• Home
  • Risorse
  • Recensioni
  • The Handmaid’s Tale – Il Racconto dell’Ancella

The Handmaid’s Tale – Il Racconto dell’Ancella

Continuano le rappresentazioni in diretta streaming del Teatro Teresa Pomodoro. Gli spettatori hanno potuto collegarsi, alle ore 21 di mercoledì 25 e giovedì 26 marzo, sul sito del teatro www.nohma.org o sul canale Youtube, per assistere alla diretta della lettura scenica. Il volto espressivo e carico di vita di Viola Graziosi ha dato forma attraverso le ombre del volto, che emergevano con forza dallo schermo, a The Handmaid’s Tale – Il Racconto dell’Ancella tratto dal romanzo di Margaret Atwood. Poetessa, scrittrice e ambientalista canadese. Atwwod nelle sue opere racconta la civiltà occidentale e la politica, da lei considerate a un crescente stadio di degrado. La traduzione a cura di Camillo Pennati per Ponte alle Grazie ha reso asciutta e pulita la narrazione tratta dal romanzo. Le musiche

originali Riccardo Amorese accompagnano la rappresentazione avvolgendo tutto in un'atmosfera di sogno ora rumori confusi, ora melodie definite, il tappeto sonoro diventa parte essenziale del racconto. La regia di Graziano Piazza punta sugli elementi essenziali. Il racconto per gli spettatori in questi tempi di quarantena è andato in scena in forma di lettura espressiva ma durante la rappresentazione si percepiva il lavoro fatto per dare forza alle parole del romanzo di Margaret Atwood. Nel testo si racconta la storia di un paese costretto a subire un regime totalitario in cui le donne, soprattutto quelle fertili, sono private di ogni diritto civile, finendo per diventare le ubbidienti Mogli dei Comandanti del regime, le custodi dell’ortodossia morale comune o ancora dei corpi da usare a piacimento per garantire le riproduzioni degli alti ranghi, data la crisi di natalità che ha colpito il paese. Un’ancella racconta i deliri di questa tirannia, un’ancella coraggiosa che, grazie alla sua forza d’animo riesce a trovare la libertà. Una storia di donne in un teatro fondato da una donna e diretto da una donna, Livia Pomodoro che conosce bene il significato di parole come sogno e libertà. Livia Pomodoro, ancora una volta, tiene in vita i nostri sogni. Tempi tristi di quarantena, il teatro non si ferma e continua a raccontare.

Milano, Teatro No'hma, 25-26 marzo 2020

Foto Pino Le Pera

Email