• Home
  • Segnalazioni
  • Drammi

Il dramma del mese

Cuori scatenati di Diego Ruiz

Ho sempre considerato il rapporto di coppia un’inesauribile fonte di ispirazione. Le mie commedie affrontano da sempre le dinamiche e le varie fasi delle relazioni uomo-donna.
Mi piace raccontare un mondo reale, un universo tangibile: quello in cui ogni spettatore può ritrovare se stesso o che, comunque, conosce e riconosce. Per questo evito il più possibile di raccontare storie al limite, o personaggi paradossali o inverosimili.
Quando ho un’idea per una commedia, parto proprio dai personaggi che la animano individuando subito la loro umanità, le loro debolezze, i loro conflitti e il percorso che devono fare per risolverli. Dopo inizio a pensare alle caratteristiche per colorarli, per far scaturire le situazioni comiche, per rendere i ruoli interessanti ed empatici.
Non ho la presunzione di insegnare nulla o di promuovere chissà quale morale, il teatro “culturale” lo faccio fare a chi è più intelligente di me. Ho la mia più grande soddisfazione quando riesco a far ridere per due ore il pubblico e lo faccio uscire dal teatro con la sensazione di aver passato una serata spensierata: sapendo però che, quando tornano a casa, gli spettatori hanno visto uno spaccato di vita su cui ognuno di loro farà le proprie riflessioni personali.
CUORI SCATENATI è una commedia che racconta la mia generazione e le irrequietezze dei quarantacinquenni. Sono circondato da amici, miei coetanei, che sono reduci da rapporti importanti finiti da poco e con una gran paura di cominciarne altri; oppure con situazioni sentimentali appaganti e rassicuranti, ma con la smania di sentirsi liberi e la voglia di lasciarsi porte sempre aperte per fuggire in caso di attacchi di claustrofobia…
Ho scritto questa commedia conoscendo già gli attori che l’avrebbero interpretata, quindi non ho abbondato nella descrizione dei personaggi nelle didascalie. Mi sono ispirato alle loro caratteristiche fisiche e attoriali per costruire i loro ruoli, mantenendo per ciascuno i nomi effettivi di battesimo.
Chicca (Francesca) è una donna forte che, dopo il divorzio e aver cresciuto un figlio da sola, ha acquisito le sue sicurezze. Sulla soglia dei cinquant’anni non ha più il bisogno di avere un compagno fisso accanto a sé, è perfettamente autonoma e indipendente. Ora l’uomo deve essere solo fonte di divertimento che appaghi la sua femminilità.
Diego è quello che un tempo era definito “un uomo perbene”, uno di quelli che qualche anno fa era l’aspirazione rassicurante di ogni donna ma che, ai giorni d’oggi, può risultare anacronistico nella sua purezza e ingenuità. È sul punto di rifarsi una vita con una nuova compagna, ma vuole essere sicuro di non avere proprio alcun’altra possibilità di recuperare il rapporto con la madre di suo figlio. Un uomo così pulito, da essere irrecuperabilmente travolto dagli eventi.
Sergio invece è bellissimo. Uno di quelli che potrebbe approfittarsi del suo fascino per potere gestire la sua vita e le persone che lo circondano senza problemi, ma che nasconde un animo sensibile e ingenuo. È la vera vittima della commedia.
Maria è una donna semplice, ruspante, fisicamente prorompente e capace di esplosioni di grande femminilità. È gelosa, possessiva, determinata a lottare per il suo uomo; però il suo narcisismo la spinge a mettere in pericolo il proprio rapporto di coppia.
È subito evidente la contrapposizione dei caratteri femminili forti e primeggianti contro le figure maschili più sottomesse e perdenti; non per questo credo che il mondo si sia ribaltato, tuttavia è evidente che stiamo vivendo una trasformazione degli equilibri nelle nostre strutture sociali, in cui in questo momento storico l’uomo è frastornato e ancora non del tutto capace di adeguarsi alla legittima autodeterminazione delle donne.
Drammaturgicamente, d’altronde, sono convinto che affidare i ruoli più brillanti ai personaggi femminili, sia particolarmente interessante e sorprendente. I ruoli maschili, buffi nella loro inadeguatezza, ispirano tenerezza e comprensione, lanciando l’immagine di un anti-eroe a cui è impossibile non affezionarsi.
Diego Ruiz

Con un’anteprima nazionale al Teatro Rivellino, la messinscena del testo CUORI SCATENATI ha debuttato il 10 dicembre 2016 a Tuscania per la regia dell’autore stesso, a sua volta interprete con Sergio Muniz, Francesca Nunzi e Maria Lauria. Prodotta da Mentecomica e Teatro Ghione, con le scene di Mauro Paradiso, le luci di Luca Palmieri e le musiche di Stefano Magnanensi, la pièce si appresta a una nuova tournée da marzo 2018 dopo i grossi successi della stagione teatrale scorsa. Ogni informazione è al website “mentecomica.com”.

Leggi il testo

Diego Ruiz è nato a Roma nel 1971. A vent’anni vince la borsa di studio per accedere alla Scuola di Recitazione “Mario Riva”, iniziando a lavorare subito come attore. Già da allora comincia a scrivere commedie, continuando comunque a interpretare spettacoli da testi di autori come Aldo De Benedetti, Dacia Maraini, Riccardo Reim e Mario Moretti. Con l’arrivo del nuovo millennio, arriva il successo clamoroso di ORGASMO E PREGIUDIZIO: pièce del 1999 che scrive e interpreta, diretto da Pino Ammendola e Nicola Pistoia, fiancheggiato in scena da Fiona Bettarini. Un cult tradotto in più lingue e che viene replicato per più d’un decennio, con rappresentazioni in Repubblica Ceca e Sud America. Altro suo testo che raccoglie ampi consensi fra le platee teatrali è IL MATRIMONIO PUÒ ATTENDERE del 2005, recitato assieme a Francesca Nunzi: attrice, nonché autrice e regista, con cui lavorerà più volte negli anni in una serie ulteriore di spettacoli tratti da propri copioni. Tra questi si ricordano TI AMO O QUALCOSA DEL GENERE del 2006, SE MI LASCI NON VALE del 2008, seguito da FINCHÉ MAMMA NON CI SEPARI e, nel 2011, da IL SESSO FORTE. Nel 2012, con lo scenografo Mauro Paradiso, fonda Mente Comica: agenzia di distribuzione e promozione, dedicata alla comicità e all’intrattenimento brillante e di qualità, esito di creazioni originali di spettacolo e scrittura. Ed è sotto l’astro di questa sua nuova realtà che Ruiz scrive, interpreta e mette in scena lavori quali LA STRANISSIMA COPPIA del 2013 e il recente CUORI SCATENATI. Diretto da Carlo Alighiero, infine, sarà in scena dal 26 ottobre al 19 novembre 2017 al Teatro Manzoni di Roma con BLUFF, commedia di cui è anche autore insieme a Cinzia Berni. Un’autrice con la quale aveva già scritto PARENTI STRETTI un anno addietro, da cui ne è derivata pure una trasposizione cinematografica, non prima di averne curato la messinscena sempre al Manzoni e sempre fra le risate di tanti spettatori plaudenti.

Stampa Email

Cemento e l’eroica vendetta del letame di Donati e Nocilla

Cosa spinge un autore milanese, Massimo Donati, e un’autrice siciliana trapiantata in Lombardia, Alessandra Nocilla, a scrivere un monologo teatrale sul tema del consumo di suolo? A voler dissotterrare con le armi del paradosso e della comicità, il groviglio di luoghi comuni, interessi e pubbliche connivenze che hanno prodotto il saccheggio del paesaggio di questi ultimi decenni?
I due autori, entrambi classe ’73, hanno due storie personali diverse, due infanzie vissute a latitudini distanti. Eppure un legame con la terra, forte e profondo, li ha accomunati e li ha spinti alla scrittura di questo testo teatrale. A guardar bene, questa matrice è comune ad un’intera popolazione, un’intera nazione che storicamente, dall’immediato dopoguerra in poi, ha via via dimenticato la sua vocazione agricola, perdendone la consapevolezza, e in parte snaturandosi.
Ed è così che quella vocazione, quella cura per la terra che “dà il frutto”, che ci nutre e che non va sprecata perché bene prezioso e “non rinnovabile”, è per gli autori un’urgenza improrogabile per il futuro del nostro Paese. Un’attenzione, da tramandare, alla poesia della “terra” e ai suoi miracoli. Miracoli di cui è testimone Tino, il personaggio di questo monologo teatrale ironico e disperato, che in un triste giorno di settembre, nel Tribunale di Bergamo, si deve difendere dall’accusa di aver distrutto, con ingenti quantitativi di letame, escavatori, ruspe e trivelle di proprietà di una società impegnata nel disboscamento di una pineta. Il processo è concluso, rimane soltanto da sentire un’ultima volta l’accusato, perché possa finalmente spiegare il suo gesto inaspettato e apparentemente assurdo.
Il monologo sorprende con la forza di informazioni poco note, frutto di un’attenta documentazione sul tema, e con il disvelamento dei motivi economici più profondi che portano a un consumo dissennato del suolo. Tuttavia non rinuncia a raccontare una storia e affida all’ironia il messaggio d’amore di Tino, l’amore per la sua terra e per il paesaggio inteso come bene comune. Il linguaggio creato per Tino, è una lingua “sporca”, carica di storpiature e neologismi, forte dei dialetti regionali del “nord” ma non univocamente identificabile, una lingua che segue insieme musicalità e significato. E si pone al servizio della concretezza e del buon senso perduto, in rispettosa contrapposizione a forme più educate, che possono sfuggire di mano e far perdere di vista ciò che veramente conta. L’essenza delle cose. Che stanno lì. Ancorate a terra e alla terra.

