TERICORDITOTI
Ovvero:
TRUPPE AL FRONTE

di

Nicola Pegoraro

Le lettere sono tratte da “Cara Gisela…” Di Enzo Coltro

Personaggi

Tenente Fumagalli
Biagio figlio di Giobata e Narcisa, fratello di Teresina e fidanzato di Almerina
Beneto marito di Elvira
Giobata padre di Biagio
Narcisa madre di Biagio
Teresina sorella di Biagio
Albino amico di Biagio
Almerina fidanzata di Biagio
Armido nonno di Biagio
Elvira moglie di Beneto
Carlotta cugina di Narcisa
Mistica invita alle scelte

La scena si presenta divisa in due parti. A sinistra il prospetto di una corte contadina, a destra un campo militare, cioè una tenda con sacchi di sabbia ecc.

Scena 1 musica 1 Campo militare fuori dalla tenda il soldato semplice Biagio di origine veneta sta scrivendo e dentro la tenda dorme Beneto anche lui veneto, si sente russare forte. Arriva il tenente Fumagalli (milanese di origine).

Fumagalli- Soldati, in piedi subito; attenti!!
Biagio- Subito signor caporale Fumagalli.
Fumagalli- Tenente, recluta, tenente!! Attenti, pancia in fuori, petto in dentro, mi dica, movimenti sospetti durante la notte? Lei è stato vigile, pronto, furtivo e rapace durante la notte?
Biagio- Sì sior capitano, su sta pì vigile de un urbano, pronto pì del telefono, furtivo pì de on ladro e rapace pì de na soeta, sior capitano.
Fumagalli- Tenente, sono il tenente Fumagalli 
Beneto- (in canottiera e tutto sconvolto) Scuseme voialtri du ma qua ghe xè gente che dorme par piasere.
Fumagalli- Soldato in piedi, attenti, veloce, correre, saltellare, veloce, veloce
Beneto- Sta chieto milanese ciucia nebia, che gnanca la to madonina i la ghà fata so un giorno.
Fumagalli- Silenzio, attenti.
Biagio- Agli ordini, sergente Fumagalli
Fumagalli- Tenente, tenente, quante volte devo dirglielo, io vi mando in cella di rigore.
Beneto- Sì e mì faso gol, (prendendo sottobraccio il tenente) tenente, nol staga mia incasarse, cosa volo sigare che semo chi nialtri tre, el serca de calmarse, vardemo el paesaggio, i monti snasemo l’aria, senteo l’odore della natura, l’aria pura e vedeo là in fondo dove che core chea brentea de acqua dove che la fa la curva e dopo la sparisse, vedeo?
Fumagalli- Giù le mani dalle spalle, rispetto per i superiori, attenti!

Biagio e Beneto si mettono nell’attenti

Biagio- Lo gheto fato incasare, te sarè contento deso.
Beneto- Sta chieto e speta.
Fumagalli- Guardo e vedo, vedo l’Italia e noi siamo qui per difendere la patria, ma la patria Italia è fatta di italiani, e noi milanesi o veneti siamo italiani, noi abbiamo fatto l’Italia.
Beneto- Se la fusse fata de tedeschi la saria la Germania.
Fumagalli- E gli italiani per conoscere l’Italia devono conoscere gli italiani.
Biagio- El taca fare discorsi complicati.
Fumagalli- E allora io voglio conoscere gli italiani, soldato cosa c’è dopo la brentea finita la curva?
Beneto- E tutto sto casoto par domandare sta roba chì.
Biagio- Gheo disito o zughemo a indovineo?
Beneto- Dopo la curva l’acqua la sparise soto tera ma la continua a caminare, a corare, a rosegare la pria, finchè dopo averse netà in meso ai sassi la salta fora e la scava na riva che se uno la vardasse dal’alto sta riva la podaria essare na ruga che segna la facia de na tera vecia e stufa, sta riva la podaria essare na vena che ghe porta el sangue al prà par far frumento da farina o sorgo da poenta. Sta acqua fresca e ciara che vedemo lì infondo la xè el sangue de la me tera dove che tornaremo finia sta guera che non la me intaresa e che speremo la finissa in presa.
Biagio- Che bea strada che fa chel foso, se podese farme na barcheta me butaria dentro, sararia i oci e me faria portare dall’acqua fin in meso al sorgo, e coi và simarlo come se usa, spetaria sconto la me morosa, la butaria par tera e ghe daria on baso par dismentegare sta guera.
Fumagalli- E invecie siete al fronte, e nell’attenti. E ora riposo e sempre allerta.
Biagio- Allertastò.
Beneto- Allertastò.
Fumagalli- Allertastate .

Scena 2 esce Fumagalli e rimangono soli Biagio e Beneto.

Biagio- Xeo andà via?
Beneto- Sì, me pare.
Biagio- Che beo parlare de casa, me xè vegnù nostalgia.
Beneto- Ma tì ghe pensito a casa tua, ghe scrivito ogni tanto?
Biagio- Varda chi, le xè le brute copie dele letare che go spedio, quando che jero ancora in caserma.
Beneto- Ma me le lesito?
Biagio- E tì me lesito le tue?
Beneto- Ma certo varda chi, queste xè le copie de quele mie.
Biagio- Allora taco. “Caro Albino Zappalà”
Beneto- Zappalà ma da dove vierlo?
Biagio- non le mia nostran ma lè on bon’omo. Comunque scolta:
“La mia letera è per dirte che devi vendere la mia Carolina.”
Beneto- Ma la carolina cosa xea? 
Biagio- La me machina, l’automobile, caro mio mì me trato de lusso. “ Cià qualche pacheta dapartuto il sentaro davanti che non funsiona, una portela di dietro che non si apre e una marcia che va drento male gratando. Anca il motore sbolsega un poco e non tira in salita che l'aqua si scalda. Ma tu no dire i suoi difeti che uno gnanca li vede se non si inacorge.”
Beneto- Se lè orbo.
Biagio- “Tu devi batare sule qualità che puoi inventarte. Ti saluto aspetando co ansia quelo che ti ò sopradeto. 
Il tuo amico Biagio”
Beneto- Ma te galo risposto?
Biagio- Sì ma nol gà trova nesuni che la compra comunque mì speto, chissà che el cata on tananai e speremo che nol gai altri pensieri in testa.
Beneto- E che pensieri gavariseo in testa?
Biagio- Lè sensa morosa, e gho paura che nol se preocupa mia de vendare la carolina.
Beneto- Altro che la to carolina, me sa che el to amico Zappalà le drio sercare qualche vaneseta da sapare.
Biagio- Ma valà cosa vuto che el sia drio fare casa.

Scena 3 musica 2 Entra Mistica

Mistica- E voialtri pensè che la commedia sia scumisià, ma non xè cusì, non solo, chi che so mi? Mì fo parte de sta storia, ma sto al de sora e nel steso tempo dentro, mì sò la storia che passa e cammina, che poe cambiare, girare in tondo e tornare indrio, mì so na stria, na maga, na fantasia, se questa xè la storia mì poso cambiarla, poso farve vedare o sentire, se decidi podì cambiare sta commedia come che la ve pare, vedarghine on toco, o vedarghine n’altro, dovarè decidare e decidarè. Par deso ve aso al racconto de fantasia, a vardare sta specie de fotografia de come che jerimo e semo stà, ma dopo torno. E deso, via tornemo in corte, i contadini gha da simare.

Scena 4 musica 3 Cambio luci si passa alla scena di campagna. Scorcio di vita contadina. La famiglia di Biagio si sta preparando per andare nei campi.

Giobata- Femene, dai che xè ora de ‘ndare simare el sorgo, se no st’ano la poenta la femo coi scataroni.
Narcisa- Sinti sti omeni sempre drio sigare, tasi e va taiare le sime che dopo noialtri le tiremo su. Se ghe penso a tuta la polvare che ne tocarà respirare. A me vien le anfe.
Teresina- Dime tì xè on caldo boia e deso ne toca vestirse come inverno senò le foie del sorgo le ne taia tuti i brasi.
Giobata- Magari na foia ve taiase la lengua, cusi par on poco ste chiete, dove xeo to nono, o vorlo stare casa?
Narcisa- A non te vorè mia far vagnere anca el nono poro can, ormai le vecio incanario.
Giobata- Gho capio mì ma co xè ora de magnare la poenta onta, nol se tira mia indrio. 
Narcisa- intanto movate che ormai xè ora che non te pensi che le sime le peta so da sole.

Scena 5 entra Albino amico di Biagio. 

Albino- Buongiorno, a sentito gridare, ci sono problemi? Perché dovrei domandare una cosa alla Teresina Teresina.
Giobata- o el sior Zappalà, basta che non te la importuni, che non la gà tempo pai morosi.
Albino- Non si preoccupi che gho “na morosa” e se va tutto bene mi sposo.
Giobata- Bon noialtri ‘ndemo, visto che el pericolo xè pasà, e tì serca da movarte.
Narcisa- Movate a mì el me dise che lè ancora drio paciolare.
Scena 6 - Escono Giobata e Narcisa ed entra Teresina che ha una passione segreta per Albino ma non è ricambiata.

Teresina- Alora Albino, gheto vendù la carolina de me fradeo?
Albino- Ma chi vuoi che la compri, quel catorcio lì, sono venuto per un consiglio, da femmina.
Teresina- Gheto intension de cambiare sponda?
Albino- Ma no, ho scritto una lettera ad una donna e volevo sentire che ne pensi.
Teresina- Ah cussì te te cati na morosa? (un po’ arrabbiata)
Albino- Beh, te ti conoso da una vita e non mi pareva el caso, così ho visto una femmina che mi piaceva e le ho scritto.
Teresina- Cussì xè parchè te me conosi da na vita, che te piase le foreste. Va ben dai, basta parlare, lesi, non teo se mia che le done xè curiose?
Albino - “Gentile signorina Maria Trivella
Scusasse se mi permetto di ferrare con la mano una penna per dirigere verso di lei due frasi condite con il sentimento del mio cuore. Io non mi ardigo di fermarla nel mezzo della strada per il pudore che mi intrattiene di confidarmii con lei per svuotare il mio cuore perchè ciò paura che mi schioppi.”
Teresina- Parcarità che non te mori de infarto
Albino- “Io ci faccio a lei delle proposizioni serie parchè in casa ci abbiamo bisogno di una femmina, io mio padre invalido e tuti i miei sette frateli più piccoli”
Teresina- Non i gaveva gnancora inventà la television a chei tempi
Albino- “dopo che è morta la buona donna di mia mamma. Il mio affeto per la sua persona è diventato ancora più grande quel giorno che nella sua corte ciò segato la legna. Ho pensato ecco la femmina della mia vita. La regina della nostra casa così fa tutto quello che c’è da fare. E dopo che ha fatto da mangiare per me, mio padre ed i miei sette fratelli; Gennaro, Calogero, Pasquale, Mimmo, Girolamo, Salvatore, Achille”
Albino- “dopo che ha lavato e stirato i vestiti della famiglia, ha anche due campi di polenta e verze cossì che lei nel tempo libero può anche godersi a zappare che è tutta salute.”
Teresina- che bravo che te si te ghe risolvi anca el problema del tempo libero
Albino-“ Spero di averci fatto una buona impressione nel mio discorso. Poso la penna e chiudo la busta con tanti sospiri e speranze. Albino Zappalà” Cosa dici?
Teresina- Ciò la xè na letera coretta, giusta, certo che la gà da volerte tanto ben par sposarte, con tuta la fameja che te ghè, ma ela te ghala risposto?
Albino- Sicuro pensa che l’ho scritto pure a tuo fratello, parchè anche lui si era preso una sbandata per lei. 
Teresina- Non la me pareva mia el tipo da far strage de cuori. 
Albino- E poi adesso ti leggo ciò che ho scritto per lui.
Teresina- Basta che te te movi che gho da ‘ndare a simare.
Albino- “Caro amico fraterno 
Ti scrivo per farti sapere che mi sono trovato la femmina che cercavo da una vita perchè i miei gusti sono troppo raffinati. La mia scelta è caduta sulla persona della Maria Trivella, che è una femmina bella e piacevole. Ha ventiquattro anni ed un occhio più piccolo di quell' altro. Ha anche le gambe pelose come piaciono a me, anche se una è dieci centimetri più corta dell'altra ma uno non ci fa caso perchè zoppica cossì bene che ormai ci è abituata.”
Teresina- Mama mia che gusti delicati che te ghè
Albino-“ Anche il naso è un po’ lungo e a becco d’aquila . Le orecchie sono un poco grandine e le sopracilie sono a bruschetta. Ha qualche peleto sopra la boca”
Teresina- Madona la ghà i bafi!
Albino- “ e come tu sai donna baffuta sempre piaciuta.”
Teresina- Ciò ma cosa gala che te piase tanto?
Albino- Sapessi.“U paradiso tiene, davanti e pure didietro.”
Teresina- Deso gho capio cosa che te piase, la quantità, no la qualità.
Albino-“ Ma dopo tutto cosa ti racconto che è stata la tua donna per due anni e che vi siete lasciati perchè tu non ci facevi neanche un complimento alla sua bellezza?”
Teresina- Se vede che me fradeo la gà vardà.
Albino-“ Quando mi sposerò sarai mio compare d'anello perchè tu hai lasciato Maria illibata come natura l’ha fatta”
Teresina- Se vede che nol ga vudo coraio.
Albino-“Prima del matrimonio si mette anche tutti i denti che le mancano. Ti scriverò la data delle nozze e vestiti bene perchè noi saremo tutti belli. Anche la Maria credo. Ciao il tuo amico Albino Zappalà”
Teresina- Cussì la jera stà morosa anca de me fradeo, insoma tra machine e femene, sempre roba usata te tratti.
Albino- Ma Teresina cosa dici, tuo fratello neanche con un dito la toccò.
Teresina- E tì credaghe oco, anca la carolina la vende par nova e la se tuta batu, e po’ asame n’dare che gho da simare el sorgo.
Albino- Aspettami che vengo anch’io.

Scena 7 musica 4 Si torna al campo militare Beneto si sta vestendo e Biagio commenta la lettera di Albino.

Biagio- Sentio cosa che me gha scrito Albino?
Beneto- Cusi te gavevi la Maria Trivella come morosa.
Biagio- Morosa, se on poco masa, disemo amica.
Beneto- Certo che te sì de gusti rafinati.
Biagio- Cosa vuto, col secco, va ben anca la tempesta.
Beneto- El to amico el ga da essare arso visto chi che el serca!
Biagio- Chel sucon de Albino, el ga me sorea che la xè cota de lù e el va sercare la Maria Trivella.
Beneto- Intanto Albino lè casa e noialtri al fronte par difendare la patria, pensa che beo se no ghe fusse pì i tedeschi, se fussimo tuti soto la stesa nasion.
Biagio- Se fussimo tuti italiani, se vinsisimo la guera?
Beneto- Ma no se i fasese na nasion unica, tuti europei, la grande europa.
Biagio- Vala mato, e come femo tuti parlare la stesa lingua, l’europeo, e come se parlea po’.
Beneto- E tuti avere i stesi schei, basta la lira, ma la moneta unica, l’europo.
Biagio- Sì l’europo, sara mia beo no, l’europo.
Beneto- Alora ciamalo euro.
Biagio- Euro va meio, l’europo te impiena masa la boca.
Beneto- E l’euro magari el te svoda le scasee.
Biagio- Tuti europei, basta guere, basta tedeschi contro italiani, finalmente in pace.
Beneto- A go pensiero che finchè ghe xè soldà guere ghin sarà sempre, on modo par barufare el se cata sempre. E po’ i eserciti bisogna pure mantegnerli par qualcosa.
Biagio- El dentista cura i denti, el lataro toe su el late, el soldà fa le guere.
Beneto- E noialtri femo i soldà e difendemo gli interessi nazionali……
Biagio- E quai sei?
Beneto- A ghin so qualcosa mì. I me ga dito to el sciopo va al fronte e sta allerta.
Biagio- Allertastò.
Beneto- E mì sto tento che non riva nesun, e spero de tornare casa presto.
Biagio- Beh casa la ghe xè ‘ndà peso ad Albino, el se sposa la Maria Triveà, pitosto a sto al fronte.
Beneto- Ma se te sì stà so moroso.
Biagio- Appunto, a so de cosa che parlo. Ma tì contame de to morosa, ghe scrivito, ghe disito gnente?
Beneto- Morosi, morosi, la letera da moroso ghea go xà scrita, tì speta che la me risponda e dopo tea lesi.
Biagio- E te scrivela ogni tanto?
Beneto- A so chi che speto.

Scena 8 musica 5 Cambio scena, si torna alla cascina ed entra Almerina amica di Teresina e fidanzata di Biagio.
Almerina- Narcisa dove sito, Narcisa a volevo parlarte.
Narcisa- So chi cara, fin che chealtri i sima mì a ghe scrivo na letera a me fiolo che l’è to moroso e el xè al fronte.
Almerina- Non sta ricordarmelo che co ghe penso me bate el cuore che el pare on piston del landini che ghemo casa.
Narcisa- Quelo che se impisa con el fogheto soto?
Almerina- Proprio quelo. Avere el moroso al fronte a difendare la frontiera dall’invasore. Ma se tuti stese casa sua non saria mia meio. Comunque a ghe go scrito e volevo lesarte la letera. Ma la Teresina dove xela?

Scena 9 - Entra Teresina 

Teresina- A son chi anca mì, go asà i omeni simare, a go parlà col drugo de Albino a ghe scrivo a me fradeo Biagio che alora metemo le letare tute insieme e sparagnemo sui boli.
Almerina- Bon così ghe mandemo anca quela mia che cusì le lese tute insieme. Ma tì cosa ghe contito a to fradelo, che te ghe trovà moroso?
Narcisa- Ma qualo moroso che la gavea puntà Albino ma lù el se gha insinganà con la Maria Trivella.
Almerina- Non pensavo mia che el fuse on’omo cusì coragioso.
Teresina- O cusì orbo. Comunque lesime ste letare.
Narcisa- Mì ghe conto dela tempesta che ghemo vudo eco qua. “Caro filio Biagio
Ieri à piovuto che jerimo contenti parche el sorgo el jera arso, ma, dopo, tuto di colpo, sono scominciate a rivare dele sasate che era come se dal celo venivano giù dele piere. Pensati che ho pesato un grano da oto eti che se ti ciappa in testa ti lassia bagnato e seco alo stesso tempo.”
Teresina- Parvia oto eti.
Narcisa- Anca masa el pareva on melon “ Cossì si sono roti tuti i copi dele case, i pomidori del' orto con la salata e i xucoi. I grani ano centrato le galine che erano in corte che raspavano senza pensieri e le ano coppate.”
Teresina- ma la Trivellà se gà salvà
Narcisa- “Nono Tano che ha la gota”
Teresina- La gota el gà, i dise che xè parchè el magna male.
Narcisa- O el beve puito. “Ci è cascato un grano propio preciso sul piede adolorato e l'ano portato al pronto socorso cossì lo ano ingesato che desso pare una sopressa ma senza i spaghi. 
Ciao dala tua mama che ti pensa tanto”
Almerina- Xè proprio sta na gran tempesta, a me la ricordo ancora deso, e tì Teresina cosa ghe contito?
Teresina- Te ghe da savere che mì tegno on diario e ogni tanto ghe spediso robe che gho scrito magari anca prima.
Narcisa- Cosa vuto la se na tosa con la testa salbega.
Almerina- Ma no Narcisa se beo cusì la ghe conta le robe che ghe se piasude, e deso cosa ghe contito?
Teresina- A ghe scrivevo del Natale.
Almerina- Parvia, semo un fià distanti con la stagion, ma a lu ghe piase?
Teresina- Mi penso de sì, lù el jera via, a Natale cusì almanco el sa cosa che se successo. 
“Caro fratello Biagio
Fra una setimana è Natale e anche quest'ano volio fare il presepio, con la capana e sopra l'angelo e con la stela cometa, che ormai non slucica più perchè è senza slusiarini che si sono distacati con un tocco di coda. San Giusepe si è roto il bastone e non sta in piedi par via che cià la gamba di gesso che si è scavezzata e pare un reduce de la guera che ci devono dare la pensione di invalidità. La Madona ha il manto tuto sgrostato e anche i piedi che ce ne manca uno cossì che devo impontelarla alla cuna del bambinelo che ci manca un braccio e fa come impressione perchè pare mutilato. 
Almerina- Parfin el puteo monco te ghè!
Le pecore ci manca la testa e le zampe davanti e didietro e cossì le impianto dentro il mus-cio. 
Almerina- Cossì le pare tutte petolette bianche.
I pastori non ti dico che sono solo quatro validi e i altri parono tuti una ritirata coi suoi feriti e i moribondi. Sono senza gambe senza testa coi bracci assenti per non parlarti dele casete tute rosicate dai topi.”
Almerina- Ciò Teresina, a te ghè on presepio che fa impression, parsin le case rosegà dai sorsi.
Narcisa- Varda che gesù bambino el xè contento anca del nostro presepio, infondo el jera poareto.
Almerina- Xè vero par queo nel to presepe a te ghè on poro cristo.
Teresina- Alora poso ‘dare vanti?
Almerina- Scusa cara scusa.
Teresina- “Le palme sono tute sgrostate, coi fildeferri che vengono fuori dal pano. Insoma di sano c’è solo il mus-cio, le segadure per fare le stradele, l'edara che si rampica sul balcone dela nostra casa e il giarino. Anche l'albaro sono andata al cimitero e ho cavato una rama ad un pino. O indrizzato la rama e ne ho tacata un'altra col fildeferro per fare venire fuori l'albaro.”
Almerina- L’albaro del cimitero te ghe tolto?
Teresina- L’è queo che costa manco. “Una balla di vetro frangibile è cascata e si è spacata in tinello con mile tocchi che il nono che si era alzato di note per andare a bere un sgorlone di vino di scondone ci ha pestato sopra e si è messo a saltare e balare cainando dal male e dicendo tute insieme in processione le brute parole che ha imparato da marinaio volontario.”
Narcisa- Cusì l’impara, vuto vedare che ghe mancava proprio chel gioso lì?
Teresina-“Dopo ci taco via i mandarini col filo da imbastire e vado alla messa di mezanote spetando il pranzo del mezogiomo.”
Almerina- Te ghè da spetare on toco.
Teresina- “Questo è stato il natale che ho pasato, spero che il prosimo natale torni a casa così mi aiuti a pontelare le statuine del presepio.
Ciao da tua sorella Teresina”
Almerina- Se poso dir na roba, tote dele statuete nove pal presepio. Beate voialtre che gavì solo chele rogne lì. Sentì cosa che me se suceso al lavoro, robe del’altro mondo e ghe le conto anca al me moroso Biagio. Adesso ve digo: savì vero che mi lavoro dal sior Guido? Che più che diventa vechio e più si slongano le mani 
Narcisa- E come che dixe el proverbio: xè pì facile par un vecio diventar porco che par un porco diventare vecio
Almerina- E che devi starci distante perchè ci ha il bruto vizzio di pizzigare le operaie soto di lui ma con la sotoscrita non fa tanto il galo perchè si ricorda ancora il s-ciafone che ciò dato che dopo mi à chiamato nel suo uficio e mi à dato i oto giorni.
Teresina- Sto masc’io de on porco la man morta el te ga fato.
Almerina- Altro che morta, la jera na man viva e in bona salute anca.
Narcisa- Se el me fasesse a mì na roba del genere, altro che el drugo de me mario, che me tocca a mì smisiarghe i ossi. 
Teresina- Cusì el voeva darte i oto giorni.
Narcisa- A ghei davo mì i oto giorni, de vacanza però.
Almerina- Sicuro comunque se me asè, ve conto tuto.
Teresina- Contane alora.
Almerina- E alora mì ghe go dito: I oto giorni a io Almerina? Ciò risposto che andavo dala sua signora molie che ci ha lei i schei e che i oto giorni ce li dava lei a lui no lui a io. Alora ha cominciato a lustrarmi a dire che va là no è sucesso gnente... dismenticati i oto giorni sai come sono i omeni. E intanto fin che parlava dai co le mani che io ciò preso le misure per un altro s-ciafone di queli che se lo beco giusto lo sganasso tutto. Eco cosa che me xè capità. 
Teresina- E ghe contito solo questo al to moroso?
Almerina- No dopo ghe xé robe mie.
Teresina- Gheto paura che se vergognemo se te le lesi?
Almerina- Ma non vuio.
Teresina- Dai damea che la leso solo che mì. (Almerina e Teresina si rincorrono fino a che Teresina toglie la lettera ad Almerina e la legge ad alta voce) “Ma tu sei il mio amore unico e solo che ti speto con l'ansia di ussire con te. Intanto ti mando una montagna di bacci che rivino fino sopra ai monti indove sei con tuti i miei pensieri e ti prego che se strabucchi dosso a una stela alpina me la porti a casa. Ti bacio di scondone di tuti che se no mi invergogno tanto. 
La tua Almerina”
Almerina- Eco sito contenta deso. Che te me ghe svergognà.
Teresina- Ma dai, mì che non gho el moroso bisogna che impara.
Narcisa- Care femenete, fè ben a asere inamorà, ogni stagion gha le so passioni, da sovani se ga passione d’amore, da veci la passione de cristo.
Almerina- Intanto el mio lè sempre al fronte e chissà col riva.

