere al tuo elenco di festa ...aspetto un figlio!

MICHELE
Veramente?(Lucia annuisce, l’abbraccia e si commuove) Questo è il regalo più bello che io abbia mai ricevuto!(Guarda al cielo, tiene stretta Luisa) Grazie Signore, mi hai recuperato dalle tenebre e mi hai dato segno che la tua luce è la vera strada da seguire per un puro cammino di fede in una sana vita ricca d’amore! Grazie!

GIANNUZZU
(Entra Giannuzzu vestito pulito) Già di ritorno? Com’è andata?

MICHELE
È andato tutto bene! Gli ho detto quello che pensavo ed ora...sono felice! Perché mi sono ripulito, di quell’ombra che non mi apparteneva! È il momento di festeggiare dai! (Aprono i dolci) Ho dimenticato lo spumante in macchina (Esce, si sentono tre colpi di pistola, tutti si spaventano. Rientra Michele insanguinato. Cade a terra. Tutti accorrono da lui. Le donne piangono)

GIANNUZZU
Presto, chiamati u dutturi! Michele, Michele! (Maddalena esce di corsa)

MADDALENA
(Rientra) Sta arrivannu l’ambulanza!

MICHELE
(Con affanno) Che senso ha chiamare il dottore, se non ha la medicina che potrà cancellare, il mio peccato! Luisa, perdonami per le bugie che ti ho detto, ma una cosa è certa, la verità più pura che ti ho sempre detto è che ti amo! L’amore che ho per te, nessuno potrà mai avvelenarlo! Il figlio che porti in grembo è l’angelo che il Signore ci ha donato. Sarà lui a tenerci uniti, anche dall’aldilà!(A Giannuzzu) Grazie Giannuzzu per quello che hai fatto! Mi hai insegnato la strada verso la luce. Non potrò mai seguirla, ma sono felice d’averla scoperta! (Tossisce, poi a Giannuzzu) Pensa tu alla mia famiglia. Quando mio figlio sarà grande, fagli capire il motivo del mio peccato. Insegnagli la strada del Signore! La vera strada verso la vita eterna! Vi voglio bene (Spira. Tutti piangono. Dopo qualche secondo, Giannuzzu parla al pubblico


GIANNUZZU
(Recitando) Quanto vorrei che la vita fosse un teatro, specie quando ogni giorno, si sente che un giovane muore perché ha detto basta alla malavita! Basterebbe un applauso carico d’amore, che l’attore morto, si alzerebbe da quel mare di sangue e con un dolce sorriso, asciugherebbe le lacrime versate del pubblico. Si spengono i riflettori, si smonta il parco e tutto finisce in una serata di teatro. La vita non è teatro! Nessun applauso la darà a chi l’ha persa! Quante famiglie ogni giorno, piangono la morte di un loro figlio! Aldilà di chi sia la colpa del giovane o no, ch’è entrato nelle strade del crimine, non è giusto voltare le spalle a questa realtà, ma guardiamo in faccia la vita! Prima o poi, potrebbe coinvolgere me, voi, i vostri figli! Prendiamo coraggio, salviamo la nostra terra, facciamo capire a chi ci governa che la Sicilia ha bisogno di un futuro che non possa uccidere le nostre idee! Ma possa far vivere i nostri pensieri, senza occultarli per paura di essere bruciati dal fuoco del crimine! Per far questo, bisognerebbe aver coraggio di alzarsi, far vedere il proprio volto, e dire: “Basta!” Purtroppo, è solo una mia illusione, perché in Sicilia tutto questo ... non succederà mai! (Da le spalle al pubblico, ma si gira non appena li sente parlare)


VOCI DAL PUBBLICO
(Si alzano uno dietro l’altro) Invece no! Io, voglio cambiare! Anch’io voglio cambiare!...Anch’io!...Anch’io...Anch’io...

Fine