L’Eccezione di Puglia Teatro

47 ^ stagione
L'ECCEZIONE
CULTURA E SPETTACOLO di Puglia Teatro                                                                                                                             
STAGIONE 2021-2022
XLVII  di Puglia Teatro
XX de L’Eccezione

   Dove eravamo rimasti? La domanda è ovvia, ma non scontata. Erano i primi di marzo del 2020, e la vita con i suoi ritmi  i suoi tempi, anche turbinosi, si fermò come per un maleficio stregonesco,  incredibile, imprevedibile, che sospese tutte le attività.    L’Eccezione di Puglia Teatro seguì come tutto e tutti la via del silenzio e della stasi. Si fermarono tutti gli appuntamenti già calendarizzati in programma con sommo dispiacere dei protagonisti e del pubblico.
    Ma adesso bando alle tristezze: oggi è possibile pensare alla ripresa di tutte le attività sospese; perciò alla domanda “Dove eravamo rimasti?” rispondiamo che riprendiamo proprio da lì, da quell’inizio di marzo 2020 e dagli eventi che furono  sacrificati,  sospesi e rimandati sine die.
    Una considerazione però è da fare senza indugio, e il Covid 19 con la sua maligna e funesta presenza ci induce ad una riflessione che era già nell’aria da tempo e che il virus appunto ha solo spinto e accelerato: lo spettacolo dal vivo deve cambiare! Non sappiamo  ancora bene come, ma sappiamo bene che deve cambiare, e  molte buone idee sono già in cantiere; così com’è oggi, tutto il comparto dello spettacolo dal vivo appare addirittura anacronistico e talvolta persino obsoleto; una specie di visita ad un bel museo: bellissimo, ma una cosa che appartiene ormai al passato, una sorta di reperto archeologico.  Molti storceranno il naso, ma è proprio così, se vogliamo salvare quello che si può ancora salvare dello spettacolo con attori dal vivo. La riflessione è d’obbligo, pena la morte per autodissoluzione dello spettacolo in presenza. Purtroppo devo personalmente confessare che assistendo ad uno spettacolo teatrale così come oggi è ancora concepito, ogni volta ho l’impressione forte di assistere a forme e lacerti di passato. E poi, chi può dire di essere lo stesso di prima, dopo questo anno e mezzo di Covid19?...Io non sono più quello di prima, e certo non solo io…
   I lavoratori dello spettacolo dal vivo dunque, tutte le donne e gli uomini di teatro, hanno il dovere di cercare, individuare, inventare vie e strade nuove da percorrere e non volere e cercare solo di ritornare a quello che c’era prima, pena la lenta agonia del teatro e non per colpa del virus.
   Ha ragione Paolo Giordano, premio Strega 2008, quando dice “Quando tutto questo sarà finito vorremo davvero replicare un mondo identico a quello di prima?...Quando sarà finita, dovremo ripensare il mondo”. E Fabio Volo aggiunge “mi fanno paura quelli che vogliono solo che tutto torni come prima” perché vorrebbe dire che è stato tutto inutile. Io non sono più quello di prima del Coronavirus, lo ripeto, sarei uno sciocco che non ha capito nulla se non avessi tratto insegnamento da questo passaggio storico e se quindi non mi comportassi in modo diverso. Certo le resistenze sono e saranno molto forti; chi ha rendite di posizione da difendere non vorrà mollare, chi ha finanziamenti assicurati dall’Ente pubblico si batterà strenuamente perché nulla cambi; ma la storia non si fermerà per questo, e a nulla varrà ogni tentativo di opposizione alle trasformazioni storiche che andremo a vivere e che sono già in cammino. E’ necessario uno scatto di fantasia, di invenzione, di genio, di talento; non è ancora abbastanza chiaro tutto?...
   Intanto, per il momento via ogni indugio e si vada a cominciare, ovvero a ricominciare: gli appuntamenti de L’Eccezione di Puglia Teatro (che sono cosa  diversa dal consueto  teatro tradizionale) questa stagione incominciano più tardi del solito e saranno offerti  “in presenza”  presso la sede storica de L’Eccezione, nella scrupolosa osservanza delle norme anti Covid 19: vaccinazione prima di tutto con green pass,  mescherina obbligatoria ecc.;  i più affezionati frequentatori de L’Eccezione di Puglia Teatro non mancheranno di partecipare in presenza a ciascun appuntamento, consapevoli di vivere eventi tutti di rara valenza culturale, come sempre.
