• Home
  • Segnalazioni
  • Libri
  • Tovaglia a quadri di Andrea Merendelli e Paolo Pennacchini

I libri del mese

Tovaglia a quadri di Andrea Merendelli e Paolo Pennacchini

Tovaglia a quadri
di Andrea Merendelli e Paolo Pennacchini
Busatti 2009
pagg. 547 € 30,00

C'è nell'alta valle Tiberina, al confine tra la Toscana e l'Umbria, una cittadina il cui nome è associato meccanicamente ad una battaglia di cui non si conosce neanche il perchè, ma che da il titolo ad un celebre dipinto di Leonardo da Vinci. Tuttavia Anghiari, naturalmente, non è soltanto questo. Tovaglia a quadri è il nome della originale manifestazione estiva che si svolge, ogni estate ormai da tredici anni, al "Poggiolino" piazzetta lunga e stretta che si trova nel cuore del borgo antico di Anghiari. Si tratta sicuramente di un evento teatrale poichè per una sera gli anghiaresi si ritrovano tutti insieme a tavola per gustare la cucina tradizionale ed assistere ad una rappresentazione, tra le varie portate, animata dagli stessi cittadini. Si tratta di drammaturgie forse un po' naif, ma che hanno il grande merito di rievocare memorie vicine e lontane, piccole e grandi, della storia del paese. Il lavoro di ricerca dei due autori, Merendelli e Pennacchini, che organizzano ogni anno con la collaborazione di tanti anghiaresi la rappresentazione in piazza, è soprattutto diretto allo studio delle cronache locali, affiancato dai ricordi o dalle testimonianze dirette dei cittadini. E sono gli stessi cittadini, non dunque attori professionisti, a recitare tra i commensali della lunga tavolata. Il bellissimo volume pubblicato per raccogliere i tredici testi che sono stati rappresentati in tutte le edizioni fin qui svolte (manca l'ultima tenutasi lo scorso agosto) vuole essere un documento, prima di tutto, delle storie raccontate, che costituiscono come detto un pezzo di storia della città, ed in secondo luogo della manifestazione, che è diventata ormai una tradizione importante che merita di essere conosciuta oltre i confini dell'Alta valle tiberina. E non nascondo che la lettura della pubblicazione stuzzica la curiosità e la voglia perlomeno di andare a vedere il borgo antico della città.

Stampa Email

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna