Teatro Bellini

Teatro Bellini 2017-2018

31 ottobre-5 novembre
VANGELO
uno spettacolo di Pippo Delbono
con Gianluca Ballarè, Bobò, Pippo Delbono, Ilaria Distante,
Simone Goggiano, Mario Intruglio, Nelson Lariccia, Gianni
Parenti, Alma Prica, Pepe Robledo, Grazia Spinella, Nina Violić,
Safi Zakria, Mirta Zečević
con la partecipazione nel film dei rifugiati del centro di accoglienza PIAM
di Asti
immagini e film Pippo Delbono
musiche originali (digitali) per orchestra e coro polifonico Enzo Avitabile
eseguite dal vivo da Orchestra e Coro del Teatro di San Carlo
direttore d’orchestra Gabriele Di Iorio
Si ringrazia Black Tarantella Enzo Avitabile per la messa a
disposizione delle partiture
produzione Emilia Romagna Teatro Fondazione, Hrvatsko Narodno
Kazalište-Zagabria - in co-produzione con Théâtre Vidy Lausanne,
Maison de la Culture d'Amiens -Centre de Création et de
Production, Théâtre de Liège.
Pippo Delbono da molti anni abita la scena come luogo di ricerca, lavorando
costantemente negli spazi fertili che si vengono a creare tra pubblico e
personale, tra autobiografia e storia, costruendo un’opera che si
contraddistingue nel panorama internazionale per la sua originalità. Vangelo
segna un nuovo passo in questo percorso. Lo spettacolo, infatti, porta il segno
dell'indagine intrapresa dall'artista sulla forza sonora della voce e della parola –
che lo ha portato a creare eventi e concerti con musicisti come Enzo Avitabile,
Alexander Balanescu, Petra Magoni, Antoine Bataille, Piero Corso, presentati in
parallelo a quelli della sua compagnia teatrale – e del percorso, intrapreso da
anni verso la creazione di un linguaggio personale nell’ambito del cinema. Se
già i suoi spettacoli più recenti, Dopo la battaglia, e Orchidee, entrambi
presentati al Teatro Bellini, risultavano profondamente segnati da
quest’indagine musicale e cinematografica, la stessa cosa accade con Vangelo.
Vangelo è un lavoro corale, nato in origine come opera contemporanea; è stato
creato a Zagabria con l’orchestra, il coro, i danzatori e gli attori del Teatro
Nazionale Croato insieme agli attori della compagnia che accompagna Pippo
Delbono da anni. Vangelo nasce a partire dalla suggestione delle musiche
composte da Enzo Avitabile, e si nutre di alte suggestioni poetiche ma anche
della memoria forte portata da attori che hanno attraversato una delle guerre
più feroci della storia contemporanea, una guerra che ha cambiato la storia, i
luoghi e i confini del loro paese...

7-12 novembre
L’ORA DI RICEVIMENTO (Banlieue)
di Stefano Massini
con Fabrizio Bentivoglio
e Francesco Bolo Rossini, Giordano Agrusta, Arianna Ancarani,
Carolina Balucani, Rabii Brahim, Vittoria Corallo, Andrea Iarlori,
Balkissa Maiga, Giulia Zeetti, Marouane Zotti
regia Michele Placido
produzione Teatro Stabile dell’Umbria
Dalla brillante penna di Stefano Massini, uno dei più apprezzati autori
contemporanei, di cui vale la pena ricordare almeno 7 minuti e Lehman Trilogy,
un'altro spaccato della contradditoria società contemporanea, rappresentata
con ironia e acume e portata in scena da Michele Placido che si avvale di un
nutrito e brillante ensemble di attori. Fabrizio Bentivoglio è il professor Ardeche,
un insegnante di materie letterarie disilluso, cinico, nonché spietato
osservatore e lucidissimo polemista. Fra le sue passioni svettano Rabelais e il
Candide di Voltaire. Peccato che la sua classe si trovi nel cuore dell'esplosiva
banlieue di Les Izards, ai margini dell'area metropolitana di Tolosa: un luogo in
cui la scuola è una trincea contro ogni forma di degrado. La scolaresca che gli è
stata affidata quest'anno è ancora una volta un crogiuolo di culture e razze e il
professor Ardeche riceve le famiglie degli scolari ogni settimana per un'ora,
dalle 11:00 alle 12:00 del giovedì. È attraverso un incalzante mosaico di brevi
colloqui con questa umanità assortita di madri e padri, che prende vita sulla
scena l'intero anno scolastico della classe Sesta sezione C, da settembre a
giugno. Ed è al pubblico che spetta il compito di immaginare i visi e le fattezze
dei giovanissimi allievi, ognuno ribattezzato dal professor Ardeche con un
ironico soprannome; e ognuno protagonista, a suo modo, di un frammento
dello spettacolo.