Scena 10 musica 6 Si torna al fronte, i due soldati stanno mangiando dalle gamelle

Biagio- Brava me morosa col so paron, on bel carattere.
Beneto- A te poi dirlo, ma to sorea, te scrivea sempre fora data le novità?
Biagio- Ea la xè fata cusì.

Scena 11 - Entra il tenente Fumagalli

Fumagalli- Attenti, allora com’è il rancio, è di vostro gradimento?
Biagio- Pì che rancio le ranso e se podese parlare a ghe diria che el fa schifo ai sasi, ma visto che me toca tasere.
Beneto- E mi diria che sta minestra la sa solo de patate e basta e che da quando che so al fronte a faso la dieta delle tre P, patate, pan e purè.
Fumagalli- Facciamo gli spiritosi, volete forse un fagiano allo spiedo con contorno di patate novelle?
Biagio- Santa patata novella, co on fagianeto al speo a magnaria anca le patate.
Beneto- Ancha solo on tocheto de fagian, che bon.
Fumagalli- Purtoppo signori siamo al fronte, i fagiani sono finiti e non vi resta che mangiare le patate, qualcosa da dire?
Biagio- Bone.
Beneto- Finalmente patate.
Fumagalli- Allora signori buon appetito, attenti….riposo….attenti…..riposo….attenti…
Biagio- Xeo ‘nda via?
Beneto- Sì, me pare.
Biagio- Allora riposo, deso che el Fumagalli l’è spario toca tì lesarme na letera.
Beneto- Tin leso una che ghe gho scrita a me moiere quando che jero ancora in caserma, scolta.
“Cara Elvira
Come sai nel zaino ci avevo messo la tua fotografia insieme cola cioca di capeli che mi ai mandato. 
Nel mentre che tiravo fuori i calzetoni mi sono inaccorto che non trovo più la cioca. Alora mi sono messo a cercarla soto il leto e fin che ero lì è passato il mio caporale che mi à domandato cossa ci facevo soto il leto. Io ciò deto che cercavo la cioca e alora lui mi à jutato a vardare che lui non so perchè è montato sula carega per vardare sopra l'armadio.”
Biagio- Però te ghè i camerati che te juta.
Beneto- “Dopo un'ora tuto il mio reparto cercava la tua cioca. Uno mi à domandato se ci aveva anche i pulcini io ciò risposto che la cioca era pulita e che non ciaveva i peocini. Ma ti conto che tuto in un momento un mio compagno cià fato il verso che fa mia nona quando chiama su le galine per darci da mangiare
Beneto: ane, ane, pai, pai, pio, pio
Biagio- qua qua qua
Beneto- e alora ò capito che loro cercavano la ciocca no la cioca, e che io ci avevo capito male perché non usano bene le dopie.”
Biagio- Sti citadini, i vogliono parlare in italiano e non sono gnanche buoni.
Beneto- Cosa vuoi, loro parlano in italiano solo che si intrabuccano sulle doppie.
Beneto- “Pensati che uno mi aveva anche domandato di che colore era e io ciò risposto che era nera perchè era giovane di ventani che lui alora è restato muto del tutto senza parole. E mi à guardato come si guarda uno che non à tute le sue fassine al coperto poi quando ce lò deto di che cioca si tratava tuti mi ano deto dele parole che non ti ripeto gnanche. 
Ti saluto con tuto il mio afeto lontano di marito e aspeto una nuova cioca, ma con una c sola. 
Il tuo che non puoi far di manco Beneto” na ciocca, che se ghin fuse una deso sì che farisimo el contorno con le patate. Ma robe de casa tua non tin contei mai, too pà nol te scrive mai?
Biagio- Cosa vuto lu el lavora i campi, el fa fadiga scrivarme, nol gha mia tuto el tempo che ghemo noialtri chi al fronte sempre allerta.
Beneto- All’ertastai?
Biagio- Allertastò! 

Scena 12 musica 7 Si torna alla cascina. Narcisa da fuori scena mentre Giobata entra.

Narcisa- A te go dito de scrivarghe a chel poro toso, o vuto che el se dismentega anca de avere on popa?
Giobata- Ghe scrivo sì, gnanca che non fuse bon. La femena la voe che ghe scriva al fiolo al fronte, a vangaria na vanesa pitosto.
Narcisa- Poareto to fiolo, che non te ghe pensi mai.
Giobata- Poro tato varda che nol lè pì on bocia, nol vede l’ora de stare al fronte senza de noialtri con tutte le libere uscite che el gà, non come mì che so sempre controllato a vista quando che non sò punio.
Narcisa- Tasi e scrivi.
Giobata- To quà, xà scrita, teo se che co te comandi mì obediso, come se fose al fronte anca mì.
Narcisa- O finalmente che te ghe ghè scrito e cosa ghe gheto contà a chel poro can de to fiolo?
Giobatta- A ghe go contà del cavalo Ardito che i lo gha copà al posto dela nona.
Narcisa- Pora la nona de Tano, te la vedi che la zopega ancora deso.
Giobata- Chea staga casa ala so età, no ndare in giro a far dani, par colpa sua i gà copà Ardito, poro cavalo, che lù almanco el tirava el caro, cosa fai deso metei al vasoro la nona de Tano?
Narcisa- Tento Giobata non sta farme incanare che te meto el basto. Dai lesamea che la femo compia.
Giobata- Speremo che la te comoda. “Caro Biagio ti conto che il nostro zio Sotero col careto pieno di scataroni cià invistito la nona di Tano "Mastegabrodo". La nona, cià avuto una fratura esposta di fuori che zigava come una mata parchè si era rota la fibbia e la peroni in un colpo.”
Narcisa- Pora nona la sopega ancora deso.
Giobata- Jera meio se i la finiva in on colpo solo.
Narcisa- Non sta parlare cusì dea nona se non te vui na fratura anca tì.
Giobata- Vo vanti lesare.
Narcisa- Meio xè.
Giobata- “Il belo è che il cavallo del zio Sotero si è sottato anca lui e alora l’avocatto "Ciucialosso" ci vuole domandare i dani a Toni parchè sua nona cià taliato la strada al careto col roersamento dei canotti e il scaezzamento della satta di Ardito che è il cavalo.” Giustamente pora bestia, on cavalo da tiro rovinà.
Narcisa- E la nona alora che difarenza ghe xé?
Giobata- Che el cavalo tira, la nona invese le fa tirare, comunque asame finire. “Il giudicce "Balanza" à dito smartelando che sicome la lege ci somilia par tuti non c’era una parte lesa parchè tuti i quarelanti ciavevano avuto la loro satta rotta nel’ incidente e ogni uno si tegneva le sue disgrazie che era melio. Il zio Sotero si è incanato per il quale giudizzio parchè Ardito cola sua satta lo ano coppato e la nona di Tano "Mastegabrodo" no, che la sua ce lano giustata. Insoma il zio cià fato bisteche di Ardito e quei altri ano dobuto tegnersi la nona tuta intiera come che era e ci sta bene. Ciao da me che sono anche tuo padre (credo) Giobata”
Narcisa- Varda che letera de poco sentimento che te ghe scrivi. 
Giobata- La sarà bea la tua che te ghe parli dea tempesta.
Narcisa- Sicuro che la jera bea.
Giobatta- Alora a te podevi picarla fora e cusì la lesevimo anca noialtri. E sta tenta non farme inrabiare seno ghe spediso la to epigrafe. Questa la xè la letara e deso rangiate a spedirla che mì a so tuto suà a furia de pensare a cosa dirghe al fiolo.
Narcisa- Eco i omeni i gha tuto on afare de robe importanti da dire, e co xè ora de fare, i tase. Siapi e molegati. 
Giovata- No come voialtre femene, non te conosi mia el proverbio “mangia quello che hai e taci quello che sai”?
Narcisa- Ma mì non gò gnente da magnare.
Giobata- Alora tasi e basta.
Narcisa- Bon gheto verto la boca par darghe aria, deso te speti che leso la letera che go ciapà dala Carlotta.
“Cara cugina Narcisa 
Ieri sono andata dal dentologo che mi ha fato sentare su una poltrona e diceva incariato… incariato e in soma ciavevo tuti i denti incariati. Dopo il dentologo seitava a dire molare… molare che io non sapevo cossa dovevo molare che non tiravo gnente, anca se mi veniva da tirare quatro oche per il male che mi faceva. Per tuti i denti che non ciò perchè mi mancano mià fato un preinventivo che devo vendare due mas-ci, tre vedele da late e il toro da monta.”
Giobata- Beh cara dighe a to cugina che xè meio se la magna panà par resto dei so giorni.
Narcisa- E quando che la verse la boca che se vede che la xè senza denti?
Giobata- Motivo in pì par tegnere la boca sarà.
Narcisa- Sti omeni, asame che lesa.“ Mi ha parlato di fare un ponte che non so in che posto ma che è più caro di quelo sula Canaleta che ci è costato tanto di manco. Ci ho due denti decisivi davanti da metare su, un cagnino che scorla e i denti del giudissio che el parroco mi dice sempre che sono senza e invece si vede che cè. Cossì fra denti incariati, ponti, incapussolamenti mi toca vendare metà stala. 
Ciao da tuo cugina Carlotta”
Giobata- Mì vendaria la femena.
Narcisa- Tasito ‘na volta.
Giobata- Bon e mì deso vo raposarme vangando l’orto.
Narcisa- E mì vo raposarme dandoghe da magnare ale gaine.

