Pacta dei teatri

PACTA . dei Teatri - stagione 2022-2023
ROCK DRILL

La compagnia PACTA . dei Teatri riapre le porte della sala teatrale del PACTA SALONE, in via Ulisse Dini 7 a Milano, a partire dal 21 settembre 2022 con la nuova stagione, ROCK DRILL, letteralmente ‘perforatrice di roccia’, ma anche opera d’arte realizzata dall’artista Jacob Epstein per rappresentare l’uomo del futuro: una stagione che scava in profondità per trovare un nuovo terreno da cui ricominciare.

“La metafora di ROCK DRILL – spiega la direttrice artistica Annig Raimondi - ci permetterà di seguire il filo d’oro di un percorso di conoscenza ed esperienza attraverso un’azione dirompente, assolutamente necessaria in tempi ancora dettati da incertezza, fragilità, malattia, transitorietà, isolamento e distanza, fattori che continuano a fare parte della realtà con cui ognuno è chiamato quotidianamente a confrontarsi. La lunga marcia è partita e tutte le arti devono scendere in campo. Macro obiettivo è quello di riavviare in modo deciso e innovativo l’interesse verso la Cultura e le attività culturali, scuotendo le coscienze delle persone per far crescere l’intera comunità e impedire l'isolamento delle comunità periferiche, rendendole partecipi al teatro, come alla vita sociale, non più come soggetti del sistema del consumo, ma come produttori”.

Il 21 settembre 2022 apre la nuova stagione 2022-2023 del PACTA Salone con 55 spettacoli, 148 aperture di sipario, 18 prime, 11 produzioni e coproduzioni PACTA . dei Teatri tra novità e riprese, 3 progetti speciali ormai divenuti storici (DonneTeatroDiritti, pactaSOUNDzone, Parapiglia TeatroInFamiglia), il Festival ScienzaInScena giunto al suo sesto anno, una rassegna di danza e due novità: una tre giorni di stand up comedy e una dedicata alle nuove compagnie appena uscite dalle scuole di teatro. Una ricca stagione teatrale sotto il segno della sperimentazione.

La Stagione 2022-2023:
Ouverture della stagione è, alla luce del bruciante bisogno di pace che ci interroga ancora oggi, la rilettura di uno dei massimi testi sulla guerra: dal 21 al 25 settembre 2022 in occasione della Giornata internazionale della pace, la prima milanese della lettura scenica dal romanzo di Ernest Hemingway, ADDIO ALLE ARMI, viene portata in scena con Alessandro Bandini, Mario Cei, Leda Kreder, le musiche originali eseguite dal vivo da La Scapigliatura, la regia di Paolo Bignamini, per una produzione CTB Centro Teatrale Bresciano, in collaborazione con PACTA . dei Teatri, parte del progetto “Classici e scena oggi” a cura di Paola Ranzini – Institut Universitaire de France e Avignon Université.

Vetrina contemporanea
A seguire inizia, con i primi 4 appuntamenti, su 6 spettacoli totali, la Vetrina contemporanea con testi di giovani autori e attori: dal 7 al 9 ottobre 2022, MOLLY, una produzione Seven Cults
per la regia di Filippo d’Alessio, dal personaggio di Molly Bloom. Dal 13 al 16 ottobre 2022 LEVITICO PENTATEUCO #3, da “The Mexican” di Jack London, un progetto La Confraternita del Chianti per una produzione Associazione Interdisciplinare delle Arti/Ass. Cult. K. Teater Albatross (Gunnarp – Svezia), in collaborazione con Teatro Verdi – Teatro del Buratto. Lo spettacolo finalista Premio delle Arti Lidia Petroni 2015/Residenza IDRA e selezionato da Être Associazione, con il sostegno di Regione Lombardia e Fondo Sociale Europeo in collaborazione con Teater Albatross (Gunnarp, Svezia) all’interno del progetto Creative Cast Away affronta il tema delle regole. Dal 20 al 23 ottobre 2022 va in scena LA MADRE DEL MARITO DI MIO FIGLIO, una produzione Compagnia Miritello-Torlasco per chiedersi quanto è moderno il nostro paese oggi rispetto alle unioni civili e in generale nei confronti del mondo LGBTQ+. Dal 25 al 27 ottobre 2022, SYBIL, Una donna divisa tra molteplici esistenze, una produzione PianoinBilico in collaborazione con Gecobeventi sul disturbo della personalità multipla e il suo riconoscimento a livello scientifico e sociale.
Terminano più avanti la sezione Vetrina contemporanea il ritorno dal 24 novembre al 4 dicembre 2022 dello spettacolo del TeatroInMatematica BLACK BOX Dentro l’algoritmo, al debutto la scorsa stagione con la drammaturgia di Riccardo Mini, la regia di Riccardo Magherini anche in scena con Maria Eugenia D’Aquino e Lorena Nocera; il 12 dicembre 2022 FABRIZIO DE ANDRE’ E NICK CAVE. Due profondità a confronto dove due band distinte, i Kicking Pricks e i Figli di un Temporale, mettono a confronto i due cantautori; infine, con la regia di Mario Gonzales per diversi anni collaboratore del Théâtre du Soleil, la produzione del Dopolavoro Stadera, L’ANIMA BUONA DI PIAZZA TIRANA, il 20 e il 21 dicembre 2022, liberamente ispirato all’Anima buona del Sezuan di Bertolt Brecht.

Apriamo le gabbie
Dal 3 al 12 novembre 2022 torna, dopo il grandissimo successo della scorsa stagione, la rassegna di danza e arti a tecnica mista APRIAMO LE GABBIE con 7 titoli: il 3 e il 4 novembre, ANIMA MUNDI dove la Compagnia Eleina D si chiede cosa ci comanda veramente; il 5 e il 6 novembre, 24 VOLTE AL SECONDO, produzione Sanpapié, un omaggio ai compositori Nino Rota e Ennio Morricone; APPUNTI DALL’OCEANO della Compagnia Xe, il 7 novembre, nasce sulla Infinity Expedition, un veliero di 37 metri che solca mari e oceani di tutto il mondo dal 2004, finanziato da progetti a sostegno della conservazione del pianeta e si compone di sette capitoli in cui il corpo si relaziona con sette differenti paesaggi acquatici; l’8 novembre, segue un viaggio in India nella tradizione e nella contemporaneità, con la produzione Anabasi NEGLI OCCHI, NEL CUORE; il 9 novembre SOMMESSAMENTE CORRENDO, una produzione Compagnia Xe, Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi diretta da Tatiana Olear – Corso Accademico di I livello Universitario in Danza Contemporanea coordinato da Marinella Guatterini su coreografia di Julie Ann Anzilotti, una pièce sulla speranza e sul desiderio di conoscere; il 10 e l’11 novembre danza la produzione VuotoPerPieno GAMELAN, un rito di accoppiamento, un corteggiamento, un conflitto, uno scontro, come un rito antico la relazione dell'Io con l'altro, il diverso; infine chiude il 12 novembre, TUTTO, della Compagnia Carnematta, una danza dedicata alla ricerca di Dio.

New Classic
La sezione New Classic, dedicata ai grandi maestri, inizia con DUE OUTSIDER MITICI dal 15 al 20 novembre 2022, l’intreccio di due spettacoli dedicati a Pier Paolo Pasolini e Ezra Pound, due irregolari, due anticonvenzionali. PACTA . dei Teatri presenta: PASOLINI - IN UN FUTURO APRILE…un reading con Alessandro Pazzi sull’opera poetica a 100 anni dalla nascita e, a 50 anni dalla scomparsa, con Annig Raimondi, la prima assoluta di EZRA POUND – I CANTOS – Performance poetica in musica.
New classic prosegue poi a gennaio con RICCARDO III. Invito a corte, da William Shakespeare, dal 12 al 15 gennaio 2023, una produzione Teatro Stabile D’Innovazione Galleria Toledo per indagare le cause e gli effetti della incontrollabile sete di potere. Dal 17 al 22 gennaio 2023 continua con FEDRAH o della Spietà dell’Amore. Variazioni attorno al mito e alle sue riscritture per la regia di Michele Di Mauro, una produzione Piccola Compagnia della Magnolia, in coproduzione con Gli Scarti/FuoriLuogo, La Spezia con il sostegno di Tap/Torino Arti Performative e con il supporto di Cap10100 in collaborazione con Istituto per i beni marionettistici e il Teatro Popolare - Marionette di Francesco Arini. A seguire dal 26 al 29 gennaio 2023 L’ORAZIO di Heiner Müller con la regia di Giovanni Battista Storti, una produzione Teatro Alkaest – PACTA . dei Teatri in prima assoluta, una storia per raccontare un dilemma difficilmente risolvibile: può un eroe, riconosciuto da tutti come lo strenuo difensore della libertà dei suoi concittadini, essere al contempo un assassino?
Chiude la sezione il successo PACTA . dei Teatri della scorsa stagione, VECCHI TEMPI di Harold Pinter con la regia del premio UBU Claudio Morganti dal 23 febbraio al 5 marzo 2023.

Festival ScienzaInScena Es-ATTO
Dal 3 al 19 febbraio 2023 torna alla sua sesta edizione, con la direzione artistica di Maria Eugenia D’Aquino, il Festival ScienzaInScena Es-ATTO con 9 titoli e collaborazioni con il Politecnico di Milano, INAF - Istituto Nazionale di Astrofisica, CNR - Consiglio Nazionale delle Ricerche, Istituto di Scienze dell'Atmosfera e del Clima ISAC CNR, D.i.Re - Donne in Rete Contro la Violenza, Associazione Donne e scienza, LUD - Associazione per una Libera Università delle Donne, CREIS - Centro Ricerca Europea per l'Innovazione Sostenibile, Department of History University of California, Berkeley, Civico Planetario di Milano, Università di Camerino, Teatrino della Meraviglia di Trento, enciclopediadelledonne.it. Il 3 e il 4 febbraio inizia coSmic di e con Tony Marzolla, un viaggio nei misteri dell’universo tra cronache del passato, teorie presenti e fantasticherie di aspirazioni future. Il 9 e il 10 febbraio LA FORZA NASCOSTA, Scienziate nella Fisica e nella Storia, uno sguardo sulla Fisica del ‘900 attraverso gli occhi di quattro scienziate, Marietta Blau, Chien-Shiung Wu, Milla Baldo Ceolin e Vera Cooper Rubin, che ne sono state protagoniste non totalmente riconosciute, una produzione INFN – Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (sezione Torino), Dipartimento di Fisica - Università degli Studi di Torino, Associazione Terra Terra Almateatro in collaborazione con Associazione CentroScienza Onlus, INRiM. L’11 febbraio, Giornata Internazionale delle Donne della scienza, la prima assoluta di SCIENZIATE VISIONARIE - il mondo che vogliamo con Maria Eugenia D’Aquino celebra l’importante ricorrenza istituita dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite nel 2015, portando alla ribalta due scienziate, Donella Meadows e Alice Hamilton, due figure chiave nella sostenibilità ambientale, nella salute e sicurezza nel mondo del lavoro. Il 15, il 16, il 18 e il 19 febbraio, ELEA, il sogno interrotto di Mario Tchou - uno studio, su ideazione di Maria Eugenia d’Aquino, Livia Castiglioni e Alberto Oliva, racconta la storia di Elea 9003, il capolavoro della Olivetti guidata da Mario Tchou, che era a capo di un team di geniali ingegneri e collaboratori tutti sotto i trent’anni, speranza che terminò in un incidente stradale il 9 novembre 1961. Infine il 5 e il 18 febbraio non mancano due spettacoli per la sezione ScienzaInScena for Kids dedicata ai bambini.
Sempre parte del Festival ScienzaInScena si svolgeranno anche alcuni appuntamenti in giro per Milano: l’8 febbraio presso ALTAVIA/DISTREAT si svolgerà il SALOTTO TEATRALSCIENTIFICO con tutti i protagonisti dello spettacolo ELEA il sogno interrotto di Mario Tchou, accolti dal presidente di ALTAVIA e della Planet Life Economy Foundation, Paolo Mamo. Il 12 febbraio presso l’Auditorium di Milano il Festival interroga l’intersezione tra Scienza e Musica nell’incontro con l’iniziativa, unica nel suo genere, della rassegna Musica & Scienza dell’Orchestra Sinfonica di Milano attraverso lo spettacolo LA JUPITER.
Il 17 febbraio presso il Civico Planetario di Milano, torna con una nuova edizione l’appuntamento cult GIZA E LE STELLE CHE NON TRAMONTANO MAI, di e con Giulio Magli, archeoastronomo, direttore del Dipartimento di Matematica del Politecnico di Milano.

Progetto DonneTeatroDiritti
Dall’8 marzo al 28 maggio 2023 8 titoli disegnano il Progetto DonneTeatroDiritti, alla sua XIV edizione.
Una rassegna e un percorso culturale di spettacoli, incontri, documentari video ed esposizioni con l'obiettivo di mettere in evidenza l'attualità del pensiero di figure punto di riferimento nella cultura dell'emancipazione e delle libertà, ma anche di ritrovare il filo rosso, dal mito a vicende contemporanee, lungo un percorso che parla di violenza e ingiustizia verso i più deboli, di diritto alla qualità della vita, di disuguaglianze sociali ed economiche, di dignità e diritti di popoli e individui.

