Menarosti alla riscossa

di

Nicola Pegoraro


La scena si presenta come una cascina sulla sinista e a destra un filo da stendere con dei panni appesi


Personaggi:

Uomini
Toni marito di Pinetta pap di Angela
Pinetta
Fulvio
Angela moglie di Pierpaolo
Menego marito di Elda
Gina moglie di Fulvio
Piero moroso di Chiara
Chiara
Pierpaolo
Gianna
Architetto Conte dal Colle
Elda incinta


Scena 1- entra Toni

Toni- dotore, dotore, dove xeo nd finire el dotore, e de cosa po. Dime t che rasa de genero che me so port casa, on capean. G na tosa solo, la podeva maridarse con qualchedun in palanca invese..

Scena 2- entra Pinetta

Pinetta- cosa gheto, sempre drio lamentarte.

Toni- ecola la causa de sta rogna, on bon partito, a te disevi chel jera on guardiacaccia che lavora col governo.e invese l disoccupato cronico

Pinetta- cosa continuito, che la colpa la x tua.

Toni- mia la x e de cosa po?

Pinetta- a te dovevi informarte, invese tuto in presa, la dota e anca le nose, pissa in presa che non te si altro.

Toni- signore tieme che onc divento vedovo.

Pineta- comunque ala tosa el ghe piase, e po l sempre studiato, magari el cata davero on lavoro col governo.

Toni- s, el pensionato. Intanto lo gho m son gropon, e deso me toca mantegnere anca l, dotore, dotore, dove xeo nd a finire po..

Scena 3- entra Angela

Angela- pop cosa continuito sigare dotore, te se che l modesto e che non ghe piase farse ciamare cus, te poi ciamarlo par nome, Pierpaolo, Pierpaolo

Scena 4- entra Pierpaolo vestiti da contadino con una forca in mano

Pierpaolo- scusatemi, stavo cercando il tridente per fare la camera alle mucche.

Pinetta- (guardando Toni) Ma cosa diseo s?

Toni- el ga dito che el sercava la forca par farghe el leto ae vache. Varda t come che so ciap!

Pierpaolo- Forca ecco, non mi veniva il nome, cara Angela, questa vita bucolica mi ritempra lo spirito e mi carica di ottimismo, con questo tridente sono il dio nettuno ed ora vado ad affrontare il mare con spirito eroico ed indomito.

Angela- vai mio nettuno, sar la tua sirena.
Toni- sta tento dio nettuno, prima che te cura le emoroidi col tridente, x meio che te vegni in stala con m, seto capean.

Pinetta- trateo ben che magari el cata lavoro col governo.

Toni- se el vien in stala lo governo m allopera dottore.

Pierpaolo- mi scusi signor suocero, se lei mi concede potrei sfuttare le mie conoscenze per migliorare i tempi di produzione e con qualche studio che ottimizzi le risorse potrei agevolarla

Toni- tento genero, prima che te agevola col manego dea forca, curi in stala.

Scena 5- Pierpaolo e Toni vanno in stalla. Restano Angela e Pineta

Angela- ma mama, me pop nol poe mia tratarlo cus, in fondo le el so genero

Pinetta- cosa vuto che te diga Angela, ogni sera coi vien fora dalla stala ringrasio el signore che te gh on mario

Angela- ma alora t el te piase?

Pinetta- p che altro a ringrasio el signore che non te sipi divent vedova.

Scena 6 - entra Gina

Gina- bongiorno care, sio drio fare quatro ciacole, parch alora a me fermo anca m on poco.

Pinetta- ma s fermate, solo du minuti per, che ghemo da snetare in casa.

Gina- ben, alora se g solo du minuti, a parlar in pressa.

Angela- non savevo mia che te gh anca la version accellerata.

Gina- a cara tosa, so vecia ma piena de risorse. Vegnendo qua, no par scoltare i vostri afari, parch sav che m so una delicata che non se intromete mai soe robe de chealtri, a volte purtoppo capita che te te intrabuchi soe ciacole de chealtri e te toca sentire anca robe delicate che non bisognaria, ma non lo faso mia aposta.

Pineta- parcarit Gina, tuti poe intrabucarse.

Gina- e s anca anca ma anca gnanca, comunque tra le robe che g scolt par sbaglio a me parea de sentire che gav problemi con to mario, vero Angela?

Pineta- anca questa te gh sentia par sbaglio?

Angela- cosa disito Gina, l on bon toso, l Ingegnere, magari el cata lavoro so na dita de que grose.

Pinetta- x parch noialtri vegnemo fora dai campi, no semo studiati, no ghemo mia tute le porte che se verse davanti a noialtri.

Gina- m me pare che le uniche porte che se verse davanti a l sia quele della stala de Toni, comunque contente voialtre. m care, me so cat un mario dele nostre parti, sav, vache e buoi dei paesi tuoi.

Pineta- cos se lu l el to bue t te s la so

Gina- pensa queo che te voi ma intanto l el me scolta, fedele e obbediente.

Angela- p che obbediente l addestr, poro Fulvio.

Gina- ma cos vurisito dire del me Fulvio? Che non l mia contento de m?

Scena 7 - entra Fulvio.

Fulvio- ciao done, a te si qu anca t Gina, a speravo che te fusi nd al merc.

Gina- no caro so ch, parch, te dispiase?

Fulvio- m no eh! Ogni volta che te vedo el me cuore el fa on tuffo.

Pinetta- che deboto te resti seco dalla gioa.

Angela- che bei che s, dopo tuti sti ani ancora a volerve ben, che fortun che s.

Gina- sentio Fulvio, che fortun che semo vero? (minacciosa)

Fulvio- sacro santo, non so gnanca m cosa che g fato per meritarme sta fortuna ch, che ogni tanto ringrazio el signore con quatro de chee. orasion.

Pinetta- ben cari so proprio contenta, ma visto che i du minuti i s pasa, e le ciacole non le x finie, vo in casa che go da ramendare, voialtri rest chi se vo fare comarea che me pare che gav p robe da dire che da fare. (Esce)

Gina- anca anca ma anca gnanca, ci Pineta a v casa anca m che g da parar su le faraone, e t Fulvio serca de movarte che non te vai in giro a perdar tempo che el soe magna le ore. (Esce)

Scena 8- escono Pineta e Gina. Restano Angela e Fulvio

Fulvio- grasie signore, grasie.

Angela- sito drio pregare el signore perche el te g d to moiere?

