• Home

Il Cantastorie - riduzione

Paolo Iorio

La storia si svolge ai nostri giorni. Protagoniste sono un’anziana signora e sua nipote Bianca, abituali frequentatrici di un piccolo giardino pubblico di periferia. Tra gli ospiti del parco c’è anche un vecchio cantastorie claudicante che racconta fiabe in musica accompagnandosi con un organetto. Bianca racconta alla nonna un episodio increscioso che le è accaduto: Creola, sua amica del cuore, è stata fatta oggetto di scherno da parte di altri ragazzi perché straniera e Bianca non ha avuto il coraggio d’intervenire. Il fatto fa riaffiorare alla mente della vecchia il ricordo di una dolorosa esperienza vissuta da fanciulla durante la guerra nella Roma occupata dalle truppe naziste. Inizia così il racconto dell’affettuosa amicizia tra Nina, ebrea, e Mario, orfano, garzone apprendista nell’officina meccanica dello zio. I due bambini giocano felici e spensierati in campagna, nonostante la guerra, e favoleggiano di un meraviglioso futuro che li attende. Come pegno d’amore Mario dona a Nina un fiore raccolto nei campi e lei, accettandolo, lo mette tra i capelli.
In casa di Mario irrompe terrorizzata Nina chiedendo di essere nascosta: i soldati tedeschi la inseguono perché ebrea. Dopo averla nascosta Mario affronta coraggiosamente i soldati che lo picchiano selvaggiamente. Finito il racconto, Bianca e la nonna si avviano verso casa, dimenticando il libro sulla panchina. Il cantastorie lo raccoglie e tira fuori il fiore essiccato, salutando Nina chiamandola per nome. Mario è lui.

commedia

italiano

2012

1

Fino a 30 minuti

1

1

2

2

no

si