La drammaturgia

L'arte delle alici di Angela Villa

Nel testo L’ARTE DELLE ALICI, rifletto sulla condizione di solitudine che si è venuta a creare durante la pandemia. Solitudine vissuta maggiormente dalle donne, in particolare da quelle che vivono in situazioni difficili sia dal punto di vista familiare sia

Leggi tutto …

Il libro

Adagi e monologhi di Stefano Vestrini

Stefano Vestrini è un avvocato col "vizio" di scrivere e pubblicare racconti e romanzi. I testi raccolti in questo recente volumetto de "La conchiglia di Santiago", pur essendo molto diversi per struttura ed ispirazione, sono accomunati da un unico grande desiderio espresso dallo stesso autore: quello di vederli recitati da un attore sul palcoscenico. Sono dunque, come

Leggi tutto …

La libreria virtuale

Consulta il nostro archivio on line di testi teatrali: quasi duemila opere di centinaia di autori contemporanei. Leggi liberamente tutti i copioni che desideri, fai una ricerca per autore, titolo, numero di personaggi, genere, durata a seconda delle tue esigenze. Leggi le sinossi e il testo completo, contatta l'autore.

Drammaturgia contemporanea in scena

  • Orfeo ed Euridice

    A passi lenti e misurati, come due mimi della commedia dell’arte, due giovani innamorati lottano contro il tempo, contro il limite imposto dalla morte, sospesi su un doppio confine, quello naturale del corpo e quello sociale con le leggi, le convenzioni

    Leggi tutto …

  • Nuova Balera Pizzigoni

    La Balera Pizzigoni è un piccolo mondo antico che si affanna nei tempi che cambiano. Metà anni Ottanta, la grande nevicata su Milano di gennaio, tutto è paralizzato eppure tutto si muove nel ricordo di ciò che è stato. Tra palazzoni che crescono come

    Leggi tutto …

  • Play

    Ecco il nuovo spettacolo di Caroline Baglioni. Intitolato Play, ha debuttato il 30 maggio nel Teatro Sybaris nel contesto di “Primavera dei Teatri ‘24”. In scena ci sono la stessa Baglioni (che di questo lavoro è anche drammaturga) e Annibale Pavone,

    Leggi tutto …

  • La teoria del caos

    Quella dell’infertilità è una condizione molto dolorosa per una coppia. Ci si arrovella, ci si protegge reciprocamente oppure ci si colpevolizza singolarmente e reciprocamente, ci si vergogna, si spera, ci si organizza, ci si dispera e si spera insieme, si

    Leggi tutto …

  • Le nuvole sopra Ferrara

    Esteticamente parafrasando, e forse fecondamente ribaltando, la visione complessa di Walter Benjamin, questo spettacolo ci porta a pensare che forse la maniera migliore e più profonda per affrontare la poesia sta nel suo essere 'tradotta' (nei molti

    Leggi tutto …

  • Il Quarantotto

    Tratto da “Gli zii di Sicilia” di Leonardo Sciascia e prodotto dal Teatro Stabile di Catania, come secondo appuntamento del Progetto Sciascia, è stato proposto alla Sala Futura, dal 23 al 26 maggio, l’atto unico “Il Quarantotto”, drammaturgia,

    Leggi tutto …

  • Paolo Sorrentino vieni devo dirti una cosa

    «Nel 2018 ho fatto un provino per un film di Paolo Sorrentino -scrive nelle due note Scoditti -e non sono stato preso. Adesso vorrei dire delle cose a Paolo. Tutto quello che non gli ho detto dopo quel no.» Giuseppe Scoditti, mette in scena uno

    Leggi tutto …

  • Sulla morte senza esagerare

    Paura, pregiudizi, poesia, ironia, riflessione, divertimento e musica, maschere e teatro senza parole. Questa, in sintesi, la pièce “Sulla morte senza esagerare”, ideata e diretta da Riccardo Pippa, in scena, dal 9 all’11 maggio, al Piccolo Teatro della