14-19 novembre
AMERICAN BUFFALO
di David Mamet
adattamento Maurizio de Giovanni
con Marco D’Amore, Tonino Taiuti, Vincenzo Nemolato
regia Marco D’Amore
produzione Teatro Eliseo
American Buffalo, è un testo del 1975, scritto dal premio Pulitzer David Mamet,
del quale ricordiamo anche una fortunata trasposizione cinematografica,
interpretata da Dustin Hoffmann. Il classico statunitense qui viene rielaborato
da Maurizio de Giovanni, che ne trasferisce con maestria e sensibilità la storia
dalla periferia americana degli anni '70 alla Napoli contemporanea. La trama è
molto semplice: Donato (detto Don) è il proprietario di una “puteca” (il “junk
store” di Mamet) e ha una sfrenata passione per tutto ciò che è americano. Un
giorno decide di organizzare un “colpo”, cioè il furto di un prezioso nichelino
(l'American Buffalo del titolo) al collezionista al quale l'aveva venduto lui
stesso, ignaro del suo reale valore. Non sarà solo nell'impresa: per una serie di
vicende vi saranno coinvolti il giovane Robbi, il suo scapestrato protetto, e 'O
professore, un abituale compagno di poker, disadattato e ai limiti della psicosi,
interpretato da un irriconscibile Marco D'Amore, qui anche regista. Il testo,
nella trasposizione partenopea, non perde il profumo americano, il realismo
crudo di Mamet e la musicalità dello slang sapientemente utilizzato dallo
scrittore statunitense – che nelle mani di de Giovanni diventa una lingua
napoletana popolare e dalla potenza immaginifica – ma acquista il sapore
umanissimo dell'indagine sulle relazioni e sulle deformazioni della della società
del tutto italiane.

21-26 novembre
IL NOME DELLA ROSA
di Umberto Eco
versione teatrale di Stefano Massini
con (in ordine alfabetico) Eugenio Allegri, Giovanni Anzaldo, Giulio
Baraldi, Renato Carpentieri, Luigi Diberti, Marco Gobetti, Luca
Lazzareschi, Daniele Marmi, Mauro Parrinello, Alfonso Postiglione,
Arianna Primavera, Franco Ravera, Marco Zannoni
regia e adattamento Leo Muscato
coproduzione Teatro Stabile di Torino - Teatro Nazionale, Teatro
Stabile di Genova, Teatro Stabile del Veneto - Teatro Nazionale
Il nome della rosa di Umberto Eco, tradotto in 47 lingue, vincitore del Premio
Strega nel 1981 e di cui ricordiamo la versione cinematografica diretta da Jean
Jacques Annaud nel 1986 interpretata da un indimenticabile Sean Connery, vive,
oggi la sua prima trasposizione teatrale ad opera di Stefano Massini. Leo Muscato
dirige un cast di grandi interpreti in un crossover generazionale e ci restituisce
tutta la grandezza del romanzo, trascinandoci direttamente nel XIV secolo, nel
momento culminante della lotta tra Chiesa e Impero. Qui, accompagnati dal
racconto dell'anziano frate benedettino Adso da Melk, indagheremo sulla
risoluzione del giallo di cui Adso, quando era un giovane allievo del dotto frate
francescano ed ex inquisitore Guglielmo da Baskerville, era stato testimone.
Incontreremo Adso, Guglielmo e gli altri indimenticabili personaggi descritti da
Eco: l’anziano frate cieco Jorge da Burgos; Bernardo Gui, il terribile inquisitore
dell’ordine domenicano; l’ansioso e prudentissimo Abate Abbone; il cellario
Remigio da Varagine, francescano in odor d’eresia che si nasconde in quel
convento e si finge benedettino; il suo fedele servitore Salvatore, un frate
considerato scemo, che parla una strana lingua mista di latino, volgare, francese,
tedesco e inglese; la fragile ragazza di cui s’innamora il giovane Adso; Alinardo da
Grottafferrata, l'anziano la cui demenza senile risulterà decisiva per la soluzione
degli enigmi...
Vivremo dentro a una storia che, come afferma Leo Muscato, verrà raccontata
«con una lieve leggerezza che possa qua e là sollecitare il riso,
con buona pace del vecchio frate Jorge» e che riesca ad «alimentare nello
spettatore una dimensione percettiva che lo porti a dimenticarsi, per un paio
d’ore, del meraviglioso film di Jean-Jacques Annaud».

