Interpretazione semiotica e psicoanalitica di Medea

Medea (Μήδεια, Médeia ) è una tragedia di Euripide , andata in scena per la prima volta ad Atene , alle Grandi Dionisie del 431 Ac. Il mito narra

la storia di Medea, figlia di Eeta, re della Colchide, che incontrato Giasone, valoroso eroe venuto nella sua terra per impossessarsi del vello d'oro, decide di aiutarlo tradendo la patria, e di fuggire con lui. Quando però i due arrivano in Grecia, Medea viene emarginata dalla società e ben presto si trova a dover fare i conti con la rivale Glauce, figlia di Creonte re di Corinto, nella quale Giasone vede la possibilità di conquistare il potere. Inoltre a Corinto i figli di Medea muoiono, questo è un dato certo nel mito; incerte invece sono le circostanze della loro morte. In certe invece sono le circostanze della loro morte. Medea, rimasta sola poichè Giasone decide di sposare Creusa, lascia Corinto verso nuove terre e conclude il suo viaggio ritornando dal padre nella Colchide.

Euripide ha scritto la tragedia Medea nel 431 a.C. Nello stesso tempo (431°a.C) abbiamo la Seconda Guerra del Peloponneso. Euripide spetta al club politico di Pericle. Pericle amava circondarsi di grandi maestri e, in particolare, nomina lo scultore Fidia e proprio con Euripide. A casa di Aspasia e di Pericle gli intellettuali, le donne colte, le artiste, gli artisti possono incontrarsi e scambiare idee, fare progetti, discutere programmi. La tragedia Medea di Euripide era anche un’opera anti-polemica contro la guerra del Peloponneso o meglio contro l'imperialismo ateniese. Euripide era amico di Pericle ma ciò non gli impedisce di criticare la politica di Pericle. Euripide usa come massimo esponente dell’irrazionalità femminile Medea perché era barbara e principessa della Colchide.

Medea, aveva aiutato lo straniero Giasone ad impossessarsi del Vello d’oro con l’uso di un sortilegio, decide di scappare con lui: quando il padre gli manda contro suo fratello al comando di una flotta per riprenderla, lei uccide il fratello, lo fa a pezzi e lo butta in mare cosi che il resto della flotta perda tempo a recuperare i resti mentre lei scappa. Ma l’atto più atroce e famoso compiuto da Medea riguarda l’uccisione dei suoi stessi figli per vendicarsi di Giasone: pur di vendicarsi infatti è disposta a soffrire terribilmente (sarebbe sbagliato pensare che Medea non amasse i suoi figli) e a compiere un crimine contro la natura e contro la razionalità. “Medea è il dramma della donna abbandonata ed in preda al desiderio di vendetta: vendetta che è mostruosa , poiché, dopo aver fatto perire la giovane principessa che ha preso, il suo posto, Medea finisce con lo sgozzare i propri figli. Certo, è barbara;è una maga;ma è un’asprezza particolare la sua,un misto di astuzia e di violenza,che va ben oltre queste spiegazioni. E’ una Clitennestra che ascolta il cuore, che soffre, che vuole, che è debole,e che poi si lascia vincere. E’ la passione.” J. De Romilly. Cosi secondo Euripide una donna con un’irrazionalità femminile non doveva essere una donna nella società ateniese.

Come scrive Amelia Barbui in articolo con titolo «Donne e psicoanalisi : Amore desiderio godimento» «Se l’amore è perduto non arretra di fronte a nulla, fino all’assassinio dei propri figli. Medea aveva fatto tutto per il suo uomo, Giasone. Aveva tradito suo padre, la sua patria, convinto le figlie di Pelia a ucciderlo e, per questa ragione, viveva in esilio a Corinto, con il marito e i suoi figli. Sposa e madre perfetta, si sforzava di acconsentire a tutto ciò che Giasone desiderava. Ma quando Giasone le annuncia che vuole sposare la figlia di Creonte, Medea si sente oltraggiata e perde la gioia di vivere, si dispera, piange: “tra tutti coloro che hanno anima e ragione, noi donne siamo le creature più infelici”.Giasone cerca di rassicurarla, si giustifica, le offre doni, ma lei li rifiuta: l’avere non ha più alcun valore senza quell’uomo. La sua vendetta non è l’uccisione dell’infedele, sarebbe troppo semplice. La sua vendetta è privarlo di quanto lui ha di più prezioso, la nuova moglie e i figli. Un gesto estremo carico di valore in quanto Medea è una madre che ama profondamente i propri figli che sono anche i figli di Giasone, ma la donna prende il sopravvento sulla madre. Con quest’atto sacrifica ciò che ha di più prezioso per scavare nell’uomo un buco che non potrà più chiudersi. E’ qualcosa che va al di là di ogni legge, di ogni affetto. Una “vera donna” esplora questa zona sconosciuta, senza legge, o quanto meno senza una legge “canonica”, riconosciuta da tutti. Oltrepassa i limiti, esplora regioni senza confini, al di là delle frontiere, dove la legge è quella del caos, o meglio, è la legge di quel particolare sistema. Medea fa del meno, che la definisce donna, la propria arma, reagisce al tradimento dell’uomo togliendogli quanto ha di più prezioso ed è per questo l’esempio radicale di cosa significhi essere donna al di là dell’essere madre. Alice mi consulta, poco dopo essere stata lasciata dal marito, per una nuova analisi. Nella disperazione senza limiti, cercando una soluzione che potesse calmare il dolore dirompente, più volte aveva pensato di farla finita. Le avevo detto che il dott. Lacan – che lei conosceva - non avrebbe condiviso il suo gesto autodistruttivo, e questo l’aveva fatta desistere. L’amore si era diretto verso colui al quale supponeva un sapere. Come seconda soluzione aveva pensato di lasciare la figlia al marito. “Ma lei non è Medea”, le dissi sottolineando la schisi e, al tempo stesso, il legame tra donna e madre. Doveva cercare ancora una soluzione, e fu la spoliazione dai beni materiali, e l’abbandono forzato degli ideali che aveva sino allora condiviso con il marito. Dopo aver lasciato tutto ciò, “non ho più niente da perdere”, mi disse. Medea è il paradigma della vera donna, pronta a tutto. A Medea interessa . La solitudine la portò a un nuovo assetto e si fabbricò un essere con il niente. Dal “vivere per … un uomo” l’assetto fantasmatico si spostò al vivere per “avere un piccolo posto per sé in sé”…Ci sono dunque diverse modalità che una donna può mettere in funzione come concessioni senza limiti a un uomo. Può cedere il suo corpo, la sua anima, i suoi beni. Ogni donna è capace di andare fino in fondo al non avere e realizzarsi come donna nel suo non avere, mostrando che in fin dei conti l’avere è ridicolo.»