    Leggi tutto …

Articoli e interviste

  • L'estate al Teatro della Tosse

    Una delle qualità più singolari e interessanti del “Teatro della Tosse – Fondazione Luzzati” è quella non soltanto di 'inventare' teatro, con la sua particolare attenzione al teatro giovane e di ricerca nazionale ed internazionale, ma è soprattutto quella di

    Leggi tutto …

  • Follie al Teatro nazionale di Genova

    Certo è che un cartellone così “titolato” non può che nascondere propositi assai impegnativi ma comunque è già segno di una consapevolezza in evoluzione di cosa sia il teatro 'oggi', in quanto e per quanto lo è stato ieri e probabilmente lo sarà domani

    Leggi tutto …

  • Margherita Porete,  il libro e la vita

    Un video in cui si narra la storia di un libro eretico medievale e della sua Autrice,  una donna morta sul rogo per aver rifiutato di rinnegarlo. 

    Leggi tutto …

  • Aiace e Ippolito: tra eroismo e passioni, volti diversi del tragico

    Per leggere e interpretare gli spettacoli delle “Rappresentazioni classiche siracusane” (quest’anno alla cinquantanovesima edizione) il primo passo è avere ben presenti i vari piani di senso che s’intersecano nella realizzazione di questi lavori e che

    Leggi tutto …

Pin It

Alle difficoltà passate, presenti o future create da cause di forza maggiore si può e si deve rispondere solo in un modo: reagendo con una forza ancora maggiore.

Una forza interiore. Una forza da condividere. Una forza che permetta di mantenere dritta la barra anche se il mondo intorno a te è in tempesta.
Sperimentare, aprirsi, entrare in contatto, confrontarsi.
Queste sono le finalità di chi sceglie di partecipare a Drammi di Forza Maggiore.
Perché, partecipando, avremo tutti una forza maggiore:
Il meccanismo del Premio è stato pensato per favorire - e, in alcuni casi, introdurre ex novo - alcune
dinamiche dalle quali tutti possono trarre vantaggio, dagli autori più esperti a quelli alle prime armi:
- si può crescere in modo protetto: tutti i partecipanti (sempre anonimi, salvo i finalisti) possono
toccare subito con mano ciò che ha convinto di più i primi selezionatori e confrontarsi con i testi
finalisti per trarne indicazioni utili di ogni tipo;
- si semina interesse e si favoriscono le collaborazioni: i finalisti possono far conoscere subito i
loro testi a una platea che molto probabilmente include anche autori-registi e autori-attori: il modo
migliore per seminare immediatamente interesse e favorire in vista di una messa in scena
l'emersione di collaborazioni che sarebbero state altrimenti impossibili;
- si è, in ogni caso, protagonisti attivi: sono gli stessi partecipanti - tutti - a eleggere il testo migliore,
con un meccanismo anti-distorsivo di provata efficacia nel tempo.
- per la prima volta, l'investitura del testo vincitore è democratica: sono i suoi pari a giudicarlo il
migliore tra tutti, autonomamente e in pieno anonimato.
1- il concorso è al tempo stesso trasparente e anonimo: dalla somma raccolta per il montepremi alle
votazioni, tutto è trasparente e rendicontato, mentre l'anonimato dei partecipanti (e votanti) è
garantito dalla pubblicazione del solo titolo dell'opera inviata, senza indicazione del nome.

REGOLAMENTO

I. REQUISITI DI PARTECIPAZIONE
Il concorso è aperto a tutti, eccezion fatta per i membri della compagnia DoveComeQuando.

II. CARATTERISTICHE DEI TESTI
I testi, a tema libero, devono costituire spettacolo completo (durata minima di un'eventuale messa in
scena: 45 minuti) e possono appartenere a qualsiasi genere e forma (drammatico, comico, tragico, di
narrazione, di genere, ecc.).
Sono esclusi i testi non teatrali. Il concorso è riservato alla scrittura per la scena.