28 novembre-3 dicembre
QUEL GRAN PEZZO DELLA DESDEMONA. Tragedia Sexy all’italiana
di Luciano Saltarelli
con Rebecca Furfaro, Giovanna Giuliani, Luca Sangiovanni, Luciano
Saltarelli, Giampiero Schiano
regia Luciano Saltarelli
produzione Napoli Teatro Festival Italia, Teatri Uniti, Casa del
Contemporaneo in collaborazione con l’Università della Calabria
Autore, attore e regista tra i più interessanti del panorama italiano, Luciano
Saltarelli dirige in un'originale commedia alcuni dei più brillanti talenti nostrani.
Quel gran pezzo della Desdemona nasce dalla bizzarra contaminazione della
trama tragica, articolata e ineluttabile dell'Otello di Shakespeare con il registro
della commedia sexi, tanto frequentata dal cinema italiano degli anni '70. Il
risultato è una pièce scanzonata e surreale, che ci trascinerà in un mondo
popolato da maschere gaudenti, superficiali e sessuomani che agiscono sullo
sfondo della Milano degli anni '70. Nella cornice storica e sociale di una città
infiammata da lotte di classe e atti terroristici, dove la nebbia si confonde col fumo
d'un ordigno esploso, città brulicante di esistenze brillanti o cupe, in corsa
frenetica con la vita che accoglie con generosità fiumi di meridionali in cerca di
fortuna, agiscono i nostri protagonisti, Desdemona e Moro. Lei è l'avvenente ed
emancipata figlia di Brambilla, il proprietario della fabbrica di manichini dove
lavora lui, un valentissimo operaio emigrato dal profondo sud, che ha perso la
voce per salvare la fabbrica da un incendio. Attorno ai due amanti, si muovono una
serie di personaggi ai limiti del surreale – Jago, l'infido collega di Moro; Emilia, la
lugubre moglie di Jago; Cassiolo, lo sciocco operaio di infimo ordine nonché pedina
essenziale nelle mani di Jago – insieme ad altre presenze inquietanti, apparizioni
improvvise, incursioni impensate che alimentano la messa in scena di un incidente
espressivo dai risvolti stranianti, di un sogno, di una visione, di un delirio personale
scaturito dal capolavoro shakespeariano.

5-10 dicembre
PLAY STRINDBERG
di Friedrich Dürrenmatt
traduzione Luciano Codignola
con Maria Paiato, Franco Castellano, Maurizio Donadoni
regia Franco Però
produzione: Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia, Artisti Riuniti,
Mittelfest 2016
Franco Però dirige gli straordinari Maria Paiato, Franco Castellano e Maurizio
Donadoni, nella spassionata indagine sul microcosmo della famiglia scritta da
Friedrich Dürrenmatt.
Play Strindberg, oggi diventata un classico, è una pièce che nasce nel 1969 in
occasione della messinscena, presso il Teatro di Basilea di Danza Macabra, uno dei
testi più feroci e moderni di Strindberg. In quell'occasione lo scrittore Friederich
Dürrenmatt, che faceva parte della direzione del Teatro, non era soddisfatto di
nessuna delle traduzioni e degli adattamenti esistenti del testo dell'autore
svedese, pertanto, decise di affrontarne egli stesso la rielaborazione. Il risultato è
un'opera di intramontabile attualità che conserva l'essenza dell'originale ma è
vestita dei colori del sarcasmo e dell'ironia propri della scrittura dell'autore
svizzero-tedesco, che li usa con maestria per per smascherare, con un sorriso, il
conformismo e le ipocrisie della società. Per questo, trasferisce direttamente su un
ring l'inferno domestico di Alice e Edgar che, divisi dall'odio dell'amore, trovano
nella visita del cugino di lei, Kurt, il pretesto per far esplodere tutte le loro
frustrazioni; i taglienti dialoghi intrisi di rabbia e rancore diventano dei round
scanditi dal gong. La violenza è verbale e i contendenti sono tre, ma la tensione e
l'atmosfera mozzafiato sono quelle di un incontro di boxe. «Il riso e il pugno allo
stomaco, il sorriso e l’amarezza – commenta il regista Franco Però – si alternano
continuamente su questo palcoscenico-ring, riportando davanti agli occhi dello
spettatore gli angoli più nascosti di quel nucleo, amato od odiato, fondamentale –
almeno fino ad oggi... – delle nostre società: la famiglia».

9-21 gennaio
QUESTI FANTASMI!
di Eduardo De Filippo
con (in ordine di apparizione) Gianfelice Imparato, Carolina Rosi,
Massimo De Matteo, Paola Fulciniti, Andrea Cioffi, Nicola Di Pinto
Viola Forestiero, Giovanni Allocca, Gianni Cannavacciuolo
regia Marco Tullio Giordana
produzione Elledieffe
Questi fantasmi! è una delle commedie più importanti di Eduardo; scritta nel 1945,
è stata tra le prime opere del drammaturgo partenopeo ad essere rappresentata
all'estero (nel 1955 a Parigi, al Théâtre de la Ville – Sarah Bernhardt). La trama, in
un perfetto equilibrio tra comico e tragico, racconta l'agrodolce vicenda di
Pasquale Lojacono, un uomo qualunque che si ritrova alle prese con quello che
crede (o preferisce credere) un fantasma che infesta la sua nuova casa. La verità è
che non si tratta di un ectoplasma, ma bensì dell'umanissimo amante della moglie.
Il tema, è uno di quelli centrali della drammaturgia eduardiana: la vita messa fra
parentesi, sostituita da un’immagine, da un travestimento, da una maschera,
imposta agli uomini dalle circostanze.
L'intramontabile testo è portato in scena da Elledieffe, la Compagnia di Luca De
Filippo, oggi diretta da Carolina Rosi, con un cast che unisce diverse generazioni di
attori: insieme a Gianfelice Imparato, Carolina Rosi, Nicola Di Pinto, Massimo De
Matteo, Giovanni Allocca, Paola Fulciniti e Gianni Cannavacciuolo, vedremo un
nutrito gruppo di giovanissimi in un lavoro che continua, nel rigoroso segno di
Luca, a rappresentare e proteggere l’immenso patrimonio culturale di una delle più
antiche famiglie della tradizione teatrale italiana. «Ho deciso di affidare il testo –
ha dichiarato Carolina Rosi – alla preziosa ed attenta regia di Marco Tullio
Giordana, sicura che ne avrebbe esaltato i valori ed i contenuti, che avrebbe
abbracciato la compagnia e diretto la messinscena con lo stesso amore con il
quale cura ogni fotogramma».

23-28 gennaio
TEATRO DELUSIO
di Paco González, Björn Leese, Hajo Schüler, Michael Vogel
con Andrès Angulo, Dana Schmidt, Björn Leese, Johannes
Stubenvoll, Daniel Matheus, Michael Vogel, Thomas van Ouwerker,
Sebastian Kautz, Hajo Schüler
regia Michael Vogel
uno spettacolo di Familie Flöz
produzione Familie Flöz, Arena Berlin e Theaterhaus Stuttgart
Torna al Teatro Bellini Familie Flöz, il gruppo berlinese dalla cifra stilistica
inconfondibile che ci ha abituati ad assistere a delle vere e proprie esplosioni di
poesia. Teatro Delusio porta in scena la magia del mondo del Teatro con il
consueto linguaggio non convenzionale. Mentre in scena vengono rappresentati
spettacoli di ogni genere – dal mondo opulento dell’opera, a selvaggi duelli di
spada, da intrighi lucidamente freddi a scene d’amore passionali – noi verremo
portati nel backstage, a conoscere i tecnici di scena: Bob, Bernd e Ivan. Sono tre
aiutanti instancabili, il cui posto è il “dietro le quinte”, un luogo separato dal
luccicante palcoscenico solo da un misero sipario, ma che ne è molto distante.
Bernd, sensibile e cagionevole, cerca la felicità nella letteratura ma la trova
improvvisamente personificata nella ballerina tardiva; Bob ha un grande desiderio
di riconoscimento, che lo porterà al trionfo e alla distruzione; Ivan, capo del
backstage, per paura di perdere il controllo sul teatro, finirà per perdere tutto il
resto... Le loro vite all’ombra della ribalta si intrecciano nei modi più strani con il
mondo scintillante della scena della quale, all’improvviso, si ritrovano ad essere i
protagonisti. Costumi raffinati e suoni e luci dal sapore magico aiuteranno i tre
attori, che interpreteranno 29 personaggi, a dare vita a un teatro completo
attraverso un gioco che attraversa tutti gli elementi del mondo teatrale (la scena e
il dietro le quinte, le illusioni e le disillusioni) creando uno spazio magico carico di
toccante umanità. Definita da The Guardian «una magistrale commedia,
espressiva, struggente e allo stesso tempo piena di gioia», Teatro Delusio è un
evento imperdibile di teatro nel teatro, è un'esperienza unica durante la quale
l’inquietante vivezza delle maschere, le fulminee trasformazioni e una poesia
tipicamente Flöz, ci trascineranno in un mondo a sé stante. Un mondo carico di
misteriosa comicità.

2-11 febbraio
LA RAGIONE DEGLI ALTRI
di Luigi Pirandello diretto e interpretato da Tato Russo
produzione TTR Il Teatro di Tato Russo
Tato Russo torna al Teatro Bellini con una personalissima rilettura de La ragione
degli altri, il dramma che Pirandello scrisse e presentò nel 1915 al Teatro Manzoni
di Milano con il titolo, poi combiato in quello attuale, di Se non così. La commedia
in tre atti, la cui trama contiene alcuni elementi autobiografici (già presenti nel
racconto Il Nido, datato 1895 e di cui la pièce costituisce l'evoluzione) racconta di
un insolito dramma borghese. Livia, la ricca moglie di Leonardo, un giornalista
squattrinato, scopre che il marito la tradisce e che dall'adulterio è nata una
bambina. Da qui, la moglie tradita consentirà suo malgrado al tradimento del
marito facendosene una ragione; il marito consentirà a continuare il rapporto con
la moglie a scapito dell’amore verso l’amante, e l’amante consentirà a farsi una
ragione della necessità del marito di non distruggere la relazione con la moglie.
Insomma, ognuno si inventerà una maschera per sopravvivere all’inganno
reciproco. L’arrivo in casa della coppia del padre della moglie sconvolgerà il
silenzioso equilibrio che si era stabilito tra le parti e scompaginerà le ragioni
d’ognuno ad accettare quel tipo di relazione. La regia e la riscrittura di Tato Russo
pongono Pirandello contro Pirandello, cercando di guadagnare, al di là di ogni
sofisma e d’ogni poetica stantìa, la tragicità della storia, evitandogli la chiave del
grottesco e seppellendo tutto nel mare degli egoismi d’ognuna delle parti in gioco:
personaggi non più fatti teorema e dimostrativi di un gioco che è solo dell’autore,
ma che diventano carne autentica e tragedie di vita vissute non solo come
fantasmi disposti solo ad obbedire a un ordine retorico e puramente razionale e
dimostrativo ma conseguenti ai dettami del cuore e delle lacrime d’ognuno. La
storia resa libera così dalle maniere letterarie del novecento e proponendo un
Pirandello senza Pirandello diventa di una attualità odiosa e sconvolgente dove le
ragioni degli altri prevalgono sempre sui diritti degli ultimi.