Scena 13 - Giobatta e Narcisa escono, entrano Teresina ed Armido.

Teresina- Nono, alora viento fora o steto drento anca onco.
Armido- Rivo, rivo sì, che na scianta de aria la respiro pulito anca se non so mia a piombo.
Tesera- Dai nono animo che con tute le medisine che te toi a te ghe da stare ben anca se non te voi.
Armido- Fasie par tì che te sì sovane. Mì ormai a so vecio incanario, tì te sì fresca come na rosa che spande el profumo par la contrà, chissa quanti morosi che te ghe deso.
Teresina- Tea conti ti nono, chisà tì quante morose che te ghe vudo ai to tempi.
Armido- Cosa vuto co jero sovane bastava che na tosa me metese na man sui cavei che mì me indrisavo nel’orgolio, deso invese basta che na femena me meta na man nel’orgolio che me indriso i cavei, quei che me resta.
Teresina- Non sta lamentarte nono, pensa che to nevodo al fronte col se varda in giro el ga solo montagne, altro che done.
Armido- Infati a pensavo proprio a lù, fa conto che ghe gho scrito anca na latera, e se te vui tea leso.
Teresina- Basta che dopo te me asi lesarte la mia
Armido- Sta pur certa. “Caro nevodo Biagio
Ti scrivo per via dele medicine che mià ordinato il dotor Laudano. Disopra una scatola c’era scrito suposte che alora ò vardato bene rento e erano come le palotole dela pistola e io non sapevo se ciucciarle o pararle so intiere con l'aqua.
Teresina- Saria sta meio pararle xò con un poco de clinto vero nono?
Armido- Quelo che digo anca mì ma cosa vuto i dotori i xè contro la medicina tradisionale.

Scena 14 musica 8 Entra Mistica

Mistica- Veo gho dito che tornavo, la commedia va vanti, la so storia la capì, se trata de lettare, scrite da na parte verso chealtra, da na parte le vola, le riva e le parla, ma deso se voì, se si attenti podj decidare, ghe xè na storia da contare, se poe vedarla o sentirghine parlare, gavio presa, la contemo, gavio tempo la vardemo, ma non so mia mì che decido ma voialtri, chi pì forte siga più speranze el gha, alora scumisiemo. Questa la xè la storia che mai la se distriga, vojo che i vea recita o che i vea diga? Disime recita e la vedì, disime conta e la scoltè, alora cosa decidio, recita o conta, sù le man e dire recita chi voe vedarla, sù le man e dire conta chi voe sentirla, le man che ga vinto xè…. Ma ricordeve ghe xè sempre n’altro modo par vedere sta storia.

Se il pubblico sceglie recita si prosegue altrimenti si va ad appendice A

Teresina- Na bea parada a te ghe ciapà.
Armido- Ben varda a meo ricordo come se fuse ieri, tì te jeri in casa e mì spetavo la Carlotta che la me portase le medisine.

Scena 15 - Teresina rientra in casa ed arriva Carlotta in bicicletta, si torna indietro nel tempo.

Carlotta- Ecome che rivo, eco le to medisine.
Armido- Oh, finalmente che me poso curare.

Scena 16 - Entra Narcisa

Narcisa- Ciao Carlotta come vala?
Carlotta- Ah, gnente so vegnù portarghe le medisine al nono qua, so pasà in farmacia dal dotore Laudano, te savesi el gà na commessa nova, la gha da esare imparentà con Bepi ocioni, quelo che sta in via dei fasolari
Narcisa- Varda che te te sbagli, che mi sai ociona nol gha mia parenti femene da ste parti, che non la sia invese dea contrà dei amolari, de Bepi ganasa, queo sì che el ga parenti da ste parti.
Carlotta- Non vuria sbagliarme ma la gaveva du bei ocioni grosi con i cavei neri che la pareva tuta dea rasa de Bepi ocioni

Scena 17 - entra Giobata

Giobata- Femene co gavì finio con l’anagrafe a ghe saria da darghe le medisine al nono.
Carlotta- Eco caro, ciapa le medisine e lesi le istrusion prima, me raccomando.
Armido- E serchemo de far puito stavolta.
Giobata- Dame chì, alora xè scrito “principio attivo morfolinoetilico dell’acido niflumico”
Narcisa- Orcocan, la gha da esare na roba forte ciò.
Carlotta- Ma semo sicuri che la fasa ben?
Giobata- Madona par sta roba chì, el morfolinometribilicito insomma chea roba lì, el fa ben.
Armido- Speremo e dopo cosa disei?
Giobata- Effetti collaterali “pirosi gastrica, epigastrite, leucopenia, ematuria…..
Narcisa- Però anca la ematuria, non lo gavaria mai dito.
Giobata- “nausea, vomito, diarrea…”
Armido- Ciò ma voio farme vegnere el cagoto?
Carlotta- Non sta preocuparte, xè pal to ben.
Giobata- “posologia, per via anale”…. Ciò ma dove xea sta via?
Carlotta- Ma seto che la go xà sentia, ma non so mia dove che la xé.
Narcisa- Par mì non la xè mia na via del nostro paese.
Giobata- Ma sti dotori, cosa te dai le medisine che dopo te toca andarle tore da n’altra parte.
Armido- Se vede che queste le xè le medisine pai foresti, el garà sbaglià scatola, noialtri a stemo in via Brentea.
Giobata- Sta tenta Carlotta. Dopo te pasi dal dotore Laudano e te ghe disi che el vaga lù in via anale che noialtri a non gnemo mia tempo da perdare.
Carlotta- E alora feto de manco de darghele?
Armido- Sta tento Giobata, male non credo che le me fasa anca se non abitemo in chea via lì.
Giobata- Te sarè tì el dotore alora. Vedemo queste “posologia, due perle per via orale” eco che semo da capo no, ma salo dove che abitemo noialtri o tolo in giro. Non te vorè mia che deso a perdemo tempo a portare in giro el nono, via anale, via orale, ghin sarà una che podemo tore no.
Narcisa- Eco, eco questa, lesi, lesi puito cosa che xè scrito.
Giobata- “per uso esterno” o questa va ben, pì fora de cusì che semo all’aria aperta. Dai nono che questa la toemo.
Armido- Ste tenti che non sbagliè.
Giobata- Tò versi la boca e tira fora la lengua, eco.
Armido- E se sbagliemo, a so mì che le magno.
Giobata- Sta fermo che non te femo gnente no, femene tegnighe ferme i brasi e ti versi la boca e fora la lengua.
(Carlotta e Narcisa tirano le braccia ad Armido, Giobatta da dietro gli svuota in bocca delle goccie)
Armido- Ahhhh, che schifo, deme da bere, deme da bere.
Narcisa- Ma dime tì far tuto sto casin par bere on gioso.
Armido- Che schifo de medisine, Carlotta va dal dotore Laudano e dighe che el se le beva lù sta porcheria chi, e n’demo dentro bere on gioso.
Carlotta- Mi vago de corsa.
Giobata- Vegno anca mi.
Armido- Senti cosa che me gavi fato bere, preghè el signore che non me vegna el cagoto parchè ve conso mì pae feste.
Narcisa- Sta chieto e n’demo dentro bere on gioso, n’demo bere on gioso.
Armido- no, mì resto qua che la storia la va vanti.

Scena 18 - Carlotta va via in bicicletta, Narcisa e Giobatta entrano in casa rimane solo Armido ed arriva Teresina.

Armido- E cussì me so curà.
Teresina- E con chealtre medisine come xea finia?
Armido- El dotore el ga dito che podevimo torle anca casa nostra e cussì le gho magnà.
Teresina- Ma se le jera supposte?
Armido- E cosa ghin soi mì, ghi no scartà una e rosegà puito mandandola xò con on toco de pan.
Teresina- E jerea bona?

Aggancio da appendice A

Armido- A go fato finta che la fuse bona e dopo ghela gho fata magnare anca a Giobata, cusì l’impara.
Teresina- Fato ben ma la prosima volta che te ghe da tore le medisine xè meio che te me ciami mì che magari dopo le fa pì efeto. Deso te leso queo che ghe go scrito mì, poro fradeo, nesuni gha el coraio de dirghe queo che sucede in sta casa fin che lù xè in guera e cusì gho deciso de informarlo mì. “Caro Biagio Ti scrivo per avisarti che la vaca de la nona Bieta è morta.”
Armido- pora bestia
Teresina- “Il vitrinario che l’ha visitata doperando i suoi angagni ha deto che non cera più gnente da fare e che era melio mazzarla del tuto.”
Armido- Amen
Teresina- “Non ti conto gnanche i urli de la nona quando l'ano strapegata sul caro del becaro.”
Armido- oioioioi
Teresina- “ Morta la vaca de la nona Bieta gnanche a farlo aposta abiamo dovuto copare anche il porco del zio Nani. Lui non voleva ma lo ano tirato in corte a tradimento e lo ano mazzato.”
Armido- sassini
Teresina- “E cossì anche il porco del zio Nani si è dipartito come la vaca de la nona Bieta. Ma dopo tuto le disgrazie non vengono mica tute per nuocere perché abiamo coto la vaca de la nona e il porco del zio lo abiamo insacato perchè lo mangiamo a rate. Tua sorella Teresina” e chissà che nol piansa quando la lese che lù el jera tanto afesionà al porco del sio Nani e ala vaca de la nona Bieta.
Armido- Varda, co ghe penso me vien da piansare anca mì, le jera cosi bone ste pore bestie, ma così bone che xè on pecà che deso non ghin sia pì, tanto le jera bone vive quanto che le jera bone cote.
Teresina- Chissà al fronte, cosa che i magna
Armido- De sicuro i sea sogna la sparagagna.