III. PREMIO
Il premio finale consiste in una cifra pari al 70% del totale delle quote di partecipazione.
In ogni caso, la compagnia DoveComeQuando garantisce un montepremi minimo di 500 euro.
Sono previsti due tipi di quote di partecipazione:
- early bird: testo iscritto entro il 17 luglio (10 euro)
- standard: testo iscritto dal 18 luglio al 7 agosto (15 euro)
A garanzia della trasparenza dell'ammontare del montepremi e, contestualmente, della privacy dei
partecipanti, verrà pubblicato sul sito www.dovecomequando.net, alla pagina del premio, un
documento con l'elenco delle opere partecipanti, con indicazione del solo titolo senza il nome
dell'autore, suddivise in early bird e standard.
In caso di ex-aequo, il premio sarà diviso in parti eguali tra i vincitori.
La compagnia valuterà con attenzione la possibilità di produzione e messa in scena di uno o più
testi tra quelli finalisti. In caso di interesse, verranno presi separati accordi con l'autore.

IV. ISCRIZIONE DEL TESTO
Il testo deve essere inviato all'indirizzo email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
entro il termine ultimo del 7 agosto 2023.
L'oggetto dell'email deve avere il seguente formato: COGNOME - TITOLO DELL'OPERA
Il corpo dell'email dovrà contenere esclusivamente:
- titolo dell'opera
2- nome e cognome dell'autore
- luogo e data di nascita
- recapito telefonico
- indirizzo email
- codice fiscale
- indirizzo di fatturazione (indirizzo, città, provincia, CAP)
- eventuale indirizzo PEC per l'invio della fattura
- indicazione del CRO del bonifico o schermata di presa in carico da parte della banca
e le seguenti dichiarazioni:
- la dichiarazione dell'autore di avere il pieno possesso dei diritti sull'opera e sulla sua
pubblicazione, e che la stessa è frutto del suo ingegno esclusivo, seguita da firma
- l'autorizzazione a includere l'indirizzo email dell'autore nella newsletter della compagnia
DoveComeQuando, seguita da firma
- l'autorizzazione al trattamento dei dati personali in base alla legislazione vigente da parte
della compagnia ai fini del concorso e di quanto attiene alle precedenti autorizzazioni,
seguita da firma
(NB: per "firma", s'intende qui la semplice digitazione di nome e cognome.)
Il testo allegato deve avere le seguenti caratteristiche:
- deve essere in formato .pdf. NON sono ammessi altri formati (.doc, .docx, .odt, rtf, ecc.).
- il nome del file dev'essere costituito dal solo titolo dell'opera
- deve contenere, in testa al medesimo documento:
- il titolo del testo
- una breve sinossi di massimo 3 righe
- l'elenco di tutti i personaggi
- non deve essere indicato in alcun modo il nome dell'autore
È gradito un breve curriculum, in un allegato separato.

V. FASI DEL CONCORSO
Prima fase
Nella prima fase, i testi ricevuti in forma anonima saranno esaminati dai membri della compagnia
DCQ per individuare i finalisti.
Ai testi finalisti sarà quindi abbinato il nome dell'autore in vista della seconda fase, sia applicandolo
nel corpo del pdf, sia aggiungendolo al nome del file.
I testi finalisti verranno resi noti intorno al 30 settembre 2023.
Seconda fase
Nella seconda fase, i testi finalisti saranno inviati a TUTTI i partecipanti validi al Premio, i quali,
dopo averli letti, dovranno far pervenire entro il 20 ottobre 2023 (ossia entro 20 giorni
dall'annuncio dei finalisti) la propria valutazione con il metodo del voto a scalare definito sotto, che
nella nostra esperienza si è rivelato il più affidabile ed equo.
Per questa votazione collettiva varrà il seguente regolamento:
3- Possono votare tutti i partecipanti validi al Premio, compresi i finalisti stessi. Questi ultimi,
però, potranno valutare solo i testi finalisti diversi dal proprio; a questa giuria collettiva si
aggiungeranno i voti, espressi nelle medesime modalità, di due componenti della compagnia
DCQ, Pietro Dattola e Flavia Germana de Lipsis
- Si vota assegnando un voto numerico a ciascuno dei testi finalisti. Se i finalisti sono tre, i
valori possibili sono 3, 2 e 1. Affinché la scheda di voto sia valida, occorre assegnare tutti i
valori a disposizione - quindi 3 al testo preferito, 2 alla seconda scelta, 1 al testo meno
preferito. (Se i finalisti sono cinque, i valori possibili sono 5, 4, 3, 2 e 1, e così via.)
- I finalisti potranno votare assegnando solo i valori 3 e 2 (qualora i finalisti siano 3). Il
finalista che non vota assegna il voto massimo a tutti gli altri.
- Il diritto di voto è collegato all'autore, non ai testi inviati. La ratio è quella di impedire voti
duplicati. Le coppie di autori si considerano un unico autore, distinto dai singoli componenti
della coppia. (Es. L'autore Tizio avrà diritto a votare una volta soltanto, a prescindere dal
numero di testi inviati; idem per la coppia di autori Tizio-Caio, se in tandem presentano più
testi. Tuttavia, siccome la coppia Tizio-Caio si considera un autore diverso da Tizio e da
Caio, se Tizio invia un testo A da solo e un testo B in coppia con Caio, Tizio avrà diritto a
votare individualmente per il testo A e in coppia con Caio per il testo B.)
- I voti validi giunti entro la scadenza fissata verranno sommati per determinare la classifica
finale.
A garanzia della trasparenza della votazione collettiva, verrà pubblicato sul sito, alla pagina del
premio, un documento con l'indicazione di tutti i voti ricevuti dai finalisti; i votanti saranno
identificati dal titolo dell'opera proposta al Premio, così da consentire un controllo personale e al
tempo stesso anonimo.
I votanti avranno 3 giorni di tempo per far notare eventuali discrepanze con i voti effettivamente
espressi (per es. per un errore materiale di trascrizione), dopodiché la classifica si considererà
definitiva.
Le decisioni della giuria di prima selezione e la classifica finale eventualmente corretta sono
insindacabili.
La proclamazione dell'opera vincitrice avverrà intorno al 26 ottobre 2023.
Gli esiti delle fasi di selezione delle opere saranno pubblicati sul sito www.dovecomequando.net,
comunicati agli iscritti alla newsletter della compagnia e agli autori in concorso tramite e-mail e
pubblicizzati in qualsiasi altro modo ritenuto opportuno.

VI. VERSAMENTO DELLE QUOTE
La quota di partecipazione è fissata in
- euro 10,00 per coloro che invieranno il testo entro il 17 luglio 2023 (iscrizione early bird)
- euro 15,00 per coloro che invieranno il testo tra il 18 luglio e il 7 agosto 2023 (iscrizione
standard)
4La quota (early bird o standard, a seconda del caso) va versata sul conto corrente intestato ad
Associazione DoveComeQuando, IBAN IT53M 08327 03221 00000 00035 93, con causale avente
il seguente formato: COGNOME - TITOLO DELL'OPERA/TITOLI DELLE OPERE.
NB: in caso di bonifico dall'estero, assicurarsi di non addebitare le commissioni al destinatario.

VII. DECLINAZIONE DI RESPONSABILITÀ
L'autore o gli autori dichiarano che l’opera è frutto dell’ingegno esclusivo degli autori stessi. Della
violazione dei diritti di terzi è responsabile il solo autore.
Al tempo stesso, fermo restando che l'invio al Premio può aiutare a provare la paternità del testo,
l'autore finalista che non abbia depositato l'opera presso la SIAE si assume ogni rischio in merito
alla sua tutela.