20-25 febbraio
BATTLEFIELD
tratto dal Mahābhārata e dal testo teatrale di Jean-Claude Carrière
adattamento e regia Peter Brook e Marie-Hélène Estienne
cast in via di definizione
Produzione C.I.C.T. - Théâtre des Bouffes du Nord in co-produzione con
The Grotowski Institute, PARCO Co. Ltd / Tokyo, Les Théâtres de la
Ville de Luxembourg, Young Vic Theatre, Singapore Repertory
Theatre, Le Théâtre de Liège, C.I.R.T., Attiki cultural Society, Cercle
des Partenaires des Bouffes du Nord
Spettacolo in lingua inglese con sopratitoli in italiano
Mahābhārata, è l'opera fondamentale della letteratura induista. Il poema epico in
sanscrito, elaborato nel corso di circa 8 secoli (tra il IV a.C. e il IV d.C.), con le sue
oltre 100.000 strofe, rappresenta la saga più vasta della letteratura mondiale. Il
suo nucleo principale racconta della guerra per il potere combattuta dai due rami
della discendenza del defunto re Bharata.
Nel 1985 il maestro inglese Peter Brook ne portò in scena una monumentale
versione teatrale della durata di 9 ore, che debuttò in una cava alle porte di
Avignone in occasione del Festival. Lo spettacolo è passato alla storia:
rappresentato per due anni sia in francese che in inglese, è stato in seguito
adattato dallo stesso Brook per la televisione (in una mini serie) e per il cinema.
Oggi, a distanza di trent’anni, a causa delle vicende che scuotono la nostra
attualità, il grande regista ha sentito l'esigenza di affrontare di nuovo il poema.
«Non è una ripresa e neanche un'operazione nostalgica – come spiega lo stesso
Brook, oggi noventenne – ma al contrario, questo progetto nasce dalla volontà di
creare, nello spirito dell'oggi, una piéce molto essenziale e molto intensa, che parli
di qualcosa che ci riguarda. Se abbiamo deciso di tornare a questo lavoro ora, è
perchè c'è la necessità di trovare qualcosa che sia pertinente con il nostro
presente. Il poema descrive la guerra che dilania una famiglia e che vede schierati
da una parte 5 fratelli, i Pandava, e dall'altra i loro cugini, i Kaurava, i 100 figli del
re cieco Dritarashstra. Alla fine, i Pandava vincono, ma nel poema si parla di “10
milioni di cadaveri” un numero incredibile per quei tempi. È una descrizione
terribile, che potrebbe essere Hiroshima o la Siria di oggi. Abbiamo voluto parlare
di ciò che accade alla fine delle guerre. Come potrà il vecchio re cieco, che ha
perduto i suoi figli e i suoi alleati, riuscire a dimenticare e assumersi le sue
responsabilità nei confronti del nipote vittorioso? I capi di entrambi gli
schieramenti attraversano un lacerante conflitto interiore: colui che ha vinto pensa
che la vittoria equivalga a una sconfitta, mentre colui che ha perso ammette che
avrebbero dovuto evitare questa guerra. Nel Mahābhārata loro hanno,
quantomeno, la forza di porsi delle domande. Il nostro vero pubblico sono Obama,
Hollande, Putin e gli altri presidenti. Ci chiediamo: loro come vedono i loro
avversari nella società odierna? Quando si leggono le notizie di attualità si rimane
arrabbiati, disgustati, sconvolti. Ma in Teatro si può vivere tutto ciò e rimanere più
fiduciosi e coraggiosi, continuare a credere che si possa affrontare la vita».
Con Battlefield, dunque, Brook prova a far rivivere una storia di violenza e rimorso
che interroga il nostro tempo e riflette i conflitti che straziano il nostro mondo. Un
evento teatrale unico che porta in scena una storia universale che ci insegna
ancora, inaspettatamente, ad aprire gli occhi di fronte alle realtà.