Si inizia proprio l’8 marzo nella data dedicata alla Giornata internazionale dei diritti della donna, più nota come Festa della donna, con PANDORA NON APRIRE QUEL VASO!, tratto da Mitiche, La nuova frontiera, di Giulia Caminito con la regia di Michela Embrìaco per conoscere le voci di Pandora, Penelope, Aracne, Arianna e Medea. Seguono, dal 14 al 19 marzo, MADAME BOVARY. Costumi di provincia, di Gustave Flaubert con Annig Raimondi e Antonio Rosti; dal 23 al 26 marzo, MADE IN ILVA una produzione Instabili Vaganti, un’opera d’arte totale, una critica universale al processo di brutalizzazione generato dal sistema di produzione contemporaneo; dal 28 al 2 aprile, RAGAZZE DI VETRO dal romanzo “La campana di vetro” e altri materiali di Sylvia Plath per l’adattamento di Maddalena Mazzocut-Mis e Sofia Pelczer, sulla vita di due ragazze in lotta contro la depressione; dal 4 al 6 aprile, RAZZA SACRA – Pasolini e le sue donne, per celebrare il centenario della nascita di Pierpaolo Pasolini un progetto che indaga il suo rapporto con le donne; dal 13 al 16 aprile, 1939. UNA VITA A DOMINO, la storia di Domenico, pescatore, deportato nel 1939 per non aver fatto il saluto fascista al podestà di Bari a San Domino, un’isola della Puglia voluta dal Duce dove si rinchiudono gli omosessuali italiani; dal 3 al 14 maggio, LA MONACA DI MONZA alias SUOR VIRGINIA MARIA alias MARIANNA DE LEYVA da Manzoni, Diderot, Stendhal e gli atti del Processo in prima assoluta per la drammaturgia e regia di Annig Raimondi; infine chiude la stagione dal 19 al 28 maggio SHOCKING ELSA, di Livia Castiglioni con la regia di Alberto Oliva, sull’icona italiana della moda indipendente Elsa Schiaparelli, artista rivale negli anni ’30 di Coco Chanel.  

Eventi
Nel mezzo della stagione si presentano due nuovi particolarissimi eventi a cura di Patrizio Belloli: dal 16 al 18 dicembre 2022 TRE GIORNI MICIDIALI, una rassegna di Stand Up comedy, una spietata tre giorni con in gara molti e audaci comici presentati ogni sera da un ospite diverso: Manuele Laghi, Giorgia Battocchio, Topazio Perlini.
Dal 18 al 20 aprile 2023 LA CRÈME DE LA CRÈME una rassegna di giovani compagnie teatrali nate dalle scuole di teatro di Milano, per offrire a queste nuove realtà l'occasione di trasformare un progetto teatrale in un'anteprima o in debutto più ufficiale su territorio e dare a esso visibilità.

pactaSOUNDzone 2023
Quattro lunedì da gennaio a maggio portano, all’interno della stagione, l’ottava edizione del progetto pactaSOUNDzone, che unisce PACTA . dei Teatri e il progetto ZONE di Maurizio Pisati. Di nuovo libera negli spazi teatrali dal vivo, la rassegna chiede agli Artisti ospiti di reinventare la scena che troveranno già montata sul palco (la stessa che il pubblico del PACTA Salone vede in prosa durante la settimana) in una nuova, alternativa, visionaria storia di suoni.

PARAPIGLIA TeatroInFamiglia
Dal 16 ottobre al 19 marzo, non poteva mancare il ritorno della rassegna di teatro organizzata da PACTA . dei Teatri in collaborazione con DittaGiocoFiaba per bambini e ragazzi con spettacoli nel fine settimana.

INFORMAZIONi: www.pacta.org - mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - tel. 0236503740
DOVE SIAMO: PACTA SALONE - via Ulisse Dini 7, 20142 Milano - MM2 P.zza Abbiategrasso-Chiesa Rossa - tram 3 e 15, autobus 65, 79 e 230

Stagione Teatrale 2022 – 2023
ROCK DRILL

Quando “il cielo finalmente folgorò, tuonò con folgori e tuoni spaventosissimi, […] pochi giganti […] spaventati ed attoniti dal grand’effetto di che non sapevano la cagione, alzarono gli occhi ed avvertirono il cielo.” (Giambattista Vico)

Con una proposta di elevato profilo artistico e sociale in grado di interpretare Milano, la sua Città metropolitana e i bisogni e i desideri dei cittadini, prende il via il cartellone della Stagione Teatrale 2022-2023 di PACTA . dei Teatri: ROCK DRILL. Letteralmente ‘perforatrice di roccia’, ma anche opera d’arte realizzata dall’artista Jacob Epstein per rappresentare l’uomo del futuro: farsi metallo per frantumare il durissimo terreno provocato da incrostazioni, trovare un nuovo strato su cui poggiare i piedi e ricominciare. E’ un viaggio radicale, in profondità, dal suolo della Terra al suo centro, in cui, assieme a PACTA, con i propri strumenti per trapanare, bombardare, spazzolare e setacciare la roccia, oltre che fotografarla e analizzarla, si cercherà di portare alla luce, e mescolare in molteplici combinazioni, la maggior mole d’indizi riguardante il pianeta e la sua tribù.
La metafora di ROCK DRILL ci permetterà di seguire il filo d’oro di un percorso di conoscenza ed esperienza attraverso un’azione dirompente, assolutamente necessaria in tempi ancora dettati da incertezza, fragilità, malattia, transitorietà, isolamento e distanza, fattori che continuano a fare parte della realtà con cui ognuno è chiamato quotidianamente a confrontarsi. La lunga marcia è partita e tutte le arti devono scendere in campo.
Macro obiettivo è quello di riavviare in modo deciso e innovativo l’interesse verso la Cultura e le attività culturali, scuotendo le coscienze delle persone per far crescere l’intera comunità e impedire l'isolamento delle comunità periferiche, rendendole partecipi al teatro, come alla vita sociale, non più come soggetti del sistema del consumo, ma come produttori.

Il cartellone ROCK DRILL 2022/2023, operando in linea con gli obiettivi di sviluppo sostenibile e tenendo ben presenti alcuni temi fondamentali dell’Agenda 2030 (pace e diritti umani, dignità, benessere e uguaglianza), presenta una ricca stagione teatrale sotto il segno della sperimentazione.
Molti artisti hanno affrontato il pensiero e le opere di grandi portavoce della modernità. Autori fra l‘800 e il ‘900, ma anche di epoche più remote, ci hanno offerto strumenti e linguaggi per riconoscere alcuni tratti dell’epoca che stiamo vivendo e per farne qualcosa. Hemingway, Ezra Pound, Pasolini, Heiner Müller, Shakespeare, Pinter, Diderot, Manzoni, Flaubert, ma anche tanti giovani drammaturghi italiani: indagini inedite, rotture, deviazioni tematiche, rilanci, aperture di prospettive, sperimentazioni di linguaggi sono altrettanti strumenti per un lavoro di smontaggio e di rimontaggio del presente.
E’ un’occasione di lancio di artisti giovani e innovativi, di quelle compagnie che perseguono una ricerca costante e che si succederanno in spettacoli legati alla nostra tradizione umanistica e scientifica, spettacoli di danza, drammaturgia contemporanea, appuntamenti musicali, installazioni, videoarte, performance e teatro per i bambini, suddivisi nei progetti speciali che ci contraddistinguono: DonneTeatroDiritti (XIV edizione), ScienzainScena (festival scientifico al suo sesto anno), Apriamo le gabbie (rassegna di danza alla II edizione), pactaSOUNDzone (VIII edizione), e inoltre Parapiglia TeatroinFamiglia, Vetrina Contemporanea, New Classic e Mostre al Cubo.
Novità di questa stagione saranno due eventi di giovani dedicati ai giovani: STAND UP COMEDY, tre giorni micidiali di comicità e LA CRÈME DE LA CRÈME, uno sguardo su nuovissime compagnie.

Fra le nuove produzioni e coproduzioni di PACTA: un omaggio poetico-musicale a due Outsider Mitici come EZRA POUND e PASOLINI con PONTOSteatro; due creazioni di argomento scientifico, ELEA il sogno interrotto di Mario Tchou di Livia Castiglioni, regia Alberto Oliva e SCIENZIATE VISIONARIE; l’operazione d’indagine su LA MONACA DI MONZA alias SUOR VIRGINIA MARIA alias MARIANNA DE LEYVA e infine una coproduzione con il Teatro Alkaest, L’ORAZIO di Heiner Müller, regia Giovanni Battista Storti.

Fra le ospitalità: numerosissimi sono quest’anno gli spettacoli di giovani compagnie di prosa (Piccola Magnolia, Instabili Vaganti, Confraternita del Chianti, Multiverso Teatro, Sguardo Oltre), presenze legate alla danza (Sanpapiè, VuotoperPieno, XE e Civica Scuola Paolo Grassi, Eleina D). Voglio inoltre segnalare la presenza di Paolo Bignamini e del Centro Teatrale Bresciano, Laura Angiulli e Galleria Toledo, Mariano Lamberti e Napoli Teatro Festival. E’ un panorama artistico articolato per la varietà dei linguaggi adottati e testimonia la necessità di esprimere un personale punto di vista sui temi del contemporaneo attraverso una scrittura graffiante e ironica (Giulia Lombezzi), la rielaborazione di grandi classici (Michele di Mauro) o autori poco frequentati (Giulia Caminito, Sylvia Plath).

Un Teatro, il PACTA SALONE, che non è solo un luogo di spettacolo ma anche luogo d’arte, spazio espositivo, luogo di formazione e d’incontri cultuali, residenza di giovani compagnie, punto emblematico per gli eventi della Città metropolitana e della zona, il Municipio 5.
All’interno della forte attività sul territorio, PACTA è attualmente impegnato nelle iniziative legate al Bando MILANO E’ VIVA con il Progetto di Rete “Teatro a sPasso d’Uomo”, il cui obiettivo è la creazione di un ponte fra culture grazie a una decisa cooperazione con realtà differenti.

Ringraziamo il MIC Ministero per i Beni e le Attività culturali, Comune di Milano Assessorato alla Cultura e Spettacolo e Settore Pari Opportunità, Città Metropolitana, Regione Lombardia Next - Laboratorio di idee, Municipio 5, Fondazione CARIPLO, CLAPSpettacolo dal vivo, Agis Lombarda, Teatri per Milano e tutti coloro che con sensibilità e attenzione prestano il loro contributo. Inoltre ringraziamo i nostri partner e collaboratori: ScenAperta Altomilanese Teatri, CTB Brescia, PONTOSTeatro, Teatro Alkaest, Scena Nuda, CETEC – Dentro/Fuori San Vittore, Ditta GiocoFiaba, ASST di Lodi e progetto Ri-Costruzione, Università degli Studi di Milano, Politecnico di Milano, Università Cattolica, IULM, Osservatorio Astronomico di Brera e Inaf, Zonemp, British Council, Istitut Francais, OfficinaFaberLucis, Zonemp, BIGBOX, gli artisti Claudio Morganti e Mario Gonzales, e tutti coloro che contribuiscono alla realizzazione dei progetti e alla Stagione di PACTA . dei Teatri.

Annig Raimondi
Direttore artistico
PACTA . dei Teatri-SALONE via Dini

Nomen omen

Quando nel 2008, come artisti già presenti nella compagine teatrale milanese da diversi anni, abbiamo dato vita a una forma rinnovata del nostro agire e ci siamo interrogati su quale nome potesse avere questa nostra nuova aggregazione, la scelta è ricaduta all’unanimità su PACTA, in quanto acronimo di Progetto Arte Cultura Territorio Associati. Un nome che rappresentava una strada già intrapresa, ma anche una promessa e un anelito a un percorso futuro. C’era già tutto in quel nome. E oggi c’è molto di più. Dopo quattordici anni di cui sette qui, al PACTA Salone, sfidando ogni genere di avversità, tra cui anche una pandemia, possiamo dire con orgoglio di aver mantenuto le promesse che avevamo annunciato alla nostra rifondazione: “proseguire al meglio il nostro lavoro, dare più respiro a un progetto importante, che implichi aggregazione, unione, commistione e una particolare aderenza al territorio, in attento ascolto alle richieste che da lì provengono”. La sfida è stata vinta. Il cuore del nostro agire, la rappresentazione, è racchiuso in queste pagine, ma quello che avviene qui dentro, nel nostro PACTA Salone, si propaga come un’onda gravitazionale nello spazio-tempo del territorio, della città, si trasforma, dando origine a una miriade di incontri, confronti, interazioni con i luoghi intorno a noi, ma soprattutto con le persone che abitano questi luoghi. Le reti che abbiamo creato con realtà a noi affini e/o complementari ci permettono di vivere e far vivere la Cultura a 360°, attraverso l’ambiente, la natura, l’inclusione sociale, le arti figurative, la formazione, l’istruzione, per continuare a lasciare affiorare la bellezza e trovare un sollievo alla sofferenza, alle inquietudini, alle fragilità, alle incertezze di questo complesso momento storico.
Ci aspettano ancora molte altre sfide, per vincere le quali confidiamo anche nel sostegno presente e consapevole delle istituzioni a noi vicine.

