Pin It

Dal 5 luglio al 14 agosto il Comune di Borgio Verezzi torna ad accogliere spettatori e artisti da tutta Italia. Tra letteratura, commedia

e tragedia, quest’anno saranno di scena i grandi racconti, interpretati da attori scelti tra i più significativi del panorama teatrale italiano. 
Con 24 spettacoli per 13 titoli, di cui 11 prime nazionali, la 58ª edizione del Festival Teatrale di Borgio Verezzi - diretto per la prima volta dall’attore e regista Maximilian Nisi - affiancherà artisti affermati ed emergenti, coinvolgendo giovani provenienti dalle maggiori scuole di recitazione italiane e alcune delle realtà culturali più attive sul territorio, in uno spirito capace di coniugare profondità drammaturgica e intrattenimento mai fine a sé stesso. Il programma, che sarà presentato in dettaglio martedì 11 giugno, durante la  conferenza stampa a Genova nella Sala Trasparenza di Regione Liguria, si articolerà in tre linee guida: il ritorno sul palco di Verezzi dei grandi classici di teatro e letteratura, l’attenzione alla commedia contemporanea italiana e internazionale, un nuovo spazio dedicato alla prosa in musica.
“Il festival è una lunga storia di spettacolo e di cultura che si ripete e che si rinnova. - ricorda il Sindaco Renato Dacquino - Tra poco le emozioni,  le esperienze e i diversi protagonisti  saliranno sul palco. Artisti importanti,  proposte di valore animeranno piazzetta Sant’Agostino, lo spazio sospeso tra mare e cielo. La comunità, le terrazze e  i vicoli, i colori e il verde della collina saranno il grande scenario dell'accoglienza. E sarà ancora una volta grande festa. Una festa corredata dall'impegno, dal supporto, dalla tenacia di tutti coloro che credono nel festival e aiutano a realizzarlo". “L’organizzazione di questa 58^ edizione del Festival si è svolta in una fase di cambiamento. - aggiunge Mattia Rolando, Consigliere con delega al Festival - Abbiamo un nuovo Direttore Artistico, un grande uomo di teatro, che seppur entrato in corsa ha da subito dimostrato di avere le idee molto chiare su quella che sarà la nuova via del nostro Festival. Non vediamo l’ora di poter finalmente godere, insieme al nostro amato pubblico, dei frutti dell’intenso lavoro di questi mesi.”
“Al centro del progetto  ci sono le storie e gli interpreti, – afferma Maximilian Nisi - attori selezionati tra quelli che in questi anni hanno scelto un percorso di cura profonda e costante del lavoro teatrale. Cercherò di dare spazio alle nuove generazioni, alle risorse del territorio e soprattutto al valore del grande artigianato della scena,  nella consapevolezza, spesso dimenticata, che lo spettacolo è un prodotto collettivo. Attori, attrici, registi, scenografi, costumisti e musicisti devono lavorare insieme per arrivare a quel risultato di qualità e bellezza di cui il pubblico del Teatro ha assoluto bisogno.” 
A sottolineare il senso di questa visione c’è la nuova immagine scelta quest’anno, firmata dall’illustratore Sergio Olivotti. "Il teatro è illusione. -  racconta l’artista - È calarsi in mondi altri. È abitare altri punti di vista, talvolta osservare il mondo attraverso la lente del paradosso, che non è mai fantasia gratuita ma sguardo critico, ora divertito ora drammatico, sul reale. La mia illustrazione per il festival racconta il gioco degli specchi dell'attore, la capacità del teatro di vestire il caleidoscopio del mondo con la moltitudine di abiti che costituiscono la bellezza variopinta delle vite." 
PREMIO FONDAZIONE AGOSTINO DE MARI