27 febbraio-4 marzo
DELITTO/CASTIGO
da Fëdor Dostoevskij
adattamento teatrale Sergio Rubini e Carla Cavalluzzi
con Sergio Rubini, Luigi Lo Cascio
regia Sergio Rubini
produzione Nuovo Teatro diretta da Marco Balsamo
Dopo il successo di PROVANDO... DOBBIAMO PARLARE, un nuovo progetto sul
“Teatro non Teatro” partorito dalla mente di Sergio Rubini.
Attraverso la riscrittura e l’ausilio di un rumorista e di una cantante, Sergio ed un
compagno di viaggio ci faranno rivivere l’epico romanzo dello scrittore russo Fëdor
Dostoevskij.

6-18 marzo
IL SINDACO DEL RIONE SANITÀ
di Eduardo De Filippo
con Francesco Di Leva, Giovanni Ludeno, Adriano Pantaleo, Giusep-
pe Gaudino, Daniela Ioia, Gennaro Di Colandrea, Viviana Cangiano,
Salvatore Presutto, Lucienne Perreca, Mimmo Esposito, Morena Di
Leva, Ralph P, Armando De Giulio, Daniele Baselice
con la partecipazione di Massimiliano Gallo
regia Mario Martone
produzione Elledieffe, NEST - Napoli Est Teatro, Teatro Stabile di
Torino - Teatro Nazionale
Mario Martone per la prima volta dirige un testo del grande drammaturgo
napoletano in un allestimento che associa realtà produttive diverse nella
realizzazione di un progetto culturale dal forte senso politico e civile.
Tra i produttori, il Teatro Stabile di Torino, a cui dal febbraio 2015 è stato
riconosciuto dal MiBACT lo status di Teatro Nazionale anche grazie al percorso di
crescita e di qualità dell’attività produttiva iniziato nel 2007 con l’insediamento di
Mario Martone alla direzione artistica. La Elledieffe, la compagnia indipendente che
porta il nome di Luca De Filippo, oggi diretta da Carolina Rosi, che oltre a
rappresentare e proteggere l’immenso patrimonio culturale di una delle più
antiche famiglie della tradizione teatrale italiana, continua una ricerca sul sociale e
sul contemporaneo, nel rigoroso segno di Luca che dell'interesse per i ragazzi a
rischio aveva fatto l'ultimo impegno della sua vita. Il NEST – Napoli Est Teatro di
San Giovanni a Teduccio, uno dei quartieri più popolari e difficili di Napoli, dove un
gruppo di giovani, attori, registi, scenografi e drammaturghi hanno ristrutturato
una palestra e creato uno spazio per le arti là dove negli anni Ottanta c'era un
morto di camorra al giorno e dove la criminalità organizzata ha visto alternarsi al
comando negli ultimi anni diversi boss tra i venti e i trent'anni. Questo è il quadro
da considerare se, oltre gli esiti del palcoscenico, si vuole cogliere appieno la
valenza del gesto che solo pochi mesi fa ha persuaso Carolina Rosi ad affidare Il
sindaco del Rione Sanità, uno dei testi più cari allo stesso Eduardo, al regista Mario
Martone e al giovane Francesco Di Leva (che nello spettacolo interpreta il ruolo del
“sindaco” Antonio Barracano), attore apprezzato al cinema e in teatro, co-
fondatore del NEST insieme a Adriano Pantaleo, Giuseppe Miale Di Mauro e
Giuseppe Gaudino anche loro parte integrante di questo progetto.
Con Francesco Di Leva, in scena, un cast che, contravvenendo in parte alle stesse
indicazioni di Eduardo, abbassa notevolmente l’asticella dell’età dei vari interpreti:
è il caso di Massimiliano Gallo (nel ruolo di Arturo Santaniello), che ha piegato i
suoi molteplici impegni cinematografici al desiderio di partecipare a un progetto
come questo, e di Giovanni Ludeno che interpreta il ruolo del dottor Fabio Della
Ragione. Partecipano gli attori che compongono il gruppo storico del NEST, da
Adriano Pantaleo a Giuseppe Gaudino e con loro ci sono Daniela Ioia, Gennaro Di
Colandrea, Viviana Cangiano, Salvatore Presutto, Lucienne Perreca, Mimmo
Esposito, Morena Di Leva, Ralph P, Armando De Giulio, Daniele Baselice. Le scene
sono di Carmine Guarino, i costumi di Giovanna Napolitano, le luci di Cesare
Accetta, le musiche originali di Ralph P, il regista collaboratore è Giuseppe Miale Di
Mauro.

10 aprile-6 maggio
DECAMERON
di Giovanni Boccaccio
drammaturgia Stefano Massini
musiche originali Enzo Avitabile
coreografia di Edmondo Tucci eseguita dal Corpo di Ballo del Teatro di
San Carlo
Cast in via di definizione
regia Gabriele Russo
co-produzione Fondazione Teatro di San Carlo, Fondazione Teatro di
Napoli - Teatro Bellini
Spettacolo in via di definizione.