Maria Eugenia D’Aquino
Presidente
Curatrice ScienzaInScena - TeatroInMatematica

PACTA Salone
Stagione 2022-2023  
“ROCK DRILL”

Dal 21 al 25 settembre 2022                                                           Ouverture – NewClassic
ADDIO ALLE ARMI                           In occasione della Giornata internazionale della pace
Lettura scenica dal romanzo di Ernest Hemingway                                        prima milanese
con Alessandro Bandini, Mario Cei, Leda Kreider
musiche originali eseguite dal vivo da La Scapigliatura
regia Paolo Bignamini
scene e costumi Maria Paola Di Francesco
disegno e partitura luci Fulvio Michelazzi (AILD)
aiuto regia Giulia Asselta
assistente alla regia Irene Carera
produzione CTB Centro Teatrale Bresciano
in collaborazione con PACTA . dei Teatri
progetto “Classici e scena oggi” a cura di Paola Ranzini – Institut Universitaire de France e Avignon Université

Il capolavoro di Hemingway smaschera, attraverso una tragica storia d'amore, l'insensatezza della guerra. Basato su fatti in parte autobiografici, racconta il travolgente sentimento che nasce tra Frederic, soldato americano arruolatosi volontario nell'esercito italiano durante la prima guerra mondiale, e l'infermiera inglese Catherine. Dopo la disfatta di Caporetto, Frederic, disilluso dalle miserie e dagli orrori della guerra, riesce a disertare e a scappare in Svizzera. Lo spettacolo è un viaggio esistenziale alla ricerca di risposta alla domanda di senso che, davanti a ogni guerra, ci lascia sbigottiti e senza parole.

Vetrina contemporanea

Dal 7 al 9 ottobre 2022                                                                     Vetrina contemporanea
MOLLY                                               prima milanese
dal personaggio di Molly Bloom
di Ester Palma e Giovanna Biraghi
con Cristina Golotta e Maria Sofia Palmieri
regia Filippo d’Alessio
musiche Eugenio Tassitano
scene Tiziano Fario
produzione Seven Cults

Nella segreteria di uno studio medico, Molly Bloom, giovane e bella trentenne, cerca di farsi ricevere dalla dottoressa O’Connor: ha prenotato un intervento di chirurgia estetica ma l’assegno con cui avrebbe dovuto pagarlo si è rivelato scoperto. La segretaria, Alma, le dice che la O’Connor è troppo occupata e che comunque, senza ricevere il dovuto, non farà mai l’intervento. Fra le due donne inizia un dialogo che diventa sempre più personale e che finisce per toccare tutti i temi delle loro vite, fino a arrivare alle loro intimità più profonde: amori, vita coniugale, amicizie, aspirazioni professionali. Ma improvvisamente Alma sparisce.

Dal 13 al 16 ottobre 2022                                                                 Vetrina contemporanea
LEVITICO PENTATEUCO #3
da “The Mexican” di Jack London
di Chiara Boscaro, Marco Di Stefano, Marco Pezza
regia Marco Di Stefano
drammaturgia Chiara Boscaro
con Marco Pezza
voce Francesco Boscaro
musiche originali Lorenzo Brufatto
eseguite e registrate dall’ensemble da camera Il Canto Sospeso
assistente alla regia Cristina Campochiaro
progetto grafico e visivo Mara Boscaro
un progetto La Confraternita del Chianti
una produzione Associazione Interdisciplinare delle Arti/Ass. Cult. K. Teater Albatross (Gunnarp – Svezia)
in collaborazione con Teatro Verdi – Teatro del Buratto
si ringraziano Daniele Mazzolla e DOJO RUAN Ferro Design Milano
finalista Premio delle Arti Lidia Petroni 2015/Residenza IDRA
progetto selezionato da Être Associazione, con il sostegno di Regione Lombardia e Fondo Sociale Europeo in collaborazione con Teater Albatross (Gunnarp, Svezia) all’interno del progetto Creative Cast Away                     

La terza parte del Progetto Pentateuco affronta il tema delle regole. Il Levitico parla delle regole che un popolo in cammino si dà.
Questo Levitico parte da un racconto di Jack London, “Il Messicano”. In un Paese in cui gli immigrati sono fuorilegge, il Movimento Liberazione Immigrati porta avanti una Rivoluzione contro il Governo. Ma servono sempre nuove risorse per il Movimento costretto alla clandestinità, servono soldi per le famiglie degli scioperanti, servono mezzi per l’organizzazione…
In questo mondo distopico si muovono diversi personaggi. Poco o niente li accomuna, se non il passaggio nelle loro vite di un misterioso ragazzo di cui si ignora tutto.

Dal 20 al 23 ottobre 2022                                 Vetrina contemporanea
LA MADRE DEL MARITO DI MIO FIGLIO                         prima nazionale
di Giulia Lombezzi
con Marisa Miritello e Elisabetta Torlasco
regia Patrizio Luigi Belloli
produzione Compagnia Miritello-Torlasco           

Luisa e Alba, due signore milanesi molto diverse per educazione, stile di vita e carattere, devono organizzare la festa per l'unione civile dei loro figli. Si troveranno costrette a collaborare, nonostante l'evidente insofferenza reciproca; dovranno mettersi in discussione, sopportarsi e soccorrersi, sviluppando un rapporto complicato ed esilarante.
Ambedue faranno i conti con le proprie zone d'ombra e le proprie dipendenze (psicofarmaci, alcool, incontri online, volontariato) e scopriranno che a volte l'amicizia si cela nei luoghi più impensati.
In fondo alle risate, sotto alla linea comica, si materializza un mondo sfaccettato e contraddittorio; quanto è moderno il nostro paese oggi rispetto alle unioni civili e in generale nei confronti del mondo LGBTQ+?

Dal 25 al 27 ottobre 2022                                                                 Vetrina contemporanea
SYBIL
Una donna divisa tra molteplici esistenze
con Federica Bognetti e Silvia Giulia Mendola
dramaturg Livia Castiglioni
regia Silvia Giulia Mendola
assistente alla regia Francesca Ziggiotti
videomaker Cristina Crippa
consulenza costumi Simona Dondoni
foto locandina Noemi Commendatore
grafica Carlo Sabatucci
produzione PianoinBilico in collaborazione con Gecobeventi
Lo spettacolo ha vinto il bando “Scena Unita” 2021 in collaborazione con Cesvi Fondazione Onlus

La Dottoressa Cornelia B. Wilbur racconta la storia di una sua paziente.
Il suo nome è Sybil Dorset: il caso ‘Dorset’. Una donna divisa tra molteplici esistenze. 10 anni di lavoro terapeutico. 2354 sedute. Per più di trent’anni la vita di Sybil si è svolta in una alternanza di luce e buio. Grazie a questo caso, è stato riconosciuto e ufficializzato dall’Associazione Americana di Psicologia il disturbo della personalità multipla. La dottoressa Wilbur cerca di dare una risposta, attraverso un lungo processo di sedute terapeutiche in cui si troverà di fronte, di volta in volta, a una o più personalità dell’io frammentato di Sybil.

Dal 24 novembre al 4 dicembre 2022         Vetrina contemporanea TeatroInMatematica
BLACK BOX                                
Dentro l’algoritmo
drammaturgia Riccardo Mini
con Maria Eugenia D’Aquino, Riccardo Magherini, Lorena Nocera
regia Riccardo Magherini
consulenza scientifica Massimo Mazzotti, Director Professor Department of History University of California, Berkeley
musiche originali CLUSTERBELLS Maurizio Pisati
disegno luci Manfredi Michelazzi
spazio scenico Fulvio Michelazzi (AILD)
oggetti di scena Ernesto Jannini
costruzioni Eliel Ferreira de Sousa
assistente alla regia Fabrizio Kofler
produzione PACTA . dei Teatri – TeatroInMatematica ScienzaInScena
Inserito in Invito a teatro

Cluster, un data mining analyst lavora per una importante società di analisi dati. Insieme a lui è Alice, l’intelligenza artificiale che gestisce l’ambiente di lavoro, gli fornisce i compiti da svolgere e controlla la sua performance, una macchina che lo conosce così bene da creare con lui un rapporto quasi umano. E poi c’è Celia….
Attraverso lo studio di flussi di dati, comportamenti da osservare, decisioni da prendere, quella che sembra una giornata di lavoro come tutte le altre si trasforma in un’avventura quando Alice propone a Cluster di entrare in Black Box, un gioco di realtà virtuale innovativo, diverso da tutti gli altri perché simile alla vita. La decisione di Cluster cambierà per sempre il suo modo di vedere non solo il proprio lavoro, ma anche il mondo in cui vive e sé stesso.

Il 12 dicembre 2022                                                                          Vetrina contemporanea
FABRIZIO DE ANDRE’ E NICK CAVE. Due profondità a confronto     
di e con Kicking Prix e Figli di un Temporale

Due artisti immensi, ma apparentemente distanti, contemporanei solo in parte, perché di età diverse e vissuti agli antipodi del mondo. Eppure entrambi hanno saputo varcare le soglie segrete dell'anima grazie a una voce profonda e a melodie semplici e intense, nel segno del loro comune mentore Leonard Cohen. Un'occasione unica per meditare insieme sui temi eterni dell'essere umano.

Il 20 e il 21 dicembre 2022                                                               Vetrina contemporanea
L’ANIMA BUONA DI PIAZZA TIRANA                                            prima assoluta
liberamente ispirato all’Anima buona del Sezuan di Bertolt Brecht
regia Mario Gonzalez
di e con Irene Arpe e Luigi Vittoria
produzione Dopolavoro Stadera

A Milano, quartiere Giambellino, si presenta il dio della giustizia: deve trovare almeno un’anima buona. Grazie all’aiuto di Franco, un senzatetto del quartiere, il dio troverà in Chantè una persona disposta ad aiutare un poveretto. Ricompensata con una somma enorme di denaro, la ragazza, ingenuamente idealista, darà tutta se stessa e tutti i suoi soldi per lo scopo. Ma per sopravvivere al burocratismo istituzionale, a chi non ha più nulla da perdere e agli startupper innovativi, Chantè è costretta a trasformarsi nel cugino Shon. Solo grazie a questa maschera, capace di adattarsi ai meccanismi dell’oggi, riuscirà a non farsi divorare dagli avvoltoi. È questa l’anima buona che cercava il dio della giustizia? Perché il giusto è sempre battuto quando vuole soltanto dare aiuto?

Danza

Dal 3 al 12 novembre 2022                                                                  Danza

APRIAMO LE GABBIE
II edizione
Rassegna di danza e arti a tecnica mista
ideazione di Annig Raimondi e Patrizio Belloli
PACTA in collaborazione con
Eleina D, Sanpapiè, Compagnia Xe, Civica Scuola Paolo Grassi, Anabasi, VuotoperPieno, Carnematta

Una rassegna di danza, alla II edizione, nata dalla volontà di ospitare giovani danzatori e performers nell’insolito palcoscenico del PACTA Salone, particolarmente adatto per realizzazioni in tecnica mista fra danza e arti visive. Un progetto di ricerca artistica, sociale e formativo, che avuto il sostegno di Regione Lombardia, per sottolineare la necessità di inventare un nuovo corpo, che possa affrontare le ripercussioni della pandemia e riposizionarsi nel giusto equilibrio spaziale in rapporto con gli altri. Un percorso che porta a una commistione estrema dei generi e che vede coinvolte pittura, musica, design, etc. L'obiettivo sta nel far conoscere nuove estetiche e tematiche della danza nazionale, ma soprattutto lombarda; attivare un contenitore più vicino al linguaggio dei giovani e supportare il ritorno alla fruizione culturale, coinvolgendoli nelle attività; incoraggiare la produzione di giovani artisti, rafforzando il carattere di innovazione e creatività delle loro proposte.

    • Il 3 e il 4 novembre 2022                                                                                    Danza
ANIMA MUNDI                                                                                                 prima milanese
di Vito Leone Cassano
con Claudia Cavalli, Marco Curci, Francesco Ayrton Lacatena
regia/coreografia Vito Leone Cassano
Compagnia Eleina D

Follia, legami, tradizione, Karma. Queste le parole-chiave con le quali tre danzatori si raccontano domandandosi: cosa ci comanda veramente? Siamo noi i fautori del nostro divenire o siamo inevitabilmente legati alle scelte degli altri? Attraverso diverse modalità di movimento, d'interazione causa-effetto, di scelte e persino di linguaggio verbale i 3 corpi si curano trovando la maniera di esorcizzare i loro malesseri; proprio come si usava nel fenomeno del tarantismo.


    • Il 5 e il 6 novembre 2022                                                                                    Danza
24 VOLTE AL SECONDO
di Lara Guidetti
regia e coreografia Lara Guidetti
attori Saverio Bari, Cecilia Vecchio
danzatori Fabrizio Calanna, Sofia Casprini, Luis Colombo, Matteo Sacco, Lara Viscuso
montaggio musicale Marcello Gori
musiche Ennio Morricone, Nino Rota
produzione Sanpapié
in collaborazione con Caffeine – Incontri con la danza
spettacolo selezionato nell’ambito del progetto "Next – Laboratorio delle idee per la produzione e la distribuzione dello spettacolo dal vivo lombardo. Edizione 2020”

24 volte al secondo è la frequenza di cattura dei fotogrammi che permettono a una sequenza di immagini di fornire all’occhio umano l’illusione del movimento. Ma l’illusione non sarebbe completa se ad accompagnare le immagini non ci fossero i suoni e la musica.
Un omaggio ai compositori Nino Rota e Ennio Morricone, attraverso un montaggio serrato e non narrativo delle collaborazioni cinematografiche che hanno fatto nella loro carriera. La musica per il cinema, con loro, non è più stata semplice commento o sottofondo ma ha acquisito una vera e propria autonomia narrativa. In scena danzatori e attori insieme mescolano prosa, danza e azione teatrale. La musica non accompagna la coreografia in una narrazione unitaria ma ne fornisce le chiavi tematiche per un montaggio evocativo e dinamico dove l’astrazione della danza incontra e si fonde con atmosfere e personaggi di sequenze note.

    • Il 7 novembre 2022                                                                                             Danza
APPUNTI DALL’OCEANO
concept e coreografia Livia Bartolucci
interprete Livia Bartolucci
musica originale Samovar
visual artist Damiano Olivieri
sguardo esterno Prem Singh
produzione Compagnia Xe

Appunti dall’oceano nasce sulla Infinity Expedition, un veliero di 37 metri che solca mari e oceani di tutto il mondo dal 2004, finanziato da progetti a sostegno della conservazione del pianeta. È una barca che ciclicamente accoglie nuove persone a bordo, ognuna con una storia ed esperienza diverse. Appunti dall’oceano si compone di sette capitoli in cui il corpo si relaziona con sette differenti paesaggi acquatici.
Smagliature è la prima tappa del progetto, nasce dalle onde ostinate che confondono e disorientano. Il corpo perde i vecchi paradigmi e si abbandona alla vertigine di nuove coordinate. Il lavoro sul corpo, l'ambiente visivo e sonoro hanno origine dal testo. L'atmosfera avvolgente e ipnotica iniziale viene interrotta da un cortocircuito sensoriale che, come un'onda improvvisa, scardina l'equilibrio costruito fino a quel momento per poi concedere una totale libertà di abbandonarsi al presente. La performance consiste in una composizione in tempo reale di pattern di movimento e qualità corporee create in relazione agli elementi visivi e sonori.

    • L’8 novembre 2022                                                                                              Danza
NEGLI OCCHI, NEL CUORE                                                                          
Spettacolo di danza, teatrodanza indiano, pittura e disegno                     prima assoluta
danza Roberta Cavicchioli e Giuditta de Concini
pittura Anna Bocchi
partecipa in alcune parti Nandini Devi Unjare (11 anni)
foto-proiezione Angelo Redaelli
produzione Anabasi

Lo spettacolo nasce come una creazione di danza e teatrodanza dove all'interno si è creata una connessione con le suggestioni di paesaggi dell'India contemporanea, un mondo antico e moderno nello stesso tempo evocati dai gesti, dalle immagini, dai racconti narrati. Il linguaggio usato è quello della danza come ricerca espressiva unita al teatrodanza classico dell'India in particolare lo stile Bharatanatyam e Bharatanrtyam del sud dell'India riprodotti nelle sculture nei templi più antichi di Chidambaram, Tanjavur.
La pittura con i colori, i disegni, le tavole è intimamente collegata ai gesti e alle emozioni che scaturiscono dalla danza e dal linguaggio specifico teatrale.

    • Il 9 novembre 2022                                                                                             Danza
SOMMESSAMENTE CORRENDO
coreografia di Julie Ann Anzilotti
assistente alla coreografia Paola Bedoni
danzatori Mirko Donsanto, Andrea Filidei, Matteo Marongiu, Federico Rassu, Francesco Romagnoli, Eleonora Strobino, Sara Tencheni, Francesco Valli e con Julia Serbin, Yeva Sai
musiche Steven Brown, S. Sciarrino
scene Alice Capoani e Mattia Franco
luci Fulvio Michelazzi (AILD)
costumi Nunzia Lazzaro
produzione Compagnia Xe, Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi diretta da Tatiana Olear – Corso Accademico di I livello Universitario in Danza Contemporanea coordinato da Marinella Guatterini

Una pièce sulla speranza e sul desiderio di conoscere, sul non sentirsi apprezzati, sull’intrecciarsi di ritmi di indecisione, sul tendere verso l’alto in opposizione al basso, sull’amore che acquieta la paura, sulla gioia dello slancio. Punto di partenza intorno al quale ruota la ricerca, l’indagine compositiva e la scrittura di scena è la figura di Zaccheo, dal Vangelo di Luca, 19,1-10.

    • Il 10 e l’11 novembre 2022                                                                                 Danza
GAMELAN                                                                                                                  anteprima
progetto Chiara Verzola
coreografia e danza Fabrizio Calanna e Lara Viscuso
musiche Chiara Verzola
produzione VuotoPerPieno

Una visione, in un ambiente onirico; due figure, due esseri opposti, maschio femmina, due animali.
Dicono col corpo. Il suono dialoga con loro. Un rito di accoppiamento, un corteggiamento, un conflitto, scontro, come un rito antico la relazione dell'Io con l'altro, il diverso. Un moto perpetuo non uniforme che si snoda armoniosamente nelle epoche nei millenni in una confusione apparentemente insensata.

    • Il 12 novembre 2022                                                                                           Danza
TUTTO
danzatrici Valentina Citterio, Ersilia Toffaletti
coreografia Cristina Bucci
Compagnia Carnematta

Tutto è una danza dedicata alla ricerca di Dio.
Le due protagoniste portano in scena la propria identità pura, ripulita da maschere e convenzioni, e la liberano, assaporando la precarietà e la meravigliosa fragilità dell’essere umano. L’atmosfera intima di un incontro in cui ci si rispecchia nell’altro, si evolve nello svelamento delle proprie solitudini fino a trascenderle, nel trasporto di una danza frizzante e gioiosa. Il Deus absconditus rimane inafferrabile, ma presente, nel pieno quanto nel vuoto, nel niente quanto nel tutto.

New Classic

Dal 15 al 20 novembre 2022                                                                           New Classic
DUE OUTSIDER MITICI:                              

    • 15, 17, 18, 20 novembre
PASOLINI - IN UN FUTURO APRILE…                         
Reading sull’opera poetica di Pier Paolo Pasolini a 100 anni dalla nascita                      
con Alessandro Pazzi
progetto video Lorenzo Vergani
coproduzione PACTA . dei Teatri/PONTOSteatro

    • 16, 17, 19, 20 novembre
EZRA POUND – I CANTOS – Performance poetica in musica                prima assoluta
con Annig Raimondi
danzatore Samuele Gamba
percorso sensoriale Fulvio Michelazzi (AILD)
musiche originali Maurizio Pisati
costumi Nir Lagziel
produzione PACTA . dei Teatri

Due irregolari, due anticonvenzionali accomunati dalla scelta di mettersi in gioco in prima persona senza risparmiarsi. Quello fra Pasolini e Pound non è solo l'incontro fra due figure rivoluzionarie, sebbene idealmente antitetiche, è anche il confronto fra due poeti e fra due uomini legati da un rapporto di amore e odio, di pesanti eredità intellettuali, di conflitto e contatto.
50 anni fa scomparve Ezra Pound, poeta, saggista e traduttore statunitense. Fu una personalità molto controversa ma geniale. Avvicinò al modernismo uno dei più grandi autori del periodo, Thomas Stearns Eliot, che gli dedicherà la sua opera più famosa, La terra desolata, spettacolo cult di Annig Raimondi.
Cento anni fa nasceva un grande poeta del Novecento italiano: Pier Paolo Pasolini. Moravia lo definì “sacro”. Con Alessandro Pazzi, un Pasolini privato e pubblico si racconta attraverso l’acutezza della sua poesia; brandelli di vita che emergono, affondano e riemergono.

    • Le repliche saranno seguite da alcuni incontri di approfondimento con i protagonisti e i maggiori esperti delle tematiche suggerite dagli spettacoli: martedì 15 novembre, Pasolini e l’eros con Giuseppe Girgenti, filosofo, e venerdì 18 novembre, Mario Bianchi, critico teatrale, con una testimonianza video su Pasolini.

Dal 12 al 15 gennaio 2023                                                                                    New Classic
RICCARDO III. Invito a corte                                                                         prima milanese
da William Shakespeare
drammaturgia e regia Laura Angiulli
con Giovanni Battaglia, Alessandra D’Elia, Luciano Dell'Aglio
scena Rosario Squillace
luci Cesare Accetta
assistente alla regia Martina Gallo
responsabile tecnico Lucio Sabatino
produzione Teatro Stabile D’Innovazione Galleria Toledo

Un gobbo scellerato si aggira sulla scena, schernito dalla sua natura e dalla vita, traboccante di violenza e perversione. È Riccardo il malefico fool del repertorio shakespeariano, una vera e propria maschera per indagare le cause e gli effetti della sua incontrollabile sete di potere. La corsa per la corona regale si combina con un desiderio malato di vendetta e una smania a compiere ogni proposito peggiore: il potere tanto agognato si tradurrà in un gioco di massacri che esclude ogni possibilità di riflessione o redenzione.

Dal 17 al 22 gennaio 2023                                                                                    New Classic
FEDRAH o della Spietà dell’Amore                    
Variazioni attorno al mito e alle sue riscritture                                         prima milanese
elaborazione drammaturgica e regia Michele Di Mauro
con Giorgia Cerruti, Francesca Cassottana, Davide Giglio
orizzonti sonori Guglielmo Diana
scene e luci Lucio Diana
tecnico luci Marco Ferrero
immagini, suoni, parole e sinapsiche verticali Elvis Flanella
assistente alla regia Alessandro Persichella
realizzazione scenotecnica Maurizio Fo
organizzazione/produzione Angelo Pastore
segretaria di compagnia Emanuela Faiazza
produzione Piccola Compagnia della Magnolia
in coproduzione con Gli Scarti/FuoriLuogo, La Spezia
con il sostegno di Tap/Torino Arti Performative
con il supporto di Cap10100 in collaborazione con Istituto per i beni marionettistici e il Teatro Popolare - Marionette di Francesco Arini

Nel mito delle tragedie di Euripide, Fedra, moglie di Teseo, presa da folle amore per il figliastro Ippolito, casto seguace di Artemide, e da lui respinta, si uccide accusando Ippolito di aver tentato di sedurla, provocandone così la morte.
FEDRAH ha nel suo centro drammatico l’Amore come Inizio e Fine di tutto. E intorno a Esso, famiglie che si sgretolano, passioni che il destino gestisce e gli uomini non riescono a domare.
Oggi il mondo sembra refrattario al Sentimento, e quindi alla vita stessa, al futuro che verrà. Nella verità inattaccabile del Desiderio di Fedra è invece contenuta un’oggettività eccitante. Attraversare le innumerevoli riscritture di Fedra vuol forse dire “provare a farsi carico” del cuore emotivo del Mondo.

Dal 26 al 29 gennaio 2023                                                                                    New Classic
L’ORAZIO                                                                                                           prima assoluta
di Heiner Müller
regia Giovanni Battista Storti
con Gilberto Colla, Lorena Nocera, Giovanni Battista Storti
produzione Teatro Alkaest – PACTA . dei Teatri

Roma e Alba sono in guerra tra loro e, per evitare la carneficina di una battaglia tra eserciti, scelgono i propri rappresentanti affinché si affrontino in un duello mortale, alla fine del quale l’Orazio uccide il Curiazio e Roma sottomette la città rivale. Il Curiazio era fidanzato alla sorella dell’Orazio, e quest’ultimo, sdegnato dal pianto della giovane in lutto per l’amato, non esitò a ucciderla. La comunità affronta un dilemma difficilmente risolvibile: può un eroe, riconosciuto da tutti come lo strenuo difensore della libertà dei suoi concittadini, essere al contempo un assassino? Rivisitando il mito, il grande drammaturgo Heiner Müller restituisce in modo lucido e appassionato il dramma che ogni società si trova ad affrontare nel tentativo di affermare la Verità.

Dal 23 febbraio al 5 marzo 2023                                                                          New classic
VECCHI TEMPI
di Harold Pinter
nuova traduzione Alessandra Serra
regia Claudio Morganti
con Maria Eugenia D’Aquino, Riccardo Magherini, Annig Raimondi
spazio scenico e luci Fulvio Michelazzi (AILD)
costumi Nir Lagziel
assistenti regia Livia Castiglioni, Lorena Nocera
tecnici Eliel Ferreira de Sousa, Angelo Villano
produzione PACTA . dei Teatri
Inserito in Invito A Teatro

Due persone in un calmo e caldo interno borghese. Sono marito e moglie e parlano di una terza persona che verrà a trovarli. Si tratta di un’amica di gioventù della moglie che lei quasi non ricorda, dato il troppo tempo passato. Ma l’amica è già lì, nella stessa loro stanza e quando “tocca a lei” semplicemente entra tra i due rievocando il passato.
Parlano dei vecchi tempi andati, ma ciascuno dei tre ne fornisce versioni completamente diverse. I fatti ricordati slittano verso contorti e differenti immaginari, ma quanto il processo di distorsione della memoria è un fatto naturale e quanto invece è una strategia voluta?