Il nome Medea proviene dal nome (μήδεια) medea in greco antico significa organi sessuali maschili. Qui abbiamo due ermeneutiche: L’ermeneutica di fallo, e l’ermeneutica della castrazione. Secondo Lacan la donna non esiste, esiste il fallo. Ma il fallo è l’assenza della cosa, secondo Lacan. Così il fallo, da quell’indiscusso simbolo di potenza che fu in origine per gli antichi e che mai ha cessato di essere, diventa un "ingombro" portatore di "ebetudine". I due sessi girano entrambi attorno ad una mancanza, che ciascuno - dal suo lato della barriera sessuale - condivide e da cui si origina un complesso fallico. L’ermeneutica di castrazione è di Freud. La castrazione reale è una pura fantasia. Invece, c'è un principio di mancanza nel desiderio umano. Lacan diceva spesso che il rapporto sessuale non esiste: se l'uomo fosse uomo e la donna sin dall'inizio, se l'amore fosse possibile, non ci sarebbe inconscio. Cosi secondo l’ermeneutica di Freud forse abbiamo la questione della castrazione. E forse sulla base di fraintendimenti. Se la sono presa a male per certe formule di Freud, come nel caso della sua famosa idea del "Penisneid", vale a dire dell'"invida del pene", un elemento che sarebbe del tutto essenziale alla femminilità.

Una seconda ermeneutica vuole il nome Medea dall’aggettivo (μηδείς, μηδεμία) che significa nessuno, niente, nulla. Da qui proviene anche la parola greca (μηδέν) cioè niente. La (μηδεμία) è l’antitesi della virtù cioè dell’( erete). Virtù (dal latino virtus ; in greco ἀρετή “areté”) è la disposizione d'animo volta al bene ; la capacità di un uomo di eccellere in qualcosa, di compiere un certo atto in maniera ottimale, di essere virtuoso come "modo perfetto d'essere".Nella lingua italiana la virtù è invece la qualità di eccellenza morale sia per l'uomo sia per la donna e il termine è riferito comunemente anche a un qualche tratto caratteriale considerato da alcuni positivo. Virtù sono i sentimenti e secondo psicoanalisi i sentimenti sono qualcosa che edifichiamo.

Un’altra semiologia è il vello d’oro (χρυσόμαλλον δέρας). Il vello d'oro era, secondo la mitologia greca, il vello (pelle intera) dorato di Crisomallo, un ariete alato capace di volare che Ermes donò a Nefele. Il vello d’oro è la fertilità e la rigenerazione. Diventa il letto matrimoniale per Medea e Giasone. E’ come il palazzo di Vetro (Cristallo) di Tristano e Isotta. Ma anche è il Sacro Graal nel ciclo arturiano e anche è l'ultimo dramma musicale di Richard Wagner Parsifal. (Tutti attendono il redentore che dovrebbe arrivare per salvarli: il "puro folle", in sapiente di Dio).Il mito del vello d’oro sembrerebbe rifarsi ai primi viaggi dei mercanti-marinai proto-greci alla ricerca di oro, di cui la penisola greca è assai scarsa. Da notare che tuttora nelle zone montuose della Colchide e delle zone limitrofe, vivono pastori-cercatori d'oro seminomadi, che utilizzano un setaccio ricavato principalmente dal vello di ariete, tra le cui fibre si incastrano le pagliuzze di oro. Altri studiosi ritengono che si tratti di una metafora dei campi di grano, scarso in Grecia, e che gli antichi Elleni si procuravano sulle coste meridionali del Mar Nero. Altri ancora lo ritengono l'oro degli Sciti. Il vero diventa come la matrice biologica. Il nome (αμνίον. da qui abbiamo. la parola amnos «αμνός» cioè l’ agnello, che ha tre significati: agnello, ragazzo, e servo ) secondo la medicina «αμνίον» sono le acque al termine della gravidanza. La membrana involgente il feto. Un sacco membranoso di tessuto connettivo trasparente. La tragedia Medea di Euripide è piena dalla semiologia e piena dalle metafore e metonimie.

Apostolos Apostolou
Docente di Filosofia.

Stampa Email

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna