Città teatro

Città Teatro (RN)
Contatti e informazioni tournée:
Giorgia Penzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - cell. 348-3212280
Francesca Airaudo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Nuova produzione 2019/2020
Stal Mami reloaded
ovvero L’invenziòun ad Stal Mami, una farsa underground in dialetto riminese
da Liliano Faenza

Con Francesca Airaudo, Elisa Angelini, Mirco Gennari, Lorenzo Scarponi
Musiche eseguite dal vivo dal Duo Barrique: Gioele Sindona (violino, mandolino, voce) e Tiziano Paganelli (fisarmonica)
e con la partecipazione degli allievi del workshop Stal mami reloaded
Consulenza musicale Alessandro Sistri
Costumi e décor Paul Mochrie
Consulenza tecnica Nevio Cavina
Drammaturgia Fabio Bruschi e Davide Schinaia
Aiuto regia Giorgia Penzo
Regia Davide Schinaia

Ideazione Fabio Bruschi/Lingue di Confine e Città Teatro Coproduzione Sagra Musicale Malatestiana 2019, Comune di Rimini - Assessorato alla Cultura; Città Teatro; Lingue di Confine; Regione Emilia Romagna. In collaborazione con Zeinta di borg, Comitato Borgo S. Giovanni - Festa del Borgo 2019; Banca Malatestiana.

Cheri al mi doni stasim d’asculté! risuona nel buio il leit motiv della Munaldeina che compare come da un sogno lontano cantando una vecchia canzone. Lei, vecchia custode di palazzo, folle e naif, ci conduce attraverso una “storia nella storia nella storia....”. Quella di “Stal Mami”(queste mam- me) e del borgo San Giovanni di Rimini dove la commedia viene scritta. Compaiono, uno ad uno, i protagonisti del Borgo: Tugnin l’anarchic, il barbiere che elargisce citazioni colte; Lilien, scrittore in erba, annoiato di adunate e curioso di opera e letteratura; Mengozzi, il gerarca fascista tutto d’un pezzo; i giovani e le giovani italiane che trascorrono il sabato pomeriggio fra l’obbligatoria ginnastica fascista e le burle di paese. E’ l’estate del 1939. Liliano Faenza non ha ancora compiuto 17 anni e certo non sa di aver scritto la commedia in dialetto riminese più rappresentata del secolo! Da allora la ‘farsa underground’ di Faenza ha lasciato segni anche nelle vie del borgo -(l’odierna Osteria “Tiresia” prende il nome dall’ostessa protagonista della commedia); nella Rimini borghi- giana di quegli anni, quella Rimini che non sopravviverà alla guerra, in cui tutto ‘accadeva in dia- letto’, come ci diceva Lello Baldini, Stal Mami rinasce Reloaded (ricaricata, potenziata).

Stal Mami è fatto tutto da personaggi popolari: i protagonisti sembrano usciti dalle caricature di un disegnatore, a partire dalla bizzarra custode del palazzo, la Munaldèina, all’anagrafe Maria Mo- naldini e richiamano il mondo di Federico Fellini, che Faenza ammirava da giovane e di cui fu co- autore da adulto.

Popolare è la commedia e popolare è anche il contrappunto canzonettistico della storia, repertorio tratto dalle memorie di una borghigiana vissuta tra Otto e Novecento, la vivace e canterina Ida Tamagnini, l’Ida ad Ravòun. Si va dalla risorgimentale Addio mia bella, addio! alla passionaleSpagnola, fino al leitmotiv di Stal Mami - l’eterna storia di una fiòla da maridè - con l’inedita Chèri al mi dòni.

Lo spettacolo, che nella sua cornice racconta il making of, l’ invenziòun, così come nei medaglioni comici, racconta uno stralcio di storia e costume sia riminesi che italiani e internazionali, dall’av- versione fascista per le osterie, possibili covi di dissenso e vizio alla politica ondivaga del regime nei confronti del dialetto. Nel contesto dell’ultima estate di ‘pace’, mentre Lilièn dà gli ultimi ritocchi al canovaccio, il primo di settembre del 1939, con l’aggressione nazista alla Polonia, inizia la se- conda guerra mondiale.

Genere: Commedia
Spettacolo adatto ad adulti e bambini dagli 8 anni d’età.
Durata spettacolo: 80 min.
Scopri di più: http://www.cittateatro.it/cosa-facciamo/spettacoli/item/397-stal-mami-reloaded Spettacolo adattabile anche a spazi non teatrali

La Custode

con Francesca Airaudo
testo di Francesco Gabellini
luci Nevio Cavina - musiche Marco Mantovani
regia Francesco Tonti
produzione La Compagnia del Serraglio - Città Teatro 2012; con il contributo della Provincia di Rimini, Regione Emilia-Romagna, IBACN.

Cosa potrebbe succedere se durante i lavori di trasformazione della storica pensione Iris in lus- suosi appartamenti, si rinvenissero i resti di una domus di epoca romana? Riflessioni e speranze di una ex albergatrice che si trova a dover fare i conti con un passato che ostacola i propri proget- ti... Una bellissima prova d’attrice per Francesca Airaudo su testo in dialetto di Francesco Gabel- lini, autore già finalista al Premio Riccione teatro 2005.

Genere: Teatro d’attore/ dialetto d’autorePubblico: Adulti
Durata: 70 min
Piazza: Luogo oscurabile

Scopri di più: http://www.cittateatro.it/cosa-facciamo/spettacoli/item/85-la-custode

L’uomo dai piedi a rovescio - Omaggio a Charles Cros

Con Mirco Gennari
Testi di Charles Cros
Regia e drammaturgia Loris Pellegrini
Direzione tecnica Nevio Cavina Produzione La Compagnia del Serraglio Ripresa Città Teatro 2014
e il contributo di Regione Emilia-Romagna

Scienziato bizzarro (anticipò la scoperta del fonografo e della fotografia a colori), amico dei grandi poeti della sua epoca, Cros (1842-1888) scrisse con humour e gusto del nonsense dei mo- nologhi che anticipano temi e personaggi del teatro dell’assurdo: si va dalla nevrosi dell’uomo “ra- gionevole” alla angosciante ottusità dell’amico cretino; dalla stupidità del capitalista alla follia pi- randelliana dell’uomo ossessionato da un motivetto musicale; dal racconto ineffabile di quando al mondo non esisteva ancora nulla - e dunque neanche i racconti... - alle avventure dell’uomo che corre per il mondo con le scarpe all’incontrario.

Genere: Teatro d’attorePubblico: Adulti
Durata: 60 min
Piazza: Luogo oscurabile

Scopri di più: http://www.cittateatro.it/cosa-facciamo/spettacoli/item/251-l’uomo-dai-piedi-a-rove- scio

Smascherata- Lavori in corso sull’attor comico

Con Giorgia Penzo
Testi di Giorgia Penzo e Davide Schinaia Maschere Stefano Perocco di Meduna
Disegno Luci Domenico Migliaccio
Regia Davide Schinaia
Produzione Maan ricerca e spettacolo- Ripresa Città Teatro

Uno sguardo satirico e tratti feroce sulla società, “Smascherata” dalla commedia dell’arte, tra so- gni e speranze di un Arlecchino principiante alle ricerca del suo vero maestro. Smascherata è una pièce a ‘un personaggio e più voci’, in cui l’istrionica attrice, “calamita di maschere e di verbi, abile trasformista ed ottima osservatrice dei difetti umani” riesce nell’intento, oggi come ieri, di infilare la lingua e la spada sui difetti della società.

Genere: Teatro d’attore /Maschera / Assolo Pubblico: Adulti, bambini> 10 anniDurata: 60 min
Piazza: Si
Scopri di più: http://www.cittateatro.it/cosa-facciamo/spettacoli/item/92-smascherata

Teatro à la carte

Con Francesca Airaudo, Michele Bertelli, Mirco Gennari, Giorgia Penzo
A cura di Loris Pellegrini/ Ripresa Città Teatro
Creato su commissione di Santarcangelo dei Teatri nel 2001 (Circo Inferno Cabaret) il Teatro a la càrte rappresenta uno straordinario stimolo per La Compagnia del Serraglio che sin dalla sua nascita si occupa di teatro comico. Le piccole pièces teatrali sono somministrate a chi le sceglie da un menu "teatrale" che viene inizialmente consegnato e presentato ai tavoli dal maitre. Il repertorio spazia da minidrammi futuristi a poesie dada, da un racconto liberty a uno standard jazz. A volte il teatro ce lo immaginiamo così: come un goloso menù ricco di mille scelte, e non solo “strettamente” teatrali. Perché lo spettacolo è sempre una forma di teatro, ma non sempre il teatro (quello nuovo e quello vecchio) è uno spettacolo. Insomma: proviamo a mescolare tutto perché l’omogeneità ci annoia. E poi, non è così che si inventano le ricette più nuove? In ogni caso: una sfida per l’attore, una sorpresa per lo spettatore.