Fulvio- a dire el vero so drio pregare perch el sea toga.

Angela- cosa me contito Fulvio.

Fulvio- ricordate el proverbio: can, bacal e femene pi tei bati pi i diventa boni.

Angela- bea questa, se te sente la to Gina go pensiero che la te daria ea pan e peri..

Fulvio- va ben dai, cambiemo discorso, come vala deso che te si spos, te catito ben col to omo?

Angela- sicuro, parch dovaria catarme mae?

Fulvio- no, no, par carit, solo che sento dire che Toni el se cata on poco mae col novo aiutante.

Angela- ma cosa disito che i x sempre drio sercarse

Scena 9- entra Toni

Toni- dottore, dottore, ecolo, l spario danovo

Fulvio- cosa gheto, steto mae che te vui on dotore?

Toni- a so drio ciamare el me genero, non teo se che l dotore.

Angela- pop, te gho x dito de ciamarlo Pierpaolo.

Toni- ma dove xeo nd, non te gavevi mia altri trapei da portarte casa.

Fulvio- a te ghe rason Angela, i x sempre drio sercarse.

Toni- par forsa, non so bon de catarlo, Angela, va in casa tore on par de goti val, cus me dismentego del genero.

Fulvio- alora p che du goti te voe du fiaschi.

Scena 10 - esce Angela.

Toni- a chel genero l a ghe manca on bojo, ci Fulvio, gheto sentio che i voe costruire sula bassa?

Fulvio- a dire el vero non so mia tanto, bisogna che ghe diga alla Gina de informarse.

Toni- beato t invese de comprare el gasetin, teo gh spos.

Scena 11 - entra Angela con bicchieri e vino.

Angela- eco qua, a vardarve in testa se diria che gav perso el peo ma no el visio. (sono calvi)

Scena 12 - entra Pierpaolo

Pierpaolo- caro Toni, potevi dirmelo che facevi un breafing.

Toni- teo gavaria dito se solo savese cosa che l.

Fulvio- ma parleo sempre in sta maniera ch?

Toni- no, par fortuna che ogni tanto el tase.

Angela- Pierpa, ndemo con m a berte on caf, e asai in pace on poco.

Scena 13 - Pierpaolo e Angela vanno in casa. Restano Fulvio e Toni

Fulvio- beh, m gho la Gina ma anca t te gh la to croce.

Toni- per m non la gho mia spos.

Scena 14 - entra Menego in bicicletta.

Menego- o si sempre drio lavorare de ganase voialtri d.

Toni- senti chi che parla.

Fulvio- alora come vae ste nosse.

Menego- ormai le x collaudate da on toco, tra poco nasse lerede.

Toni- certo che te ghe mia spet tanto par fare on fiolo, te te s spos giusto 9 mesi fa.

Menego- cosa vuto, le nosse, el viaggio dele nosse a Venesia, el canal grande

Fulvio- la gondola.

Toni- el ponte dei sospiri

Toni, Fulvio e Menego- (sospirano insieme) ehhhhh!

Menego- le calle.

Fulvio- m le calle non le g mai viste. In compenso a sento i calli.

Menego- i colombi che tei ciami e te ghe d da magnare con..
Toni- du maroni.

Menego- no col sorgo.

Toni- no, du maroni da quando che te s torn te s sempre drio parlare de sta Venesia, basta. Ogni volta che te parli del to viaggio la Pineta la me varda con du oci.

Fulvio- par forsa, non tea ghe mai port da nessuna parte.

Toni- jera altri ani e non gaveo tuti i schei de sto menarosti ch e po doveo tajare el masengo nea bassa.

Menego- a proposito dea bassa, a go pensiero che non te tajare p el fen l.

Toni- parch?

Menego- a jero in osteria dala mora che ghe contavo de piazza S. Marco.

Fulvio- chiss che contenta che la jera..

Menego- e la me gha dito che se gha ferm dormire da ea on Architetto, on certo Conte Dal Colle, e el ghe domandava dove che x la bassa parch el gha da costruire na roba.

Toni- sui me campi e m non so gnente?

Fulvio- che non te sai gnente lo capiso, ma che anca la Gina non sai gnente, me pare strano.

Menego- alora bisognaria informarse.

Toni- Fulvio, questo x on lavoro par la to Gina, curi casa e dighe che la vaga dala mora a torte on pacheto de sigarete.

Fulvio- m non fumo mia, el fumo fa mae.

Toni- x meio che te tachi fumare parch m te faso p mae, e deso curi casa.

Fulvio- ma varda t, che me toca fumare anca.

Toni- E t Menego curi in paese e indrisa le rece, parla con la gente e serca de informarte.

Menego- agli ordini colonnello. (fa per partire)

Toni- Menego, non sta mia parlare de Venezia, so no i scapa tuti.

Menego- forse jera mejo se ndavo a Firense, deso parto capitano.

Toni- E t Fulvio, x meio che te vai casa de corsa se te ghe tien alla to frutta seca.

Fulvio- non sta preocuparte che ghe tegno ai me gioielli.

Menego- te ghe rason i x du gioielli da portare al monte de piet.

Scena 15 - Menego e Fulvio escono

Toni- e deso lAngela, Angela gho da parlarte. Pineta, Pineta, lAngela, dove xea?

Pineta- (da fuori scena) la gho mand al merc torme on poca de farina de maraneo, ma tra poco la dovaria tornare.

Toni- el maraneo, ma feto la poenta onta stasera?

Scena 16 - entra Pierpaolo dalla cucina seguito da Pineta che si ferma sulla porta.

Pierpaolo- ho chiesto a mia suocera di cucinare una egiziana al forno per questa sera.

Toni- Pineta, ma noialtri le ghemo le egiziane, e se poe magnarle?

Pineta- ma sicuro, a ghinemo on punaro, agiornate, modernisate.

Toni- ma de cosa sio drio parlare?

Pineta- dele faraone capio?

Toni- par m qualchedun x drio torne pai fighi, comunque se lo dise el dotore. Galo qualcosa daltro da dire?

Pierpaolo- caro suocero, secondo me le mucche farebbero pi latte se ci mettiamo un po di musica.

Toni- ma cosa tirito fora che g altro da pensare deso, e po la x na stala no na balera.

Pierpaolo- ma no basta mettere un po di musica classica, Mozart, Beethoven, Tchaikovsky con lo schiaccianoci

Toni- se non te ghea moi te le schiaccio m le noci, fila in stala dotore, varda cosa che me x capit

Scena 17 - escono Pinetta, Toni e Pierpaolo. Entrano Angela con Chiara e Gianna di ritorno dal mercato.

Angela- cus la x care, i voe spianare la bassa e fare on centro commerciale, vegnendo casa go cat la Gina che la jera drio ndare dalla Mora a torghe le cicche a Fulvio.

Gianna- ma fumeo Fulvio?

Angela- no ma la Gina me gh dito che meo p lo batea se nol toeva le cicche.

Chiara- eco parch el fumo fa mae.

Gianna- va ben ghemo capio e deso cosa femo?
Scena 18 - entra Menego

Menego- care le me femenete, ancora nubili, quasi quasi a ve porto anca voialtre a Venesia.

Angela- varda che m so marid.

Menego- non sta preoccuparte Angela, m non so mia geloso de to mario.

Chiara- ma insoma sito sempre compagno?

Menego- ala Elda ghe piaso cus.

Gianna- alora che novit ne contito?

Meneco- podaria parlarve del canal grande.

Gianna- non vedo lora de ndare anca m a Venesia insieme con t.

Menego- cara la me Chiara, m te portaria sora el canal grande.

Gianna- e m te butaria x dal ponte nel canal grande.

Mehego- ma m non so mia bon de noare.

Gianna- appunto.

Angela- ci Menego, seto gnente de on architetto, gho sentio dire che el voe costruire on mucio de boteghe sulla bassa, t seto gnente?

Menego- sicuro che lo so, alora, la Gina x nda torghe le sigarete a Fulvio

Gianna- ma alora x vero che el g tac fumare.

Menego- no x par avere notisie fresche su sto Architetto Conte dal Colle.

Angela- la Gina la fa la spia segreta, come la famosa Mata Hary?

Gianna- par m la fa solo la mata, comunque va vanti.

Menego- se me as, vago vanti, alora sto Architetto l qua da solo, e m g on piano, una de voialtre lo conose, la fa on poco la smorfiosa te se come che se fa vero Chiara?

Chiara- se te vui te do na dimostrazion.

Menego- sta ch la x na bona idea, alora m faso lArchitetto e t la gatta smorfiosa.

Quadro: Menego si finge architetto, Chiara fa la gattona che lo circuisce, fa cadere un fazzoletto; mentre Menego si china per raccoglierlo, lei solleva un po la gonna, Menego sfiora la gamba con gli occhi, poi annusa il fazzoletto e lo consegna a Chiara con una piroetta e si ritrova Chiara tra le braccia.

Scena 19- entra Piero moroso di Chiara

Piero- hei cosa sio drio fare voialtri?

Menego- tranquillo Piero semo drio provare.

Piero- a vedo che te s drio provarghe, e me pare anche che te sipi drio riusirghe.

Angela- ma no, Piero, la x drio fare la gattona par lArchitetto.

Piero- e dove xeo?

Menego- so m.

Piero- ma quando te gheto laure?

Angela- ma par finta.

Piero- a go capio, l fa finta de esare architetto e cus el ghe prova sul serio.

Gianna- ma no Piero, ma non te se gnente, alora la Gina x nda torghe le sigarete a Fulvio

Piero- ma Fulvio nol fuma mia.

Gianna- ma deso el fa finta, cos la Gina la poe ndare dala mora a fare la Mata Hary.

Piero- adeso go capio, Fulvio el fa finta de fumare, Menego fa finta de esare larchiteto e la Gina la x diventa mata e la se gha fato mora. Mata la x da on toco, ma par cosa se gala d la tinta?

Gianna- ci Chiara, sto ch nol capise gnente.

Chiara- l uno che ghe mete tempo ma dopo el riva, scoltame ben Piero, alora sicome nea bassa i voe costruire on affare pien de boteghe.

Piero- un centro commerciale?

Chiara- s

Piero- vedito Gianna che capiso le robe?

Gianna- speremo in presa sen i fa ora finirlo.

Angela- e meo p nol voe parch la x na tera bona

Chiara- alora ghemo studi on piano par fare scapare lArchitetto Dal Colle

Piero- ma se la tera la x nea basa par cosa lo feto scapare dal colle?

Menego- (tutti si guardano) m tose la vedo dura.

Gianna- ma falo par torne in giro o xeo cus?

Angela- sta tenta Chiara x meio che te ghe spieghi con calma.

Piero- par m si voialtri che non gav mia le idee ciare. Fulvio che fuma, la Gina mora e mata, larchitetto che par farlo scapare dalla bassa bisogna prima portarlo sul colle, e par cosa po par farlo rodolare via? Par m non gav mia le fasine al cuerto.

Menego- insoma deso ve spiego el piano. T Chiara te f la smorfiosa con lArchitetto, e deso m faso lArchitetto par finta e dopo t Piero tei vedi insieme e te f el geoso.

Piero- e m bato lArchitetto (fa per aggredire Menego)

Menego- queo vero per, cusi dopo noialtri saltemo fora, lo impetufemo e lo femo scapare, capio?

Chiara- sta tento Menego a gheo spiego m a Piero, con calma che dopo el capise tuto, ndemo dai.

Piero- Alora m ve saludo, ma t Chiara gheto capio tuto, parch gho poche idee.

Chiara- e confuse anca, ndemo dai che con calma, tanta calma te spiego tuto.

Scena 20 - escono Chiara e Piero.

Menego- beh tose ve saludo, go da ndare casa che lElda la gha bisogno de m.

Gianna- imagino, oramai manca poco, la gha da avere na bea pansa.

Menego- e s, con la gravidansa x cres la pansa, ma par fortuna anca dellaltro. Ve poso garantire che me fiolo nol patir mia la fame.

Gianna- sempre compagni i omeni solo a chee robe l i pensa, noialtre donne non semo mia solo carne seto?

Menego- care done dov savere che le done sensa carne se come le braghe sensa scasele, non te s mai dove metare le man.

Angela- va casa prima che te tira drio on sopeo.

Menego- ciao feministe.

Scena 21 - esce Menego.
Gianna- ma t lo gheto visto sto Architetto?

Angela- mai visto, parch cosa cambia?

Gianna- te se, me moroso le nda fare el carabiniere e m x da tanto che so da sola magari l on belomo.

Angela- ci, via uno soto naltro, e dopo te disi su de Menego.

Scena 22 - entra Gina

Gina- care donete, come steo, gavio novit?

Angela- x qua Mata Hary.

Gianna- chi?

Angela- la mata. areal

Gianna- giusto, cara Gina, se non te le gh t le novit che te s sempre tutto.

Gina- anca anca, ma anca gnanca, per x utile avere la me esperiensa deso vero?

Angela- alora Gina, sito riuscia a spiare sto Architetto?

Gina- m non spio, m oservo.

Gianna- va ben ma contane, come xeo?

Gina- ma a dire el vero el saria on belometo, tuto beo elegantin, el g on bel machinon, se solo fuse p sovaneta lo portaria m nea bassa.

Gianna- ma dai Gina, e Fulvio, lo asarisito da solo?

Gina- te ghe rason, chi vuto che seo toga s.

Scena 23 - entra Toni

Toni- insoma dotore, te go dito che non vuio trapei in meso la stala capio?

Angela- beh tose, m ve saludo parch sento che cambia el tempo.

Scena 24 - esce Angela

Gina- cosa gheto Toni, confidate, teo s che m so discreta.

Toni- s come el gazetin.

Gina- ma val che avere un genero Ingegnere, x na fortuna.
Toni- s, a so cus fortun che me piove sol culo anca se so sent.

Gianna- bon, visto che dov confidarve, m vao casa che x ora. Saluti Toni, e anca a t Gina.

Scena 25 - esce Gianna.

Toni- qua Gina bisogna che trovemo el modo de conosare sto Architeto.

Gina- l Architeto ma l anca Conte.

Toni- Architeto e Conte, queo s che el saria on bon partito, pec che me fiola se gai x combin.

Gina- no sta preocuparte, trovaremo on modo par farlo vegnere in corte, la bassa x tua e se el g da fare lavori el g da parlarte.

Toni- anca parch non vedo lora de fare i conti col conte.

Scena 26 - entra Pierpaolo

Pierpaolo- caro suocero ho unidea per migliorare la fase della mungitura, quando noi metteremo la musica le mucche vorranne essere munte in modo adeguato alla musica che ascoltano.

Gina- ci Toni sito drio farghe scola de musica ae vache?

Toni- asa perdare x el genio de me genero, el voe metarghe la musica in stala.

Gina- e parcosa, gheto le vache che voe balare?

Pierpaolo- ma no, signora Gina, la musica, latmosfera rilassante le aiuta a produrre latte.

Gina- ma l galo bev?

Pierpaolo- no, sono serio.

Gina- alora se nol gh bev l mato, bisogna che el fasa domanda par la pensione de invalidit.

Toni- finalmente un pochi de schei dal governo.

Pierpaolo- ma io non sono matto.

Gina- ben val cari a s mesi ben con sto genero, speta che gheo conta al dotor Laudano, te vedi che medisine che el te d.

Toni- se el continua cosi, p che le medisine servir loio dei santi.

Gina- ben cari, m vo casa, me toca sentirghine altre, na scola de balo par vache poro Toni che rasa de genero.

Toni- asa perdare Gina, serca de far vegnere qua lArchitetto che cuss lo conoso e t genero, x meio che te ghea moli con ste idee capio, metate in testa che quela la x na stala, no na balera capio. E deso vien in stala e portame dentro la bala capio?

Pierpaolo- la bila? E cos?

Toni- come cosa che la x, movate torla e ndemo in stala.

Gina- x mejo che te ghea porti prima che la cata l, seno el tea d sui denti. E po v casa che gh na fameja da parar vanti.

Scena 27 - Toni va in stalla, Gina esce ed entra Angela.

Pierpaolo- la baila, boh, chiss dov ? (cerca in giro)

Angela- ciao Pierpa, ma cosa sito drio sercare? (comincia a guardare in giro)

Pierpaolo- (sta guardando sotto le sedie) una cosa per tuo padre.

Angela- (lo aiuta a cercare guardando in giro) ma come fatta?

Pierpaolo- veramente non lo so, tuo padre vuole una bila e io la cerco.

Angela- soto le careghe? Ma seto cosa che x na baila?

Pierpaolo- a dire il vero no.

Angela- l un guciaro grande col manego, na specie de guciaron.

Pierpaolo- guciaron?

Angela- ma s, in dialetto quando na roba la diventa grande basta sontarghe on, deso dime, cosa xea questa?

Pierpaolo- una forca.

Angela e se la fose granda?

Pierpaolo- un forcon.

Angela- quindi testa grande

Pierpaolo- teston

Angela- can grande?

Piepaolo- canon

Angela- quasi, cagnon. Comunque, la baila la serve par tore su la tera, sabia o queo che te voi.

Pierpaolo- adesso ho capito tutto, ma c?

Angela- a la gavemo s.

Pierpaolo- gavemo, cosa vuol dire?

Angela- speta che te spiego on poche de robe. Parlemo del verbo avere, ripeti con m: m g, t te gh, l el g, ea la g, noialtri o noialtre gavemo, voialtri o voialtre gav, lore le g e luri i g.

Pierpaolo- m g, te te gh..

Angela- bon deso lo femo negativo: m no g, a non te gh, non la g, nol g, no gavemo, no gav, no le g, no i g, capio?

Pierpaolo- m no g, giusto?

Angela- bravo e deso interrogativo: Goi? Gheto? Gala? Galo? Da non confondare con el galo, el mario dea cioca, el galo fa..

Pierpaolo- chichirich.

Angela- la cioca fa cocococod, capio, alora: Gavemo? Gavo? Gale? Gali? Che non x 2 marii dele cioche. Capio?

Pierpaolo- s, ho capito, va bene, ma la bila dov?

Angela- dopo, dopo, adesso interrogazione!

Pierpaolo- giustificato!

Angela- no, prorio par gnente, e adesso ripeti con m: m camino t te camini, l camina

Pierpaolo- (lentamente) m camino, t te camini

Angela- pi veloce dai!

Pierpaolo- m corro, t te corri, l corre..

Angela- spiritoso, deso impegnete, allora verbo avere passato prossimo?

Pierpaolo- o vudo?

Angela- quasi, gho vudo, te ghe vudo e vanti, adesso futuro semplice?
Pierpaolo- non lo so.

Angela- gavar, te gavar, la?

Pierpaolo- gavar.

Angela- vito che te impari gavaremo, gavar e vanti e deso na roba difisile, congiuntivo presente verbo avere? Ea che la..

Piepaolo- maestra devo andare in bagno.

Angela- dopo, deso rispondi; ea che la gai, noialtri che gavemo, m .