Scena 19 musica 9 Torniamo al fronte dove entra il tenente Fumagalli

Fumagalli- Attenti, reclute quando arrivano i superiori si deve stare sull’attenti, attenti, riposo, attenti, riposo.
Beneto- Ciò ciucianebia sito drio divertirte, riposate anca tì on poco.
Fumagalli- Soldato attenti e silenzio, cos’é tutta questa confidenza con un superiore, non sono mica un suo parente, e lei Biagio, che cos’ha da stare lì impalato?
Biagio- Gnente, gnente, i me gà scrito che xè morto el porco de me zio
Fumagalli- E’ morto suo zio, le mie condoglianze più sentite.
Biagio- Grazie colonnello, grazie.
Fumagalli- Tenente Biagio, Tenente. Anche a me quando è morto mio zio, avevo un peso sullo stomaco.
Beneto- Mì invese on slanguorio.
Biagio- Te poi dirlo forte, a me lo vedo messo in gradea sora le bronse.
Fumagalli- Ah, lo avete fatto cremare, forse è la cosa migliore, piuttosto che seppellirlo nella nuda terra.
Beneto- E no sepeirlo, saria sta un disprisio, tuta che carne ai bai.
Biagio- El sarà sta almanco 2 quintai, el gavea na schina, el jera sempre drio magnare.
Fumagalli- Però bella stazza, aveva sicuramente un grande cuore.
Biagio- El garà vudo on baloco cussì.
Beneto- I gha da averse fato na magnada col tastasae.
Fumagalli- Così da voi si usa festeggiare la disgrazia con un pranzo in onore del morto.
Biagio- E sì xè tradision pena morto, lì quando che lo ghemo lavà e semo drio spetare che el se suga, se buta on poca de roba insima le bronse.
Fumagalli- Ma come, appena morto?
Beneto- Sicuro, se speta on poco che el diventa fredo, intanto se magna on poco de fegato.
Fumagalli- Ma con il morto lì, mi sembra che manchiate di rispetto, si potrebbe aspettare un paio di giorni.
Beneto- Macchè, spetare du giorni, suito pena morto, sito mato.
Biagio- A non vedevimo l’ora, col ga finio de trare le gambe, pronta la gradea e xò quatro fete de poenta. (Beneto fa tre fischi, Biagio ripete “quattro”, Beneto fa il quarto fischio). 
Fumagalli- Ma voi siete proprio senza rispetto, è una cosa vergognosa.
Biagio- Ma de cosa goi da vergognarme, xè colpa mia se el porco de me sio lè morto?
Fumagalli- Siete due persone schifose senza rispetto neanche per i morti, vado via e voi due state attenti, (fraintendendo i soldati si mettono sull’attenti) riposo, no, intendevo dire fate attenzione che vi controllo….incivili, peggio delle bestie.
Biagio- Ma cosa galo da incasarse?
Beneto- E par fortuna che non ghe ghemo conta dea vaca de to nona Bieta.
Biagio- Te ghe la mancansa de casa tua vero, te sento col magon.
Beneto- Altro che magon, fa conto che a furia de pensare a casa a gho scrito anca ‘na poesia.
Biagio- Anca on poeta me toca.
Beneto- Mì tea leso ma no ridare, sta chì la parla del me paese, scolta: “un gnaro”
Biagio- dove?
Beneto- lè el titolo, “un gnaro”
Biagio- de cosa?
Beneto- ghea moito?

Musica 10 
Un gnaro 
Casete a brazzocollo longo la strada
orti e giardini strucà su fra de lori 
rosari che se smissia a la salata.
Done in traversa a sciapi su la porta
a sprotar poco prima de mezodì
spetando l'omo suo par el magnare.
L'era sto chi par mì el me paese 
no quel de desso che me roba i sogni
che tuto sera sù in gran scatoloni. 
No ga mai vudo un'anima el cemento. 
Me lo còcolo in te 'l cor el me paese.
Lo vedo soto el soe, co saro i oci... 
La botegheta del sarte-barbier
el banco co le stracaganase e i peri coti 
la frasca su 'l porton de l'ostaria
le tose verso cesa pal fioreto
un sgorlar de colombi al campanie. 
L'era un gnaro de piera e de poesia el me paese. 
Biagio- ciò ma jereo on gnaro de colombi alora?

Scena 20 musica 11 Cambio luci, si torna nei campi. Narcisa e Giobata ( che sta lavorando) sono preoccupati per la salute del nonno.

Narcisa- A poro nono, pareva na stupidada invese lè stà anca al’ospedale ma el continua sopegare.
Giobata- Ma dai desso tea conti anca massa longa, la xè solo on’ongia incarnà.
Narcisa- Sara anca on’ongia ma bisognarà che ghelo diga al toso al fronte, casomai el more, xè meio dirgheo. 
Giobata- Asa in pace i soldà con tute le rogne che i gà, dighelo a to cugina Carlotta se te voi.
Narcisa- A poro nono cosa che ghe capita, forse xè meio che ghelo diga a me cugina Carlotta ma con grasia che non la se agita, prima ghe conto la storia dei penuti e dopo del nono.
Giobata- quala storia dei penuti?
Narcisa- de quando la zia Rosa la fa caponi tuti i gali dela corte.
Giobata- quando che la fa i caponi se meio che mi resta in casa.
Narcisa- se non te voi che te suceda come a chel galo che la ghe ga taià masa de queo che te sé.
Giobata- si poro gaeto, el se gà meso cantare come na gaina ovarola, e dopo el rabaltava i oci e el sbateva le ali corendo come on mato par sorarse del male che el gaveva.
Narcisa- se vede che lo gaveva fato masa capon ancha par on galo come lù. Ghe sarà sbrisià la man.
Giobata- Poro galo, co fe i caponi li sguaratè che me domando come che i fa a restare vivi.
Narcisa- Ma co xè ora el brodeto teo magni. Dopo podaria contarghe dei conei che la me ga dà.
Giobata- bea roba la gha fato i fa on’into che so sempre drio natare le petole.
Narcisa- se vede che se la rassa, i se on po masa petulanti.
Giobata- E dopo cosa ghe contito?
Narcisa- a gnente, co rivo in fondo ala letera ghe scrivo che semo preocupa pal nono, ma che non la staga preocuparse ancha ea che col more gheo disemo.
Giobata- Eco cusì almanco tea informi puito
Narcisa- Così almanco anca la Carlotta la xè pronta par quando che el more.
Giobatta- Beh valà, spetemo sepeirlo, spetemo che el mora, vero cosa ghin disito?

Scena 21 - Entra nonno Armido vestito con camicia da notte e zoppo.

Armido- Chi xè che ghà da morire?
Narcisa- Nesuni, non sta preocuparte. L’erba cattiva no more mai. 
Giobatta- Che busiara, paciolavimo, ma tì come te sentito?
Armido- Ciompo me sento, ma tì dime se par na ongia incarnà a gho da finire in ospedae, e nesuni che me varda el piè.
Giobatta- Savarà i dotori cosa fare no?
Armido- Anca tì non te capisi gnente, deso ciapo e gheo conto ala me nevoda.“Cara nipote Carlotta
Ti scrivo da questo mio leto de l'ospedale civile”
Giobatta- Ma se deso te si casa. Lè pì busiaro de na lapide al cimitero.
Armido- L’ospedae non i me asava, e po’ tasi e scolta. “e ti conto che in fondo al leto ciò una cartela che no si capisse un'aca: pare la tapa di montagna del giro d'Italia. Qua vado vanti a digiuni e minestrine indove la pasta è scapata dal piato tanto è ciara. E dopo mi ficcano una guccia lunga cossì nel bracio e la tacano a una bozza in alto e mi fano le punture indo venose e intramuscolose che sono cossì sbusato nel didietro che mi cambiano sempre di parte perchè non c'è più posto par altri sbusoni. E dopo il cardiogama i ragi la visita culistica il torinoiatra che ti fa fare i sforsi di gomito par vederti le tonsilie. Insoma una tortura!”
Giobatta- Ma cosa disito ‘na tortura, prova stare insieme a ea na giornata, dopo te vedi.
Narcisa- Sarà beo stare con tì che te sì na lagna.
Armido- “E la note fin che sei lì che dormi tranquilo ti alsano le coperture e zachete un sbusone a tradimento. Qui mi ano guardato anca dentro il didietro co la luce ma non si sono inacorti del deolone grosso del piede. Io non ci spero più di ussire che sono ormai due mesi che mi palpano e mi vardano e scurlano la testa...”
Giobatta- Ma come du mesi, se te si stà via tri dì.
Armido- Mì lo so, tì teo se ma ea non lo sa mia, e cussì xè tuto pì tragico, so drio scrivare na letera drammatica.
Giobatta- Insoma te voi farghe vegnere el magon.
Armido- Sicuro, mì go sofferto e deso sofre ea. “E nissuni mi à fato cavare il calzeto indove ciò il piede malato. Se vengo fuori vivo vado a Lurdes da la Madona par grassia ricevuta. Ti saluta uno sano che si sente moribondo Tuo nono Armido” Varda chi come che i te cura, me sa che i voe farghe sparagnare schei all’imps, così se tiro on scioco i sparagna i schei dea pension, oioioioi che male al deolone….oioioioi
Giobatta- Demo in casa sù prima che te te scapusi el deolon.
Armido- Cusì tiro na litania ai santi che ve la ricordè par on toco.
Narcisa- Prega invese de porchesare cussì te guarisi prima.

Scena 22 - Entra Teresina con un fazzoletto in mano.

Teresina- A poro nono, te me fe cavare el core vedarte cusì.
Giobatta- Chissà che i ghe cava l’ongia cusì la femo finia.
Armido- Porteme sù che me buto xò.
Narcisa- Semo drio ‘ndare.

Scena 23 - Escono Giobatta, Armido e Narcisa

Teresina- Poareto, a vedarlo cusì me vien le lagrime (si soffia il naso con irruenza)

Scena 24 - Entra Albino.

Albino- Teresina cosa mi dici che ti vedo rattristata?
Teresina- Cosa te intaresa tì.
Albino- Beh, me dispiace vedarti così triste.
Teresina- Se non te comoda vedarme cusì, sega el palo e torna dala to Maria Trivella.
Albino- Lascia perdere la Trivella, è una femmina spudorata , a ditto che una donna di classe come lei merita di meglio.
Teresina- De clase, ma se non la gà gnanca finio la tersa elementare.
Albino- Così è andata, e non so trovarne una.
Teresina- Forse bisognaria che te vardasi in giro. Te se quea del tipo che girava el mondo par sercare on tesoro? E seto dove che lo gà trova?
Albino- Dove?
Teresina- Dentro l’orto de casa bastava vangare na vanesa.
Albino- Alora a vado a casa a cercarlo.
Teresina- Ma dove veto?
Albino- A vangare l’orto.
Teresina- L’è furbo come na ciupinara.
Albino- E che è ista ciuppinara?
Teresina- Un sorse sotto terra.

Scena 25 musica 12 Entra Mistica

Mistica- Deso riva n’altro incrocio, ghe xè l’amore che nasse, le terra se coltiva el seme germoglia e l’amore sboccia, Teresina ed Albino, de sicuro i se sposarà, ma come, questo lo decidì voialtri, le strade le se do da na parte la vedì e da n’altra la scolte. Come prima nela stessa maniera, ghe se na storia da contare, al tempo passa e nol poe spetare. Questa la se la storia che mai la se distriga vojo che ve la recita o che ve la diga? Disime recita e la vedì, disime conta e la scoltè, allora cosa decidio, recita o conta, su le man chi voe conta, su le man chi voe recita, la storia da vedare xè….Ma ricordeve ghe xè sempre n’altro modo par vedare sta storia.

Se il pubblico sceglie recita si prosegue altrimenti si va ad appendice B e poi si ritorna in questo punto.

