La malattia che cura il teatro

Dino Audino editore presenta il volume La malattia che cura il teatro Esperienza e teoria nel rapporto tra scena e società a cura di Andrea Porcheddu e Cecilia Carponi

«Senza il dolore della ferita, della mancanza, esiste solo l’uguale, il consueto, quello che conosciamo già.
È attraverso la ferita che andiamo oltre, che riusciamo a immaginarci in altro modo.
È la ferita che muove i nostri desideri e le nostre volontà, la nostra voglia di andare in un altrove.
È la condizione esistenziale del teatro.»
Antonio Viganò

Il volume nasce dall’incontro tra artisti, studiosi, critici e operatori, chiamati a raccolta da Antonio Viganò e dalla sua compagnia Teatro La Ribalta – Accademia Arte della diversità di Bolzano, con lo scopo di avviare un confronto sul teatro, rispondendo a un ribaltamento della prospettiva: non il teatro che cura le ferite, ma La malattia che cura il teatro.

L’attenzione si concentra su pratiche, percorsi e pensieri di quanti provano a cambiare i codici del teatro, facendone un elemento di rinnovamento non solo artistico, ma soprattutto umano. Si tratta di strade che muovono dall’incontro con l’Altro e con la differenza, osteggiando la dittatura dell’Uguale e del Normale, scardinando regole e prassi consolidate.

Dai contributi dei numerosi autori (Piergiorgio Giacchè, Guido Di Palma, Fabrizio Fiaschini, Stefano Masotti, Oliviero Ponte di Pino, Susanne Hartwig, Andrea Porcheddu, Alessandro Garzella, Alessandro Argnani, Rosita Volani, Thomas Emmenegger, Michela Lucenti, Gianfranco Berardi e Gabriella Casolari, Gianluigi Gherzi, Ugo Morelli), emergono testimonianze e riflessioni su quel che si fa e quel che si potrebbe (ancora) fare.

Comunicazione | Dino Audino editore
via di Monte Brianzo, 91 | 00186 Roma
Tel. 06.6865.608 | email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Email