Pierpaolo- ca gai.

Scena 27 - entra Menego in bici

Menego- salute! Raffinati sti dotori.

Angela- ma no Menego jero drio insegnarghe a parlare nostran.

Pierpaolo- ho problemi con mio suocero e vorrei imparare il vostro dialetto.

Menego- la nostra lingua te vor dire.

Pierpaolo- insomma non esageriamo, litaliano la lingua di Dante, la Divina Commedia Per me si va nella citt dolente, per me si va nelleterno dolore, per me si va tra la perduta gente, giustizia mosse il mio alto fattore

Scena 28 - entra Toni

Toni- dotore, genero, viento in stala cha la baila la go trov da solo.

Menego- eco che x riv el to alto fattore.

Pierpaolo- scusate ma devo andare.

Toni- viento dentro o steto fora?

Menego- e a proposito de Dante lasciate ogni speranza o voi che entrate.

Angela- aseo in pace poareto.

Scena 29 - esce Pierpaolo

Menego- Angela, forse ghemo trov el modo de far vegnere qua el conte, bisogna preparare el piano, capio, avisa la Chiara che el conte l drio rivare.

Angela- dame la bici che faso prima
Menego- me racomando, sta tenta che non te caschi, la x na bici quasi nova, Toni, Toni..

Scena 30 - esce Angela in bicicletta, entra Toni con la forca.

Toni- cosa ghe x da sigare?

Menego- pareciate che x drio rivare el conte.

Toni- bon, deso vo tore on palo che lo combino m par le feste.

Menego- sta chieto che go on piano.

Scena 31 - entra Pierpaolo


Pierpaolo- ma dove stava andando Angela in modo cos irruento?

Toni- (perplesso) ci Menego, cosa x che jera drio fare lAngela?

Menego- irruiva in bicicletta.

Toni- varda che so ancora in tempo a tore el paseto se te parli cuss.

Pierpaolo- cosa sta succedendo?

Menego- prepareve che riva el conte.

Scena 32 - rumore di macchina, clacson e frenata entra il conte Dal Colle.

Pierpaolo- che forza, che impeto, che irruenza.

Toni- ci Menego cosa galo fato el conte?

Menego- irruiva in macchina

Scena 33 - entra il conte, pantaloni bianchi, giacca bianca, camicia azzurra, foular colorato e cappello di paglia: elegante con il bastone da passeggio.

Conte- signori buon giorno, c il proprietario della magione?

Toni- veramente saria prestin par magnare.

Conte- come scusi?

Pierpaolo- scusi, signor conte, il proprietario il signor Toni, stava scherzando.

Toni- m, l sta l dire che l on mangione.

Menego- calmo Toni, asa che i studiati i se parla.
Pierpaolo- le presento il signor Toni, il titolare.

Toni- e sto ch l lingegnere de me genero.

Conte- ingegnere, specializzato in cosa?

Toni- capean, larte de vivere sol gropon del suocero.

Conte- piacere, mi scusi ma come fa ad avere un genero cappellano?

Toni- cosa vorlo, a so ch che meo domando anca m.

Menego- e m so Menego, on collaboratore del titolare.

Conte- piacere, ecco, io sono venuto per proporre un affare signor Toni.

Pierpaolo- ma prego, accomodatevi nella dimora.

Toni- ma no in dimora che non la ghemo gnanca, demo in casa, Pineta, varda che rivo con i ospiti, tira fora queo bon.

Menego- Toni, t carburalo puito che deso riva le tose e ghe femo on scherso al conte Piero, Piero, ndemo fora.


Entrano in casa Toni, Pierpaolo ed il Conte. Menego esce a cercare Piero.

Fine primo Atto


Secondo Atto

Scena 34 Entrano Menego e Piero con un nodoso bastone in mano

Piero- ecome che rivo.

Menego- vedo che te s attress.

Piero- sicuro, a ghe faso i conti al conte.

Menego- bon t deso scondate che te ciamo m co x ora va ben?

Piero- agli ordini, dopo el me trattamento nol se ciamar p conte dal Colle ma dalla bassa, a lo spiano a furia de pache.

Scena 35 - Piero va a nascondersi. Arriva in bicicletta Angela con accanto Gianna in ghingheri.

Menego- ci Gianna, e Chiara dove xea?

Gianna- ghe x st on cambio de programma. Deso faso m la gattona.

Menego- ma no, m go ciam Piero che el vegna qua e deso come femo.

Angela- cosa cambia, Piero el petufa el conte lo stesso.

Menego- speremo che la roba funsiona.

Scena 36 - escono di casa Toni ed il Conte con giacca sulle spalle e bastone da passeggio in mano.

Toni- caro conte, el me asa el tempo par pensarghe.

Conte- si figuri, perch il vino sia buono deve decantare.

Toni- volentieri ma so ston come na campana, x meio che non decanta.

Menego- signor conte el me permetta de presentarghe la fiola del paron e na so amica.

Conte- ho leggiadre pulzelle, davvero graziose, con chi ho lonore?

Angela- m so Angela, la figlia del signor Toni.

Conte- ah, quella che ha sposato un cappellano, fatto curioso.

Angela- nol ghe fassa caso a me pop, le sempre drio scherzare (da un calcio a Toni).

Toni- aia, schersavo, nol se preocupa.

Menego- l ingegnere civile, in attesa di impiego.

Toni- intanto el magna e el beve a gratis

Angela- (da un calcio a Toni) che simpaticone che sei pop

Toni- aia, chiss parch le me battute invese che farme ridare le me fa piansare.

Conte- mi permetta, non ci siamo presentati, con ch ho lonore?

Gianna- io sono Gianna, unamica del cuore di Angela.

Conte- mi dispiace che il cuore sia quello della sua amica, cara fanciulla.

Gianna- e ma m go un cuore grande, ghe x posto par tanti.

Menego- p che on cuore la gh na barchessa.

Angela- (da un calcio a Menego) anca le tue battute le fa ridare.

Toni- Menego basta battute,sen diventemo ciompi dal ridare.

Gianna- volevo domandarghe sior conte, xea sua la machina che x fora, parch m no so mai mont dentro na machina

Conte- ma signorina, se vuole salire sul mio modesto automezzo ne sarei fiero.

Toni- Angela, la to amica s che la se gha trov on buon partito.

Gianna- ma signor conte

Conte- ma signorina mi chiami pure Ampelio, lasci perdere i titoli.

Gianna- ma anche lei, lasci perdere signorina.

Menego- anca parch non la x p signorina da on toco.

Angela- (da un calcio a Menego) te ghe proprio voia de ridare onc vero.

Menego- la x drio pasarme.

Gianna- Conte, la prego mi chiami Gianna.

Conte- prego si accomodi, signori, voi permettete che accompagni a casa la signorina?

Toni- contenti voialtri.

Scena 37 - Entra Piero inferocito con il bastone in mano, non si accorge che non c Chiara

Piero- o eco el conte con le braghe bianche e el capeo de paia conte canaja.

Conte- ma come si permette, metta gi il bastone.

Piero- spero che te ghai on bon dentista parch a te trapano i denti con sto palo ch.

Conte- se cos vuole in guardia, (in posa da spadaccino) la informo che sono campione di fioretto.

Piero- co go finio, el fioretto te gheo disi alla madonna, alora sior conte varda che deso cambia el tempo.

Conte- perch prevede pioggia?

Piero- parch x in arrivo na bufera de baston.

Conte- mi scusi, lei conosce Cyrano de Bergerac, grande spadaccino e poeta?

Piero- e l conoseo Bepe Scapari detto Bestia, grande pestacoese e tiraoche?

Conte- non ho il piacere ma ora Ecco, pian pianino mi libero del mio vasto mantello che mi attabarra, e lo spadon sguaino, Di Celadone pi gentile, pi fino di Scaramuccia al giuoco dello stocco vi prevengo mio paladino, che giusto al fin della licenza io tocco!


La scena del duello costringe i presenti a spostarsi da un lato ad un altro per evitare i colpi


Piero- x inutie che te ciami i to amici, Celadone e Scaramuccia non i x mia qu. (colpisce con il bastone)

Conte (si difende) Meglio v'era tacer, - signor mio bello! Dove t'infilzer, dimmi, tacchino? Sotto il giubbetto, al fianco, ti sbudello? nel cuor, sotto l'azzurro cordoncino?"

Piero- ci tacchino a m? Sta tento che te bato come on bacal (attacca il conte che si difende con eleganza)

Conte- Volteggia la mia punta: un moscerino! Tintinnano le cocche, odi che schiocco! S, certamente... in mezzo del pancino, giusto alla fin della licenza io tocco! (affonda il bastone sulla pancia di Piero)

Piero- Aio, deso basta schersare, Menego va tore on par de lardee che infilso un bel merlo.

Menego- a gho paura che la se imbarca mae.

Conte- (Piero colpisce ma il conte para il colpo ) Tac! e la punta io paro onde il festino ti pensavi di farmi, o malandrino!

Gianna- che stile conte, che arte. (il conte ringrazia con il bastone da passeggio, poi riprende lattacco con pi foga)

Piero- ma t cosa feto qua Gianna? Non doveva essarghe Chiara, Menego ?!

Conte- Ecco: t'apro la via, - chiudo lo sbocco... Giusto alla fin della licenza io tocco. Ecco; io m'inquarto, io paro, io fingo, io scocco... Eh, l! prendi, piccino! Giusto alla fin della licenza io tocco

Il Conte rincorre fuori scena Piero, si sentono urli e colpi poi ritorna in scena: il Conte con il bastone di Piero, tutti in scena assistono alle botte che avvengono dietro le quinte commentandole con sguardi e movenze.

Piero (da fuori scena)- Menego, aio, sto ch el bate, aiuto bestia assassina, che pache me arendo, Menego va a ramengo t e anca el Cyrano.

Conte- (entrando in scena) signorina, mi permetta di offrirle in dono questo trofeo di battaglia (consegna il cappello di Piero)

Gianna- che conte.

Menego- che pache.

Conte- signori stato un piacere, signorina si accomodi, dopo di lei. (escono e si sente accendersi la macchine, clacson e sgommata, poi entra in scena svolazzando il cappello)

Scena 38 - escono Gianna ed il conte. Restano Toni, Menego, Angela, che salutano la macchina che parte.

Toni- ci Menego a non gho mia capio el to piano.

Menego- a dire el vero lo gavevimo pens diverso noialtri.

Scena 39 - entra Piero vistosamente ammaccato

Piero- Menego, fiol de on can, t e el to conte, varda come che el me g ridoto, x meio che te sparisi che se rivo a ciaparte te rovino t e chel Cyrano che se lo cato..

Menego- beh tusi m vo via che magari lElda la me serca, t questo l tuo (consegna il cappello a Piero)

Piero- onc no, ma tra on par de mesi co me so ciap giuro che te bato, se vedemo Toni, e saluti Angela. Oi oi oi

Scena 40 Menego e Piero escono.

Toni- se posso dire la mia, m sto piano non lo gho mia capio, ndemo in casa val che legiziana non la se brusa.

Angela- e cosa sarisea sta egiziana?

Toni- domandaghe a to mario.

Scena 41 - rientrano in casa. Entrano Chiara ed Elda vistosamente incinta.

Elda- speremo che el nasa sto campion, el dotor Laudano el me g dito de caminare che el nase, speremo, che so sgionfa ormai.

Chiara- ma dime Elda, come stala la to creatura?

Elda- de quala parlito, de quea che g in pansa o de quea che me speta casa?

Chiara- de quala vuto che parla, del to ricordin de Venesia.

Scena 42 - entra Angela vestita da mercato.

Angela- Elda come steto cara tuto ben?

Elda- m sto benin, ma a go incontr Piero el stava peso de m. El gaveva na man fonfa, el pi sanco e on ocio sbarlotto

Angela- ma alora sto campion xeo femena o omo?

Elda dae pe chel tira el g da esare on centravanti.

Scena 43 - entra Pineta dalla casa.

Pinetta- ma no, de sicuro la x na femena, non ved mia la pansa tonda?

Scena 44 - entra Gina dai campi

Gina- Elda (butta per terra un fazzoletto) tolo su par piasere

Elda si piega a 90 gradi e raccoglie il fazzoletto.

Gina- gnente da fare care te gavar on omo, se la jera na femena te te incuciavi, on omo te te pieghi.

Chiara- ma dime Elda gheto sono, veto speso in bagno?

Elda- s e alora soi mal?

Chiara- g rason la Gina, la x na femena.

Gina- teo disevo m.

Pineta- Elda varda che man sporche che te gh!

Elda- (le guarda con i palmi allins)

Angela- ma cosa disito, mama, che le x nete.

