Terra di Rosa - U cantu ca vi cuntu

Tiziana Francesca Vaccaro, attrice ed autrice catanese, che da qualche anno lavora a Milano, ha presentato, per la prima volta nella sua città, nella sala del Teatro Tezzano di Catania, la pièce “Terra di Rosa - U cantu ca vi cuntu”, lavoro incentrato sulla figura della nota artista folk siciliana Rosa Balistreri, che negli anni Settanta fu uno dei punti di riferimento del cantautorato siciliano e della canzone popolare. La protagonista, armata di passione e con una straordinaria vitalità, supportata dalle significative musiche di Andrea Balsamo, regala sulla scena una interpretazione intensa, estremamente maturata nel tempo, negli anni, frutto di una crescita umana ed artistica. Nel suo “Cuntu e cantu” è

in compagnia di un pò della sua terra, di una sedia e di una sorta di valigia dei ricordi (con scarpette rosse, un paio di occhiali, un cappellino, un foulard, una sciarpa, delle foto) ed introduce lo spettatore nella travagliata esistenza di Rosa Balistreri, raccontando le emozioni, i desideri, gli stenti di una giovane siciliana nata il 21 Marzo del 1927 e cresciuta in un piccolo paese come Licata, tra maschilismo, fame, ignoranza e uomini prepotenti.
In circa 70 minuti, con grande energia, Tiziana Francesca Vaccaro, narra di una bambina, Rosa, che diventa donna e che sente il bisogno di staccarsi dalla sua terra, fatta di stenti, di abusi, di mafia e di regole sempre uguali. La sua è una terra avara di amore, di occasioni, di opportunità e di tenerezze, ma bensì è terra di emigrazione, dove è difficile viverci e sopravvivere.
Senza mai cedimenti nel ritmo della narrazione la protagonista racconta della famiglia, degli stenti, del carcere, fino ai successi, agli incontri col mondo culturale di Rosa che la sua terra, così bella e piena di contraddizioni, se la portava dentro. Una grande donna, una lottatrice che, armata di chitarra, narrava la sua Sicilia, la raccontava con la sua voce profonda, scavando fino nelle viscere.
Lo spettacolo, ben strutturato e diretto, puntualizza molto sull’aspetto caratteriale di Rosa, sul claustrofobico e retrogrado ambiente in cui è cresciuta, sull’amore per le canzoni, sull’attaccamento ad una terra amata ed odiata allo stesso tempo. Carica di significati l’immagine che descrive la vita di Rosa che, come quella dei vermi, si spezza e si ricostruisce infinite volte, sempre alla luce del sole.  E Rosa canta per non dimenticare il passato, le origini, per far conoscere la sua terra, per cambiare il futuro...
Lo spettacolo, ricordiamo, che è Finalista al concorso nazionale TeatrOfficina 2016 per compagnie e artisti emergenti (Settimo Milanese) e Semifinalista al premio nazionale Cassino OFF 2016 - Festival del Teatro civile (Cassino).
La pièce convince ed intriga il pubblico, attento e commosso, merito dei ritmi sempre elevati della rappresentazione e grazie ad una interpretazione sofferta, di grande pathos di una Tiziana Francesca Vaccaro che, dopo questa performance, attendiamo nei suoi prossimi lavori.
Spettatori soddisfatti e che alla fine hanno tributato un caloroso e prolungato applauso all’interprete, ricordando soprattutto una grande figura di donna come Rosa Balistreri.

“Terra di Rosa - U cantu ca vi cuntu”
di Tiziana Francesca Vaccaro
Spettacolo teatrale sulla figura di Rosa Balistreri
Con Tiziana Francesca Vaccaro
Musiche di Andrea Balsamo
Aiuto regia Giovanni Tuzza
Teatro Tezzano di Catania - 2 e 3 Aprile 2016
Foto di scena di Simone Boiocchi

Email

Commenti   

0 #1 pietro 2017-03-12 21:37
per la prima volta mi a fatto rivivere la realtàcvissuto ma non solo questo ma le altre persone che o visto soffrire e non solo dentro il carcere ma anche fuori dalle mura .se lei e interessata alla mio lavoro o svolto troverà molte cose sulla ingiustizia di poveri persone condannati a pagare colpe di altri .al suo evento che a fatto il 12 03 .mi sono presentato alla fine del suo spettacolo dicendoli che o conosciuto Falcone e Borsellino e lei mi a risposto :la vissuta di persona:Grazie della sua serata che mi anno fatto ricordare molte cose che non posso dire ma alla fine mi piace cantare . cose che persone non sanno cosa succede dentro il carcere di Palermo (L"Ucciardone e PAGLIARELLI .Se mi vuole contattare sarei felice di raccontare qual" qosa da dire.
Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna