• Home
  • Risorse
  • Articoli e interviste

Articoli e interviste

I sacchi di sabbia

Il teatro popolare e la commedia dell’arte escono dai sacchi della memoria e riprendono vita e forma nella poetica scenica dei SACCHI DI SABBIA. La compagnia nata a Pisa nel 1995, si è distinta sul piano nazionale, ricevendo importanti riconoscimenti per la ricerca improntata nella reinvenzione di una scena popolare contemporanea. Si oscilla tra comico e tragico, dando vita ad un linguaggio contaminato fatto di arti visive, danza, musica, tutto in luoghi performativi inconsueti, e sempre con uno sguardo vivo e attento al territorio. Approdano a Milano al teatro Gerolamo, teatro storico recentemente restituito al pubblico in tutta la sua bellezza. Quattro spettacoli in tre giorni e una mostra: SSSHHH… I POP-UP TEATRALI. In cui è possibile ammirare i loro libri scenici. Si comincia con I 4 MOSCHETTIERI IN AMERICA - Radiodramma animato dapprima realizzato per Radio 3 all’interno del progetto Radio Days di Santarcangelo ed ora realizzato in forma di spettacolo per i bambini,

Email

Romeo e Giulietta al bar

Nella contemporaneità interattiva, che viaggia in rete e pur sapendo tutto di tutti praticamente non si conosce, anche la ricerca teatrale si trasforma ed il gruppo di ricerca che animava gli ormai lontani anni 70 diventa una start up culturale il cui progetto, meglio, la cui mission è riportare il teatro e la letteratura dove si sono perdute e a quelli che sembrano, forse più per colpa del teatro che loro, averle perdute. Questo è “Tournée da Bar”, anzi #tournéedabar, una impresa culturale che da qualche tempo si insinua, si infiltra quasi clandestinamente nei cosiddetti luoghi della aggregazione giovanile, ma non solo, si getta nelle onde della movida metropolitana per portare “dove meno te lo aspetti” il teatro ed i suo classici, a partire dall’indefettibile Bardo. Ma quello che più sorprende è che questo infiltrarsi in luoghi inaspettati e questo insinuarsi in menti solo all’apparenza ad altro votate e

Email

Margot Galante Garrone

Abbiamo scelto di parlare oggi, a più di un mese dalla sua morte, di Margot Galante Garrone non solo perché con l’autunno la rivista ritrova gran parte dei suoi lettori ma anche, e forse soprattutto, perché l’omaggio ad una vita intensa e ricca di arte come la sua non fosse solo frutto di una, triste, occasionalità. Un po’ di distanza è sempre utile, infatti, per mettere meglio a fuoco un percorso esistenziale che ha, incastonato nella passione per la musica colta e popolare, il gioiello di una esperienza teatrale (“Il Gran Teatrino. La fede delle femmine”) forse poco nota e certamente sottovalutata. Nata in una famiglia di intellettuali tra le più note d’Italia, si avvia alla musica e con Michele Straniero, Fausto Amodei e

Email

Fitfestival

LAC Lugano, una suggestiva struttura architettonica che si affaccia su una grande piazza e oltre la piazza il lago e oltre il lago i monti e chissà... Arriviamo a Lugano verso il tramonto ci accompagna Renata Viola (ufficio stampa) una giovane donna: tutto un sorriso, un’armonia. È bello parlare anche di chi, da dietro le quinte gestisce la difficile e articolata macchina di un festival internazionale, soprattutto per l’argomento trattato: la bellezza. «Viviamo in un mondo che assomiglia sempre più all’inferno. Noi, cittadini non alla ricerca di un paradiso perduto, ma uomini che tentano di ricostruire il presente.» Con queste significative parole Paola Tripoli, direttrice artistica dell’evento, presenta la ventiseiesima edizione del Festival. C’è bisogno di uno sguardo diverso che tenga conto della bellezza, che sia in grado di ricomporre le fratture fra pubblico privato, un nuovo

Email

Tramedautore 2017

Ormai è un appuntamento fisso per i milanesi e non solo. Tramedautore è il Festival Internazionale delle Drammaturgie (fino al 23 settembre 2017), una carrellata di proposte drammaturgiche contemporanee provenienti dall’Italia e quest’anno anche da Belgio, Gran Bretagna, Olanda, Svezia per 11 spettacoli, varie performance, concerti e intrattenimenti svariati. Cornice di tutto ciò è il Piccolo Teatro Grassi di Milano nella sua sede storica di via Ravello 2, in pieno centro, con il bellissimo chiostro di Palazzo Carmagnola a fare da cornice a incontri, eventi, happy hour e tanta socialità. In fondo i festival sono questo, una vetrina importante su cosa si muove nelle penne di drammaturghi europei ma anche la voglia di vedersi, incontrarsi, confrontarsi. L’edizione 2017 di Tramedautore, per la direzione di Benedetto Sicca, racconta le fragilità della nostra epoca, affidando l’inaugurazione a

Email

Intervista a Ilenia Veronica Raimo

Intitolata al Presidente che nel secondo dopoguerra ha ricostruito il teatro Filodrammatici di Milano e dato nuova vita all'Accademia dei Filodrammatici, la borsa di lavoro “Alfonso Marietti” vuole premiare la creatività e l'intraprendenza degli ex allievi più giovani. La borsa ha cadenza biennale e viene messa in palio per spettacoli realizzati dai diplomati dei due ultimi corsi accademici. Il premio consiste in un contributo da un minimo di 500€ a un massimo di 6000€ che viene assegnato a non più di tre produzioni. I vincitori sono scelti da una commissione composta da soci dell'Accademia e insegnanti della Scuola, presieduta dal Presidente. Quest’anno la borsa di studio ha premiato lo spettacolo BASTARD di  Ilenia Veronica Raimo (regia:  Olivier Elouti / con: Ilenia Veronica Raimo, Stefano Fascioli, Stefano Grasso / video art e proiezioni: Davide Ratti / scenografia: Gueorgui Nikolov ) Lo

Email