Leggi il testo

Massimo Donati è nato nel 1973 a Milano. Dopo una Laurea in Fisica, alcuni anni da ricercatore presso il Consiglio Nazionale delle Ricerche (C.N.R.) e altre forti esperienze, ha cambiato il suo percorso personale iniziando a studiare sceneggiatura e regia presso la Scuola di Cinema, Televisione e Nuovi Media di Milano. Ha scritto e diretto film (corti e mediometraggi di finzione e documentari), spettacoli teatrali, trasmissioni radiofoniche e opere letterarie fra cui DIARIO DI SPEZIE, vincitore di un Premio Solinas nel 2006 come soggetto cinematografico per la sezione “GialloNero” e poi diventato un libro per Mondadori nel 2013, fino a essere rieditato per le edicole da “Il Sole 24 Ore”. Nel 2014 ha scritto e diretto, con Alessandro Leone, FUORISCENA: film documentario distribuito nelle sale e vincitore di numerosi premi in Italia e all’estero, fra cui un Premio Speciale ai Nastri d’Argento 2014.

Alessandra Nocilla è nata a Petralia Sottana (Palermo) il 17 giugno 1973. Laureata in Ingegneria Civile, è ricercatrice e docente presso l’Università di Brescia. Dal 2004 il suo percorso personale si è arricchito di studi legati alla scrittura creativa e all’analisi cinematografica. Per la Cineteca di Bologna ha collaborato alla cura e redazione dei cataloghi del festival “Le parole dello schermo” (2005 e 2006). Ha frequentato nel biennio 2006-2007 il Politecnico di Cinema e Nuovi Media delle Scuole Civiche di Milano, approfondendo lo studio dell’analisi e della sceneggiatura cinematografica. Ha partecipato a progetti cinematografici, teatrali e letterari.

Donati e Nocilla collaborano dal 2010. Il loro processo creativo parte dalla comune abitudine di interrogarsi sulla relazione che ciascun individuo ha e deve sentire con la società in cui vive. La loro scrittura a quattro mani è fortemente legata all’eterogeneità delle loro caratteristiche creative, ed è guidata dalla visione comune che hanno del teatro come luogo di confronto e di attivismo civile, il teatro come atto politico. E il senso politico che danno al loro gesto creativo è l’azione semplice dell’apertura di una porta, per suggerire un percorso allo spettatore, lasciando più di una via d’uscita possibile, consapevoli che soltanto una partecipazione volontaria e attiva può portare a una crescita. Il linguaggio che utilizzano è sempre alla ricerca di una «sottrazione di peso alla struttura del racconto», in una ricerca costante di meticciati linguistici. L’ironia e la leggerezza utilizzate rappresentano quindi solo un mezzo per raccontare la realtà, coinvolgono in una sorta di complicità fra autore e spettatore, implicando una profonda condivisione. Nel 2010, così, scrivono e dirigono il monologo LABEL. QUESTIONI DI ETICHETTA, sul tema della grande distribuzione organizzata del cibo, con Claudia Facchini. Lo spettacolo ha girato l’Italia contando più di 100 repliche e ha prodotto un testo pubblicato per i tipi di Altreconomia. Due anni dopo, invece, è la volta appunto di CEMENTO E L’EROICA VENDETTA DEL LETAME, di nuovo scritto e diretto da entrambi, per l’interpretazione di Giorgio Ganzerli, in cui si approfondisce il tema del consumo di suolo. Quindi nel 2015 fondano, insieme ad altri amici e attori, la compagnia Teatri Reagenti: e, con questo nuovo vestito, il testo qui presentato ritorna in scena con Carlo Ponta e per la regia di Eva Martucci. Infine, con il patrocinio delle Acli Milanesi e il sostegno di Fondazione Cariplo, nel 2017 Donati e Nocilla scrivono DEMOCRAZY. L’ALLEGRA APNEA DEL CONDOMINIO EUROPA MOON: una commedia surreale sul tema della crisi delle democrazie contemporanee e sul senso della partecipazione civica.

Per maggiori informazioni e notizie:
• facebook.com/TeatriReagenti/?fref=ts
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Stampa Email