• Home

Il granchio

Salvino Lorefice

Uno dei meriti del testo la sua violenta attualit: si tratta di persecuzioni, di intolleranza. Il tutto ambientato in un covo di Skin-heads, dove un negro e, poi, un ebreo vengono torturati. Questa tortura, inizialmente fine a se stessa, invece preparatoria ad una gara che dovr svolgersi tra il negro e l'ebreo. Per il negro la ripetizione, sotto altre forme, di quanto gi accadutogli in passato, nel suo paese d'origine. Per l'ebreo invece un'esperienza nuova e terribile, ma memore di quanto il suo popolo ha subito nel corso del tempo. Ed in questa contrapposizione che i due prigionieri dimostrano una umanit e solidariet sconosciuta agli aguzzini, che sono cinque giovani mercenari di regimi razzisti ormai decaduti e che cercano di perpetuare e far rinascere le intolleranze servendosi di antichi metodi di tortura e di nuovi e potenti mezzi di comunicazione. La gara, infatti, verr trasmessa in diretta su Internet, dove si pu scommettere sulla vittoria dell'uno o dell'altro concorrente. Il negro e l'ebreo, come moderni gladiatori, sono gettati ed aizzati l'uno contro l'altro in un'arena informatica, in cui la battaglia , oltre che fisica, psicologica: la vita dell'uno dipende dalla morte dell'altro. Chi vincer? Il colpo di scena finale segner la speranza della sconfitta dei torturatori. Gli argomenti del razzismo e della tortura sono trattati con toni realistici e violenti. Questi toni superano le modalit dell'inquietudine e della malinconia che di solito questi ragionamenti si portano dietro e trasmettono allo spettatore una potentissima esplosione di rabbia e di ribellione. un testo spettacolare che lascia senza fiato sin dalla lettura, e solo una Compagnia con alto coraggio civile pu pensare di rappresentarlo.

dramma

italiano

1990

2

Da 61 a 90 minuti

7

6

0

1

si

Premiato al concorso teatrale "Anticoli Corrado 92" - XII edizione.

si