Ideale per cene aziendali, serate di gala, inaugurazioni, convention, serate a tema, vernissages, ecc..
Spazi: sala ristorante, gallerie d’arte, hall, sala da ballo, spazi polifunzionali, ecc...
Esigenze: pubblico seduto ai tavoli oppure in piedi in situazioni protette.

Genere: Teatro comico
Pubblico: per tutti
Durata: variabile 60 -120 min
Piazza: No

Scopri di più: http:// www.cittateatro.it/cosa-facciamo/spettacoli/item/87-teatro-à-la- carte
Segui FB : La Compagnia del Serraglio

Produzioni per ragazzi, famiglie e Tout public

Contatti, informazioni tournée:
Giorgia Penzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - cell. 348-3212280
Mirco Gennari: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - cell. 328-4109803
Comunicazione: Giulia Airaudo - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. FB Gulia Airaudo

Le Gemelle Mejerchold

Con Francesca Airaudo e Giorgia Penzo
Musiche dal vivo di Tiziano Paganelli
Costumi di Paul Mochrie
Movimento scenico di Barbara Martinini
Luci di Nevio Cavina
Drammaturgia e Regia di Davide Schinaia

Produzione Città Teatro 2014
Con il contributo di Provincia di Rimini e Regione Emilia Romagna

Abilità e talento comico ne hanno da vendere, se non fosse che litigano per qualsiasi cosa: Olga e Manolita, in arte le Gemelle Mejerchold, sono due scaltre artiste che fanno della lotta perpetua sul contendersi la scena la fonte del sodalizio. Separate alla nascita? Abili guitte? Mah…L’una è alta, cubica, baritonale, stordita, obliqua; l'altra è bassa, precisa, metodica, sopranile, puntuta. Un perfetto duo clownesco!

I personaggi Olga Shuker e Manolita - Le “gemelle Mejerchold”- nascono nel Laboratorio Petrolineide (2012),uno studio sulle forme dell'avanspettacolo, culla dei maggiori talenti che hanno fondato il mito della Commedia all’Italiana, come prosecuzione dell’interesse della Compagnia per le forme del comico,dalla Commedia dell'arte al Teatro italiano del primo '900. Il primo esito del laboratorio è lo spettacolo Shabadabadà-quasi un varietà, per la regia di Davide Schinaia e la cura coreografica di Barbara Martinini (danzatrice e coreografa riminese, allieva di Pina Baush e solista per Susanne Linke). Nel 2013 Le Gemelle Mejerchold diventa lo “spin-off” focalizzato sui due dirompenti personaggi delle soubrette rivali. Lo spettacolo è adatto a un pubblico misto di adulti e bambini; il linguaggio,prevalentemente mimico, si si arricchisce di virtuosistiche canzoni, eseguite rigorosamente dal vivo, che attingono a un repertorioin cui si possono riconoscere temi “d’antan” (Donde Vien donde vas, Blue Canary, Canzone da due soldi..), riarrangiati per duo vocale e fisarmonica.

Genere:Teatro Comico -Musicale / Clown al femminile
Pubblico:Adulti / Famiglie
Bambini > 5 anni Durata : 60 min
Piazza:Si

Scopri di più:http://www.cittateatro.it/cosa-facciamo/spettacoli/item/189-le-gemelle-mejerc-hold

Segui FB: Le Gemelle Mejerchold
Segui Youtube: Gemelle Mejerchold official channel

Le Mille e una notte…in maschera e racconti

Con Francesca Airaudo, Mirco Gennari, Giorgia Penzo
Riduzione di Loris Pellegrini
Costumi di Paul Mochrie Maschere Stefano Perocco da Meduna
Scene di Antonio Rinaldi
Luci di Nevio Cavina
Drammaturgia, video e regia di Davide Schinaia
Produzione Città Teatro 2015-2106, con il contributo della Regione Emilia Romagna

In questa nuova messinscena di Davide Schinaia, alcuni dei più bei racconti tratti da “Le mille e una notte” sononarrati con un accento all’aspettosurreale e comicoin prima persona dai protagonisti stessi delle novelle di Sherazade. Ma sono le voci dei personaggi minori a sorprenderci maggiormente: Morgiana e Cassim, accanto a Sinbad e Ali Babà; la Bella persiane e il cieco Abdallàh a fianco del Genio della lampada e dello scaltro Aladino-Arlecchino. Con la licenza teatrale di accostare fra loro i diversi linguaggi del teatro popolare, utilizziamo le mascheredella Commedia dell’Arte, la narrazione,l’acrobatica, il canto e il ritmo, la comicitàdei corpi e delle parole. Menzione speciale per i costumi di Paul Mochrie dove tessuti preziosi e ricamati con pelli e piume, seta e iuta, raccontano come un mappamondo o una carta astrale le influenze multiculturali di una fiaba che ci incanta ancora.