SPETTACOLI FUORI ABBONAMENTO

3-29 ottobre
GLOB(E)AL SHAKESPEARE
6 spettacoli da William Shakespeare
un progetto di Gabriele Russo
Scene Francesco Esposito - Costumi Chiara Aversano
Light Designer Salvatore Palladino - Sound Designer G.U.P. Alcaro
produzione Fondazione Teatro di Napoli – Teatro Bellini
Nel mese di ottobre 2017 il teatro Bellini sarà privato delle poltrone della sala e allestito in modo tale da
“evocare” il teatro elisabettiano secentesco, in particolare il Globe Theatre di Londra e in scena, ogni sera
per circa un mese, si alterneranno una commedia e una tragedia di Shakespeare. Così, attraverso un
approfondimento fuori dagli schemi sull'opera del Bardo daremo vita a un progetto che sottolineerà
quanto questo autore ed il suo teatro parlino ancora e per sempre di noi, della nostra contemporaneità,
dei nostri sentimenti, delle nostre pulsioni e delle nostre emozioni.
GLOB(E)AL SHAKESPEARE è un allestimento particolarissimo che “contiene in sè” sei allestimenti diversi:
annulliamo la distanza mantenendo la giusta distanza, ripercorrendo il teatro come rito collettivo, come
flusso di emozioni che coinvolgono, nello stesso tempo, attore e spettatore. Il pubblico si sentirà, in
questo modo, centro dell’accadimento teatrale.

Gli spettacoli:
GIULIO CESARE di Fabrizio Sinisi
con Isacco Venturini, Daniele Russo, Rosario Tedesco e un attore in via di definizione
regia Andrea De Rosa

OTELLO di Giuseppe Miale di Mauro e Andrea Vellotti
con Francesco Di Leva, Adriano Pantaleo, Martina Galletta, Giuseppe Gaudino, Viviana
Altieri, Andrea Vellotti
regia Giuseppe Miale di Mauro
uno spettacolo della Compagnia NEST

RACCONTO D'INVERNO di Pau Mirò
traduzione Enrico Ianniello
con Eduardo Sorgente, Edoardo Scarpetta, Francesca Piroi, Mariella Lo Sardo, Tony
Laudadio, Marcello Romolo, Rocco Giordano, Vincenzo Nemolato, Luigi Bignone, Petra
Valentini
regia Francesco Saponaro

LE ALLEGRE COMARI DI WINDSOR di Edoardo Erba
con Annagaia Marchioro, Chiara Stoppa, Virginia Zini, Mila Boeri, Giulia Bertasi
regia Serena Sinigaglia

TITO di Michele Santeramo
con Fabrizio Ferracane, Pier Giuseppe Di Tanno, Roberto Caccioppoli, Gennaro Di Biase,
Daniele Marino, Francesca Piroi, Isacco Venturini, Filippo Scotti, Giandomenico Cupaiolo,
Antimo Casertano, Laila Fernandez
regia Gabriele Russo

UNA COMMEDIA DI ERRORI di Marina Dammacco, Emanuele Valenti, Gianni Vastarella
con Emanuele Valenti, Gianni Vastarella, Christian Giroso, Giuseppina Cervizzi, Valeria
Pollice, Vincenzo Nemolato
regia Emanuele Valenti
uno spettacolo di Punta Corsara

12-17 dicembre
IL GIOCATORE
da Fëdor Dostoevskij
adattamento Vitaliano Trevisan
regia di Gabriele Russo
con Daniele Russo, Marcello Romolo, Camilla Semino Favro
e con Paola Sambo, Alfredo Angelici, Martina Galletta, Alessio
Piazza, Sebastiano Gavasso
produzione Fondazione Teatro di Napoli - Teatro Bellini
Il giocatore è la terza tappa di quella che abbiamo definito “Trilogia della
libertà”i tre spettacoli prodotti dalla Fondazione Teatro di Napoli – Teatro Bellini con
i quali abbiamo voluto affrontare il concetto di libertà e di perdita della stessa.
Dopo la società distopica dominata dalla violenza del visionario Arancia Meccanica
per la regia dello stesso Gabriele Russo, e l'opprimente ospedale psichiatrico di
Qualcuno volò sul nido del cuculo diretto da Alessandro Gassmann, portiamo in
scena la Roulettenburg dominata dal gioco di Dostoevskij. Anche in questo caso, la
grande letteratura si fa teatro; così, Il giocatore, scritto nel 1866 da Fëdor
Dostoevskij, viene riletto e adattato per il teatro da Vitaliano Trevisan. Gabriele
Russo realizza un allestimento in costante bilico tra dramma e commedia, in cui un
cast affiatato ci trascina in una spirale fatta di gioco d'azzardo, di passioni e di
compulsioni che porta dritti in quel (non)luogo dove il desiderio si trasforma in
ossessione e non si limita più a governare i protagonisti, ma finisce per
soggiogarli.