Pineta- l on omo, se la jera na femena la vardava le man cus (guarda il dorso)

Elda- ma cosa soi on animale da circo (si massaggia la gamba sinistra)

Gina- Elda te fa male la gamba sinistra?

Elda- on pocheto.

Gina- alora la x na femena.

Pinetta- te digo che l on omo.

Chiara- Pineta te te sbagli, la x na femena.

Scena 45 - iniziano a litigare tutte assieme ed entra Toni.
Toni- femene basta par carit, e se i fuse du gemei?

Elda- maria santa deme na carega che casco.

Gina- se la casca la x na femena.

Pineta- se ghe brusa el stomego nase on puteo pien de cavej.

Chiara- se la magna latte la x na femena.

Angela- se la magna carne l on omo.

Toni- me sa Elda che te gh magn carne e formaio

Pineta- vuto dire che i x d?

Elda- e no, se i x du gemei lo bato.

Toni- chi, to mario?

Elda- no, so pop (indicandosi la pancia)

Scena 46 - Tutti ridono ed entra Pierpaolo

Pierpaolo- buongiorno gente, mi spiace dover andare via ma spero di rivedervi pi tardi. Angela allora andiamo?

Toni- ma dove sio drio ndare voialtri?

Angela- ndemo in paese a tore na roba. Ciao tose se vedemo dopo.

Pierpaolo- statemi bene, soprattutto la gestante.

Scena 47 - escono Angela e Pierpaolo

Pineta- ci ma chi xea sta gestante?

Gina- cosa vuto che ghin sai m cara, questa x casa tua.

Elda- e m care non centro gnente, ma conteme, gho sentio che gav novit par la bassa?

Chiara- qua bisogna domandare a Mata Hari, vero Gina?

Gina - varda che m no so mia mata, capio.

Toni- disemo che te s la pi infor..mata.

Gina- comunque novit ghin fin da stufarve.

Pineta- alora tute dentro bere on gioso.

Toni- alora vegno anca m.

Pinetta- on gioso de acqua.

Toni- alora m sto fora.

Scena 48 - Pineta, Gina, Chiara ed Elda entrano in casa. Elda si fa aiutare. Arriva Fulvio.

Fulvio- Toni, sito qua (tossisce continuamente)

Toni- sicuro che so ch, ma cosa gheto che te continui tosire?

Fulvio- t e le to sigarete, va finire che te me f morire.

Toni- ma varda che te dovevi solo comprarle no fumarle.

Fulvio- la Gina la gh dito che i schei no i se buta mai via e alora me toca fumarle.

Scena 49 - entra Menego correndo tutto agitato.

Menego- scondime par piasere, scondime.

Fulvio- cosa gheto combin?

Toni- gheto on mario de qualcuna che te core drio?

Menego- magari, ghe x Piero incan come na belva, el voe darmine on poche de quele che el g ciap dal conte.

Piero- (da fuori scena) dove xeo el menarosto che lo infilso come on lugarin.

Menego- via via, x meio che me sconda.

Toni- va del nel paiaro che deso lo combinemo.

Scena 50 esce di scena Menego ed entra Piero con il nodoso bastone di prima e vistosamente fasciato.

Piero- dove xeo che lo pico nea stanga come na sopressa, lo verzo in do come na anguria lo a bon giorno signori, a so ch che serco un amico

Fulvio- par fortuna che l on amico, cosa gheto da dirghe?

Piero- pi che altro gh da darghe Menego sto delinquente l e i so piani, varda come che so ridoto.

Fulvio- (rivolto a Toni) ma chi x sta ridurlo cos?

Toni- (piano) el conte

Fulvio- ch?

Toni- (piano) el conte.

Fulvio- (forte) el Conte dal Colle

Piero- (spaventato) ahh dove, no el sior conte no, via g da scondarme.

Fulvio- Piero sta calmo, el sior conte..

Piero- aiuto, aiuto l qua. (cercando di nascondersi)

Toni- Piero calmate

Piero- calmate, fasie par t, e magari deso l torn col so amico Cyrano, via via vo nel paiaro e no sta dirghe gnente.

Fulvio- no nel paiaro no!

Piero- asame ndare (esce portando con s Fulvio)

Toni- no nel paiaro no (non riesce a fermarli )

Scena 51 - Rumore di macchina, arriva il conte con Gianna tutta elegante. Toni resta in scena.

Toni- ghe mancava el conte.

Conte- buongiorno signor Toni

Toni- buongiorno signor conte, ghe x anca la conta piacere.

Gianna- Toni, so Gianna, no te me riconosi mia.

Scena 52 - entra Pierpaolo con Angela ed uno stereo in mano

Pierpaolo- buongiorno signor conte, signora contessa.

Gianna- non ancora..

Angela- ma Gianna, cossa feto vestia cos?

Gianna- te savesi..

Toni- Gianna, tiente in bon sesto che te gh un bel manego, ea s che la se g trov un bon partito.
Angela- sito sempre drio lamentarte, che semo nd fare spese par t anca.

Piepaolo- signor suocero ecco qua mettiamo questo in stalla e con questo le mucche faranno pi latte.

Conte- interessante, lei convinto che la musica aiuti la produzione di latte?

Toni- a gho on genero mato.

Pierpaolo- certo, la musica agisce come stimolo per la produzione

Da fuori scena Piero scopre Menego: rumori di botte


Piero- can bastardo dove che l

Menego- aia fermo

Fulvio- sta calmo Piero che teo copi.

Piero- x queo che vuio fare

Conte- ma cosa succede che ci sono questi schiamazzi?

Toni- a gnente, (con noncuranza) i x drio coparse, ma tra poco i finise.

Scena 53 - entra correndo Menego inseguito da Piero con Fulvio che tenta di fermarlo

Megego- aiuto aiuto, a sior conte l qua che contento che so (e si nasconde dietro il conte)

Piero- bastardo de on can, dove veto.. (vede il conte, impallidisce e da il bastone a Fulvio) Bbbuoon giorno Conte, e t Fulvio meti via el bastone, cosa vuto farghe al signor conte?

Fulvio- m, (nascondendo il bastone) qualo baston, piacere conte

Fuori scena, dalla casa cominciano a gridare..

Gina- lacqua, lacqua

Elda- aiuto, aiuto..

Scena 54 - esce Chiara.

Chiara- se gh roto lacqua presto presto..

Toni- toive naltra carafa, porca patata, parch gav spanto on poca de acqua, el fuse st vin capiso.