ScienzaInScena

Dal 3 al 19 febbraio 2023                                                               ScienzaInScena Es-ATTO

Festival ScienzaInScena Es-ATTO
VI edizione

al PACTA Salone - via Ulisse Dini 7, Milano
al Civico Planetario di Milano “Ulrico Hoepli” - Corso Venezia 57, Milano
all’ Auditorium di Milano Fondazione Cariplo – Largo Gustav Mahler, Milano
alla sede di ALTAVIA/DistrEAT - Via Imperia 3, Milano

Prodotto da PACTA . dei Teatri, con la direzione artistica di Maria Eugenia D’Aquino.
Patrocinato da Politecnico di Milano, INAF - Istituto Nazionale di Astrofisica, CNR - Consiglio Nazionale delle Ricerche, Istituto di Scienze dell'Atmosfera e del Clima ISAC CNR, D.i.Re - Donne in Rete Contro la Violenza, Associazione Donne e scienza, LUD - Associazione per una Libera Università delle Donne, CREIS - Centro Ricerca Europea per l'Innovazione Sostenibile, Department of History University of California, Berkeley, Civico Planetario di Milano, Università di Camerino, Teatrino della Meraviglia di Trento, enciclopediadelledonne.it

Secondo Edgar Morin soltanto attraverso un’integrazione tra le diverse discipline è possibile la formazione di un pensiero complesso, necessario e imprescindibile nella nostra società, quella complessità che lui stesso mutuava dal significato elementare della parola latina complexus, “ciò che è tessuto insieme". Anche questa edizione del Festival ScienzaInScena, la sesta, esplora la complessità. Ritorna lo sguardo allo spazio, con lo stile leggero di Tony Marzolla; si consolida la tradizione di raccontare storie di scienziate che hanno lasciato tracce importanti nei loro ambiti, superando pregiudizi e stereotipi di generi, sia grazie allo spettacolo ospite La Forza Nascosta che con la produzione PACTA . dei Teatri Scienziate Visionarie, con cui viene celebrata la Giornata Internazionale Delle Donne della Scienza. Prende forma la storia di un uomo, in ELEA, il sogno interrotto di Mario Tchou che avrebbe fatto ‘volare’ l’Italia ai primi posti dell’innovazione tecnologica e l’infrangersi di un sogno, visti da una strana soggettiva: una tappa importante del filone Radici, che riunisce percorsi degli ultimi anni, rivelando ritratti originali a partire dalla vita di figure della Scienza, dell’Arte, della Moda che si sono distinte nei loro settori. Crescono le collaborazioni con le principali istituzioni scientifiche internazionali, a cui quest’anno si aggiunge il CNR. Una novità importante è poi l’introduzione della Musica, grazie all’ incontro con l’iniziativa, unica nel suo genere, della rassegna Musica & Scienza, curata da uno dei principali poli musicali di Milano, l’Orchestra Verdi. Non mancano gli appuntamenti per i più piccoli con ScienzaInScenaForKids e il momento cult al Civico Planetario con l’archeoastronomia.

    • Al PACTA Salone
Il 3 e il 4 febbraio 2023                                                       ScienzaInScena Es-ATTO
coSmic                                                                                            
di e con Tony Marzolla
regia Antonella Carone e Tony Marzolla
luci Giuseppe Pugliese
registrazione audio Piero Santoro
decorazione maschera Luigia Bressan
consulenza scientifica Elisa Nichelli (astrofisica) e Gianfranco Bertone (fisico)
produzione Carone&Marzolla con il patrocinio di INAF

Un viaggio nei misteri dell’universo tra cronache del passato, teorie presenti e fantasticherie di aspirazioni future. Uno spettacolo che semplifica la complessità "cosmica", rendendola appunto "comica", con la preziosa consulenza dell'astrofisica Elisa Nichelli e del fisico Gianfranco Bertone.
Con il patrocinio dell'I.N.A.F. (Istituto Nazionale di AstroFisica), e la concessione di un logo speciale per celebrare i 20 anni dalla fondazione dell'Istituto.

    • Ad ALTAVIA/DISTREAT
L’8 febbraio 2023 - ore 19.30                                             ScienzaInScena Es-ATTO
SALOTTO TEATRALSCIENTIFICO
con tutti i protagonisti dello spettacolo ELEA il sogno interrotto di Mario Tchou, accolti dal presidente di ALTAVIA e della Planet Life Economy Foundation, Paolo Mamo.
Sul modello dei salotti settecenteschi della scienziata benefattrice Maria Gaetana Agnesi si avvicendano le testimonianze di una grande storia.

Ingresso libero

    • Al PACTA Salone
Il 9 e il 10 febbraio 2023                                                  ScienzaInScena Es-ATTO
LA FORZA NASCOSTA. Scienziate nella Fisica e nella Storia    
ideato e promosso da Anna Ceresole, Nora De Marco, Simonetta Marcello, Nadia Pastrone ricercatrici della Sezione di Torino dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare e dell’Università di Torino, dall’esperta di Storia delle Donne Emiliana Losma, dall’esperta in innovazione tecnologica Rita Spada
drammaturgia Gabriella Bordin, Elena Ruzza
con Elena Ruzza, attrice, Fé Avouglan, soprano
regia Gabriella Bordin
musiche originali eseguite dal vivo Ale Bavo
contributo musicale parti cantate eseguite dal vivo Diego Mingolla
spazio scenico Adriana Zambon
registrazione voci Matteo Cantamessa
video Giuseppe Verdino e fotografia Anna Parisi
produzione INFN – Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (sezione Torino), Dipartimento di Fisica - Università degli Studi di Torino, Associazione Terra Terra Almateatro in collaborazione con Associazione CentroScienza Onlus, INRiM

L'opera, nata dall'interazione di un gruppo di ricercatrici fisiche, storiche e teatrali, celebra il contributo femminile alla Scienza e ne diffonde i molteplici valori. Lo spettacolo offre uno sguardo sulla Fisica del ‘900 attraverso gli occhi di quattro scienziate che ne sono state protagoniste non totalmente riconosciute: l’astronoma Vera Cooper Rubin, la fisica nucleare Marietta Blau e le studiose delle particelle elementari Chien-Shiung Wu e Milla Baldo Ceolin.

    • Al PACTA Salone
L’11 febbraio 2023                                                           ScienzaInScena Es-ATTO
                                Celebrazione della Giornata internazionale delle Donne della scienza
SCIENZIATE VISIONARIE - il mondo che vogliamo                                    prima assoluta
a cura di e con Cristina Mangia, fisica ambientale, ricercatrice CNR, Sabrina Presto, fisica, ricercatrice e divulgatrice al CNR, Sara Sesti, matematica ricercatrice in Storia della Scienza
elaborazione scenica, regia e interpretazione Maria Eugenia D’Aquino
produzione PACTA . dei Teatri
in collaborazione con D.i.Re - Donne in Rete Contro la Violenza, CNR – Consiglio Nazionale delle Ricerche, ISAC CNR, Associazione Donne e scienza, LUD - Associazione per una Libera Università delle Donne, CREIS - Centro Ricerca Europea per l'Innovazione Sostenibile  

E’ ormai una tradizione la formula di Maria Eugenia D’Aquino di rivelare sulla scena storie, testimonianze di Donne che hanno scolpito il cammino della Scienza e della Conoscenza, in collaborazione con le figure e le istituzioni più rappresentative nell’ambito dell’affermazione delle donne nel progresso scientifico. Quest’anno il palcoscenico di ScienzaInScena celebra l’importante ricorrenza istituita dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite nel 2015, portando alla ribalta due scienziate, Donella Meadows e Alice Hamilton, due figure chiave nella sostenibilità ambientale, nella salute e sicurezza nel mondo del lavoro.

La serata sarà introdotta da:
Diana De Marchi, Consigliera delegata al Lavoro e Politiche sociali della Città Metropolitana di Milano e Presidente Commissione Pari Opportunità e Diritti Civili Comune di Milano
Elena Grandi, Assessora ad Ambiente e Verde del Comune di Milano

    • All’Auditorium di Milano Fondazione Cariplo
Il 12 febbraio  2023 - ore 16.00                                         ScienzaInScena Es-ATTO
LA JUPITER                                                                            
Arnold Schönberg Verklärte Nacht (Notte Trasfigurata)
W. A. Mozart Sinfonia n.41 in Do maggiore K551 Jupiter
Orchestra Sinfonica di Milano
direttore Kolja Blacher
produzione Orchestra Sinfonica di Milano

Di fronte alla grandezza dell’universo l’uomo è infinitamente piccolo, così come di fronte alla grandiosità della musica. In questa edizione il Festival interroga l’intersezione tra Scienza e Musica nell’incontro con l’iniziativa, unica nel suo genere, della rassegna Musica & Scienza dell’Orchestra Sinfonica di Milano.

Biglietti acquistabili dal 1 settembre 2022 presso l’Auditorium di Milano e online su sinfonicadimilano.org e vivaticket.com

    • Al PACTA Salone
Il 15, il 16 , il 18 e il 19 febbraio 2023                             ScienzaInScena Es-ATTO
ELEA, il sogno interrotto di Mario Tchou                                                               uno studio
ideazione percorso Radici di Maria Eugenia d’Aquino, Livia Castiglioni, Alberto Oliva
drammaturgia Livia Castiglioni
con Maria Eugenia d’Aquino
regia Alberto Oliva
musiche originali Maurizio Pisati
disegno luci Manfredi Michelazzi - contributo scenografico Ernesto Jannini
consulenza storica e scientifica Massimo Mazzotti, Director Professor Department of History University of California, Berkeley e Renato Betti, matematico, testimonianze Paolo Mamo, nipote di Mario Tchou, AD Altavia e Presidente di Plef - Planet Life Economy Foundation
produzione PACTA . dei Teatri

In un tragico incidente stradale il 9 novembre 1961 si schiantò la via italiana alla Sylicon Valley. Sull’automobile diretta a Ivrea, quartier generale della Olivetti, viaggiava il trentottenne Mario Tchou, ingegnere visionario che custodiva il brevetto di un nuovissimo calcolatore che avrebbe proiettato l’Italia all’avanguardia nel mondo nella sperimentazione tecnologica sull’intelligenza artificiale. Ma tutto ebbe fine quella notte. Poco dopo, la divisione elettronica della Olivetti fu dismessa e nel 1964 fu ceduta all’americana General Electric e l’Italia perse per sempre il suo primato. Elea 9003 rimase il capolavoro della Olivetti guidata da Mario Tchou, che era a capo di un team di geniali ingegneri e collaboratori tutti sotto i trent’anni.  
Elea, insieme musa del pensiero e macchinario tecnologico, rivive sulla scena attraverso il racconto di un personaggio misterioso.
    • Le repliche saranno accompagnate da incontri di approfondimento con i protagonisti e i maggiori esperti delle tematiche suggerite dallo spettacolo.

    • Al Civico Planetario
Il 17 febbraio 2023 - ore 21.00                                          ScienzaInScena Es-ATTO
GIZA E LE STELLE CHE NON TRAMONTANO MAI
Tra antichi testi e spettacolari immagini, alla scoperta dell'aldilà celeste dei faraoni egizi
di e con Giulio Magli, archeoastronomo, direttore del Dipartimento di Matematica del Politecnico di Milano
letture a cura di Maria Eugenia D’Aquino
produzione PACTA . dei Teatri – Politecnico di Milano

Torna con una nuova edizione l’appuntamento cult sotto la volta celeste del Civico Planetario. Il modo in cui gli Egizi concepivano la vita ultraterrena dei faraoni era profondamente connesso ai cicli celesti e ciò è testimoniato dagli antichi testi e da alcuni monumenti orientati astronomicamente, come le Piramidi di Giza. Lo spettacolo propone un viaggio, affascinante ma scientificamente rigoroso, alla scoperta di alcune di queste testimonianze, utilizzando come chiave la giovane scienza chiamata Archeoastronomia.

Civico Planetario di Milano “Ulrico Hoepli”, Corso Venezia, 57: Biglietti in prevendita online al link http://booking.lofficina.eu/sito/ - in vendita in cassa c/o Civico Planetario Ulrico Hoepli di Milano c.so Venezia 57 – www.lofficina.eu – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Festival ScienzaInScena For Kids
La DittaGiocoFiaba presenta, all’interno del Festival presso il PACTA SALONE e all’interno della rassegna per ragazzi Parapiglia, il 5 febbraio, 20K LEGHE SOTTO I MARI e il 18 febbraio, Nina delle stelle.
DonneTeatroDiritti

Dall’8 marzo al 28 maggio 2023
DonneTeatroDiritti
XIV Edizione
Progetto di spettacoli e incontri sui diritti
Ideazione di Annig Raimondi
PACTA . dei Teatri in collaborazione con
Multiverso Teatro, Instabili Vaganti, Teatro Sguardo Oltre, ENECEDETE, Napoli Teatro Festival

Nato nel 2009, conta su diverse collaborazioni con enti e associazioni che hanno a cuore i diritti umani, con particolare attenzione alle categorie più vulnerabili. Ha avuto il sostegno di Fondazione Cariplo, Regione Lombardia e Commissione Pari Opportunità del Comune di Milano. Il progetto DonneTeatroDiritti è una rassegna e un percorso culturale di spettacoli, incontri, documentari video ed esposizioni con l'obiettivo di mettere in evidenza l'attualità del pensiero di figure punto di riferimento nella cultura dell'emancipazione e delle libertà, ma anche di ritrovare il filo rosso, dal mito a vicende contemporanee, lungo un percorso che parla di violenza e ingiustizia verso i più deboli, di diritto alla qualità della vita, di disuguaglianze sociali ed economiche, di dignità e diritti di popoli e individui. Per uno stimolo alla partecipazione diretta da parte delle persone ‘diverse’ o svantaggiate, è importante il fatto di istituire dei ‘campi di ricerca’ con la funzione di collettori contenenti le azioni necessarie perché si riconoscano soggetti protagonisti, di pari dignità e con possibilità di riscatto sociale e culturale.

