Il dramma del mese

LIFE di Emiliano Brioschi

Scritto da Damiano Pignedoli.

Sono assolutamente convinto che non vi sia null’altro che il testo per raccontare un autore. E sono altresì convinto che non vi sia null’altro che il testo a raccontare il testo stesso. Il resto serve a fornire qualche riga di riferimento allo spettatore, o a preparare il materiale da presentare al direttore di un teatro o di un festival.
Un giorno un caro amico e caro collega mi disse la sua su questo tema: «Mi piacerebbe che il pubblico entrasse a teatro senza nessun depliant, nessun riferimento, nessuna introduzione. Come comprare un disco. Nessuna spiegazione. Lo apri lo metti su. Lo ascolti».
Io sono d’accordo con lui. Per cui invito il gentile lettore che mi legge in questo momento a passare direttamente al testo se lo crede opportuno. Io proverò nel mentre a raccontare qualcosa del mio lavoro come da gentilissima richiesta.
LIFE affronta il tema della costrizione, innanzitutto. La costrizione fisica, psicologica, intellettuale, di due esseri umani. Ulrike Meinhof e Roberto Peci, che per diversi motivi hanno passato gli ultimi istanti della loro vita rinchiusi in uno spazio da cui non hanno avuto la possibilità di uscire. Valutando in questi giorni cosa scrivere per la redazione di “Dramma.it” ripensavo ai miei due piccoli tentativi di testo precedenti, TROPPA GIOIA e ARGENTINA ’78. Mi sono accorto che anch’essi parlano della stessa materia. Nel primo ci sono due personaggi chiusi in uno spazio indefinito in attesa di un segnale per portare a termine un atto criminale; e, nel secondo, una detenuta in una struttura militare durante la dittatura in Argentina in attesa del suo destino. In tutti e tre i testi è presente un luogo chiuso. È presente la limitazione. È presente l’attesa. È evidente che l’impossibilità di divincolarsi da una reclusione fisica, o ancor di più se possibile, da una reclusione psichica è per me materia interessantissima. La costrizione, quasi sempre accompagnata dalla solitudine, obbliga prima o poi l’essere umano a fare i conti con se stesso. Senza pose, posizioni, chiacchiere, menzogne. Obbliga l’individuo a stare davvero in relazione con sé. E questa condizione costrittiva, quando non esiste nessuna via di uscita, costringe alla verità. Perlomeno a un attimo di verità. Quell’attimo di verità trasferito su di un foglio di carta, e poi se dio vuole, su un palco di fronte a un pubblico, è il senso che personalmente mi piace dare al teatro. Se poi si potrà mai dare un senso al teatro.
Emiliano Brioschi

Leggi il testo

Diretto e interpretato dall’autore stesso, LIFE è uno spettacolo di cui è coprotagonista Cinzia Spanò, fra le luci disegnate da Claudine Castay e con le realizzazioni audio e video di Elvio Longato. Un lavoro in cartellone nella rassegna “Nuove Storie 2021 - Diritto di cronaca” del Teatro Elfo Puccini di Milano, dove è prossimo al debutto nazionale dal 14 al 18 di giugno. Ogni informazione e aggiornamento si trova sul website “elfo.org”.

Emiliano Brioschi si diploma alla Scuola di Teatro Arsenale, a Milano, dove si forma con Marina Spreafico. Vince poi una borsa di studio per frequentare la Scuola Internazionale di Teatro - The Acting Center. Studia tra gli altri con Jerzy Stuhr, Frantisek Veres, Danio Manfredini, Gabriele Vacis e Marco Baliani. Recita quindi nei maggiori teatri italiani e in numerosi teatri europei: da Parigi a Lione, Lille e Rouen, passando per Barcellona, Berlino, Hannover e Bucarest, sino a Cluj, Graz e Zagabria per citarne solo alcuni. Lavora in una quarantina di spettacoli, tra i quali figurano creazioni di Antonio Latella, Giuseppe Massa / Sutta Scupa, Giorgio Albertazzi, Gilbert Rouvier, Renata Ciaravino, Pasquale Marrazzo, Babilonia Teatri e Cristian Ceresoli. Nella stagione 2017-18, debutta alla regia con la trilogia sulla paternità XY in collaborazione con ERT - Emilia Romagna Teatro. Nel 2017 il suo testo TROPPA GIOIA viene selezionato al Premio Dante Cappelletti. Nel 2018 sue poesie vengono inserite nell’“Enciclopedia di Poesia Italiana” contemporanea, edita dalla Fondazione Mario Luzi con il Patrocinio della Presidenza della Repubblica; nello stesso anno ricevono una segnalazione speciale al premio Le Ali Incantate. La sua prima raccolta di poesie è in fase di ultimazione. Nel 2019 il testo LIFE vince il bando “ARTEFICI.ResidenzeCreativeFVG” promosso da a.ArtistiAssociati di Gorizia ed è finalista al Premio Dante Cappelletti dove riceve la Menzione Speciale della Giuria Popolare. Oltre che in Teatro lavora in diverse produzioni cinematografiche. Il suo website è “emilianobrioschi.it”.

Stampa