• Home
  • Segnalazioni
  • Libri

I libri del mese

Per la segnalazione in questa rubrica inviare esclusivamente libri di teatro o drammaturgia a
Associazione Dramma.it - Via dei Monti di Pietralata 193/c 00157 Roma

Altre scene di Paolo Puppa

Paolo Puppa non ha grande bisogno di presentazioni. Importante e prolifico saggista teatrale sia in Italia che all'estero, già professore all'Università di Venezia, Puppa ama scrivere da molto tempo anche testi teatrali, soprattutto monologhi, che spesso interpreta lui stesso. In questa ultima raccolta edita da Titivillus, possiamo leggere quattro drammaturgie brevi a più personaggi e altrettanti monologhi. Se nelle drammaturgie prevale la tematica delle dinamiche familiari, in particolare quelle negative ma non solo, i quattro monologhi sono ritratti molto originali di personaggi reali e di fantasia. Tutti i testi sono introdotti all'inizio, in un unica prefazione, dallo stesso autore, e sembrano già delineare l'approccio del drammaturgo orientato molto alla costruzione dei personaggi più che alla fabula. S'intuisce anche la tendenza ad ispirarsi alla mitologia o alle grandi opere letterarie e teatrali. Di tutto ciò naturalmente abbiamo conferma leggendo le opere, alcune decisamente godibili alla lettura, notando però un limite nei testi dialogati. Mai più di due personaggi in scena, e dialoghi che sono sempre duetti serrati. La maggiore prelidezione e capacità per i monologhi, a mio parere molto più efficaci delle drammaturgie, credo che sia la conferma di questo limite alla creazione di testi con una pluralità di voci. Anche il primo lavoro "Casa con angolo Shoah" è strutturato su molteplici scene brevi sempre a due personaggi contrapposti. Una raccolta interessante che fornisce una panoramica importante e significativa sulla drammaturgia di Puppa.

Acquista il libro

Altre scene
copioni del terzo millennio
di Paolo Puppa
Titivillus  2018
180 pagg. € 15,00

 

Stampa Email

Il paese delle facce gonfie di Paolo Bignami

Il miglior teatro civile è, a mio parere, quello che non dimentica di essere soprattutto teatro. Luogo della metafora, dell'evocazione, luogo poetico. Il bisogno civile di un testo teatrale va espresso dunque, per assolvere efficacemente ed esteticamente al suo compito,  nel "brodo" del medium teatrale. Il testo di Paolo Bignami, drammaturgo comasco di buona esperienza, mi ha piacevolmente sorpreso proprio per questa caratteristica fondamentale. Segnalato nel 2017 al Premio Tragos e vincitore nello stesso anno del Premio Mario Fratti, il monologo dal titolo volutamente fiabesco e poetico è strutturato come la narrzione da parte di un'anima candida, che tra immagini suggestive e poetiche, locuzioni fanciullesche ed ingenue, racconta, perchè vissuto in prima persona, le vicende di una fabbrica come emblema benigno e maligno allo stesso tempo di una comunità. L'argomento è, in definitiva, il prevalere degli interessi economici sul diritto alla salute, e alla vita, delle persone. Un argomento fin troppo attuale ed estremamente spinoso, come dimostra non soltanto la cronaca ma anche la storia. Teatro civile, dunque, ma, come detto inzialmente e citando le motivazioni della giuria del Premio Mario Fratti "Colpisce, nel dramma, la lievità del tono poetico che pervade l'opera".

Acquista il libro

Il paese delle facce gonfie
di Paolo Bignami
La Mongolfiera  2017
80 pagg. € 12,00

 

Stampa Email

In viaggio da XX di Domenico Castaldo e Ginevra Giachetti

Per celebrare i vent'anni dalla fondazione del Laboratorio Permanente di Ricerca sull’Arte dell’Attore, l'ormai storico gruppo di Torino autoproduce, in collaborazione con Lexis, questo volumetto frutto di un lavoro collettivo durato oltre un anno e curato da Ginevra Giachetti.  Una pubblicazione che superficialmente potrebbe essere catalogata come saggio ma che in realtà, alla lettura, appare qualcosa di più e di diverso. Attraverso la strutturazione filosofica in quattro parti (Etica, Logica, Retorica e Poetica) i brevi ma numerosi documenti raccolti, formano una sorta di manifesto, filosofico appunto, della istituzione ventennale fondata da Domenico Castaldo. Articoli, stralci di relazioni, riflessioni scritte in passato o per l'occasione, dichiarazioni d'intenti o osservazioni sul mondo teatrale, oltre a stralci e sinossi delle loro drammaturgie, si susseguono formando un grande quadro che mostra al lettore le profonde ed ambiziose motivazioni che hanno ispirato e tuttora ispirano il Labperm. A onor del vero alcuni scritti molto polemici verso varie posizioni e realtà del mondo teatrale di oggi mi sono apparsi, seppur con fondamenti reali ed in buona parte condivisibili, un po' troppo moralistici e forse ispirati da sentimenti non sempre sereni.  

In viaggio da XX
Riflessioni di vent'anni di ricerca sull'arte dell'attore
di Domenico Castaldo e Ginevra Giachetti
Labperm - Lexis  2017
108 pagg. € 10,00

 

Stampa Email