L’8 marzo 2023                                                                                          DonneTeatroDiritti
PANDORA NON APRIRE QUEL VASO!                                                             prima milanese
tratto da Mitiche, La nuova frontiera, di Giulia Caminito
regia Michela Embrìaco
riduzione drammaturgica Benedetta Conte e Michela Embrìaco
con Benedetta Conte e Michela Embrìaco
scenografia e costumi Giusi Campisi
partitura luci Mariano De Tassis
musica originale Carlo Casillo
realizzazione costumi Antonella Vecchi
tecnico luci Luca Brun
produzione Multiverso Teatro
con il contributo di Fondazione Caritro e Provincia autonoma di Trento
con il patrocino di Comune di Trento

In un’atmosfera magica e misteriosa, le voci di Pandora, Penelope, Aracne, Arianna e Medea accompagnano lo spettatore “nelle storie di loro bambine, per mare, nei palazzi, nelle stanze più nascoste”. Pandora, la prima donna che Zeus regala agli uomini per punirli della colpa di Prometeo, non è solo colei che ha portato la sventura nel mondo, ma la ragazza che vuole conoscere e che riesce a trovare, sul fondo del peggiore dei vasi, un dono più prezioso dell’immortalità. Aracne, la giovane donna che con tracotanza sfidò la dea Atena e venne punita, altri non era che una fanciulla che aveva un talento in cui credeva.

Dal 14 al 19 marzo 2023                                                                           DonneTeatroDiritti
MADAME BOVARY
Costumi di provincia
di Gustave Flaubert
scrittura scenica e regia Annig Raimondi
con Annig Raimondi e Antonio Rosti
musiche originali Les violons d’Emma Maurizio Pisati
spazio scenico e disegno luci Fulvio Michelazzi (AILD)
elementi scenici Progetto Ri-costruzione ASST Lodi
installazione musicale Loris Mattia Siboni
costumi Nir Lagziel
assistenti alla regia Marianna Cossu e Maria Grosso
produzione PACTA . dei Teatri
Inserito nel catalogo Next 2022
Inserito in Invito A Teatro

Emma Rouault è diventata moglie di Charles Bovary, medico di provincia e vedovo da poco. Tutta presa da letture sentimentali, fatte in particolare durante la sua educazione in convento, sogna un’esistenza di passioni e avventure e rimane delusa dalla banalità quotidiana del matrimonio. Per l’insoddisfazione della moglie, Charles passa dal villaggio di Tostes a quello di Yonville. Qui si svolge il resto della vicenda e qui appaiono altri personaggi (Il farmacista Homais, l’esattore Binet, il mercante Lheureux, i due amanti...) che contribuiscono al precipitare di Emma in un abisso di debiti, tradimenti e ricatti, fino alla tragedia finale. Flaubert in Madame Bovary rende immortale la lotta tra l’ideale e il reale, tra l’infinito e il finito, tra ciò che vorremmo essere e ciò che effettivamente siamo.

Dal 23 al 26 marzo 2023                                                                           DonneTeatroDiritti
MADE IN ILVA                                                                                                  prima milanese
regia Anna Dora Dorno
con Nicola Pianzola
musiche originali Riccardo Nanni
canti originali e voce dal vivo Anna Dora Dorno
produzione Instabili Vaganti
supportato in residenza da Spazio OFF – Trento e PACTA . dei Teatri - Milano
Nomination al Total Theatre Awards - Fringe Festival di Edimburgo / Premio speciale della giuria al Festival FITIC – Romania / Premio Cassino Off per l’impegno civile nelle arti sceniche / Premio Landieri - teatro d’impegno civile / Miglior spettacolo straniero al 16° IIFUT – Iran / Premio della critica - Ermo Colle / II° Premio Museo Cervi / Selezione Visionari al Festival Kilowatt / OffX3 Teatro Spazio OFF

Un assolo in cui l’attore interpreta un operaio, archetipo del lavoratore contemporaneo, che agisce
ingabbiato in strutture metalliche compiendo azioni ripetitive e acrobatiche che lo portano all’alienazione. La drammaturgia intreccia testimonianze dei lavoratori dell’ILVA a frammenti poetici dell’opera di Luigi Di Ruscio e testi appositamente composti. Le musiche, i ritmi ossessivi, i canti originali, l’approccio fisico, poetico e di forte impatto visivo, fanno dello spettacolo un’opera d’arte totale, una critica universale al processo di brutalizzazione generato dal sistema di produzione contemporaneo.

Dal 28 al 2 aprile 2023                                                                              DonneTeatroDiritti
RAGAZZE DI VETRO                                                                                          prima assoluta
dal romanzo “La campana di vetro” e altri materiali di Sylvia Plath
adattamento di Maddalena Mazzocut-Mis e Sofia Pelczer
regia Sofia Pelczer
con Francesca Tripaldi, Federica Garavaglia e la voce di Sara Zanobbio
produzione Teatro Sguardo Oltre
Inserito in Invito A Teatro

Esther, vincitrice di un’importante borsa di studio, passa un mese a lottare con la depressione, cercando disperatamente di ritrovare la studentessa grintosa e di successo quale era. La svanita capacità di scrivere, di dormire e di interagire con le persone, la portano a ingoiare un flacone di sonniferi. Il suo corpo viene ritrovato inerte, ma vivo. Da qui ha inizio un lungo calvario tra ospedali, manicomi, privati e pubblici, terapie di elettroshock per aiutarla a ritrovare la voglia di vivere. Nella struttura che la ospita, a grande sorpresa, arriva la sua amica d’infanzia Joan. Anche lei ha tentato il suicidio. Tra il silenzio dell’apatia e la messinscena di una quotidianità fatta di cose banali, ma importanti, Esther e Joan consumano le tragedie delle loro vite.

Dal 4 al 6 aprile 2023                                                                                DonneTeatroDiritti
RAZZA SACRA – Pasolini e le sue donne                                                       prima milanese
un progetto teatrale di Mariano Lamberti e Riccardo Pechini
scritto da Riccardo Pechini in collaborazione con Mariano Lamberti
regia Mariano Lamberti
con Pasquale Di Filippo – Pasolini, Caterina Gramaglia - Laura Betti/Oriana Fallaci, Elena Arvigo – Maria Callas/Silvana Mangano
scene Giuliano Pannuti
costumi Valeria Ricca
musiche Andrea Albanese
coreografie Marco Angelilli
produzione Napoli Teatro Festival

Pasolini si risveglia in un luogo buio che ricorda sinistramente un carcere. All'interno della cella si palesa una figura femminile che lui non riconosce: Laura Betti che lo spinge a ricordare. Il superamento dell'amnesia fa parte di un percorso che Pierpaolo dovrà effettuare, procedendo per gradi fino allo svelamento di uno scioccante atto catartico da lui compiuto e rimosso.
Per celebrare il centenario della nascita di Pierpaolo Pasolini il progetto indaga il suo rapporto con le donne. La sua vita è stata accompagnata da donne di grandissimo spessore culturale e artistico. Donne legate a lui in maniera viscerale, travagliata, conflittuale o adorante, che Pier Paolo ripagava con un sentimento profondo, rivestendo le figure di padre, fratello maggiore e soprattutto figlio.

Dal 13 al 16 aprile 2023                                                                            DonneTeatroDiritti
1939. UNA VITA A DOMINO                                                                            prima milanese
di e con Alfredo Traversa
allestimento Immagini
costumi Arcade
musica di J Strauss jr.
produzione Associazione Culturale ENECEDETE

La storia di Domenico, pescatore, ha il culmine nell’anno del 1939. Deportato per non aver fatto il saluto fascista al podestà di Bari. Deportato ingiustamente a San Domino, un’isola della Puglia voluta dal Duce dove si rinchiudono gli omosessuali italiani. In quell’anno le vicende di Domenico si intrecciano con Aldo Moro che viene assunto all’Università di Bari, a Batman il fumetto americano che invaderà il mondo. Deportato sull’isola vivrà amicizie con altri italiani tutti omosessuali, provenienti da varie regioni d’Italia, districandosi tra i dialetti regionali tra situazioni drammatiche e comiche.

Dal 3 al 14 maggio 2023                                                                           DonneTeatroDiritti
LA MONACA DI MONZA alias SUOR VIRGINIA MARIA alias MARIANNA DE LEYVA
da Manzoni, Diderot, Stendhal e gli atti del Processo                                  prima assoluta
drammaturgia e regia Annig Raimondi
con Alessandro Pazzi e Annig Raimondi
musiche originali Maurizio Pisati
scenografia Isolde Michelazzi
disegno luci Manfredi Michelazzi
costumi Nir Lagziel
produzione PACTA . dei Teatri
Inserito in Invito A Teatro

L’interno di un convento, una grata immensa, un divisorio, un ostacolo per una storia d’amore. Qui è la Monaca di Monza, personaggio complesso, che riassume e rievoca molte caratteristiche dei diversi personaggi delle monache fra ‘600 e ’800, dalla cronaca scandalosa alla letteratura, da Enrichetta Caracciolo a La religieuse di Diderot, alle monache napoletane portate in luce da Stendhal. La monaca diventa emblema di un’opposizione ai compromessi e alla violenza della società, di uno spirito moderno in cerca d’identità e libertà, portavoce di una contestazione verso i poteri civili e politici.

Dal 19 al 28 maggio 2023                                                                         DonneTeatroDiritti
SHOCKING ELSA
ideazione di Maria Eugenia D’Aquino, Alberto Oliva, Ilaria Arosio
drammaturgia Livia Castiglioni
regia Alberto Oliva
con Maria Eugenia D’Aquino
voce off Riccardo Magherini
disegno luci Fulvio Michelazzi (AILD)
visual designer Filippo Rossi, Selene Sanua, Christian Bona - Galattico Studio
musiche originali “Ho creato vestiti con le stelle” Maurizio Pisati
costumi e accessori ideati da Angelica Megna, Adriana Cappellari e Gaia dell'Elba, IAAD Istituto di Arte Applicata e Design, corso di Storia del Costume e della Moda di Francesca Interlenghi, realizzati da Cristina Ongania e Mirella Salvischiani
parrucca e acconciatura Paride Parrucche Milano
costruzioni Eliel Ferreira
assistente alla regia Fabrizio Kofler
produzione PACTA . dei Teatri
Inserito in Invito A Teatro

Un’artista straordinaria della moda italiana, Elsa Schiaparelli. Un modello di donna indipendente, intraprendente, capace di sfidare il sistema in nome della sua creatività e delle sue intuizioni rivoluzionarie. La rivalità con Coco Chanel, la difficoltà di affermarsi in terra straniera, gli anni di resistenza durante la guerra: tutti questi episodi fanno della vita di Elsa un filtro per guardare il presente e trovare un punto di vista che suggerisce sempre una via d’uscita, un’occasione di rinascita. In scena Schiap, come amava farsi chiamare, col suo fare ironico e sferzante, apostrofa divertita l’invisibile presentatore di un improbabile quiz. Un set televisivo allestito per lei sola, unica concorrente in gara alle porte dell’aldilà, un passo prima dell’oblio dell’incoscienza. Per rispondere al quiz è costretta a indagare sé stessa e a non trascurare nessuna punta aguzza, anche quelle che graffiano e fanno male. È stata tante cose in vita: stilista, amante, inventrice, madre, ribelle, immigrata. Ma in quest’ultimo confronto, cosa scoprirà? Tra Parigi, Roma, Svizzera e Stati Uniti un viaggio rosa shocking, come il colore inventato da Schiap.

EVENTI
Al centro della stagione vengono presentati due nuovi eventi a cura di Patrizio Belloli:

    • Dal 16 al 18 dicembre 2022                                                                                Eventi
TRE GIORNI MICIDIALI
rassegna di Stand Up comedy                    

Una spietata tre giorni dove l'unico ingrediente a mancare sarà il pudore.
In gara molti e audaci comici si contendono il premio più ambito: la fama eterna.
Presentati ogni sera da un ospite diverso: Manuele Laghi, Giorgia Battocchio, Topazio Perlini.

La rassegna di tre giorni vuole dare spazio a un genere estremamente in voga, ma quasi sempre presente nei locali o in TV e molto poco a teatro.
La stand up comedy prevede che l'artista si esibisca senza la cosiddetta maschera teatrale e in interazione diretta con il pubblico, abbattendo completamente la quarta parete.
I contenuti e le modalità in cui vengono portati, spiazzano per mancanza di filtro e per audacia nell'esposizione: al centro sono frequentemente i taboo e in generale ciò che è ritenuto socialmente scomodo.
Il linguaggio adottato è corrosivo e certamente provocatorio, avendo l'obiettivo di ribaltare i punti di vista con cui ordinariamente vengono osservate le cose.
La rassegna prevede una sorta di competition tra i vari artisti, presenti con alcuni dei cosiddetti 'pezzi' (interventi brevi ma intensi) e per premio l'opportunità di andare in scena con uno spettacolo nell'edizione successiva della tregiorni.

    • Dal 18 al 20 aprile 2023                                                                                      Eventi
LA CRÈME DE LA CRÈME
Rassegna di giovani compagnie teatrali nate dalle scuole di teatro di Milano, per offrire l'occasione di trasformare un progetto teatrale in un'anteprima o in debutto più ufficiale sul territorio e di dare a esso visibilità.

Il 18 aprile 2023                                                                         
CORPORA
compagnia DEVIAZIONI
drammaturgia Eliana Rotella
regia Giulia Sangiorgio
organizzazione Chiara Donadoni

La vicinanza con la morte ha messo di fronte all’assenza di un vocabolario per affrontarla, sostituito dalla preghiera quotidiana di numeri e dati. La morte non ha un volto, solo un grafico. Non c’è più alcun rito che venga in soccorso a chi resta e a chi se ne va. Fatti, luoghi, personaggi e circostanze diverse si intrecciano nel punto di intersezione fatale per costituire un racconto unico. Storie di corpi nel tempo che precede la sparizione. Lo spazio si compone e ricompone grazie a pochi elementi, cinque bare bianche, simili quasi ad artefatti alieni precipitati.

Il 19 aprile 2023                                                                         
FUORI DAGLI SCHERMI
compagnia CATERPILLAR
di e con Ilaria Longo
drammaturgia Giulia Accatino e Ilaria Longo
aiuto regia Denise M. Brambillasca
produzione Compagnia Caterpillar
filmmaker Christian Palma
scene Gaia Carmagnani
locandina e grafiche
un ringraziamento speciale a Giovanni Accordino, Emanuele Arrigazzi, Enzo Curcurù, Veronica Longo, Costanza Noberasco, Alessandro Savarese, Lorenzo Marcelloni, Giulia Viana, Margò Volo e Campo Teatrale

Siri lavora per una famiglia molto connessa, passando con loro tantissimo tempo. Proprio per la sua efficienza Siri, l’assistente digitale più famosa al mondo vincerà il premio FUORI DAGLI SCHErMI: passare una giornata nella vita reale. Ma cosa succede se è lei a chiedere ai suoi utenti di passare del tempo insieme?

Il 20 aprile 2023                                                                         
LEI È QUESTA
compagnia COLLETTIVO LYNUS

Italia 1940. Ebe, figlia di un casaro emiliano, ama le lingue straniere e studia il tedesco da autodidatta. La politica fascista prima e l’invasione tedesca poi, travolgono la vita dei piccoli paesi, sconvolgono i ritmi del lavoro in campagna, fino a cambiare la vita dei singoli. Ebe verrà costretta a lavorare come traduttrice italiana in un campo di concentramento nazista. “Lei è questa!” è una storia d’amore tra due giovani, Ebe e Ivo, in lotta con una lontananza forzata.

pactaSOUNDzone 2023
da gennaio a maggio

“Di nuovo libera negli spazi teatrali dal vivo – spiega il curatore Maurizio Pisati -, pactaSOUNDzone chiede agli Artisti ospiti di reinventare la scena che troverà già montata sul palco (la stessa che il pubblico di PACTA . dei Teatri vede in prosa durante la settimana) in una nuova, alternativa, visionaria storia di suoni. pSz23”.

    • Voci dalla città
pactasoundzoneTeatrorchestra
con Maurizio Pisati, Tommaso Urselli, Fulvio Michelazzi (AILD)

Una PARTITURA di parole luci e suoni reinventa, attraverso una conduzione musicale, la scena TROVATA SUL PALCO. Quella scena, negli altri giorni raccontata con la sua prosa, nella nostra zona-lunedì si trasforma in un campo aperto di voci e oggetti sonori, rivelando al suo interno una città diversa.

    • Musisophical Life
Pietro Lio, tastiera

In che modo la musica ci parla di NOI stessi? Musicista e filosofo, ci pone domande, chiede ipotesi, propone risposte dalla sua tastiera. Tutto IN scena, immerso negli arredi, luci e ambiente della pièce che in quei giorni PACTA . dei Teatri propone al pubblico, ripercorrendo la stessa storia attraverso altre musiche e altre domande.

    • Sintetico-Oggettivo
Anna Balestrieri - Tommaso Michelini
Oggetti, elettronica

Un’opera di FUSIONE tra approcci distanti e complementari, diventa costruzione di un immaginario nuovo, che supera la somma degli addendi. DUE realtà sonore e visive in un processo SINTETICO dal vivo che trasforma l’apparente opposizione in un mutuo completamento. Due espressioni alternate e anche sovrapposte, la loro scomposizione e ricomposizione in un tutto organico.

    • Syntex ensamble

PARAPIGLIA TeatroInFamiglia
Rassegna di teatro per bambini e ragazzi
settima edizione 2022-2023
organizzata da PACTA . dei Teatri
in collaborazione con DittaGiocoFiaba

PARAPIGLIA TeatroInFamiglia non è solo una rassegna, ma un fantasioso luogo di incontro tra adulti e bambini, uno spazio di confronto per le famiglie, un piccolo motore culturale per vitalizzare e qualificare la periferia cittadina.

    • domenica 16 ottobre 2022 - ore 15.30                         Parapiglia TeatroInFamiglia
HÄNSEL E GRETEL
di Hans Christian Andersen
di Elena Colombo
regia Elena Colombo
consulenza artistica Susanna Groppello e Antonio Panella
disegno luci Andrea de Peppo
costume Laura Degli Innocenti
con Elena Colombo
produzione IntimInnesti Aps

Due bambini, fratello e sorella. Una mamma e un papà. Una casa profumata di pane e di legna.
Un bosco in cui giocare. Tutto quello che serve per essere felici. Ma arriva un tempo in cui la gioia lascia il posto alla fame, in cui la casa non è più un rifugio sicuro, un tempo in cui il bosco diventa buio e spaventoso. Hänsel e Gretel, una fiaba antica e potente, capace ancora oggi di affascinare, raccontata da un’attrice-narratrice che con la voce e con il corpo dà vita alle parole e ai personaggi della storia e mostra al pubblico la paura e il coraggio di affrontarla, la fame, l’abbandono, la perdita, la strada che è necessario percorrere per crescere e scoprirsi più forti di quel che si credeva.

    • sabato 22 ottobre 2022 - ore 15.30                              Parapiglia TeatroInFamiglia
LA BELLA E LA BESTIA
da uno studio su “La Bella e la Bestia” di Jeanne-Marie Leprince de Beaumont
con Arianna Rolandi
testo e regia Silvia Priori
musiche Robert Gorick
costumi Vittoria Papaleo
scene Teatro Blu
produzione Teatro Blu

Un mercante, padre di tre figlie, di ritorno da uno sfortunato viaggio d’affari si smarrisce nel bosco a causa di una bufera. Trova rifugio nel palazzo della Bestia, un essere metà uomo e metà belva. Qui cerca di rubare una rosa per mantenere la promessa fatta alla più piccola delle figlie, Bella, ma per questo suo gesto la Bestia lo minaccia di morte. L’unica possibilità di salvezza è che una delle sue figlie decida di vivere con questo mostro spaventoso nel castello. Sarà Bella ad accettare il sacrificio e a recarsi al palazzo. E quello che sembrava essere un destino segnato dalla sfortuna si trasformerà invece in un’insperata e inattesa fortuna. Uno spettacolo sul tema della diversità, proposta in modo delicato trasmettendo il forte messaggio di accettazione, conoscenza e crescita che nasce dall’incontro con chi è diverso da noi.

    • sabato 19 novembre 2022 - ore 15.30                         Parapiglia TeatroInFamiglia
LA CUCINA DI OTTO STRUDEL
di e con Giacomo Occhi
aiuto regia e assistenza tecnica Giovanni Spadaro
scenografia Giacomo Occhi, Livia Zangrandi, Barbara Livecchi
canzoni Giacomo Occhi
arrangiamenti Alberto Centofanti
produzione compagnia Giacomo Occhi

Otto Strudel, il cuoco tedesco più grande del mondo, presenta il suo menù speciale: dal toast gigante alla tagliatella lunghissima, dalle sue famosissime "caramelle alle stelle" al bretzel più grande del mondo. Il tutto servito con canzoni originali e l'ingrediente più importante di tutti: il coinvolgimento del pubblico e l'aiuto dei piccoli assistenti.
Riuscirà a non combinare disastri? Un musical tra pentole e fornelli, un ricco menù fatto di circo, magia, pupazzi, canzoni, teatro e un pizzico di follia.

    • domenica 27 novembre 2022 - ore 15.30                    Parapiglia TeatroInFamiglia
NATALE BABBO E LA BEFANA ARRABBIATA
con Emiliano Brioschi, Paola Galli, Vladimir Todisco Grande
regia Luca Ciancia
produzione DittaGiocoFiaba

Natale è alle porte e mentre tutti sono felici una sola persona si dispera e si arrabbia sempre più a mano a mano che si avvicina la vigilia... la Befana!
Si, perchè tutti amano Babbo Natale, tutti vogliono Babbo Natale e nessuno si cura di lei che arriva sempre per ultima, ha le scarpe tutte rotte, porta il carbone...
Basta, la Befana non ce la fa più e rifiuta di uscire di casa, anzi, di alzarsi dalla poltrona!
Saranno le due badanti russe di questa vecchietta un po' speciale a ingegnarsi per risolvere la situazione tra psicologi, gatti ammaestrati e un indaffaratissimo... Natale Babbo!

    • domenica 18 dicembre 2022 - ore 15.30                      Parapiglia TeatroInFamiglia
LA MUCCA, LA FANCIULLA E LA NOTTE DI NATALE
con Marzia Laini e Federico Lotteri
produzione Sorbo Selvatico

Un padre, una madre, tre figlie; le prime amate, l’ultima tenuta in scarsa considerazione. Vivono con poco, l’unica cosa preziosa una mucca dispensatrice di abbondante latte, simbolo di luminosa e fertile prosperità. Un giorno di inverno questa mucca scompare senza lasciare traccia… Dove sarà finita? Nell’antro di un’orchessa! Le tre sorelle, una per volta, partiranno alla sua ricerca. Solo la terza, usando rispetto e umiltà, dopo varie peripezie riuscirà a liberarla. Una fiaba dall’Islanda che racconta anche l’origine di alcune tradizioni natalizie.

    • domenica 22 gennaio 2023 - ore 15.30                        Parapiglia TeatroInFamiglia
FAVOLE AL JUKEBOX
Lettura interattiva delle “Favole al Telefono” di Gianni Rodari
con Alessandro Pazzi e Lorenzo Vergani
produzione PONTOSTeatro

Nel 1962 usciva uno dei libri più amati dai bambini: Favole al Telefono, dello scrittore e pedagogista Gianni Rodari. I sessant’anni dalla sua uscita sono l’occasione per rileggere alcuni dei racconti più divertenti. Saranno gli spettatori a scegliere cosa ascoltare, come si trovassero al cospetto di un jukebox che, al posto delle canzoni, presenta una selezione di brani.
    • domenica 29 gennaio 2023 - ore 15.30                        Parapiglia TeatroInFamiglia
L’ASINO D’ORO
liberamente ispirato alle Metamorfosi di Apuleio
scritto da Carlo Boso
regia Ruggero Caverni
con Francesco Arioli, Giulia Castelli, Ruggero Caverni, Stefano Gerace, Giulia Salis
musiche originali dal vivo Stefano Gerace
produzione Atelier Teatro

Lucio, ospite del ricco Milone e di sua moglie Pànfile, esperta di magia, riesce a conquistarsi i favori della servetta Fotide e la convince a farlo assistere di nascosto a una delle trasformazioni della padrona. Alla vista di Pànfile che, grazie a un unguento, si muta in gufo, Lucio prega Fotide che lo aiuti a sperimentare su di sé la metamorfosi. Fotide accetta, ma sbaglia unguento, e Lucio diventa asino, pur con facoltà raziocinanti umane. La curiosità di Lucio è sia la sua fortuna che quello che lo mette nei pasticci. Il pubblico vivrà insieme a lui la trasformazione in asino e la prigionia tra i briganti. Affronterà avventure e peripezie nel tentativo di farlo ritornare umano.

    • domenica 5 febbraio 2023 – ore 15.30                        Parapiglia TeatroInFamiglia
20K LEGHE SOTTO I MARI                                   ScienzaInScena Es-ATTO for Kids
testo Patrizio Belloli, Luca Ciancia , Paui Galli
liberamente tratto da “20.000 leghe sotto i mari” di Jules Verne
regia Luca Ciancia
con Elisa Baio, Giuseppe Guerrieri, Federico Pinna e Massimiliano Zanellati
scenografia Giuseppe Bresciani Fabbro
costumi e oggetti scenici Federica Ponissi
luci Mirko Lamperti
musiche originali composte ed eseguite da Sergio Parsons
art direction, video editing, motion 2D, comunicazione strategica Francesca Zurlo
produzione DittaGiocoFiaba

Un misterioso mostro marino semina il terrore negli oceani affondando tutte le navi che capitano sulla sua rotta. Per tentare di catturarlo viene organizzata una spedizione guidata dal giovane Aronnax, naturalista e scienziato. Jules Verne guida alla scoperta di un mondo sconosciuto, un pianeta azzurro ricco di misteri dove regna indisturbato il terribile capitano Nemo che ha giurato odio eterno all’umanità. Come nel finale del romanzo, Nemo è destinato a sprofondare negli abissi, lasciando irrisolti i suoi misteri e i tre ragazzi su una scialuppa a remi nel nulla dell’oceano saranno liberi di tracciare una rotta capace di rispondere davvero a ciò che sono e diventeranno.

    • sabato 18 febbraio - ore 15.30                                      Parapiglia TeatroInFamiglia
NINA DELLE STELLE                                              ScienzaInScena Es-ATTO for Kids
spettacolo di teatro ragazzi a tecnica mista di Filippo Tognazzo
con Anna Valerio
produzione Zelda Teatro

l pianeta di Nina e Bibi, un tempo verde, lussureggiante e pieno di vita, è ormai ridotto a un desolato deserto. La vorace Ponzia Panza, il folle inventore Tullio Sballio e l’ignorante Savio Sola hanno sterminato gli animali e le piante, distruggendo perfino le scuole. Per questo Nina si è messa in viaggio, alla ricerca di un pianeta bello quanto il suo, dove raccogliere, piante, animali e altre meraviglie per provare a ricostruirlo e ripopolarlo. Riusciranno i bambini ad aiutare Nina nel suo intento? Una delicata favola moderna sul legame indissolubile fra uomo, Natura, istruzione e diritti.

    • sabato 11 marzo 2023 - ore 15.30                                Parapiglia TeatroInFamiglia
FIORISCONO PAROLE
uno spettacolo musicale di e con Debora Mancini e Daniele Longo
da un racconto originale di Enrico Ernst
regia Debora Mancini
musica e canzoni originali Daniele Longo
scenografia Marta Fumagalli e Riccardo Pirovano
luci Nicolò Barbonese
foto di scena Francesco Moretti
produzione Realtà Debora Mancini

Curando il proprio giardino, Memorina - la protagonista che ama leggere e suonare - raccoglie dei semi sonori che arrivano alle sue orecchie in modo inaspettato e spontaneo. Decide così di seminarli e curarli, innaffiandoli, invitando il sole a coccolarli e cantando loro filastrocche. La fioritura sarà una speciale sorpresa di note e parole. La sua meraviglia si trasforma in gioia ed entusiasmo e ha inizio il gioco da condividere col pubblico: declamare una poesia, cantare una canzone, inventare una storia.

    • domenica 19 marzo 2023 - ore 15.30                           Parapiglia TeatroInFamiglia
STO MORTO MEGLIO. Ridere o morire
di e con Alessandro Manfredi, Federico Pinna, Francesca Pinna, Giovanni Spadaro Norella
produzione Il Sugo Teatro

Quattro clown giocano a fare quello che hanno sempre sognato, ma niente va come dovrebbe andare. Tra litigi, amori e disastri acrobatici, il loro tentativo di diventare quello che non sono li porterà a inciampare in avventure catastrofiche. Con tanta difficoltà, a ogni costo, non lasceranno che le cose vadano storte.

INFORMAZIONI
biglietti €7 per tutti
prenotazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o tel 02.36503740
orario spettacoli: 15.30 – età dai 4 anni in su
www.pacta.org

PACTA Salone come luogo d’arte

    • MOSTRE al CUBO
“Colore”
Un cubo bianco al centro del Foyer del PACTA SALONE, una struttura per accompagnare il pubblico allo spettacolo con fotografia, pittura, grafica, poesia, luce, video.

“Quest’anno il tema principale – spiega il curatore Fulvio Michelazzi (AILD) - è il COLORE. Usciamo da un periodo di pandemia che ci ha visto rinchiudere. Mostre al cubo vuole affacciarsi, sul colore, sui colori della vita, su come noi viviamo. A volte le nostre vite possono essere solo in bianco e nero… ma il discorso si apre ora sull’identità, la conoscenza e l’idea che un individuo ha di se stesso, che lo rende distinguibile dagli altri e si esprime attraverso i colori che proiettano quello che noi siamo. Il colore fa parte di noi e ci distingue”.

Le Mostre si accompagnano agli spettacoli e lasciano dialogare tra loro le diverse arti visive, una intersezione tra i linguaggi dell’arte, una presenza fissa per l’intera stagione, con: Mario Giavino, Alle Bonicalzi, Gaetano Fiore, Francesca Lolli, Francesca Invernizzi, Pierluigi Cattani, Laszlo Ctrvlich/Fulvio Michelazzi (AILD), Collettivo M.omentaneamente N.on D.isponibile.

Come apertura del ciclo di mostre 2022, mercoledì 14 settembre alle ore 20.45 con ingresso libero si svolgerà una SERATA INCONTRO con video legata alla Mostra RETROSPETTIVA, sulla disabilità mentale e la creatività.
Interverranno il Dott. Giancarlo Cerveri, primario dell'ASST di Lodi, Maurizio Isolani di UROBURO di Monza, Massimo Caiazzo di IACC Italia e i registi dei video, Giovanna Volpi e Claudio Zucchellini.
Le proiezioni video degli operatori di associazioni impegnate nel campo dell’inclusione sociale saranno: “The other truth" di Giovanna Volpi e “Portami su quello che canta”, storia di un libro guerriero di Claudio Zucchellini. In contemporanea si potrà visitare la Mostra RETROSPETTIVA con le opere realizzate dai pazienti del progetto Ri-Costruzione della ASST di Lodi per numerosi spettacoli di PACTA.

    • Il PACTA SALONE è anche luogo d’arte perché ospita: l’installazione fissa “Dionysus' place”, un'opera site-specific dell’artista Ernesto Jannini; un murales dedicato a Franca Viola, la prima donna che si oppose al “matrimonio riparatore”, a opera di Nabla and Zibe, giovani writers a livello internazionale, dipinto sul muro all’ingresso del cortile d’accesso del teatro.

ATTIVITÀ PER LA CITTÀ
Didattica, formazione e socialità

    • MASTER DI REGIA - Certificazione UE e Regione Lombardia, per fornire competenze artistiche, tecniche e metodologiche per la realizzazione di spettacoli dal vivo, organizzato in collaborazione con Teatro Oscar DanzaTeatro e coordinato da Annig Raimondi e Daniela
Monico.

    • Laboratori teatrali con istituti scolastici del territorio, finanzianti dal Progetto LAIV di Fondazione Cariplo, English On Stage, Sulle tracce di Donne di Scienza, Shocking Elsa sulla vita di Elsa Schiaparelli, a cura di Maria Eugenia D’Aquino. Laboratori di scrittura creativa e linguaggi performativi per studenti e studentesse, per rivelare argomenti scientifici e raccontare importanti figure del mondo scientifico in collaborazione con l’Università di Bologna, l’Università di Camerino, l’Università di Salerno, a cura di Maria Eugenia D’Aquino.

    • Dal 28 settembre al 2 ottobre 2022, il laboratorio teatrale “Questioni di famiglia” ispirato a Antonio e Cleopatra di William Shakespeare, con Andrea Collavino, Filippo Gessi e Teresa Timpano, organizzato da Scena Nuda e PACTA . dei Teatri e co-finanziato dal MIC. Un Percorso laboratoriale drammaturgico e teatrale con spettacolo interattivo.

    • L’immancabile appuntamento TeatroInMatematica, originale iniziativa di PACTA . dei Teatri, nata nel 2002 da una felice intuizione di Maria Eugenia D’Aquino, attrice e direttrice artistica del progetto, e dedicata alle scuole, torna quest’anno e si svolgerà al PACTA SALONE, il 28, il 29 e il 30 novembre 2022: la traduzione di concetti matematici, apparentemente astrusi, in personaggi e trame avvincenti. In cartellone tre titoli scelti tra i più significativi e popolari in repertorio. Al termine degli spettacoli i protagonisti e i consulenti scientifici accoglieranno domande e commenti da parte degli spettatori.

    • PACTA . dei Teatri partecipa a iniziative per il quartiere e per la città tra cui, la Rete SEMiNA, la prima rete del territorio che unisce Cultura, Natura, Ambiente, Agricoltura, Inclusione sociale, a cui le istituzioni locali, hanno assegnato un’area in uno dei polmoni verdi della città, il Parco Agricolo Urbano del Ticinello, attiguo al PACTA Salone. Oltre a PACTA, i partner della Rete sono: l’Associazione Comitato per il Parco Ticinello ETS-ODV capofila, che rappresenta il patrimonio agricolo, storico, culturale del Parco; FaunaViva che tutela e valorizza la natura e l’ambiente attraverso la ricerca naturalistica ed ecologica e attività didattica e divulgativa; l’Impronta che si occupa di attività socio-sanitarie e di inserimento lavorativo rivolte alle persone più fragili e con disabilità; la Dea Cooperativa Sociale che gestisce iniziative rivolte ai bambini; Progetto Persona che offre servizi di natura educativa, socio-sanitaria, assistenziale e formativa e gestione di aree verdi. Per la stagione 2022/2023 sono presenti periodici appuntamenti in occasione delle principali ricorrenze legate alla Natura e all’Ambiente, performances, incontri, passeggiate teatrali, happening e laboratori.

INFORMAZIONI GENERALI

Dove siamo: PACTA SALONE via Ulisse Dini 7, 20142 Milano
MM2 P.zza Abbiategrasso-Chiesa Rossa, tram 3 e 15, autobus 65, 79 e 230

Per informazioni: www.pacta.org - tel. 0236503740 - mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Orari spettacoli: da martedì a sabato ore 20.45 | giovedì ore 19.00 (se giorno di debutto, ore 20.45) | domenica ore 17.30 - lunedì riposo eccetto i lunedì di pactaSOUNDzone e altri programmati alle 20.45 – VERIFICARE SUL SITO GLI ORARI

Orari biglietteria: via Ulisse Dini 7, 20142 Milano
dal lun al ven dalle ore 12.00 alle ore 15.00 e dalle ore 17.00 alle ore 19.00 | nei giorni di programmazione, 1h prima dell’inizio dello spettacolo

Acquisto biglietti: www.pacta.org e Circuito Vivaticket (online, telefonicamente e nelle prevendite fisiche)

Prezzi biglietti: Intero €24 | Rid. Convenzioni, CRAL e gruppi (min. 10 persone) €16 | Under 25/over 60 €12 | gruppi scuola €9 | per gli spettacoli della rassegna pactaSOUNDzone intero €10 - ridotto €6 | per gli spettacoli della rassegna DANZA – APRIAMO LE GABBIE intero €16 | per gli spettacoli della rassegna PARAPIGLIA biglietti €7 per tutti
SPETTACOLO + APERITIVO (drink e stuzzicherie) presso Majuda, via dei Missaglia 13, Milano (lun-sab h 7-21): 19€

ABBONAMENTI: AMICI DI PACTA 6 ingressi €66 – IL SALONE (4 spettacoli) €40 - CARTA TANDEM 2 ingressi a 2 spettacoli €38 – CARTA FAMIGLIA (minimo 3 persone) €24 – SCIENZAINSCENA (ingresso a tutti gli eventi) €30 – pactaSOUNDzone classico €24, sostenitore €40

PACTA . dei Teatri - LO STAFF

PACTA . dei Teatri
Annig Raimondi, Maria Eugenia D'Aquino, Fulvio Michelazzi (AILD), Riccardo Magherini, Maurizio Pisati
SEGRETERIA ORGANIZZATIVA Sara Abdelall
PROMOZIONE COMUNICAZIONE Viola Venegoni
UFFICIO SCUOLE Elisabetta Miracoli
UFFICIO STAMPA Giulia Colombo
AMMINISTRAZIONE Gianluca Anselmi, Matteo Zagaria
GRAFICA Antonella Raimondi
TECNICI E COSTRUTTORI Eliel Ferreira de Sousa, Manfredi Michelazzi, Giacomo Gualano
COLLABORATORI Patrizio Belloli, Francesco Creati

COMITATO D'ONORE
Ileana Alesso, Mila Barletta, Renato Betti, Carla Biasca, Nunzia Bonanno, Andrea Bonessa, Amneris Bonvicini, Giuseppe Cavajoni, Anna Clerici, Gianni Clocchiatti, Carla e Giorgio D’Aquino, Fanny Di Salle, Giulia Farina, Franco Galli, Fiorella Gasparro, Sandro Gorli, Rita Grandori, Elisa e Giuseppe Grandori, Bernardo Lanzetti, Valeria Mazzoletti, Mirko Menconi, Serena Mignani, Cristiana Minoletti, Marilde Motta, Paolo Pototschnig, Antonella Raimondi, Elisabetta Raimondi, Susanna Raimondi, Valentina Raimondi, Elena Rota, Gianluca Roveraro, Chiara Vaccarino, Anna Vedda, Daniele Zannoni

PARTNER
CETEC Dentro/Fuori San Vittore, SCENAPERTA ALTOMILANESE TEATRI, DITTA GIOCO FIABA, IACC Italia, EFFEDIESSE – POLITECNICO DI MILANO, ZONEmauriziopisatimusica, INAF – OSSERVATORIO ASTRONOMICO DI BRERA – MILAN, SOCCORSO ROSA, PONTOS-Teatro, BigBox, Altremusiche, NoMus, DivertimentoEnsamble, Radio Marconi, Ritmo&Blu, Entropie, Ass. Comitato Parco del Ticinello, La Dea Coop.Sociale, Progetto Persona, L’Impronta, FaunaViva, NaPa, Teatro Alkaest, AM Partners, Centro Teatrale Bresciano

SPONSOR TECNICI
Ivan Foglino (MUSIQUARIUM), Danilo Marcenaro, Gianna Nervi (MUSIQUARIUM), Michael Stiller (M.I.E.), Mario Donadio, IDEO

Stampa Email