Il Premio al miglior attore emergente - intitolato dal 2018 alla Fondazione Agostino De Mari, a riconoscimento dei tanti anni di attenzione e sostegno attivo che la Fondazione ha voluto donare al Festival – andrà a Valentina Olla che nel 2023 è stata protagonista femminile, nel ruolo di tutte le mogli di Stan Laurel, dello spettacolo “STANLIO & OLLIO. Amici fino all’ultima risata” di Sabrina , Pellegrino e Claudio Insegno.
“Il Festival Teatrale di Borgio Verezzi non ha bisogno di presentazioni. - dichiara il Presidente della Fondazione A. De Mari, Luciano Pasquale - È una delle eccellenze artistiche più significative del nostro territorio, un fiore all’occhiello dell’offerta culturale savonese che travalica i confini provinciali e porta un luogo magico come la piazzetta di Verezzi agli onori nazionali e internazionali. - dichiara - La competenza, la professionalità e la passione che il Comune di Borgio Verezzi mette nell’organizzazione di questa manifestazione, che quest’anno ha raggiunto quota 58 edizioni, è d’esempio a tutte le altre realtà che sul territorio savonese hanno il fondamentale compito di proporre progetti culturali di alto livello, capaci di soddisfare la richiesta che arriva non solo dal pubblico locale, ma anche da tutti coloro che scelgono i nostri luoghi per trascorrere le proprie vacanze. Per la Fondazione De Mari essere al fianco di questa realtà è un privilegio, perché incarna perfettamente i valori che, come fondazione, portiamo avanti quotidianamente: immaginare progetti e palinsesti culturali che valorizzino il territorio e allo stesso tempo contribuiscano al benessere economico e sociale della comunità.  Come ogni anno, inoltre, siamo felici di affiancare il nome della Fondazione a un premio dedicato ai giovani attori emergenti: quest’anno viene assegnato a Valentina Olla, protagonista dello spettacolo “Stanlio e Ollio. Amici fino all’ultima risata”, che ha saputo conquistare il pubblico grazie alla sua poliedricità, interpretando tutte le mogli di Stan Laurel nel debutto dello spettacolo in occasione della scorsa edizione del Festival. Una performance di grande effetto che siamo onorati di poter celebrare con questo riconoscimento. 
BIOGRAFIA DI MAXIMILIAN NISI
Maximilian Nisi si diploma nel 1993 alla Scuola del Teatro d’Europa diretta da Giorgio Strehler. Nel 1995 segue il Corso di Perfezionamento per Attori, presso il Teatro di Roma, diretto da Luca Ronconi in collaborazione con Peter Stein, Luigi Squarzina, Piero Maccarinelli, Federico Tiezzi e Franco Quadri. Studia inoltre con Marcel Marceau, Carolyn Carlson, Lindsay Kemp, Micha Van Hoecke e Bruce Myers. In campo teatrale è diretto, tra gli altri, da Strehler, Ronconi, Cavani, Vassil'ev, Savary, Sequi, Scaparro, Terzopoulos, Calenda, Zanussi, Bernardi, Mauri, Lavia, Menegatti, Tchkeidze, Pagliaro, Lamanna, Znaniecki, Marinuzzi, Ricordi, Sepe, Marini, Cotugno, Ferro, Pizzech. Nel giugno 1995 gli viene assegnato il “Lauro Olimpico” dell’Accademia Olimpica di Vicenza, nel novembre 1999 il “Premio Lorenzo il Magnifico” dell’Accademia Internazionale Medicea di Firenze. Nel 2019, nel mese di maggio, ritira il “Premio Napoli Cultural Classic per il Teatro d’autore” e nel mese di ottobre il “Premio Internazionale Bronzi di Riace – sezione Teatro”. Nell'agosto 2021 gli viene assegnata la “Menzione speciale della Camera di Commercio Riviera di Liguria” e nell’agosto 2022 ritira il “Premio Confcommercio” al Festival di Borgio Verezzi. In campo cinematografico e televisivo è stato diretto, tra gli altri, da Magni, Negrin, Brandauer, Bibliowicz, Maselli, Spano, De Sisti, Argento, Greco, De Luigi, Zaccaro, Chiesa, Ponzi, Molteni, Migliardi, Sciacca, Riva, Pingitore, Sollima, Terracciano, Parisi, Inturri, Amatucci.

www.festivalverezzi.it