Teresina- Ciò Albino Zappalà, dove sito drio andare?
Albino- Casa a vangare l’orto.
Teresina- A pensare che te gavarisi na vaneseta tuta per tì da coltivare.
Albino- E dove ?
Teresina- Davanti ai to oci, insiminio o xè parchè non ghe someio alla Trivella che non te me vardi?
Albino- Ma cosa centra la Trivella, ti ho detto che non mi vuole. 
Teresina- Cussì se mi fuse ciompa de na gamba, forse te piasaria (e comincia a zoppicare vistosamente.)
Albino- perchè cammini così?
Teresina- E se mì gavese el fasoeto fracà in testa, a te piasaria.
Albino- ma se il fazzoletto in testa non lo porti mai.
Teresina- (sempre zoppicando) E se mì gavese un pietto da meso metro (si imbottisce il seno con degli stracci) forse te piasaria.
Albino- Ma tu non hai mai avuto il portamento cosi maestoso.

Scena 26 - entra Giobatta

Giobatta- Ciò ma cosa fala chealì? Varda che ciompa, e varda che pietto, ma chi xea signorina?
Teresina- So mì papa, so drio farme bea par Albino.
Giobatta- Certo che el gà gusti difisili.
Teresina- Ma non ghe basta mia, parchè la Trivella la gà i baffi e anca el peleto morbido sulle gambe, no come mì che so tuta lisia, vero Albino?
Albino- Ma cosa dici stai perdendo la ragione?
Teresina- Toca qua e senti se ghe xè el peletto sole me gambete, toca qua (alza un po’ le gonne e rincorre zoppicando Albino che fugge)
Albino- Ma sei impazzita, ma che cosa fai spudorata, nu me piglià, nu me piglià.
Giobatta- Mama mia che gioventù, le femene che ghe core drio a cotoe alte e i omeni che i scapa, me toca vedarghine altre. (Albino scappa rincorso dalla Teresina, Giobatta li guarda) ecolo che el scapa, Narcisa, Albino el ga ciapà la Teresina!

Scena 27 - entra Narcisa

Narcisa- A xè da on toco che te la ghè ciapà anca tì
Giobatta- Ma no, la Teresina la ghe xè corsa drio ad Albino con le cotoe alte e chealtro el scapava, ai me tempi le scapava lore con le cotoe alte altro che corarme drio.
Narcisa- Così se mì me alzo le cotoe tì te me curi drio vero.
Giobatta- No scherzavo, non sta mia alsartee par carità.
Narcisa- Deso me le alzo.
Giobatta- E mì scapo. Non mi piglia, non mi piglia. 

(Narcisa si alza un po’ le gonne e rincorre Giobatta )

Scena 28 - Entra Elvira

Elvira- Cosa ghai da sigare in sta maniera.

Passano di corsa Narcisa a gonne alte che rincorre Giobatta e poi Albino rincorso da Teresina a gonne alte.

Elvira- Non i ga mia le fasine al querto sti chì. Femo finta de gnente e spetemo che i se sora. Cara Teresina bongiono.
Teresina- Mama mia che bea sorpresa, come mai da ste parti?
Elvira- A go sentio del nono, e dopo i me ga dito de fare quatro pasi par far nasare sto campion chì.
Teresina- Cusì ghin nase n’altro.
Elvira- Sicuro ma dopo de questo se sara botega.
Teresina- E to mario cosa ghin diseo?
Elvira- Cosa ghin soi, a ghe ghò scrito par dirgheo, cusì vedemo cosa che el me conta, senti cosa che ghe digo. “Caro Beneto Ti scrivo per dirte che sono sempre in atesa del nostro sesto filio ma che dopo questo si sera botega perché ciò un prolascio del' utero che si è sbassato tropo. Alora ciò domandato al dotore come si fa con tu a casa che mi cerchi tute le note per fare quelo che mi invergogno perfino di scriverte.”
Teresina- Tute le noti, non garia mai pensà, chissà che contenta che te sì.
Elvira- Pì che contenta a so fruà.
Teresina- Beata tì.
Elvira- E ma la cambia, scolta. “Il dotore mi ha mandato dal farmacista che mi ha dato una scatoleta e mi ha deto di legere con Comodo le istruzioni. A casa ho chiamato subito tuo cugino Comodo e insieme abiamo leto ma non ci abiamo capito un' aca e cossì abiamo verto una bustina che dentro cera come un budelo tuto fato su che dopo si disrotolava e diventava lungo.”
Teresina- Come un bueo? Cossì lungo?
Elvira- Beh cara, gheto presente na vianea par impastare le luganeghe, compagno.
Teresina- Ma cosa centra le luganeghe.
Elvira- Cosa ghin soi mì, xè luri i dotori. “Io subito ciò deto a Comodo che per me era un paradito. Ma la goma era massa fina e l'afare massa largo anche per il deolone grosso. Alora sono ritornata in farmacia dal dotor Purga con l'afare nela sporta e quando l’ ho tirato fuori davanti ala gente il farmacista mi ha roversato doso gli ochi e mi ha portata nel dietrobotega tuto rabiato.”
Teresina- Come nel dietro botega, che intension gaveveo?
Elvira- Speta che te lesa e dopo te capisi. “Io sono croata giù dale nuvole perché non credevo che un paradeo fusse cossì vergognoso da mostrare. Lui alora mi ha deto che quelo non andava messo sora il deo ma sora una roba che gnanche ci credi che ciò deto io al farmacista che doveva invergognarsi a dire certe robe a una che fra un mese diventa mama per la sesta volta. Il dotor Assesso mi ha ordinato alora una pirola da tore quando che vieni a casa. Dopo lui seitava a parlare del ciclo e io ciò deto che in casa cera solo la tua bicicleta come ciclo e che se voleva ce l' imprestavo. Lui si è messo come a sganassare e mi ha deto che lui parlava del ciclo dela dona e ciò risposto che non ho mai avuto una bicicleta da dona. Con questi dotori non si capisse più gnente che tu parli di una roba e invece è un' altra. 
Tuti i tuoi fili ti salutano anche quelo che deve rivare, ma ricordate che dopo o se sara botega o faso caponi. Baci Elvira”
Teresina- Beata tì che te ghe na fameia, mì cara non so bona de farmela.
Elvira- Ma se te jeri drio parlare con Albino, nol te piase mia?
Teresina- Anca masa che el me piase ma nol capise gnente, nol me parla mai.
Elvira- Cara mia, sti omeni i xè pericolosi, varda chi (mostra il pancione) che scherseti che i te combina. Chisà cosa che el pensa el me omo co ghe riva la letera.

Scena 29 musica 13 Al fronte Beneto tutto agitato con la lettera in mano che cammina avanti ed indietro

Beneto- A so nero pì de un scarbonasso che in confronto el pare na strassa da liscia. Varda cosa che la me scrive, tì dime no se xè colpa mia se come omo funziono. A no son mia on capon.
Biagio- Cosa gheto da dire su, serca de capirla la ghin’à siè da tirare su.
Beneto- E cosa centra. Cosa goi da farme capon?

Scena 30 - Entra il tenente Fumagalli

Fumagalli- Attentì, inspezione d’ordinanza.
Beneto- Ecolo che riva el capon.
Fumagalli- Soldato semplice Beneto, che cosa stava farfugliando, su lo dica forte e chiaro.
Biagio- Sta volta sì che te serchi rogne, darghe del capon ai capi.
Beneto- (stile marziale) Sior tenente, il suddetto me medesimo stava ciaccolando con il commilitone Biagio e si parlava dei meriti di guera, e noi si diceva che lei non è un semplice tenente.
Fumagalli- Così non sarei un tenente, e cosa sarei?
Beneto- Col suo spresare del pericolo, ed il suo continuo urtarci verso la gloria militare…
Beneto- Ella sior tenente dimostra di essare un vero capo.
Fumagalli- Bravo Beneto, grazie, mi riempi d’orgolio.
Beneto- Ma non è un capo da poco, ma un vero grande capo, lei sior Tenente è un vero capone.
Fumagalli- Grazie Beneto, tu mi capisci Beneto, io nell’animo sono un vero capo, e come dici tu un vero capone, grazie soldato, sono fiero di te, riposo, (esce) sono un capone…
Biagio- Varda come che teo ghe insinganà. Teo ghè fato capon e contento. Deso contame de sta letera, tì ghe gheto scrito?
Beneto- Sicuro varda chì. “Cara Elvira Tu non ascoltare gnanche il dotor Asesso, anche se dice che il paradeo protege dale malatie perchè no è gnente vero pensa a Gigi “Broca” ne ha un caseto pieno e cè venuta istesso la bronchite e anca una polmonite. Pensati che anca io lò disrotolato e non ciò capito a cossa serve cossì il giorno del mio compleano per fare festa ci ho supianto dentro e ò fato tanti baloni che ò tacato nela mia camerata. Desso tuti i profilati li meto da una parte cossì che quando vengo a casa quando cè il compleano dei fili li gonfio col' aria e li taco tuti sula strada cossì tuti vedono la festa. Stai bene coi tuoi fili Beneto”
Biagio- Deso capiso parchè te ghe tanti fioi. Ma to mama te gala spiegà gnente chea volta?
Beneto- De cosa dovevea parlarme, gò imparà tuto mì da solo.
Biagio- Sì ma deso te te cati co na bea compagnia. 
Beneto- Ciò e to nono come stalo che el stava male, gheto pì sentio novità?
Biagio- A so chì che speto che el me scriva qualcosa.

Scena 31 musica 14 Siamo in cascina Teresina ed Almerina in scena.

Almerina- Varda tì el me moroso xè da na vita che non lo sento.
Teresina- So stè robe mì non so cosa dire, xè da na vita che non lo go.

Scena 32 - Entra Carlotta in bicicletta.

