Home Recensioni Due donne che ballano
Due donne che ballano E-mail
Scritto da Valeria Merola   

Il punto di contatto tra la vecchia signora appassionata di «giornalini» e la giovane insegnante di lettere che la aiuta con le faccende domestiche sembra essere la figlia dell’anziana donna. Assente dalla scena, ma spesso evocata nei frequenti battibecchi tra le due, la figlia è lo specchio in cui si rifrangono le paure e le preoccupazioni delle protagoniste. Entrambe temono che la donna che le ha messe in contatto abbia svelato qualcuno dei segreti su cui si regge la propria vita. Segreti che derivano da o hanno provocato la solitudine estrema che ora porta due grandi personaggi a scontrarsi di fronte al pubblico. Scritto dal drammaturgo catalano Joseph M. Benet i Jornet, “Due donne che ballano” è andato in scena al Teatro India di Roma nell’ambito della rassegna “In altre parole” diretta da Pino Tierno, che ha anche curato la traduzione italiana del testo. Nonostante fosse una mise en espace-lettura scenica (ma ci auguriamo vivamente che un progetto illuminato decida di produrne un allestimento all’interno di una stagione), l’opera ha rivelato le sue potenzialità drammatiche, grazie anche all’interpretazione magistrale di Angela Pagano, accompagnata da una solida e matura Teresa Saponangelo, nell’impeccabile regia di Veronica Cruciani (foto). Pur nella limitazione dei movimenti, le due attrici non perdono mai naturalezza, riuscendo quasi a far dimenticare allo spettatore il copione presente sulla scena. Al contrario, quel testo esibito e sfogliato, talvolta anche con divertita ironia, quasi a giocare con la stessa dimensione dell’interpretazione, a mio parere sottolinea la presenza di una parola scritta con cui attrici e regista si misurano con rispetto, esaltandola e mostrandone l’energia, senza mai sopraffarla. Lo scontro tra le due donne è costruito nel tentativo reciproco di conoscere l’altra, che si manifesta in una reciprocità di pensieri e gesti, confluiti nel fastidio per il genere maschile, apparentemente colpevole di ogni sofferenza femminile. Ma non è importante sapere che le protagoniste scopriranno ben altre affinità tra di loro, fino ad unire i propri percorsi di vita in modo indelebile. Il cuore della pièce è nella costruzione del rapporto e nell’alchimia che si crea anche nell’accordarsi di linguaggi diversi: i giornalini della vecchia signora contro i libri della professoressa, il lessico sentimentale e della memoria del personaggio della Pagano, contro i monosillabi secchi di Teresa Saponangelo, lo spettro dell’Alzheimer (tema a cui tra l’altro Veronica Cruciani dedica in questi giorni un laboratorio sempre al Teatro India, “Alzheimer mon amour”) e l’incubo dell’incomprensione. La comicità che deriva dalla situazione è però progressivamente smorzata dai toni del dramma che si fanno sempre più tesi, fino alla esplosione di un tragico indicibile, con cui sulla scena irrompe l’antefatto, per imprimersi negli occhi spettatori. La forza espressiva della pièce non è diminuita dal copione nelle mani di due attrici che invece riescono a far vibrare le parole dell’autore, trascinando un pubblico commosso e partecipe. Teresa Saponangelo si accosta perfettamente alla recitazione naturale di Angela Pagano, che sembra del tutto a proprio agio nel ruolo. La sensazione di misura e di compostezza, dovuta alla sobrietà di una regia sensibile e all’equilibrio tra grande arte attoriale e parola drammatica forte, rende il “Due donne che ballano” di Veronica Cruciani uno spettacolo già classico.

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Altre recensioni

Emanuela Ferrauto 08 Dicembre 2014, 21.12
Ballarini
Incontriamo Emma Dante presso lo SPAZIO NEA di Napoli, il giorno precedente al debutto napoletano di BALLARINI, terza “puntata” della
125 Visite
Angela Villa 05 Dicembre 2014, 16.26
Due donne che ballano
Due donne che ballano, due scaffali sospesi nel vuoto che si guardano, due sedie che aspettano... Il Tetro Filodrammatici di
106 Visite
Emanuela Ferrauto 04 Dicembre 2014, 21.17
Patres
Nominativo maschile plurale. Questo il titolo. Personaggio maschile singolare: un padre. Uno solo, ma simbolo di mille. Uno dei protagonisti
168 Visite
Damiano Pignedoli 03 Dicembre 2014, 22.01
Da AH/HA alla Liddell a Marat, al VIE Festival
Proseguo ad esaminare gli spettacoli andati in scena al VIE Festival di recente proposto, per oltre due settimane, da ERT
130 Visite
Angela Villa 01 Dicembre 2014, 23.51
Chi non lavora non
Al Teatro Linguaggicreativi si riflette sul lavoro andando avanti e indietro nel tempo... E’ un piccolo spazio, una casa-non casa:
203 Visite
Daniele Stefanoni 30 Novembre 2014, 16.02
Una Callas dimenticata
Era il maggio 2013, Dario Fo e Franca Rame provavano questo spettacolo in vista dell’imminente debutto, ma la malattia si
92 Visite
Daniele Stefanoni 30 Novembre 2014, 15.57
Skianto
In scena c’è solo lui, Filippo Timi. In dialetto perugino interpreta un bambino disabile che si chiama come lui. Sogna
201 Visite
Maurizio Giordano 29 Novembre 2014, 12.22
La città di plastica nel giardino dei sogni
E’ un valido esempio di teatro civile, un modo per denunciare quel mondo di barbarie, di violenza e morte che
176 Visite