  “Tutto il mondo è teatro e gli uomini e le donne puri istrioni, tutti!” (Shakespeare).     
   Con il patrocinio del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, per la 47^ stagione artistica di Puglia Teatro e la 20^ de L’Eccezione di Puglia Teatro, con la direzione artistica di Rino Bizzarro, si ricomincerà quindi presso la sede storica de  L’Eccezione di Puglia Teatro in Via Indipendenza 75 a Bari, sabato 20 Novembre 2021, come di consueto alle ore 18,30,  proprio dal primo appuntamento sacrificato  nel marzo 2020: “Il ’68 – Sognavamo di cambiare il mondo” a cura di Pasquale Martino, “Bari com’era – e come si trasformò” con la partecipazione di Nicola Signorile. Sempre per il ciclo “Dove eravamo rimasti – Salvati dal grande silenzio” si continuerà l’11 Dicembre 2021 con “78 giri – Antichi dischi in vinile”; quindi il 29 Gennaio 2022 sarà la volta del Teatro con “Amore - Le Muse nella storia” a cura di Teodosio Saluzzi con la partecipazione di Angela Campanella e Santa Fizzarotti Selvaggi; ancora il 26 Febbraio 2022 per “Orizzonti pedagogici – Lo sguardo in Europa” Vittoriano Caporale curerà la “Inclusione – Nella scuola e nella Società” con la partecipazione di Silvia De Robertis. Il 26 Marzo 2022 si chiuderà il ciclo con “Vito Maurogiovanni – Pagine scelte” a cura di Celeste ed Elvira Maurogiovanni.
       Una interessante novità di quest’anno è costituita dal ciclo dedicato alla “Storia e metastoria – Osservatorio privilegiato” a cura di Carmelo Calò Carducci, che incomincia il 15  Gennaio 2022 con “La grande Guerra – Alberto Martini, testimonianze”; prosegue il 12 Febbraio 2022 con “L’Acquedotto pugliese – Nelle terre della sete”; si conclude il 12 Marzo 2022 con “Carta, Calamaio e penna – Si scriveva così”.
   Altra novità imperdibile di quest’anno è costituita dal ciclo “Per non dimenticare – Sempre con noi” a cura di Daniele Giancane, che apre gli incontri l’8 Gennaio 2022  con “Tommaso Di Ciaula”, continua il 19 Febbraio 2022 con “Nico Mori”, chiude gli appuntamenti il 23 Aprile 2022 con “Vittorio Catani”.
    Gli incontri-spettacolo  dell’attesissimo  ciclo “Polvere di stelle” infine prenderanno il via il 27 Novembre 2021 con “Bari, dal Libertà – Lo vedo rinascere” a cura di Domi Calabrese con gli interventi di Patrizia Lucamante, Massimo Maiorano, Carlo Paolini,  per proseguire Il 4 Dicembre 2021 con “Lo spettacolo dal vivo – Scenari futuri” a cura di Pasquale Bellini; il 18 Dicembre sarà la volta di “Dàimon e poesia” – Reading con sassofono, di Vittorino Curci; si continua poi il 22 Gennaio 2022 con “Rinascimento pugliese – Isabella D’Aragona e Bona Sforza” a cura di Michele Cristallo; quindi il 5 Febbraio 2022 con “Al tempo del Covid 19 – Vicissitudini del cuore e della mente” a cura di Santa Fizzarotti Selvaggi; il 5 Marzo 2022 ci sarà  “Teatro e modernità – Amleto e lo specchio oscuro della modernità” a cura di Daniele Maria Pegorari; il 2 Aprile 2022 sarà presentato “Al centro la poesia - Confiteor” una novità di Rino Bizzarro, con l’intervento di Vittorino Curci e Gino Dato; il 9 Aprile 2022 “Montale e l’amore – Io non sono Clizia” a cura di Valeria Traversi; per finire il 30 Aprile 2022 con “Vincenzo Di Mattia – Tutto il mondo è teatro” a cura di Teodosio Saluzzi, che chiuderà il ciclo e la stagione numero venti de L’Eccezione e numero quarantasette di Puglia Teatro.
    Notizie in tempo reale sull’attività corrente sono consultabili sul sito www.pugliateatro.it cliccando alla pagina “Oggi”.
   Tutte le date degli altri eventi, manifestazioni, spettacoli e fuori programma non ancora precisamente calendarizzate, saranno rese note e comunicate volta per volta.
Si accede solo con green pass e mascherina obbligatori, come da decreti legge governativi.

L'ECCEZIONE - Cultura e Spettacolo di Puglia Teatro -Via Indipendenza 75 -70I23-BARI-Tel. Fax 0805793041; 3386206549
Direttore artistico: Rino Bizzarro -  e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. ;  http://www.pugliateatro.it                                                                                                                                                 

Stampa Email