Workshop Away from Gablur

Un viaggio artistico condotto dai performer Maria Elena Curzi e Lorenzo Giansante, che vuole esplorare il presente ricercando le tracce

dell’umano negli spazi abbandonati, incompiuti, non vissuti o invivibili, spazi in cui il passaggio della nostra società ha lasciato un segno che diviene valore simbolico delle sue problematiche.

Il workshop, incentrato sulla relazione tra corpo/spazio/identità, si interrogherà su ciò che continuamente costruiamo e decostruiamo, sul vuoto e sull’assenza come possibilità di generazione di senso e di nuove modalità di aggregazione.

Il workshop è rivolto a persone dai 18 anni in su con minima esperienza sul movimento, interessate all’azione in luoghi non-convenzionali e disposte a dare un apporto creativo al lavoro di gruppo.
Ben accette le candidature di studenti di discipline artistiche, performer, danzatori, attori e di persone interessate alle pratiche estetiche legate allo spazio.

I partecipanti verranno coinvolti pienamente nella realizzazione del video nei suoi vari passaggi (dai sopralluoghi, agli approfondimenti, alla creazione di uno story-board) partendo dal concept proposto.
L'opera video originale verrà pubblicata su internet e sarà il secondo step del progetto Away from Gablur realizzato col supporto di un team di architetti, un video-maker e un sound-designer.

Sono previsti 6 appuntamenti: tutti i giovedì dal 20 aprile al 25 maggio dalle ore 10:00 alle ore 14:00 presso il Teatro di Villa Pamphilj di Roma. Inoltre, saranno previsti 2 incontri extra sul luogo prescelto in orario e giorno da concordare insieme.
Il costo è di € 100 a persona.

Il workshop è a numero chiuso. Per candidarsi inviare una breve presentazione e una fotografia di se stessi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. Si possono aggiungere nell'email i link
ad eventuali video di attività pregresse (show-reel, performance, progetti, etc).

Per maggiori informazioni scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Email