Premio PimOff

Con il Premio PimOff per il teatro contemporaneo, giunto alla sua seconda edizione, PimOff conferma il suo impegno a sostenere la creazione teatrale contemporanea italiana,

intervenendo in supporto alle fasi di ultimazione e circuitazione nazionale di progetti inediti.

Giovedì 21 ottobre debutta in prima nazionale a PimOff il progetto vincitore del Premio PimOff per il Teatro Contemporaneo 2020, Twittering Machine, del collettivo ADA, in seguito ad una residenza artistica presso il medesimo spazio.

Sabato 23 ottobre ciascuna delle compagnie finaliste avrà a disposizione 30 minuti per presentare in forma scenica il proprio lavoro di fronte a pubblico e giuria, la quale al termine della serata decreterà la compagnia vincitrice del Premio. Il progetto vincitore si aggiudicherà ben tre residenze artistiche: una presso PimOff, una presso Gli Scarti (SP) e una negli spazi di Sementerie Artistiche (BO). Infine in palio anche una data all’interno della stagione di PimOff nell’autunno 2022.

A partire da quest’anno, infatti, la rete di partner nell’ambito del Premio PimOff per il teatro contemporaneo si amplia: le associazioni culturali Gli Scarti e Sementerie Artistiche, di cui vi sarà rappresentanza nella giuria, parteciperanno all’iniziativa proponendo alla compagnia vincitrice la possibilità di sviluppare il suo progetto attraverso due residenze presso i loro spazi. A partire da questa edizione PimOff avvia anche una media partnership con la webzine Theatron2.0, che curerà la documentazione e la cronaca del premio in tutte le sue fasi.
Infine, cureranno la documentazione del Premio gli allievi e le allieve dei corsi di Foto Video e New Media e di Tecnologia del Suono dell’Accademia Teatro alla Scala.

Teatro | Debutto nazionale

21 ottobre
TWITTERING MACHINE
di ADA collettivo informale per la scena

regia e drammaturgia Pasquale Passaretti
interprete Pasquale Passaretti
immagini e video Loredana Antonelli
musica dal vivo Lady Maru
con il sostegno di Lunarte Festival e PimOff

Nel 1922 Paul Klee dipinge Die Zwitscher-Maschine (La macchina cinguettante). Il quadro ritrae quattro uccelli stilizzati posati su un’esile struttura, costretti a “cinguettare” dal movimento meccanico di una manovella. Da questa suggestione nasce Twittering Machine, una live performance in cui parole, visual ed elettronica costruiscono un racconto tragicomico sulla vita surreale di un dipendente qualunque che, a causa di un imprevisto, vedrà svanire una delle sue poche gioie: l’uscita anticipata del turno breve del venerdì.

L’evento innesca una serie di riflessioni sul senso (e il non senso) delle proprie azioni quotidiane: bere un caffè nel bar della stazione, ascoltare distrattamente una conversazione in un luogo pubblico, partecipare alle riunioni di lavoro, leggere i post di un social network, attendere un treno… si rivelano inaspettati contenitori di crudeltà. Quell’insieme di situazioni ritenute “normali” appaiono ora per quello che sono: la goffa partitura di una coreografia meccanica, utilizzata dall’individuo contemporaneo per applicare o subire potere.

Una performance sull’alienazione del lavoro, l’aberrazione etica a la svalutazione della vita umana, plasmata attraverso un paesaggio astratto che altro non è che la sfera emotiva di tutti noi.

COLLETTIVO ADA
ADA collettivo informale per la scena nasce a fine 2018 a opera di Pasquale Passaretti, Loredana Antonelli e Lady Maru, con l’intento di realizzare spettacoli multimediali di teatro e installazione audio-visive. ADA ad oggi ha prodotto: Forse una città, Walking with Damian e Twittering Machine vincitore del Premio PimOff per il teatro contemporaneo. ADA è sostenuto da Lunarte Festival e da La Dante di Anversa.

LOREDANA ANTONELLI è un'artista multimediale, regista video e performer. La sua ricerca artistica si focalizza su elementi percettivo-sensoriali applicati a sistemi di elaborazione dati in tempo reale. Ha realizzato live visual, video d’arte, video musicali, installazioni video, stampe digitali e performance in collaborazione con numerosi centri culturali e artist* di diverse discipline.

LADY MARU è musicista, Dj e producer. Resident del Gegen, noto party queer berlinese, collabora con La Roboterie e Witches are Back. Gestisce la label Acid Boiler Coalition. Ha realizzato opere musicali per: Lucifer Industrie Indipendenti; Corefore Rock Enzo Cosimi Roma Europa; Jacopo Benassi & Mong!

PASQUALE PASSARETTI è attore e drammaturgo. Cofondatore di Etérnit teatro e attore per A.K.R., una coproduzione di Teatro Forte (Roma) e Pad of Mains (Germania). Attore e autore per Erodi di Exit, è autore anche di Bianco Materia, un libro scritto sotto forma di diario illustrato. Ideatore e direttore artistico di Lunarte festival, nel 2020 alla 14^ edizione.

INFORMAZIONI

16 - 21 ottobre | Residenza presso PimOff
21 ottobre ore 19.30 | Anteprima aperta al pubblico

23 ottobre
PREMIO PIMOFF PER IL TEATRO CONTEMPORANEO – 2^ edizione

Gli spettacoli in gara:

LEI LEAR di Teatro C’art/Muchas Gracias teatro
di e con Chiara Fenizi e Julieta Marocco
regia André Casaca
Immaginiamo che due immarcescibili personaggi shakespeariani fossero condotti, dalla mano di due creatrici senza scrupoli, al desolato universo di S. Beckett. Cosa succederebbe? Che strana metamorfosi soffrirebbero i loro nitidi profili, i loro brillanti discorsi, il loro destino?

MASTROIANNI di Ctrl+Alt+Canc
regia Alessandro Paschitto
interpreti Raimonda Maraviglia, Francesco Roccasecca, Alessandro Paschitto
Mastroianni è la scusa, ma diviene presto il centro del discorso. Mastroianni è un catalizzatore, un segnaposto grazie a cui individuare tutto quello che nel tessuto del reale, secondo la definizione di Lacan , "non va".

OCCIDENTE di Collettivo BEstand
regia Giuseppe Maria Martino
aiuto regia Dario Postiglione
interpreti Francesca Fedeli, Rebecca Furfaro, Darioush Forooghi, Giampiero De Concilio
disegno luci Sebastiano Cautiero
sound design Giulio Nocera
proiezioni Pietro di Francesco
scene Sara Palmieri
organizzazione Chiara Cucca
produzione Teatro di Napoli - Teatro Nazione; Casa del Contemporaneo
col supporto de L'Asilo
Tra speranze terminali e barlumi di violenza, l'umanità del vecchio Occidente tenta di abitare a suo modo un’ipermodernità snervata, in cui le azioni sono atti mancati e la verità una nota a margine dell'artificio.

WHAT IS A FANCY WORD FOR ENDING di Basti/Caimmi
di e con Anna Basti e Chiara Caimmi
direzione tecnica Maria Elena Fusacchia
audio,video e luci Alessio Troya
con il sostegno di Tendance _ ATCL Lazio; Teatro Florian Espace_Progetto OIKOS; Muta Imago; Ostudio Roma
Quanti ultimi baci hai dato? A quanti progetti hai detto addio? Quanti biglietti di sola andata hai comperato? Cosa accade dopo una fine e prima di un nuovo inizio? Nel nostro mondo in cui chiusa una porta si apre un portone, uno studio scientifico per prove ed errori. In cui la cavia
siamo noi.

La giuria è composta da:
Andrea Cerri (Gli Scarti), Maddalena Giovannelli (Stratagemmi Prospettive Teatrali), Manuela De Meo e Pietro Traldi (Sementerie Artistiche), Michela Vietri (Docente formatrice), Viviana Raciti (Teatro e Critica).

INFORMAZIONI
23 ottobre ore 18 | Anteprime dei progetti in gara. Concluderà la serata la premiazione del vincitore.
In collaborazione con Gli Scarti, Sementerie Artistiche, Theatron2.0 e i corsi di Foto Video e New Media e di Tecnologia del Suono dell’Accademia Teatro alla Scala.

Stampa Email