VIII. ARCHIVIO e OBBLIGHI DEI PARTECIPANTI
Le opere inviate entreranno a far parte dell'archivio elettronico dei testi di DCQ.
Il vincitore si impegna, in occasione di future messe in scena del testo a opera di altre compagnie e
di qualsiasi altro sfruttamento (letterario, cinematografico, ecc.) del testo, a far apparire in locandina
o copertina la dicitura: "Vincitore del Premio Drammi di Forza Maggiore 2023 - III ed.".
Allo stesso modo, i finalisti si impegnano rispettivamente a far apparire in locandina o copertina la
dicitura: "Finalista del Premio Drammi di Forza Maggiore 2023 - III ed."
I finalisti acconsentono, con la partecipazione, all'eventuale lettura drammatizzata di un breve
estratto della propria opera, insieme a quelli delle altre opere finaliste, nell'ambito del format
Drammi di Forza Maggiore SHOW, già realizzato in occasione della I e della II edizione.
Tale consenso prevale su qualsiasi forma di esclusiva eventualmente concessa ad altre compagnie
per la messa in scena del testo e si giustifica con il fatto che riguarda un breve estratto, portato in
scena in forma di lettura drammatizzata e con finalità di ulteriore promozione dei finalisti e del
concorso Drammi di Forza Maggiore. Tale consenso non costituisce un diritto per l'autore o un
dovere per la compagnia. In occasione delle letture drammatizzate, all'autore saranno corrisposti i
normali diritti d'autore.

IX. CONVENZIONI : F ESTIVAL I NVENTARIA
Tutti i partecipanti al Premio avranno diritto ad acquistare, per sé e per eventuali accompagnatori,
previa prenotazione tramite email, biglietti di tipo ridotto per qualsiasi spettacolo di tutte le future
edizioni del Festival Inventaria e degli eventi Drammi di Forza Maggiore SHOW.

X. CONVENZIONI : S CRIPT D OCTOR & P LAY D OCTOR
Dopo la proclamazione del vincitore, gli autori partecipanti possono usufruire del servizio di
playdoctoring - consulenza drammaturgica con analisi dei punti di forza e dei punti deboli del testo
5e indicazione di strategie e tecniche per migliorarlo - messo a disposizione da Pietro Dattola (autore,
regista, scriptdoctor & playdoctor).
Le sessioni di doctoring rappresentano un approccio pratico e individuale ai problemi che l'autore
sta affrontando in relazione al testo in quel determinato momento, sulla base di salde fondamenta
teoriche (la scuola americana della narrazione - McKee, Truby, Seger, Vogler, Howard, Marks).
Le sessioni durano 60 minuti e possono essere condotte in presenza (Roma) o via Skype/Zoom.
Per usufruire di tariffe agevolate, gli autori interessati al servizio potranno prenotare una sessione
di doctoring all'atto dell'invio della scheda di votazione. La prenotazione sarà da intendersi come
mera manifestazione d'interesse e non comporterà obblighi per l'autore, che una volta ricontattato
potrà scegliere liberamente di non darvi seguito.
Trasparenza e terzietà: la prenotazione potrà essere effettuata soltanto dopo la selezione dei
finalisti e i partecipanti potranno usufruire del servizio esclusivamente dopo la proclamazione del
vincitore.
Per ulteriori informazioni sulle modalità di svolgimento e sulle finalità delle sessioni di doctoring, si
invita a consultare la pagina Facebook ScriptDoctor & PlayDoctor.

XI. QUESTIONI RESIDUALI
La partecipazione al concorso implica l'accettazione integrale del presente regolamento.
Per quanto non espressamente stabilito da questo regolamento, decide il presidente in maniera
insindacabile.

