• Home
  • Risorse
  • Articoli e interviste

Articoli e interviste

Livermore nuovo direttore a Genova

Grande partecipazione alla conferenza stampa di presentazione del nuovo Direttore del Teatro Nazionale di Genova, nel foyer del teatro Della Corte venerdì 17 gennaio, sia istituzionale, tra il Sindaco Marco Bucci, il Presidente Giovanni Toti e assessori competenti, sia di addetti ai lavori, critici, studiosi e rappresentanti degli altri teatri cittadini, sia di appassionati e, perché no, pure di curiosi. Ma anche una notevole partecipazione emotiva per l'interesse suscitato nella città, non senza qualche perplessità, per la nomina di un personaggio dall'alto profilo internazionale ma, all'apparenza, senza grandissima esperienza nel teatro di prosa e delle difficoltà che inevitabilmente conseguono dalla responsabilità di un grande teatro pubblico, quale è oggi il Teatro Nazionale di Genova. Ed in effetti proprio sulla valorizzazione di questo ruolo faticosamente riconquistato durante la gestione Pastore, che si sono concentrati gli interventi, nell'aspettativa che la figura e l'esperienza di Livermore

Leggi tutto

Email

Circumnavigando festival

Perso e sperso tra la Genova Storica e la sua lontana periferia marittima, anzi lì ritrovato quasi per caso in una strana ed inusuale magia, “Circumnavigando”, festival internazionale di circo teatro, è giunto, man mano e crescendo con forza interiore, alla sua XIX edizione. Più che un festival è stata, è e spero sarà, la ricerca di un'anima cosmopolita, liquida e fantasiosa che, come la città, sembra essersi ritratta man mano, forse per troppo dolore, dal suo orizzonte per chiudersi in sé. Di questa anima il teatro di strada, scarozzante e cigolante, ed il circo povero di denari ma ricco di immaginazione è la perenne rappresentazione, comparendo improvviso e scomparendo per tornare ai suoi luoghi lontani ma lasciandone traccia nella mente e nello spirito dello spettatore sorpreso e talora scosso dal suo torpore 'commerciale'. Luoghi, il porto antico con le sue 'attrazioni' turistiche, e tempi, le feste natalizie segnate da un consumismo esasperato e sempre più vuoto, consegnano le chiavi di un riscatto possibile negli spazi di un piccolo tendone o nelle fantasiose attrezzature che funamboli/attori riempiono, come indovini e maghi, di vita improvvisa. Citando il saggio Il

Leggi tutto

Email

Teatri Clandestini Conversazioni con Enzo Moscato

Nella cornice antica di un teatro contemporaneo, Carlo Cerciello, regista e direttore artistico del Teatro Elicantropo di Napoli, introduce una lezione aperta con Enzo Moscato. Il drammaturgo incontra gli allievi del laboratorio teatrale permanente. Un momento molto emozionante, perché siamo di fronte a uno degli autori più significativi della drammaturgia contemporanea, un poeta, un narratore del nostro tempo. Se cercate Enzo Moscato sui social, nei blog, non lo troverete. Moscato non è “social” ma la sua scrittura lo è: attraverso uno stile polivocale compie da anni un’attenta e scrupolosa indagine antropologica sull’uomo, la sua ambigua alterità, i suoi dolori, dipingendo scenicamente le rovine e le decadenze del reale. Carlo Cerciello, nella sua presentazione, si sofferma ad analizzare lo stile e il linguaggio di Moscato, uno stile ricco di sonorità, polivocale. Questo aspetto emerge anche nei monologhi, è il caso del celebre testo “Scannasurice”: la voce narrante di un transessuale, una mitica figura “in transito”, racchiude in sé tante altre voci. Il termine polivocale viene generalmente utilizzato in ambito musicale per intendere una struttura armonica caratterizzata da più sonorità, una

Leggi tutto

Email

Intransito 2019

Sei finalisti, scelti faticosamente tra gli oltre 100 partecipanti, dal 12 al 14 dicembre tre giorni intensi di spettacoli al Teatro Akropolis di Genova Sestri Ponente, due menzioni speciali e ovviamente un vincitore, questo il bilancio ampiamente positivo di INTRANSITO, rassegna biennale di teatro under 35 organizzata dal Comune di Genova e giunta alla sua quarta edizione. L'organizzazione tripartita di Teatro Akropolis, titolare degli spazi scenici, di La Ghascona e di Officine Papage ha garantito una ribalta non usuale ed un sostegno notevole alle giovani risorse che il teatro italiano ancora mette in campo, ricche di entusiasmo ma soprattutto di idee, e ci ha dato la possibilità di conoscere complesse e articolate capacità di scrittura drammaturgica e di interpretazione scenica.
Soprattutto drammaturgia contemporanea della parola, dunque, modalità talvolta scarsamente valorizzata nel panorama teatrale nazionale e non solo all'interno delle programmazioni dei festival

Leggi tutto

Email

Beckett in biblioteca

Fa piacere in una epoca di ignoranza assai poco santa e di spazi (pseudo)culturali, in rete o altrove, occupati da blogger ed influencer di varia provenienza e di impreciso indirizzo, che qualcuno non professionalmente si occupi di teatro e ne coltivi angoli e giardini in ombra che meriterebbero un po' più di sole. È il caso del genovese Gruppo Teatrale L'Atelier, sede nei vicoli del centro storico, che coltiva con passione, oltre il puro dilettantismo, il suo interesse per la recitazione e la messa in scena, quasi una ricerca individuale e soggettiva che aspira ad agganciare altrui sensibilità anche silenziose e inaspettate. Fondato nel 1968 il Gruppo propone letture e spettacoli di prosa, in rassegne e festival, trovando ispirazione nelle più innovative teorie di recitazione. Costante la partecipazione al Festival Internazionale di Poesia di Genova e al Bloomsday dedicato a James Joyce. Un gruppo di appassionati, dunque, che mantiene viva una tradizione, tra teatro popolare in

Leggi tutto

Email

Rete Critica 2019

Si è concluso al Verdi di Padova, un bel teatro ad alveare simbolo di tradizione italiana aperta da sempre alla innovazione, il percorso 2019 del “Premio Rete Critica” giunto, in continua crescita,alla sua nona edizione. Quest'anno ha visto, tra prima e seconda fase, il coinvolgimento di ben 33 blog e/o siti web indipendenti di informazione e critica teatrale, ovviamente noi di Dramma.it compresi, che fanno di “Rete Critica” e del suo Premio un osservatorio sensibile, diffuso su tutto il territorio nazionale, in grado di intercettare fermenti, ipotesi, tendenze e quant'altro navighi nel mare contemporaneo,  e a volte sotterraneo, della drammaturgia italiana e del teatro in genere. La scelta, proprio per questo, non è stata facile quest'anno ma, poiché in un premio un vincitore è indispensabile, la giuria ha inteso sviluppare una buona discussione intorno ai finalisti, selezionati dopo la prima fase chiusa il 20 settembre e che è giusto qui ricordare:

Leggi tutto

Email