Home Articoli e interviste Le Albe a New York
Le Albe a New York E-mail
Scritto da Marco Martinelli   

Marco Martinelli a New York, un drammaturgo che parla di sè e delle cose che lo circondano, perchè da lì nascono le sue drammaturgie. Dalla Grande mela ci invia questo suo breve diario. Martinelli e Il Teatro delle Albe di Ravenna sono lì impegnati con la tournèe di "Rumore di Acque" a cui, come di consueto, affiancano laboratori e incontri, ma soprattutto donano e ricevono conoscenze. Un regalo cui facciamo partecipi i nostri visitatori.

RUMORE DI ACQUE, ovvero NOISE IN THE WATERS, a New York sta andando molto bene: sono uscite almeno una decina di recensioni positive, e soprattutto sono tanti gli spettatori "toccati". Le storie del "nostro" mar mediterraneo diventano per gli spettatori di qui storie universali, lontane e vicine allo stesso tempo. Ermanna (Montanari ndr) si è inventata una scena ad hoc, utilizzando una spirale di carbone che si sposa alla perfezione con l'antro scuro di mattoni del "leggendario" La MaMa, un covo in cui a inizio secolo si trovavano gli anarchici e poi Ellen Stewart ha "inventato" un teatro: su quei carboni il Generale mescola sarcastico italiano e inglese, accanto a lui i Mancuso "spiazzano" chi arriva credendo di sentire il folk siciliano, immergendolo in un canto arcaico, che tocca la sostanza, l'archè, delle cose e del dolore.

Ieri lo spettacolo è saltato causa tempesta di neve: e non ho potuto neanche fare il mio solito giro per la Fifth Avenue a naso in su, incantato a guardare in alto le linee seducenti dei grattacieli, perché le pozzanghere a ogni street si aprono giù in basso come trappole, insidiose e innervosenti, ci si sprofonda come niente... non vedi il fondo!

Basso, alto... vicino a casa nostra, stiamo in un appartamento vicino a Chinatown, c'è il New Museum, un "nuovo museo" appunto di arte moderna che fa "tendenza", nel senso che al confronto il MoMa è un "classico", la tradizione dell'avanguardia, mentre qui si scoprono nuovi artisti eccetera. Ma quello che mi ha colpito, fin dal primo
giorno (è sulla strada per andare a La MaMa, quindi ci passiamo sempre vicino), è che proprio accanto al New c'è la Mission Bowery, una missione per gli homeless, i senza casa, i barboni. E' lì da fine Ottocento.

Immaginatevi la scena: arte stramoderna, Boltanski, Bill Viola, luccicante e come sempre e per forza costosa, e accanto una fila di barboni che attendono il pasto caldo. Ordinati, chiacchierano tra di loro, alla sera sono tanti tanti.

Contraddizione più squisita non si può immaginare: tanto che verrà per forza di cose tra qualche mese, anno, un solone dell'avanguardia, un so-tutto-io, un adesso-guardate-un-po'-come-ve-la-rigiro, un furbo di tre cotte che farà la genialata e li farà entrare nel New, e li farà mangiare lì, non fate niente, andate bene così, vi piacciono i
muffin?, un'istallazione "vivente" che farà parlare tutte le riviste e i salotti, magari Coco Chanel sponsorizzerà una spruzzata di profumo su quelle "opere d'arte" per rendere la "fruizione" più digeribile.

Per il resto... non si sta con le mani in mano: un'ERESIA DELLA FELICITA' con la Scuola d'Italia Guglielmo Marconi della intrepida Anna Fiore e il Corpus Christi di Harlem, laboratori alla Montclair State University del New Jersey coordinati da una docente appassionata, Teresa Fiore, incontri a Casa Italiana diretta con intelligenza da Stefano Albertini e all'Istituto italiano di cultura... sono tanti i "complici" che hanno voluto le Albe negli Stati Uniti... e tra pochi giorni porteremo lo spettacolo in New Jersey e poi a Chicago, ospiti anche lì dell'Istituto italiano di cultura e del Links Hall, dove tenteremo un esperimento senza sopratitoli, ma con la compresenza in scena di Alessandro Renda, il Generale, e il suo "doppio", ovvero Tom Simpson, il traduttore di RUMORE DI ACQUE, che qui "giocherà" la sua parte in completo grigio e cravatta recitando in inglese contemporaneamente all'italiano di Renda: due diavoli in uno!

Vedremo se funziona, le prove a Ravenna mesi fa avevano dato segnali positivi, qualcosa del genere lo avevo sperimentato io a Casa italiana nel 2012, leggendo RUMORE insieme a un bravo attore italiano che vive a New York, Jacopo Rampini, perfettamente bilingue, io in italiano lui in inglese: un flusso a due voci e a due lingue che non confondeva gli ascoltatori, ma li portava come per mano, una lingua era quella del significato, l'altra a lei abbarbicata era quella della musica.

Oggi fa meno freddo, fuori c'è un timido sole: mi avvio verso la MaMa.

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Altri articoli

Emanuela Ferrauto 02 Ottobre 2014, 18.00
A pranzo con Eugenio Barba
I giovani critici, soci dell’Associazione Nazionale Critici di Teatro, sono invitati a partecipare agli incontri che si svolgeranno a settembre,
154 Visite
Daniele Stefanoni 24 Settembre 2014, 19.37
Tramedautore I parte
Torna a Milano Tramedautore, il Festival internazionale della nuova drammaturgia, curato da Outis per la direzione artistica di Angela Calicchio
133 Visite
Paolo Randazzo 20 Agosto 2014, 21.33
Orlando all’orto botanico
“Cultura è coltura”: è in questo binomio, ancestrale e consapevolmente formalizzato dall’antica cultura latina, che dal 31 luglio al 2
318 Visite
Maria Dolores Pesce 20 Agosto 2014, 21.21
Pantani, un caso poco casuale
E' capitato a questa rivista, e a me in particolare, di occuparsi di Marco Pantani, atleta e “leggenda” del ciclismo,
368 Visite
Maurizio Giordano 20 Agosto 2014, 21.04
Un Faust con attori e pupi
Nell’insolito ed originale scenario del Teatro di paglia, pensato ed allestito per la prima volta, al Parco Gioeni di Catania,
272 Visite
Maria Dolores Pesce 18 Luglio 2014, 16.25
TeatroCentroCittà
Dal nome può non sembrarlo, ma “TeatroCentroCittà” è un convegno dal titolo eterodosso promosso per parlare in modo eterodosso non
553 Visite
Damiano Pignedoli 26 Giugno 2014, 19.48
Alessandro Bergonzoni e la Fisica Quantistica
Per il Premio Rete Critica 2013, mi fu chiesto di esprimere le mie preferenze per le votazioni interne a “Dramma.it”.
544 Visite
Maurizio Giordano 24 Giugno 2014, 14.38
Teatro popolare, intervista a Orazio Condorelli
Attualmente sta lavorando a due progetti: il primo con il giornalista Daniel Tarozzi e i musicisti Salverico Cutuli e Anna
336 Visite