XII. CONTATTI
www.dovecomequando.net
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
320-11.85.789
Il presente bando è disponibile anche online alla pagina
www.dovecomequando.net/premiodrammaturgia2022.htm

Il presidente
Pietro Dattola
DoveComeQuando

Drammaturghi

  • Su di me di Giuseppe Manfridi

    14 novembre 2023. Una data che vale la pena di annotare. Non ho mai scritto di me prima d’ora per raccontarmi. Per commentarmi sì, è di certo accaduto, ma non per raccontarmi. Possibile? Più ci penso e più debbo confermarmi nella

    Leggi tutto …

  • La composizione drammatica di Giuseppe Liotta

    A che punto sono arrivato, oggi 16 settembre 2022, nel mio lavoro di “drammaturgo”? In questo momento devo decidere se iniziare a scrivere un nuovo testo partendo da due eroi dell’Iliade la cui relazione mi inquieta già da un anno e non vede l’ora

    Leggi tutto …

  • Speranza, rimozione e memoria di Franca De Angelis

    Si è sempre grati a chi ci chiede di fermarci qualche attimo a pensare a ciò che si fa, al perché lo si fa. Ringrazio quindi di cuore Marcello Isidori che mi ha chiesto questa breve autopresentazione; per quanto sappia di non avere una scrittura

    Leggi tutto …

  • Più o meno, è andata così di Francesca Garolla

    La mia biografia, come tutte le biografie, sottolinea i successi ed elude del tutto ciò di cui non ho chiarezza. Quale è stato il momento esatto in cui ho fatto incontrare scrittura e teatro? Non lo so, e forse è per questo che non riesco a dirmi

    Leggi tutto …

Drammaturgie del Teatro di figure di Alfonso Cipolla

  • Perché nasce un nuovo burattino? di Walter Broggini

    Una delle caratteristiche più vitali dei burattini italiani è la loro capacità di rigenerarsi continuamente e di rifondersi in nuovi personaggi. È una prerogativa strategica che ha radici antiche: ogni burattinaio deve potersi specchiare in un proprio

    Leggi tutto …

     
  • Dizionarietto del teatro di figura di Gigio Brunello

    Gigio Brunello più che un burattinaio è un cult, anzi una fede. Chi lo scopre non può più farne a meno: lo segue, lo rinsegue, cerca di non perdere nessuna delle sue creazioni sapendo che sarà, più che sorpreso, calamitato da quel suo modo di

    Leggi tutto …

     

Osservatorio teatro di Giorgio Taffon

  • Dallo spettatore all’attore al personaggio

    Al fine di approfondire  almeno per brevi “spunti” il rapporto che lega lo spettatore alla scena teatrale, voglio qui porgere all’attenzione del lettore alcune considerazioni che ritengo non solo utili ma anche necessarie allo scopo proposto.

    Leggi tutto …

     
  • Da Pirandello a oggi e a… domani…

    Quasi in balìa dello spirito piuttosto “malefico” del tempo attuale, per iniziare voglio mettere in relazione, sperabilmente come preziosi SPUNTI,  mie recenti esperienze di spettatore (e di studioso) ad alcune “idee di teatro” espresse dal nostro più grande

    Leggi tutto …

     

Racconti e favole teatrali di Giorgio Taffon

  • Storie di una strana famiglia d’artisti 10

    Cari amici lettori, incrociando Shakespeare e Dante, nel concludere questi miei racconti, vi dirò di un fazzoletto “galeotto” che mi spinse inevitabilmente a sciogliere ogni nodo con la famiglia di Pietro ed Elena De Meis.

    Leggi tutto …

     
  • Storie di una strana famiglia d’artisti 9

    Vengo convocato per la famosa cenetta dove i genitori di Elena avrebbero svelato i loro codici comunicativi in forma di simboli musicali. Arrivo con un mazzo di tulipani molto ben preparato, con nastrini iridescenti multicolori, sapendo da sempre che

    Leggi tutto …

     

Chi c'è su dramma.it

Abbiamo 732 ospiti e nessun utente online