26 dicembre-7 gennaio
DIGNITA' AUTONOME DI PROSTITUZIONE
uno spettacolo di Luciano Melchionna
dal format di Betta Cianchini e Luciano Melchionna
produzione Ente Teatro Cronaca Vesuvioteatro in collaborazione con
Fondazione Teatro di Napoli - Teatro Bellini
Dignità Autonome di Prostituzione è la prima “Casa chiusa dell’Arte” nel mondo,
dove gli attori - come cortigiane - sono alla mercé dello spettatore, ma protette
dalle Regole della stessa Casa.
Rigorosamente in vestaglia o giacca da camera, adescano e si lasciano adescare
dai clienti/spettatori che, muniti del denaro locale acquisito con il biglietto
d'ingresso, contrattano il prezzo delle singole prestazioni con una “Strana
Famiglia” tenutaria della Casa. Conclusa la trattativa, il 'cliente' - uno, due o piccoli
e grandi gruppi - si apparta, con l’attore scelto, in un luogo deputato dove fruirà di
una o più 'Pillole del Piacere': monologhi o performance del teatro classico e
contemporaneo, atti ad emozionare, far rifettere e divertire lo spettatore, in 'uno
stupore nuovamente sollecitato’.
“Mi paghi prima. E anche dopo, se ti è piaciuto.”
Dignità Autonome di Prostituzione è un format/spettacolo assolutamente
innovativo: in Italia ha dimostrato che il Teatro è ancora vivo e pulsante e - questo
è l’aspetto di maggior rilevanza - che il pubblico ha voglia di “gustare” del buon
Teatro. Sì, perché la massiccia afuenza di ‘clienti’ che ha seguito e continua a
seguire dal 2007 questo Evento è davvero sorprendente.

22-25 marzo
QUALCUNO VOLO' SUL NIDO DEL CUCULO
di Dale Wasserman, dall'omonimo romanzo di Ken Kesey
traduzione Giovanni Lombardo Radice
adattamento Maurizio de Giovanni
con Daniele Russo, Elisabetta Valgoi
e con Mauro Marino, Giacomo Rosselli, Emanuele Maria Basso,
Alfredo Angelici, Daniele Marino, Gilberto Gliozzi, Davide Dolores,
Antimo Casertano, Gabriele Granito, Giulia Merelli
uno spettacolo di Alessandro Gassmann
produzione Fondazione Teatro di Napoli - Teatro Bellini
Qualcuno volò sul nido del cuculo, nell’originale allestimento diretto da Alessandro
Gassmann per il Teatro Bellini - Fondazione Teatro di Napoli, è la storia dell'amicizia
tra Randle McMurphy – uno sfacciato delinquente che si finge matto preferendo un
ospedale psichiatrico alla galera – e i suoi compagni di reclusione.
Vicenda nota al grande pubblico sia per la riduzione per il teatro che Dale
Wasserman, nel 1971, portò in scena a Broadway a partire dal romanzo One flew
over the cuckoo’s nest (del 1962) di Ken Kesey, sia, e ancor più, per il film di Miloš
Forman che, nel 1975, sul grande schermo realizzò il suo capo d’opera dirigendo
nel ruolo del protagonista uno strepitoso Jack Nicholson.
“La malattia, la diversità, la coercizione, la privazione della libertà sono temi – così
Alessandro Gassmann - che da sempre mi coinvolgono e che amo portare in
scena. Argomenti tutti straordinariamente presenti in questo spettacolo che,
insieme a Maurizio de Giovanni, autore dell’adattamento del testo, abbiamo deciso
di ambientare nel 1982 in una clinica psichiatrica del sud Italia”.
Senza tradire forza e sostanza visionaria del copione di Wassermann, la prosa di
De Giovanni, colloca la storia nell'Ospedale psichiatrico di Aversa portando, con
rispettosa cautela, la vicenda su un terreno più familiare. Randle McMurphy
diventa così Dario Danise, interpretato da Daniele Russo, che si scontra non più
con un’inflessibile capo infermiera ma con una monaca, Suor Lucia (Elisabetta
Valgoi) nel famigerato manicomio casertano.
“Dario (il mio McMurphy) – aggiunge Gassmann - è un ribelle anticonformista che
comprende subito la condizione alla quale sono sottoposti i suoi compagni di
ospedale, creature vulnerabili, passive e inerti. Da quel momento si renderà
paladino di una battaglia nei confronti di un sistema repressivo, ingiusto, dannoso
e crudele, affrontando così anche un suo percorso interiore che si concluderà
tragicamente ma riscatterà una vita fino ad allora sregolata e inconcludente”.
L’anno in cui è ambientata la vicenda non è casuale. È l’anno dei mondiali di calcio
in Spagna, e sarà proprio il divieto di guardare in televisionde la finale a dare il via
alla singolare rivolta dei reclusi che s’inventano giocatori e telecronisti di una
partita che non posono vedere.
“Portiamo in scena – aggiunge il regista Gassmann - un testo che è una lezione
d’impegno civile, uno spietato atto di accusa contro i metodi di costrizione e
imposizione adottati all’interno dei manicomi ma anche, e soprattutto, una
straordinaria metafora sul rapporto tra individuo e potere costituito, sui
meccanismi repressivi della società, sul condizionamento dell'uomo da parte di
altri uomini. Un grido di denuncia che scuote le coscienze e che fa riflettere”.

Email