Lo stato dell’arte

Giunge alla seconda edizione Lo stato dell’arte, progetto di C.Re.S.Co. –  Coordinamento delle Realtà della Scena Contemporanea – che vuole

far dialogare tra loro le voci più significative della creazione contemporanea italiana negli ambiti del teatro e della danza.
Alla base del progetto è l'idea che gli artisti possano ritrovarsi a condividere i processi in fieri che stanno tracciando in quel momento, cioè tutto quell’insieme di idee, pensieri, visioni che permettono il passaggio dall’idea all’opera “Vogliamo invitare gli artisti a condividere quella fase estremamente delicata della creazione dove prendono forma le utopie e le immaginazioni e dove la verifica della scena restituisce ancora segnali contrastanti. Lì si annida quello che è più vitale dell’arte, lì – secondo noi – ha senso potenziare i meccanismi di incontro per rafforzare l’idea che la creazione appartiene collettivamente a un sistema, e che è prezioso averne cura”, afferma Luca Ricci, coordinatore del tavolo delle Idee di C.Re.S.Co, che ha elaborato, collettivamente, il progetto.

Il progetto si articolerà in 4 incontri di due giornate ciascuno. In questi incontri sono stati invitati 4 registi e/o coreografi italiani che, nel corso della prima giornata si confronteranno tra loro, alla presenza di un testimone interessato - curatori o direttori di teatri e festival - e  un narratore – ovvero un critico teatrale che possa moderare la discussione. A questo incontro sarà possibile portare differenti materiali cartacei o cross-mediali, testi completi o ancora non finiti, immagini fotografiche, suoni, video di prove, e comunque tutto ciò che sta nutrendo la creazione della sua nuova opera.
Il secondo giorno questo racconto collettivo si aprirà all’ingresso di spettatori e osservatori esterni che sono interessati al lavoro degli artisti coinvolti e alla narrazione che questi intendono fare dei loro processi in corso, con l'unico scopo di far si che questo tipo di processo possa nutrire i percorsi creativi degli artisti italiani, possa arricchirli e farli maturare in un clima di mutuale fiducia con altri colleghi e dentro un humus di pensiero più ricco e complesso.
I venti componenti del Tavolo delle Idee di C.Re.S.Co hanno selezionato i 16 artisti invitati, i testimoni interessati e i narratori, coinvolti nel secondo anno del progetto, e le sedi degli incontri.
Hanno dato la loro disponibilità: il festival Nessuno resti fuori a Matera (27 – 28 luglio), Tramedautore a Milano (13-14 settembre), Mercurio Festival a Palermo (presso 25-26 settembre), Teatro del Lemming, Rovigo (19-20 ottobre),  Oscar De Summa, Frosini-Timpano, Maniaci d’Amore, Marco D’Agostin, Abbondanza-Bertoni, Balletto Civile sono invece alcuni degli artisti interessati mentre, come  testimoni interessati, hanno già garantito la loro presenza Roberta Nicolai, Barbara Regondi, Corrado Russo.

La prima tappa sarà a Matera, al festival Nessuno Resti Fuori grazie a #reteteatro41, il network delle compagnie teatrali professioniste operanti in Basilicata, sabato 27 e domenica 28 luglio e vedrà la presenza di Menoventi, Teatro delle Ariette, Biancofango,  Mimmo Borrelli e, come testimone interessato, Dario De Luca di Primavera dei Teatri. Dopo l'ottima esperienza dello scorso anno con Altre Velocità, Strategemmi e Il Tamburo di Kattrin come narratore di questa edizione il Tavolo delle Idee  ha individuato Alessandro Toppi, de Il Pickwick.

Email