Genere:Teatro d’attore/ maschera /video
Pubblico:Famiglie/ Teatro per ragazzi > 6 anni
Durata:70 min
Piazza: Luogo oscurabile

Scopri di più:http://www.cittateatro.it/cosa-facciamo/spettacoli/item/299-le-mille-e-una-notte-in-maschera-e-racconti

Mirtillo & Pizzico e la Crostata/ e la Pizza/ e le Polpette

Con Mirco Gennari e Giorgia Penzo / Alessia Canducci
Oggetti di scena Keiko Shiraishi Marco Landini
Produzione La Compagna del Serraglio 1996 – 2000 – 2010
Ripresa CittàTeatro 2014

A partire dalla riscoperta di un’antica ricetta (la “crostata del telaio”, la “pizza Margherita”, la “polpetta”dell’Artusi) la coppia di clown-cuochi pasticcioni-l’impeccabile chef Mirtillo e il tenero aiutante Pizzico - danno vita a una“trilogia”, che da anni diverte grandi e piccini. Con centinaia di repliche in tutta Italia (dall’Emilia Romagna alle Marche, dalla Lombardia al Molise, dalla Puglia al Veneto) ma anche a San Marino, Francia e Giappone, tra pasticci ed equivoci a non finire, Mirtillo & Pizzico sono pronti a coinvolgervi ancora!!

Genere:Clownerie
Pubblico:Famiglie/ bambini > 3 anni
Durata:55 min
Piazza:Si

Scopri di più:http://www.cittateatro.it/cosa-facciamo/spettacoli/item/88-mirtillo-pizzico
Segui FB: Mirtillo & Pizzico

Spizzichi di Pizzico
Di e con Mirco Gennari
Oggetti di scena Antonio Rinaldi
Grazie a Loris Pellegrini
Nuova produzione Città Teatro 2017, con il contributo della Regione Emilia Romagna

Ecco un bel posticino per far merenda, pensa Pizzico. Ma che succede? Nel sacchetto Pizzico trova solo il pane, che fine ha fatto la farcia? Si mette allora alla ricerca affannosa per trovare qualcosa, in un alternarsi di situazioni sempre più assurde che lo costringono a mettere a nudo la sua inadeguatezza. E così nel tentare di trovare un companatico per il suo panino Pizzico si distrae - che è una cosa che per fortuna gli riesce bene - e dimentica la fame insidiosa inanellando clownerie, numeri di mimo ed equilibrismo, ma alla fine la fame si ripresenta ancora più grande di prima, e anche le due fette di pane sembrano ancora più vuote, ancora più grandi, enormi. Allora Pizzico, non trovando proprio nulla da mettere in mezzo, è costretto cibarsi dell’unica cosa che possiede in abbondanza: la sua fantasia. Ma in fondo si tratta solo di un altro scherzo, un altro degli Spizzichi di Pizzico.
Con questo assolo Mirco Gennari torna a uno dei suoi primi amori, il clown, mescolando l’estro di attore e le abilità di equilibrista in un nuovo spettacolo che festeggia i 20 anni di fortunato connubio col suo alter-ego Pizzico.

Genere: Clownerie
Pubblico: Famiglie/ bambini > 3 anni
Durata: 55 min
Piazza: Si
Scopri di più: http://www.cittateatro.it/cosa-facciamo/spettacoli/item/348-spizzichi-di-pizzico

Pinocchio in dialèt
Tratto da Pinocchio Riminese
 
traduzione di Amos Piccini Guaraldi Editore
Con Francesca Airaudo e Giorgia Penzo
Collaborazione alla messa in scena di Mirco Gennari
Luci di Nevio Cavina

U i èra una volta un pèz ad lègn. U n’èra un legn d’eban o ad moghèn, mo un pèz ad legn pursia, quii che d’inverne i smèt tal stufi o te camèin per zènd e’ fóg e per ascarldè al camri…Non è certo una novità che Pinocchio sia un grande classico letto in tutto il mondo ed è certo che la traduzione in riminese di Amos Piccini entra a pieno titolo nel lungo elenco internazionale.Pinocchio riminese è infatti un prezioso libro edito da Mario Guaraldi nel 2011che conserva tutta la potenza del testo originale, impreziosito dalle tante immagini che negli anni molti illustratori gli hanno dedicato, “da Carlo Chiostri a Attilio Mussino, dall’eleganza decò di Sergio Tofano, al liberty femmineo di Luigi Cavalieri fino a tutti i disegnatori della scuola del Corrierino, al mondo chiassoso e affollatissimo di Jacovitti, ai disegni panici di Roland Topor, alla sensibilità paesaggistica e topografica di Roberto Innocenti, alle fantasie tardo matissiane di Fabio De Poli…”. Attraverso questo spettacolo Città Teatro ne restituirà al pubblico leggerezza e poesia attraverso la lente del dialetto romagnolo, giocando con la complice comicità delle due interpreti, Francesca Airaudo Giorgia Penzo.

Spettacolo adatto ad adulti e bambini dai 6 anni d’età.
Durata spettacolo: 45 min.
Spettacolo adattabile anche a spazi non teatrali

In vacanza con la strega
Con Giorgia Penzo

Mai ha tredici anni e non vuole più andare a scuola. La madre, preoccupata, decide di mandarla a stare dalla nonna per un po’, in una bella casetta nella campagna giappone- se sul limitare dei monti. La nonna è una signora molto speciale, si dice sia la strega del- l’Ovest: sa raccogliere le erbe selvatiche, conosce il linguaggio degli animali e al suo passaggio succedono cose che lasciamo increduli. Sarà pronta Mai ad affrontare le sue paure attraverso il duro addestramento da strega? Una fiaba fantastica, commovente e divertente, ispirata dal libro di Kaho Nashiki Un’estate con la strega dell’Ovest.Produzione Città Teatro 2020

Spettacolo adatto ad adulti e bambini dai 6 anni d’età.

Durata spettacolo: 55 min.
Spettacolo disponibile da Marzo 2020
 
Fellini spiegato ai bambini
Il clown dei clown

di e con Mirco Gennari
consulenza drammaturgica Loris Pellegrini
nato in collaborazione con la Fondazione Fellini

Tutti conoscono Federico Fellini. Be’, mica vero... Forse qualche bambino ne avrà sentito parla- re, ma sapere chi è e cosa ha fatto è un’altro paio di maniche! Così ci è venuta un’idea un po’ bizzarra: spiegare Fellini ai bambini. In fondo Federico (chiamiamolo familiarmente così) era un gran burlone, anzi, di più: un gran lunatico. Aveva la testa piena di personaggi strani, un po’ veri e un po’ no, e li metteva tutti nei suoi film. C’è lo zio matto che si arrampica sugli alberi, c’è il cieco che suona la fisarmonica, c’è il nonno che ha paura della morte, c’è il fratello scemo che non ne combina una giusta, c’è Gelsomina che suona la tromba e c’è Titta che... E poi ci sono i clown! Anzi: “il” clown, perché ce n’è uno solo, in fondo, e siamo tutti noi. Bene, noi li abbiamo ripescati, questi personaggi, gli abbiamo ridato voce, li facciamo raccontare delle storie, le loro storie.Insomma, magari di bambini nei film di Federico ce ne sono pochi, ma cosa vuol dire? Lui era un poeta del cinema e i poeti parlano al bambino che è dentro di noi (anche se è sempre più difficile trovarlo...). E il bambino ascolta, ride, si appassiona.

In occasione del centenario della nascita di Federico Fellini (Rimini, 1920) Città Teatro dedica un affettuoso omaggio al grande e visionario maestro del cinema.

Genere: Teatro comico , clown , mimo Pubblico: bambini dai 6 anni.
Spettacolo disponibile da Febbraio 2020

Città Teatro si occupa di produzione spettacoli, formazione, direzione artistica e organizzativa di rassegne, eventi e progetti site-specific. Fa parte di TeatrInrete ed è fra i promotori de La Valle dei Teatri - Rete Teatrale Valconca. E’ sostenuta dalla Regione Emilia Romagna fra le compagnie di produzione e distribuzione e gestisce il Teatro Giustiniano Villa a Sant’Andrea in Casale - San Clemente (RN).
www.cittateatro.it

Email