Elda- (da fuori scena) aiuto eco che el nase ahhhh..

Chiara- la gh roto le acque lElda, x drio nasare el bocia

Pineta- (da fuori scena) dighe a so mario che el vegna fare lomo

Pierpaolo- Domenico si muova oggi un gran giorno..

Piero- Domenico e chi xeo?

Angela Menego l chi vuto che el sia.

Fulvio- e par cossa lo ciameo Domenico?

Conte- il suo nome in italiano.

Menego- in effetti me ciamaria Domenico

Toni- anca m i me ciama Toni ma so Antonio

Chiara- ci menarosti, voio movarve?

Conte- adesso non il momento di fare onomastica.

Fulvio- e no, adeso serve on omo anca masa.

Piero- deso serve on vero onomastico, movate Menego

Menego- ma m non g mai fato nasare putei, al masimo qualche vedeo.

Toni- varda che x la stesa roba

Elda- (da fuori scena) ma credio che sia na vaca? Aiai aiaioo movive..

Chiara- steo qua discutare o vegnio dentro?

Conte- se volete posso aiutare, ho esperienza in ostetricia.

Fulvio- cosa centra anca m so esperto in osterie e alora?

Angela- moeghea, Menego e sior Conte con m dentro suito jutare raus!

Scena 55 - Menego, il Conte, Angela e Chiara vanno in casa. Restano in scena Pierpaolo, Toni, Piero.

Pierpaolo- e adesso suocero le faccio ascoltare la musica per la produzione del latte (accende lo stereo)

Toni- smorzalo par carit
Piero- sta bon Toni che magari la serve davvero

Fuori scena: dalla casa si sentono grida insieme con la musica..

Elda- aioo

Conte- respiri respiri con il diaframma.

Elda- non lo gooo

Gina- Pineta va torlo

Menego- aiuto me vien male

Chiara- che rasa de fantoin de omo

In scena

Toni- smorza chel trapeo l che el me sordise

Pierpaolo- ma volevo farle ascoltare la musica da produzione (spegne)

Elda- (fuori scena) eco eco aioooo

Scena 56 - Silenzio tutti guardano la porta, si sente un vagito. Esce Menego tutto distrutto

Menego- l nato, so pop (e sviene)

Toni- genero la to musica la g funzion, la x proprio na musica da riproduzione.

Scena 57 - Cambio luci: la corte vuota, dalla casa esce Pineta elegante

Pineta- movate, movate, sti omeni co i x sovani i core che i pare sciantisi, co i x veci i brontola che i pare temporai in arivo, dai Toni, o ghoi da ciamarte Antonio?

Scena 58 - esce Angela elegante

Angela- te gh rason mama, i x longhi come lano dea fame sti omeni, na roba i gh in comune, el tempo che i perde par vestirse.

Pineta- a te te lamenti t che te s sovane, speta che pasa on poco de tempo e te vedi come che i diventa i omeni.

Angela- ma dai vuto che i sia tuti compagni.

Pineta- e anca gnanca ma anca anca.

Scena 59 - entra Toni con la cravatta in mano, seguito da Pierpaolo

Toni- tento genero, a te pico co sta gravata chi capio?

Piero- ma alle cerimonie bisogna indossarla.

Toni- alora ghi tegno da conto pal to funerae.

Scena 60- entrano Piero e Chiara, eleganti.

Piero- o bon giorno, varda chi che se vede el genero e el suocero, buseta e boton.

Chiara- che bea giornata ci, lideale par la cerimonia vero?

Scena 61 - entrano Fulvio e Gina eleganti

Gina- o tuti in tiro onc.

Fulvio- e s cara moglie, eleganti pronti par la cerimonia

Scena 62 - entrano Menego con Elda ed in braccio il bambino

Toni- o chi che se vede, queo che non gavaria mai spos nesuna.

Menego- tuta colpa de Venesia con le so calle

Fulvio- col ponte dei sospiri

Pierpaolo- con piazza san Marco

Elda- e s deso posso dire che gh el baston par la me vecchiaia.

Menego- parch el baston par la to giovent so m.

Elda- s, on stussicadente

Scena 63 - entrano il Conte con Gianna.

Conte- buogiorno a tutti voi, che bel collettivo. (Tutti si guardano)

Toni- e beo, beo, alora sior Conte invese del centro commerciale el g deciso de costruirse na caseta nea bassa, fato ben.

Conte- Certo, cos abitando vicino a lei potro attrezzare una stalla con i metodi moderni che il suo capace genero sapr consigliarmi.

Pierpaolo- ma certo, musica per il latte,

Conte-idromassaggio per ammorbidire la carne

Pierpaolo- saune per fare uscire le tossine

Toni- a so contento che ve si cat, cusi almanco a me asar stare.
Conte- non si preoccupi, suo genero diventer un luminare della biodiversit.

Toni- mi me basta che el seo tegna da lu e la tera par farse la casa a ghea regalo.

Elda- alora Gianna contenta che te te sposi sto bon partito ch?

Piero- tiente in sesto Gianna che te gh on bon manego

Chiara- ma cossa disito Piero.

Gianna- il Signor Conte si pregia della mia presenza e ritiene la mia persona adeguata a rappresentare il suo casato con la nobilt che mi distingue.

Gina- la gh mand studiare.

Elda- m non gho capio gnente.

Angela- m gnanca.

Elda- insoma sito contenta o no de diventare na contessa?

Gianna- sacranon!!

Toni- alora Menego ndemo batesare el to erede?

Menego- sicuro la ciesa la x pronta e gli invitati anca, podemo ndare, ansi ve vanti, menarosti che m rivo.

Scena 64 - Tutti escono, rimane Menego.

Menego- anca sta comedia la x finia, ghemo cont storie invent, fato vedare i menarosti par naltra volta. So cheltra comedia me so marid, so questa a gho bates fasendo i conti con i sacramenti dopo le nose, dopo el bateso me manca solo el funerae, speremo che la storia dei menarosti la finisa ch, ma le comedie le x strane, le nase co le voe, le sbocia dae man come fiori de carta che porta scriti i ricordi de queo che semo st o vurisimo esare, de queo che ghemo visto o vurisimo aver visto, de queo

Scena 65 - entra Elda.

Elda- ci Menego vuto movarte o vuto che el terso sacramento teo daga m, e voialtri via a casa, che go on puteo da latare e on mario da combinare, arivederci e bona sera (spinge Menego), ghe voeva tanto par finire sta comedia?


Fine