• Home
  • Risorse
  • Recensioni

Recensioni

Drammaturgia contemporanea in scena                                                             

Cerca una recensione

Farinelli e il Re

Il Teatro Stabile di Catana ha presentato nell’elegante e fastosa cornice del Salone Bellini di Palazzo degli Elefanti di Catania lo spettacolo “Farinelli e il  Re”, diretto da Fabio Grossi, testo inglese della drammaturga Claire van Kampem, tradotto da Monica Capuani. Si tratta in realtà, in una ambientazione suggestiva come quella del Salone Bellini, più che di una pièce teatrale, di un concerto-studio che anticipa di fatto la nuova produzione che è in lavorazione da parte del regista ed ideatore dell’evento Fabio Grossi e che sarà prodotta dallo Stabile etneo per l’attore catanese Leo Gullotta e rappresentata nei maggiori teatri italiani nella stagione 2018/2019. Il lavoro, ispirato all’incontro tra Filippo V di Spagna e il notissimo cantante barocco Carlo Broschi, è stato rappresentato dal regista Fabio Grossi in un sorta di reading open space, con tanto di scena e costumi. “Farinelli e il Re” è un’opera drammatica che prende spunto da fatti realmente accaduti ed è ambientata in Spagna nell’arco

Email

Poker

È una drammaturgia tutta al maschile questa che Francesco Montanari e la compagnia GANK vanno presentando in giro per l’Italia, prima prova (è del 1995) dell’inglese Patrick Marber, regista del National Theater di Londra, diventato assai famoso con il successivo CLOSER cui discendono trascrizioni cinematografiche e televisive. È come se ci fosse, in questa narrazione scenica, un mondo di sopra (il ristorante, il proprietario, i dipendenti e il loro rapportarsi a realtà esistenziali e personali complesse e spesso difficili) e un mondo di sotto (la settimanale partita a poker) in cui quelle stesse relazioni decantano trovando una loro sincerità attraverso una sorta di elaborazione psichica. È tutto esplicito nella capacità di raccontare che è propria della drammaturgia anglosassone, così votata alla sceneggiatura, ma insieme questa capacità di racconto coerente e quasi realistico trascina con sapienza una realtà interiore che è specchio anche delle contraddizioni sociali che la percorrono e la

Email

DuePenelopeUlisse

Pino Carbone, regista e autore di questo spettacolo, insieme alla firma femminile di Anna Carla Broegg, quest'ultima nei panni di Penelope, colora i suoi prodotti artistici  con una forte vena di ironia e di irriverenza. Anche in questo caso le due figure cardine della letteratura greca piombano in una dimensione metateatrale inusuale, che li pone l' uno di fronte all'altra, in confessione con il regista, ma anche con lo stesso pubblico. Insomma, non aspettate di riconoscere il racconto omerico nelle sue fattezze classiche, ma  il famoso poema - che all' interno di questo spettacolo è ripetutamente definito "romanzo"- ,  costringe i due protagonisti dell' Odissea ad un confronto serrato sulla scena, la prima notte, dopo l'atteso ritorno di Ulisse. Carbone parte sicuramente dalla fonte letteraria e arriva alla citazione dell'allestimento/performance della famosa Marina Abramovic, ricordando il momento in cui il compagno, che l'artista internazionale non vedeva da trent' anni, è improvvisamente

Email

Fellini radioshow

È il primo dei “3 TRAVESTIMENTI”, e l’eco sanguinetiana non è ovviamente una casualità, che Alberto Gozzi ha scritto e sta dirigendo al teatro Astra di Torino in apertura della nuova stagione di TPE Teatro Piemonte Europa. Di Federico Fellini qui si presenta in scena la parola, scritta o disegnata, quando ancora l’immagine cinematografica non era stata concepita ma si nascondeva in attesa di schiudersi nel nido fecondo di una visione del mondo ironico ma non grottesco, in cui quel particolare onirismo che appunto nasce dal racconto forniva una prima sintassi ancorata al suono. Quel nido era stato costruito infatti nel mondo della radio, che Alberto Gozzi ben conosce per averlo frequentato a lungo, quell’EIAR degli anni 40 che offriva un riparo occasionale alle tragedie e alle angosce

Email

Comunismo addio?

Nell'affascinante sala del Teatro di Documenti di Roma ho assistito a questo spettacolo scritto e diretto da Stefania Porrino. Il testo è stato scitto una decina di anni fa e premiato nel concorso Donne a teatro. Non conosco personalmente l'autrice ma penso che lo spunto del lavoro sia fedelmente autobiografico, tanto nei fatti rievocati dalla protagonista in scena, quanto dalla riflessione che ne scaturisce e che in qualche modo da il titolo al testo. Lo spettacolo alterna tre piani narrativi. Il primo, qui ed ora e dunque teatrale in senso stretto, è rappresentato da due uomini e una donna di mezza età che tra chiacchiere futili e qualche battuta tentano di vivere alla meglio la crociera che li porta, lungo il fiume Dniepr e poi sul Mar Nero, a visitare le città e i siti storici in Ucraina. Il secondo piano narrativo vede protagonista la guida della crociera, una donna di origine tartara che si abbandona a soliloqui raccontandoci, attraverso la sua esperienza diretta, la persecuzione che Stalin perpetrò nei

Email

L'ora di ricevimento

La scuola è da sempre il polo di attrazione di riflessioni sull’umano e sulla società. Al Franco Parenti di Milano fino al 29 ottobre (via Pier Lombardo, 14), Stefano Massini immagina una banlieu parigina e un prof di Lettere alle prese con una cinica rassegnazione verso il mondo multiculturale e talvolta sottosopra che lo circonda. L’ora di ricevimento dei genitori è il binocolo con cui si osserva la realtà, un momento in cui il prof Ardeche (un ispiratissimo Fabrizio Bentivoglio) incontra famiglie sgangherate, idiosincrasie e paradossi della moderna società. Un mondo in cui il professore non è l’autorità indiscussa a meno che non colga ragioni per rendersi autorevole agli occhi altrui; un mondo in cui il prosaico e il pragmatico paiono cannibalizzare le idealità di una professione e di una relazione – quella educativa – che tanto immaginario ci ha consegnato come archetipica e radice della realizzazione personale. Quello spazio temporale diventa la metafora del mondo reale dove ognuno recita il

Email