Carlotta- Finalmente che so rivà da me cugina, a jera ani che non vegnevo chì. Oh varda chi che se vede Teresina, mì so to zia Carlotta, te ricordito?
Teresina- Sicuro zia come steto?
Carlotta- Mì ben cara, apena che go leto la lettera del nono che stava male a son corsa in cesa ad informare don Abbondio chel stava lesendo el breviario. “non el staga aver paura” a ghe go dito, a go trova la Pia Bocatasi che la vegna sbrigare le mansion. La conosito Teresina?
Teresina- Mai sentia.
Carlotta- La xè na dona discreta, pia e affidabile, a semo dela stessa pasta. Don Abbondio el poe stare tranquillo. Subito dopo a gho inforcà la bicicleta. A gho asà perdare la strada pal riscio de trovarme davanti Palma con le piegore e so vegnù de traverson pai campi.
Almerina- E la xè rivà.
Carlotta- E no cara a so pena partia, asa che te conta. A gho infilà la cavesagna e gò seguità par el stroso a fianco dea siesa e rivà alla bassa. Con le rue in spala a gho saltà el foso dove che el jera streto.
Almerina- La podaria andare a fare le olimpiadi.
Carlotta- La poe dirlo, ma ela chi xea?
Teresina- Na me amica.
Carlotta- Dopo, dopo te me conti che go ancora da rivare. A go saltà el foso ma gho fato na fadiga boia parchè la schina la se incucia e i senoci i se incrosa e alora a so sbrisià. Ghò perso on sopeo e me so lavà na gamba col riscio de ciapare el mal del sorse. E la topospira la te porta alla morte. 
Almerina- Lè sta on viagio rischioso, par fortuna che la xè rivà.
Carlotta- No cara, non so gnanca a metà strada.
Almerina- La va par le longhe qua.
Teresina- A go pensiero.
Carlotta- Dopo me so trovà so spiaso de on luamaro che sora el gavea on sciapo de polastri nostrani che i faseva voia. Gho pensà sti chi sì che i ciapa un franco col polastraro. 
Teresina- Ma dove jerito finia?
Carlotta- Nea corte del Sensaro Batipiase, quelo che lè sta costretto sposarse sbarbateo col l’assunta la fiola de Pina Cicola, quattro la ghinà fati ciacolando, parchè nol jera sta bon de stare al so posto. 
Almerina- Sti omeni i pensa solo na roba.
Teresina- A cosa?
Almerina- A bevare!
Carlotta- A xè par questo che so rimasta da maridare e faso la perpetua, volontaria e rassegnata.
Teresina- Se la continua cosi me tocarà jutarte.
Carlotta- Dopo so pasà in meso al boscheto de albare e gho catà Nane Pestapian el fiolo de Cencio Fortuna, ciamea fortuna avere on nane in fameja. El jera nel boscheto a far su legna. A so tempo l’è sta un me spasimante, el me ronsava intorno come on moscon (zzzz). Pestapian ma svelto de man. Lo gha asà perdare parchè mì sercavo uno che tegnese le man al so posto. Beh! A non lo gho mai catà.
Teresina- Vuto vedare che lo gho catà mì.
Carlotta- Dopo so passà par la contrà dei Repele e sù par le rotaie dove pasava la vacamora. Me ricordo che portavo me fradelo in stasion a Campiglia col faseva la naja. Mì non ghe so mai montà sora, ma na volta la gho tocà. Ben valà robe pasà, importante xè esare rivà da me cugina.
Almerina- On bel gireto la gà fato.
Carlotta- Ma chi sarisea ea signorina? 
Teresina- La xè la morosa de Biagio, queo che xè al fronte con Beneto.
Carlotta- Beneto chi?
Almerina- Beneto Scalin da le Bianche.
Carlotta- So fiolo de la Togna Caciona?
Teresina- Sì proprio quelo.
Carlotta- Che so mama le xè la fiola de Bepo Capele chel sta in Preolina.
Almerina- La varda che la se sbaglia. So nono Bepo el stava in via Pranda, in via Preolina ghe sta so zio Tito.
Carlotta- Ah sì, quelo che gha sposà la Maria Tabaca fiola de Nano Sospiri. E ea chi sarisea?
Teresina- Ea la xè Almerina Mandolina.
Carlotta- La fiola de Bondio Mandolin de la mota?
Almerina- No de Nane Mandolin queo dei maseti.
Carlotta- Queo che el gaveva na man finta e on’ocio de vero?
Almerina- No queo che el gaveva na gamba pì curta e la goba.
Carlotta- A non me cato, ma ela gala parenti?
Teresina- Sicuro, ghe xè Gino Scapari, Marieto Maistraco..
Almerina- Madeo Tiraca, Tilio Ciucianespoe, Toni Pegola…
Carlotta- Tilio Ciucianespole, queo che sonava la spineta?
Almerina- No queo che jutava el bechin.
Carlotta- Ma ela gala on fradeo?
Almerina- Sì me fradeo Berto Mandolina.
Carlotta- E chi galo sposà?
Almerina- El ga sposà la Carolina Scalin, so fiola de Ambrogio Magnapomi
Carlotta- (trionfante) Eco che li conoso mì i magnapomi, Meno, Tano, Gino, Silvio, Angelo, Varisto e Berto.
Almerina- Sì Ambrogio lè so fradeo de Tano e Cugin de Oreste Ciuciaperi.
Carlotta- Alora gho indovinà, Oreste Ciuciaperi el gà sposà la Ernesta Becafighi, la fiola de Menego Ociona. Voevo ben dire mì che li conosevo. A proposito, chi gala dito che la xè ea?

Scena 33 - Entra Narcisa

Narcisa- O varda chi che se vede me cugina. Ma sito mata fare tuta chea strada?
Carlotta- Non sta preocuparte, so vegnu de traverson par la cavesagna incodegà, che te parti e te sì suito rivà.
Almerina- Non la tacarà mia contarghe tuta la strada.
Teresina- speremo de no, se no vien matina.
Carlotta- Dopo el troso go saltà el foso, so pasàa pal luamaro del Sensaro Batipiase dopo dentro el boscheto dele albare, sùu par la contrà Repele, so andà drio la ferovia e subito, in gnanca 4 ore a so rivà.
Narcisa- Ben valà cara, posa la bici e ‘ndemo in casa.

Scena 34 - Teresina e Almerina

Almerina- Ciò Teresina ma to zia lavorea con la ghestapo?
Teresina- La xè una on poco curiosa, comunque par fortuna che la xè ‘nda in casa, me dispiase par l’Elvira che la xè dentro.

Scena 35 - Elvira esce dalla casa.

Elvira- No cara. A so corsa fora, la gà tacà domandarme tuti i me parenti a partire dall’arca de noè.
Almerina- La xè un tipo curioso. Varda che bea che te sì, e che bel panson che te ghè. El to omo come stalo, lo gheto pì sentio?
Elvira- Varda chi a go giusto sta letera da mandarghe, e deso vea leso. “Caro Beneto Ho sintito per l'aradio che ano scoperto una pirola che fa ressusitare anca i morti anche in quele robe delicate indove prima si faceva fatica.”
Teresina- Ma de che robe delicate parlito?
Almerina- De quee che se fa tra mario e moiere.
Elvira- E che dopo asa i fruti, (accarezzandosi il pancione) comunque aseme ‘ndare vanti. “ La Gina “Botegara” che cià suo marito un poco sbarlotto pervia che quele robe non ci vengono bene da quando che toe ste pirole si invia deciso per fare quelo che deve che è come un miracolo. Desso Ferucio non si ingripa più perché la pirola dura un bel tocco cossì che non solo fa quelo che à scominciato ma ci dura anca per altro ancora che la Rosina è contenta come una Pasqua, e non come prima quando si incantava tuto nel più belo restando a boca sutta. Pensa che fortunata che sono io che ho tu che ci vorebe la pirola roversa, che non fai mai cileca.”
Alemrina- Se vien saverlo to nono Armido el va torse tute le scatole.
Elvira- E pensare che la nona la diseva che el jera peso del toro de Bieto, pensa che el gà anca roto la testiera del leto “La Bice “Gnocolara” mi ha contato che à sbaliato dose con Toni “Lecaveri” per la quale lui pareva come mato e suppiava per i buchi del naso raspando per tera coi piedi che lei è andat a scondersi didietro l'armaro che lui voleva butarlo giù. Cià dito che basta pirole per Toni che è melio caricarlo con qualche goto di clinto. Ti speto con el baiardelo del mio cuore che tu solo hai la chiave, basta che non toi la pirola di cui ti ho contato sula letera parchè seno dormi in tel punaro, e ti devi incontentare dele galine che mi pare che di fili ne abiamo una pasua. Tua Elvira” 
Almerina- Sentio Teresina che rasa de mario che la ghà, on vaporetto.
Elvira- Ciò ma a proposito de barchete, gheto trovà gnanca un rimorchiatore fin deso?
Teresina- Gnente da fare, cara so chi che speto ma non vedo nisuni.

Scena 36 - Entra nonno Armido.

Armido- Uiuiui, che male caminare…
Teresina- Ciò nono come vala oncò?
Armido- A so fiaco ciò, chi me sa che non jera mia solo on’ongia incarna, sto giro la vedo brutta.
Elvira- Nol more no, de cosa se preocupalo?
Armido- Intanto mì gho scrito le me ultime volontà a me nevodo, lè distante e se non moro a faso ora a dirghe de butare via tuto. Intanto ghe gò scrito.
Teresina- Non te vorè mia che scoltemo le to ultime volontà, deso te asemo da solo seto. Ma dime come fasevito rompare la testiera del leto?
Armido- la gò segà.

Scena 37 - Escono Elvira e Teresina

Armido- Meio xè cusì leso in pace la letera con le me ultime volontà. “Caro nevodo unico e solo 
Spero che questa letera non ti rivi quando io poderei essere definitivamente morto e sepelito al cimitero. Ma intanto io tuo nono ancora bon di capire ti voglio scrivere cuele che sono le mie volontà del testamento.” Speta valà che non riva nesuni che deso ghe scrivo mì come che la penso.” Sicome a quela pantegana di mia filia la quale non ci volio lassiare gnanca i calseti sbusi io lassio tute le mie sostanse e i miei afeti personali a te che mi ai sempre tratato da persona umana che non cià l'artesioclerisi.” E cussì la impara a trattarme da baucco “Iintanto ti facio sapere che tuti i miei schei liquidi li ò sconti bene dentro le cogome che sono in cusina. Mi racomando che ti lassio i soldi per la banda. Guarda che io ci parlo dela banda che deve compagnarmi al cimitero che tu non capissi altre robe come tuo padre che inveze di portarmi nel casoto a cacia par il pasaggio dei frisoni mi à portato in un altro casoto, con tua nona che mi à deto sporcacion e luamaro ala tua età e à distacato i leti per siè mesi che ò dovuto segare io la lettera per fare due leti vedovi.” Varda tì che parenti che me cato in casa. “ Spero che ti ò deto tute le mie volontà adesso posso anca morire anca se un poco mi dispiacce Ciao dal tuo nono che è ancora vivo dato che ti scrive. Tuo nono Armido” Bon fato, deso gò combinà tuto e speremo che me la cava parchè a so stufo de tute ste rogne dea vechiaia. La roba pì bruta co se vien veci xè ricordarse de quando che se jera sovani.

Scena 38 musica 15 Al fronte Biagio e Beneto discutono.

Beneto- Caro el me Biagio, cusì te erediti, a te sarè contento.
Biagio- Insoma, bisognarà spetare che el nono el mora, intanto l’è ancora vivo. Ciò Beneto seto che gho scrito anca mì na poesia?
Beneto- Un artista anca tì, ben ciò speta che ciamo anca el ciucianebia parchè bisogna che la senta anca lù.
Biagio- Forse xè meio de no.

Scena 39 - Entra Fumagalli

Fumagalli- Soldati attenti, state all’erta?
Beneto- Allertasto!
Biagio- Allertasto!
Fumagalli- Allora niente da raccontare, visto niente otre quest’ermo colle?
Biagio- Niente signor ammiraglio.
Fumagalli- Tenente, sono un tenente, e lei signor Beneto, cosa ha colto il suo sguardo oltre la siepe ed i sovrumani silenzi? 
Beneto- Niente mio capone, ma come che el parla stampato oncò.
Fumagalli- Poesia, soldati, poesia, è una passione che coltivo da molti anni, e in questa solitudine il mio cuore s’abbandona.
Biagio- Non sta mia contarghe dea me poesia.
Beneto- Sicuro, bisogna farghe savere che semo coltivati anca noialtri. Caro capone, anca noialtri contadini scrivemo le poesie, qua al fronte ghemo on artista, on poeta ruspante.
Fumagalli- Qui tra noi un Pascoli, un Leopardi?
Beneto- Lasa stare i pascoli de leopardi, noialtri ghemo de pì, ghemo i pascoli dee vache, dai Biagio coraio e lesegha la to poesia.
Biagio- On poco me vergogno parchè la gaveo scrita pensando a me morosa, ma se insistì mì vea leso. La xè na poesia contadina.
Fumagalli- L’amore è sempre un nobile sentimento, bucolico, aristocratico o accademico l’amore è sempre amore, l’amore è l’humus della vita.
Beneto- L’humus, però e chi xè che lo gavaria dito, ma cosa xeo sto humus?
Fumagalli- L’humus, Beneto è il concime della terra.
Beneto- Però non lo gavaria mai dito, l’amore xè el luame della vita. 
Biagio- el luame vien dalle vacche e la me poesia se intitola

Musica 16 come scena 19 pag. 20

La vacca pezzata

Nella valle la nel prato
Un toro passeggiava beato

Accanto una vacca distesa ruminava
mentre lui tranquillo pascolava

Con languidi occhi la mucca pezzata
Guardava il maschio come seducente fata

Travolto dal destino e dalla passione
Il toro si infiammò e le saltò sul groppone

Inizio una danza antica e quella visione
Sbocciò alla mia mente la tua apparizione

Con quell’impeto e quella energia
Vorrei essere il tuo toro e tu la vacca mia

E all’infinito disperdere nella valle
Il mio muggir d’amore alle tue spalle

E muggire al mondo intero il nostro amore…muuu, muuu, muuu!

Biagio- Alora cosa ghi disio?
Beneto ed il Tenente si guardano perplessi.
Beneto- mmmmmmah!
Fumagalli- Mmmmmi raccomando con la guardia attenti, notte, vado via. C’è chi nasce per studiare e chi nasce per zappare.

Scena 40 - Fumagalli esce borbottando.

Biagio- Che la ghe sia piasuda?
Beneto- Vergognate, poesia, questa la xè poesia, (escono di scena mentre Beneto prende a calci Biagio) vacca pezzata, muuuuuri valà….

Scena 41 musica 17 Si ritorna alla fattoria, Giobata è seduto con una lettera in mano, Narcisa le è vicina. 

Narcisa- Ah, Giobata semo restà soli, el toso al fronte e la tosa che se gà maridà.
Giobata- Cosa vuto, te te ghe sposà anca tì chea volta. E Albino lè uno de casa, non lè mia on foresto. Varda chi, a so drio scrivargheo a Biagio. El sarà contento de savere che so sorea la se ghà combinà. “Caro filio Biagio ti scrivo che Albino è tuo amico ma anche tuo cognato perché tua sorella Teresina si è combinata. Sapessi i schei che abiamo speso per la dota tra nizzuoli, forette, sciugamani, tovalie, coverte, strapunte i sciugapiati e altri afari.”
Narcisa- Non i jera mia affari ma robe de casa utili e necessarie
Giobata- Mì so solo che i costava on fraco de schei. “ In più ci abiamo sbianchezzato tute le camere dela casa fato il cesso nuovo, pensare che una volta ce l'avevimo in corte e si faceva una bucca fonda e tuto torno si mevano le frasche che ogni tanto si cambiavano se no da seche si vedeva atraverso. Ciò fato metare anca una machina che fa la lissia piena di botoni che si struccano e che fa un bacano che tua mama invece non à mai fato con l'asse da lavare.”
Narcisa- Vito che deso te vegno bona parchè te faso sparagnare?
Giobata- Varda che anca i dotori i dise de fare movimento.
Narcisa- Ma non i dise mia de fare la lissia a man.
Giobata- “Poi la ho compagnata sul' altare abiamo fato le fotografie e ciò pagato io tuto l'albo. Il pranzo lo ha pagato il suocero di tua sorela ma, il polame sapeva da freschino perchè non era alevato in corte. Dopo ci ano portato i pissacani messi su tropo sechi e i bisi erano tuti in papa.”
Narcisa- Altro che i bisi de Lumignan.
Giobata- Cara mia non tuti xè intenditori. “Il risoto era cossì lungo che pareva come malta. Ciò bevuto didietro tanti di quei goti per disgossarmi che ciavevo le gambe che facevano “cheo”. Anca se il vino sapeva da bisolfito ma tuti ano mangiato e bevuto di gusto che ala fine erano tuti insaccati”
Narcisa- Parchè ti nò vero?
Giobata- Cosa vol dire, a ghò bevù par dismentegare el conto che ghò pagà. “Intanto ciao che dopo ti conto tuto anca dei mobili che mi sono restati sul gropone che io ci credevo che ci tocavano a quel' altro missiere. Tuo Padre che sono sempre io Giobata”
Narcisa- Eco qua che semo restà soli, du vecioti.
Giobata- Tì parla per tì.

Scena 42 musica 18 Entra Mistica

Mistica- Semo riva alla fine de sta storia, come trovare deo foto vece, ingialie dal tempo e smarie sui cantoni; i nostri ricordi, on tocheto de come che semo stà, ma par finire in gloria bisogna andare vanti con sta storia, le porte le xè do, se vardemo dentro sta porta ghe xè i vecioti che nea conta, versendoghine n’altra ghe xè i soldati che ritorna. Du modi diversi par finire la stessa storia, e uno solo podarì vedare. Questa la xè la storia che mai la se distriga voio che ve la conta o che ve la diga? Forsa e coraio che semo rivà, disime noni e n’demo de qua, dai noni che se cata a sarar sta storia mata, disime truppe e n’demo de qua le truppe che dal fronte i xè tornà. Alora vose e su le man disime noni e sù le man, disime truppe e sù le man. Stasera gavì scelto….

Se il pubblico scegli truppe si prosegue altrimenti si va ad appendice C

Biagio- Non si da soli no, so tornà in licenza, E ghemo anca el ciucianebie.
Fumagalli- Buonasera sono il tenente Fumagalli.
Giobata- noaltri i gai li cusinemo. 
Almerina- deso poso solo saludarte, ma dopo te struco anca mì caro el me moroso.
Giobata- Aseo stare se no el torna suito al fronte.
Almerina- Ghe fasso passare mì la nostalgia dele montagne.
Beneto- e no deso stemo casa un toco, vero Fumagalli?
Fumagalli- Tenente, tenente.
Giobata- co sta pansa chi più che on fumagalli te me pari on magnagaine.

Scena 43 - entra Teresina con Albino

Biagio- Albino gheto vendù la carolina?
Albino- no ma ho sposato la Teresina
Teresina- Beneto come steto, dame on strucon.
Narcisa- sta tenta Teresina, te se che ogni strucon de Beneto le on vivo.
Beneto- e be ma deso gho le me precausion, gho el zaino pien de paradei.

Scena 44 - Entra Elvira

Elvira- spero ben parche sta volta lo taio, e no el deo.
Beneto- o cara moiere, come stala la to panseta?
Elvira- e oramai non manca mia tanto.
Giobata- e come lo ciameo sto bocia?
Elvira- so questo non go dubbi, lo ciamemo Ultimo.
Beneto- e se la se na femena?
Elvira- Sara.
Beneto- be le bein Sara.
Elvira- varda che mi intendevo sarà, basta chiuso, la botega e anca el boteghin.

Scena 45 - Entrano Armido e Carlotta

Armido- caro nevodo a so contento de vedarte.
Biagio- anca mi, anca se me dispiase par l’eredità.
Armido- scusame se non so gnoncora morto.
Carlotta- be dai non sta ciapartea te fe ancora ora se te voi.
Armido- mae che la vaga te ‘ndarè torme delle medisine.
Carlotta- se ocore mi so pronta, go anca l’oio dei santi sempre a portata de bicicletta.
Albino- caro cognato, hai visto che siamo diventati parenti?
Biagio- ciò e la Maria Trivella come che la staga?
Teresina- cosa vuto poareta, la se ‘ndà da a Lourdes par farse bea e non la se pì tornà.
Giobata- e deso fora i goti che femo festa ai militar soldati.

Brindisi finale 

Mistica- Anche questa storia finisce in brindisi, se siamo riusciti a divertirvi ne siamo lieti, di ogni vostra risata porteremo il ricordo, i vostri applausi sono il nostro sostegno per continuare a costruire storie da raccontare. Lo scopo era divertirvi con battute a lazzi, chiediamo scusa se non ci siamo riusciti ma se il nostro intento è stato gradito a nome di tutti vi invito all’applauso e vi saluto. 

Musica 19


Appendice A

Armido- “Alora Giobata che sa legere à leto che andavano per Via Anale che io non sapevo propio che Via. Alora ciò lassiato tuto in sospeso perchè aldisopra di un'antra scatola cera scrito "perle" che Giobata à deto che queste erano difarenti e andavano per Via Orale che non so propio indove è questa Via ma che deve essare bastanza distante da casa proprio come Via Anale. Io ciò provato a ficcarmi una suposta prima nella reccia, e dopo nel buso del naso, ma non era proprio il posto giusto parchè non ci passava. Dopo nei stessi loghi precisi ciò messo una perla ma gnanche per insogno istesso non ci passava.”
Teresina- Ma nono, cosa te sito inventà a fare, ciamame mì che te spiego, no.
Armido- Ciò te jeri via e mì me so fidà de Giobata, ma non la xè mia finia. “Dopo ho preso il colirio che quelo era più facile parchè ocoreva solo tirare fora la lengua e metere sora contando le goce anca se erano cossì amare e cative che mi sgociolavano parfino i ochi. Per la tintura sul talio fato con la menara Giobata mi hà mandato a metermela fora in corte parchè sula scattola cera scrito USO ESTERNO. A tua zia Balsemina col suo male ale tonsilie il dotore à ordinato un consultorio Tantu Verde che lei alora si è lavata con esso bene il colo tuto atorno e un poco cè anca passato e per le suposte lei cià preso il coragio cole sue mani e neà discartata una masticandola bene e parandola giù che era cossì cativa che cià rimesso anca l'anima. Ma c’è passato di colpo il male di gola. 
Desso provo a ciucciare anca io una suposta e dopo ti scrivo se mià fato bene come ala Balsemina. 
Ciao da tuo nono Armido” 
Teresina- E jera bona la suposta?

Aggancio con restante copione (pagina 18)

Appendice B - esce Albino ed entra Elvira moglie di Biagio con vistoso pancione.

Aggancio con restante copione. (pagina 28)

Apppendice C - Entra Carlotta accompagnando nonno Armido zoppicante.

Carlotta- Valà, che ghe semo anca noialtri.
Armido- De cosa ve lamenteo che podemo fare anca na briscola.
Giobata- Sì e de boto fasevimo la briscola col morto.
Narcisa- Ciò la xè na rua che gira.
Giobata- Sì ma ormai a ghemo finio el batistrada.
Carlotta- Ognuno gà el so tempo. Comunque spetemo sepeirse che ghin’emo ancora da fare.
Giobata- Ste chieti on poco, gho chi na bosa vansà dae nose, e anca quatro goti. Femo on brindisi cosa ghin disio?
Armido- Co se beve a so sempre dacordo.
Narcisa- Alora femo on brindisi ae stagion che pasa.
Armido- Ai giovani de deso, sperando che i diventa i veci de doman.
Giobata- Ae cioche bone da brodo.
Carlotta- E a quei come tì che i se crede gai da semensa.
Insieme- Salute e speremo che la dura.