Piccola Compagnia della Magnolia saluta Avigliana

Dopo  cinque anni come compagnia residente presso il Teatro Comunale di Avigliana (To) nell'ambito del progetto Teatro Abitato

(inizialmente condiviso con le compagnie Crab Teatro e Officina per la Scena), la compagnia di teatro di ricerca Piccola Compagnia della Magnolia conclude la gestione del Teatro di Avigliana. Presso il teatro cittadino la Compagnia ha potuto portare avanti la propria ricerca quotidiana di palco, ha creato tre nuove produzioni  - 1983 Butterfly, Zelda/Vita e Morte di Zelda Fitzgerald, Adagio Nureyev; sono inoltre state realizzate cinque stagioni di prosa che hanno accolto alcune tra le voci più belle del panorama contemporaneo italiano (Roberto Latini, Le Belle Bandiere, Valter Malosti, ….) grazie ad un'intesa forte e leale con l'amministrazione comunale, che ha sempre difeso il valore del teatro come collettore di umanità. In ambito di formazione la Compagnia ha inoltre condotto percorsi di formazione a bottega per decine di attori, proposto laboratori per la cittadinanza e organizzato campus d alta formazione per giovani artisti italiani che hanno avuto modo di confrontarsi con maestri del calibro di Danio Manfredini, Michele Di Mauro, Oskaras Korsunovas, Declan Donnellan. Sono stati cinque anni intensi, combattuti, voluti; cinque anni bellissimi per i quali dobbiamo essere grati in primis al Comune, cui auguriamo il meglio per il futuro culturale della città di Avigliana.
Oggi per la Compagnia è giunto il momento di compiere un passo importante, che la porterà a dedicarsi esclusivamente all'attività di creazione dei propri lavori artistici. Un alleggerimento del carico un tempo destinato alla programmazione culturale, a favore di un'intensificazione della ricerca e della produzione, in Italia e all'estero.
A partire da luglio 2018 la Piccola Compagnia della Magnolia si insedierà a Torino in uno dei fabbricati del complesso gestito dall’associazione Variante Bunker (tra il quartiere Barriera di Milano e lo Scalo Ferroviario di Vanchiglia, dismesso dagli anni ’80). La casa della Compagnia si chiamerà Atelier Magnolia: sarà innanzitutto una casa abitata da una troupe, lo spazio di creazione per i nuovi lavori della troupe; ma sarà anche un centro dedicato alle ricerche sul lavoro dell'attore, dove artisti provenienti da tutta Italia potranno studiare a bottega con maestri internazionali. Una fucina creativa in continuo fermento che sia al contempo centro di creazione per la ricerca scenica della compagnia e centro di alta formazione nel teatro contemporaneo.
Nel trasferimento a Torino, Magnolia porterà con sé idee, persone, scene, costumi, segni di un percorso etico e estetico che si protrae da ormai tredici anni; nel nuovo fabbricato – di circa 220 metri quadri  - da luglio verranno creati uno spazio scenico destinato agli allestimenti e ai laboratori formativi, dei magazzini per il deposito di costumi e scene, un ufficio, un bagno, spogliatoi, uno spazio comune. A questo proposito la Compagnia ha avviato una campagna di raccolta fondi su Eppela, dove chiunque potrà dare il suo piccolo contributo per realizzare Atelier Magnolia.
Questo il link, aperto sino a metà giugno: https://www.eppela.com/it/projects/18831-atelier-magnolia-ricerche-teatali

Da agosto la Compagnia avvierà la nuova sede con l'allestimento di due nuove creazioni che debutteranno nel 2019 - Mater Dei e MacbethMuller – e l'accoglienza di alcuni maestri italiani ed esteri con cui approfondire la ricerca d'attore.
Per essere aggiornati: www.piccolamagnolia.it – FB piccola compagnia della magnolia.

Email