• Home
  • Risorse
  • Articoli e interviste

Articoli e interviste

Il nuovo Teatro stabile del Veneto

Nel corso di una conferenza stampa molto partecipata in presenza e in video, mercoledì 23 febbraio, il Teatro Stabile del Veneto ha comunicato le nomine decise in questi mesi, con un lavoro intenso e poco pubblicizzato, e ha presentato il suo nuovo organigramma operativo che affianca al nuovo Direttore Artistico Giorgio Ferrara (nella foto), la “regista residente” Irina Brook e un responsabile delle produzioni nella persona del regista veneto Bepi Morassi. In questi tempi di crisi e chiusure appare certamente un gesto di coraggio quello di rinnovare profondamente la direzione del teatro nella prospettiva, che si spera prossima, della riapertura delle sale e della ripresa delle produzioni dal vivo. Un gesto di coraggio ed un atto di fiducia nelle potenzialità di un mondo teatrale ricco non solo di tradizioni ma anche di fermenti nuovi.

Leggi tutto

Email

Un anno dopo

È passato un anno circa dalle prime chiusure di cinema e teatri, chiusure che come noto, salvo parziali interruzioni dell'estate e dei primi giorni di autunno, ancora si protraggono e di cui, purtroppo, non si vede la desiderata fine. Oggi in molte piazze d'Italia gli uomini e le donne del teatro e dello spettacolo dal vivo in genere hanno manifestato per chiedere di sopravvivere e per combattere due clichè, molto italiani peraltro, che sembrano soffocarli, togliendo loro il fiato stesso per farsi ascoltare. Il primo è quello di lavorare in un settore non essenziale, poiché come ha detto qualcuno la cultura non si mangia, il secondo è quello di non essere veri e propri lavoratori, ma quasi dilettanti appassionati che il teatro lo fanno di secondo mestiere, direbbe qualcun'altro, pregiudizi questi che, al di là delle chiusure covid, hanno prodotto in

Leggi tutto

Email

Lettera a Mario Draghi

Il CENDIC  - Centro Nazionale di Drammaturgia Italiana Contemporanea ha inviato, congiuntamente a UNA Unione Nazionale Autori e con l'adesione di dramma.it e numerose associazioni di categoria, un appello al Presidente del Consiglio incaricato Mario Draghi affinchè il nuovo governo tenga conto, fin dal suo insediamento, delle necessità di una categoria di cittadini, gli autori, tradizionalmente poco considerati dalle politiche degli ultimi anni. Pubblichiamo la lettera integrale e l'elenco delle organizzazioni che hanno sottoscritto l'appello.

Leggi tutto

Email

Conversazione con Giorgia Cerruti e Davide Giglio

Ho conosciuto la Piccola Compagnia della Magnolia qualche anno fa, a Torino, in una piccola stanza ove Giorgia Cerruti aveva ambientato il suo “Zelda – Vita e morte di Zelda Fritzgerald”. Da allora l'ensemble, che aveva già una sua maturità, è cresciuto ulteriormente e ha sviluppato una estetica teatrale complessa ed insieme illuminante, che raccoglie ed elabora i diversi contributi di studio e approfondimento che il gruppo ha accolto ovvero promosso nel corso della sua vita artistica. Giorgia e con lei Davide Giglio sono l'ossatura di questa esperienza, molto particolare e anche unica, e con loro nasce questa conversazione sui temi del passato, del presente e anche del futuro che sembra attenderci. Come tante realtà analoghe, “Magnolia” sta vivendo un passaggio difficile. Possiamo permetterci, come cultura, arte e teatro italiano, di perdere una realtà così ricca e soprattutto così 'utile', alla mente, all'anima e anche alla comunità? La domanda è retorica, la risposta una sola.

Leggi tutto

Email

Ad alta voce

Ad Alessandria gli autori leggono ad alta voce... «Perché leggere ad alta voce? Per la meraviglia», sostiene Daniel Pennac nel suo saggio “Come un Romanzo”. Ma si potrebbe anche dire perché è divertente, stimola la capacità espressiva, la memoria storica (un tempo lo si faceva continuamente) di concentrazione,  favorisce le relazioni. Insomma, come dimostrano diversi studi, sono molteplici i benefici della lettura ad alta voce. Un’attività che con l’avvento della tv, prima, e delle nuove tecnologie, poi, viene sempre meno praticata (se non in ambito scolastico), ma che, visti i numerosi aspetti positivi, varrebbe la pena di recuperare. Claudio Braggio ha creato un’iniziativa rivolta agli autori in cui leggono sé stessi. Una scrittura ad alta voce...Lo spirito dell’iniziativa, un micro festival rimasto unico nel panorama culturale e dello

Leggi tutto

Email

Edipo: io contagio

Il “contagio” è un tema ed una suggestione che ritorna quasi ciclicamente nella riflessione artistica in genere, letteraria in buona misura ed in particolare teatrale ove assume essenzialmente ed esteticamente l'efficacia metaforica di una rappresentazione ineludibile della condizione umana nel suo transito storico. A partire ovviamente dall'Edipo di Sofocle, re o tiranno che dir si voglia, in cui la peste è il filo rosso che guida ed insieme imprigiona la narrazione di una consapevolezza dinamica e conflittuale, in cui l'acquisizione della verità è sacrificio dell'individuo e salvezza comune, in una contrapposizione e contraddizione irresolubile, e per questo tragica. È questo il tema della bella mostra 'performativa' “EDIPO IO CONTAGIO – scena e parola in mostra nella Tebe dei Re” aperta oggi al Palazzo Ducale di Genova (finalmente in

Leggi tutto

Email